PDA

Visualizza Versione Completa : Ultimo film visto | I commenti sono graditi!



Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 [110] 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142

Quattro
16-06-14, 10:39:39
Concordo anche se secondo me e' molto meglio di brave e cars 2. L'originale era altra cosa pero', non c'e' proprio paragone.

Vabè Cars 2 e Brave lasciamoli stare, va'. Sto cercando di dimenticare.

Wurdalak
16-06-14, 15:15:27
Vabè Cars 2 e Brave lasciamoli stare, va'. Sto cercando di dimenticare.

Ahahah ok XD

knight96-1994
16-06-14, 16:09:45
Ho appena visto La montagna sacra di Jodorowsky. Ma è meraviglioso:morris82:

Io ho resistito 15 minuti da sobrio.
Mezz'ora e poco più da ubriaco.

E' uno dei film più scandalosamente disumani che abbia mai visto. In nessun trip vulvocentrico concepibile si può giungere a tanto.
E darei tutto per vedere un remake americano con Pepsi e Peter Dinklage nella parte del nano.

TheNightflier
16-06-14, 16:54:49
Iron Man 3 Mi sono addormentato 4
L'uomo bicentenario è la fantascienza umanistica che prediligo per cui anche se imperfetto gli do 7
Pain e Gain Muscoli e Denaro forse il meno peggio di Bay ma non entusiasma a tratti disturba l'idiozia dei protagonisti voto 5
A royal Week-End mi ha annoiato ma Murray è strepitoso come sempre del resto voto 6
Lost in translation rivisto dopo anni coinvolge ancora Scarlett di una bellezza quasi sconvolgente Bill è sempre Bill,colonna sonora magnifica voto 8

Brother's Killer
16-06-14, 17:12:04
Io ho resistito 15 minuti da sobrio.
Mezz'ora e poco più da ubriaco.

E' uno dei film più scandalosamente disumani che abbia mai visto. In nessun trip vulvocentrico concepibile si può giungere a tanto.
E darei tutto per vedere un remake americano con Pepsi e Peter Dinklage nella parte del nano.

Sono abituato a peggio, l'ho trovato addirittura scorrevole. È un trip allucinante, quello si:asd:

Togg
17-06-14, 01:55:27
rivisto Alien con amici, pure da stanchissimo questo film è perfetto.

Istrice450
17-06-14, 07:24:26
rivisto Alien con amici, pure da stanchissimo questo film è perfetto.
Sonoro strepitoso

Inviato dal mio SM-N9005 utilizzando Tapatalk

p a n z e r
17-06-14, 22:54:14
jimmy's hall di ken loach. forse per certi versi troppo semplicistico per i temi che tratta e con personaggi un po' bidimensionali, è comunque una visione piacevole. buona la regia e la scelta delle musiche

winter sleep di nuri bilge ceylan. è un film che a un primo momento mi ha profondamente irritato. durante la visione non facevo altro che vedere quei pochi personaggi presenti criticarsi a vicenda, vomitarsi addosso acide analisi e il quadro generale era che sono tutti colpevoli, sono tutti criticabili. ma allora perché ciò mi ha irritato tanto? credo di averlo capito: perché mi sentivo criticato a mia volta. i personaggi di ceylan sono talmente universali da coinvolgere lo spettatore nella critica proprio in prima persona. un lavoro di caratterizzazione non indifferente, in cui vengono ottimamente mostrati i limiti di questi essere umani e dei rapporti che ci sono tra di loro, sia a livello personale che professionale o sociale. l'unica critica che posso muovere è alla durata, non tanto perché durante la visione si inizia ad avere un senso di noia, quanto perché a pellicola conclusa forse si ha l'impressione che in qualche sequenza ceylan abbia indugiato troppo e questo ha finito per incidere negativamente nel coinvolgimento dello spettatore, almeno nel mio caso. più che una critica un appunto ecco, nulla di più. tiro le somme e dico che è un film che va veramente visto, spero che quando uscirà in italia complice la premiazione a cannes gli venga riservata una distribuzione decente

Brother's Killer
17-06-14, 23:17:48
jimmy's hall di ken loach. forse per certi versi troppo semplicistico per i temi che tratta e con personaggi un po' bidimensionali, è comunque una visione piacevole. buona la regia e la scelta delle musiche

winter sleep di nuri bilge ceylan. è un film che a un primo momento mi ha profondamente irritato. durante la visione non facevo altro che vedere quei pochi personaggi presenti criticarsi a vicenda, vomitarsi addosso acide analisi e il quadro generale era che sono tutti colpevoli, sono tutti criticabili. ma allora perché ciò mi ha irritato tanto? credo di averlo capito: perché mi sentivo criticato a mia volta. i personaggi di ceylan sono talmente universali da coinvolgere lo spettatore nella critica proprio in prima persona. un lavoro di caratterizzazione non indifferente, in cui vengono ottimamente mostrati i limiti di questi essere umani e dei rapporti che ci sono tra di loro, sia a livello personale che professionale o sociale. l'unica critica che posso muovere è alla durata, non tanto perché durante la visione si inizia ad avere un senso di noia, quanto perché a pellicola conclusa forse si ha l'impressione che in qualche sequenza ceylan abbia indugiato troppo e questo ha finito per incidere negativamente nel coinvolgimento dello spettatore, almeno nel mio caso. più che una critica un appunto ecco, nulla di più. tiro le somme e dico che è un film che va veramente visto, spero che quando uscirà in italia complice la premiazione a cannes gli venga riservata una distribuzione decente

Dove l'hai visto?:azz:

- - - Aggiornato - - -

Comunque io ho visto Santa Sangre sempre di Jodorowsky e l'ho trovato incredibile:morris82: Chi ha visto il suo ultimo The Dance of reality sa dirmi qualcosa? Merita anch'esso?

p a n z e r
17-06-14, 23:33:31
Dove l'hai visto?:azz:

rassegna cannes e dintorni che stanno facendo qua a milano. è da domenica che è più il tempo che passo sui mezzi e al cinema che non a casa, ma ne sta proprio valendo la pena :asd:


per jodorowsky mi stai proprio incuriosendo, anche se ammetto di essere sempre stato più interessato a lui come fumettista che non come regista

Brother's Killer
17-06-14, 23:35:01
rassegna cannes e dintorni che stanno facendo qua a milano. è da domenica che è più il tempo che passo sui mezzi e al cinema che non a casa, ma ne sta proprio valendo la pena :asd:


per jodorowsky mi stai proprio incuriosendo, anche se ammetto di essere sempre stato più interessato a lui come fumettista che non come regista

Dopo aver visto lui come regista mi leggo assolutamente quello che ha fatto con Moebius, altro che:asd:

Zweick
18-06-14, 11:44:07
Cinque tombe per un medium di Massimo Pupillo
Bellissimo gotico in cui sono contenuti i primi semi della stagione del thriller che verrà, mischiando all'armamentario classico del genere, con tanto di Barbara Steele, una sequenza di bizzari omicidi che lasciano poco all'immaginazione e compiuti da misteriose mani. L'intreccio e alcune sequenze, tipo l'apparizione di una inquietante bambina fantasma, anticipano il successivo Operazione paura di Bava

Giornata nera per l'ariete di Luigi Bazzoni
Siamo all'inizio del periodo Argento e anche Bazzoni, tra i precursori del giallo italiano con La donna del lago, si butta sul "thriller animalesco" con un film atipico che alle eferatezze e al ritmo preferisce la costruzione di spazie stranianti e sinistri, grazie anche alla fotografia di Storaro. Anche la classica psicosi dietro ai delitti, per quanto parta da uno spunto legato all'astrologia, si risolve in modo frettoloso e scontanto. Un giallo atipico, interpretato da un grande Franco Nero, che predilige le atmosfere alla stilosità.

Il gatto dagli occhi di giada di Antonio Bido
Bido invece è uno che venera lo stile di Argento, sopratutto del post Profondo Rosso, e bisogna dire che lo imita alla perfezione: soggettive come se non ci fosse un domani, carrellate sinuose, oggetti del quotidiano che diventano sinistri feticci e una lunga catena di omcidi sempre più elaborati e violenti, bellissimo quello in una vasca colma di una innaturale acqua blu, perfettamente accompagnati da un motivo decisamente gobliniano. Ciliegina sulla torta, un trauma come motore di tutto decisamente originale per il filone, legato a recenti orrori della Storia. Uno dei migliori gialli italiani :sisi:

Togg
18-06-14, 19:27:02
un paio di giorni fa ho visto I cattivi dormono in pace di Kurosawa, classico e godibile. L'ospite che avevo a casa se ne è (non dirò finalmente non dirò finalmente) andato e quindi adesso mi metto sotto con le proiezioni. Se vedo meno di tre film al giorno rimproveratemi :sisi:

Key Paradise
18-06-14, 20:19:52
un paio di giorni fa ho visto I cattivi dormono in pace di Kurosawa, classico e godibile. L'ospite che avevo a casa se ne è (non dirò finalmente non dirò finalmente) andato e quindi adesso mi metto sotto con le proiezioni. Se vedo meno di tre film al giorno rimproveratemi :sisi:

:asd:

io in questi giorni son riuscito a vedere a mozzichi e bocconi:

1408 di mikael hafstrom (scrivo il nome del regista a memoria, vediamo se è corretto) che niente, lavora molto bene inizialmente giocando su un'attesa che sembra non essere delusa nel momento in cui comincia realmente l'azione. poi però come tanta roba ultimamente (penso a insidious 2) svacca un po' con questo gioco di livelli che si sovrappongono e che la realtà forse è un sogno o meglio incubo o forse è tutta na botta in testa e nsomma avete capito

buffalo '66 di vincent gallo, che lo facevo molto più tecnica fine a sè stessa e sostanza rarefatta giusto per tenere un filo narrativo, e invece càzzo se ha cuore questo lavoro. c'è tanto tanto cuore, forse anche troppo tanto da strabordare nell'ingenuità, ma chissenefrega, è figo, è indie, è nineties, c'è la ricci e ti lascia con un sorriso così

the store di frederick wiseman, documentario sul lussuoso emporio neiman-marcus di dallas girato nel periodo natalizio dell'83. in pratica un'analisi di come funziona(va) il commercio al dettaglio dell'alta moda, di come le strategie discusse ai piani alti vengano applicate e trovino immediato riscontro ai piani bassi, il tutto girato come se la camera fosse "una mosca sul muro", presente ma non calcolata. interessante e di conseguenza anche scorrevole

Togg
18-06-14, 21:05:41
the store di frederick wiseman, documentario sul lussuoso emporio neiman-marcus di dallas girato nel periodo natalizio dell'83. in pratica un'analisi di come funziona(va) il commercio al dettaglio dell'alta moda, di come le strategie discusse ai piani alti vengano applicate e trovino immediato riscontro ai piani bassi, il tutto girato come se la camera fosse "una mosca sul muro", presente ma non calcolata. interessante e di conseguenza anche scorrevole

E Welfare è ancora più bello.

Togg
19-06-14, 01:00:01
Allora, dopo aver liquidato la serie tv Fargo a quota due episodi (chiedetemi perché solo se volete vederla altrimenti sorvoliamo) sono ritornato a Heimat, viste la sette e la otto, sento un picco emotivo in arrivo.

SL/\Yer
19-06-14, 02:45:03
Grazie grazie. Io ho rivisto The Wicker Man, avete già detto tutto negli scorsi mesi. Troppo.

quello con :gigio: immagino :trollface:

naxel
19-06-14, 10:44:42
Allora, dopo aver liquidato la serie tv Fargo a quota due episodi (chiedetemi perché solo se volete vederla altrimenti sorvoliamo) sono ritornato a Heimat, viste la sette e la otto, sento un picco emotivo in arrivo.
Io devo iniziarla Fargo, dicci di più

Key Paradise
19-06-14, 10:47:31
anch'io :sisi:

Brother's Killer
19-06-14, 11:17:16
Io voglio commenti da quello sculato di Panzer che si vede i film di Cannes!

Togg
19-06-14, 11:53:29
quello con :gigio: immagino :trollface:

ceeeerto :.bip:


Io devo iniziarla Fargo, dicci di più


anch'io :sisi:


Serie iper drammatizzata al posto della tenuta sempre algida dei Coen, contrasto esasperato tra il mondo di tutti i giorni banale e che non vuole vedere La Verità e la vvvviuulenza/istinti forti. C'è un uso e abuso di formule legate a questo registro viste MILIONI di volte (adesso tu te ne andrai e ogni notte penserai a tua figlia e sarai grato di non essere disceso nelle cose oscure bla bla). Totale estraneità riguardo il mondo contemporaneo, è una serie vecchia nel midollo, che non riesce ad entrare in relazione con alcuna problematica specifica del tempo che stiamo vivendo, No Country for Old Man e Fargo se lo potevano permettere, questa produzione no.
La direzione della fotografia supporta le cose dette fin qui, la scrittura si è capito, e purtroppo anche l'idea di base è misera ed immiserita a ripetizione. Poi nella seconda puntata c'è stato uno spieghino flashback per rivelare chi ha fatto cosa che manco in un filmetto di serie b... Quindi ciao.



Io voglio commenti da quello sculato di Panzer che si vede i film di Cannes!

è una vergogna.

Marte89
19-06-14, 12:37:25
Arca Russa
Un esercizio tecnico pazzesco, per il resto un po' troppo "telefonato". Da vedere comunque


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Togg
19-06-14, 15:09:14
un po' troppo "telefonato".

Nel senso che è chiaro l'intento? Su questo posso essere d'accordo, lo ha detto anche Sokurov, è un film che ha poco da tenere nascosto nella volontà visto che l'impianto è già affascinante di suo. Si parla di politica, esistenza, spazio, arte, tempo, livelli di realtà. Che volere di più dal cinema?

Key Paradise
19-06-14, 15:23:57
ceeeerto :.bip:






Serie iper drammatizzata al posto della tenuta sempre algida dei Coen, contrasto esasperato tra il mondo di tutti i giorni banale e che non vuole vedere La Verità e la vvvviuulenza/istinti forti. C'è un uso e abuso di formule legate a questo registro viste MILIONI di volte (adesso tu te ne andrai e ogni notte penserai a tua figlia e sarai grato di non essere disceso nelle cose oscure bla bla). Totale estraneità riguardo il mondo contemporaneo, è una serie vecchia nel midollo, che non riesce ad entrare in relazione con alcuna problematica specifica del tempo che stiamo vivendo, No Country for Old Man e Fargo se lo potevano permettere, questa produzione no.
La direzione della fotografia supporta le cose dette fin qui, la scrittura si è capito, e purtroppo anche l'idea di base è misera ed immiserita a ripetizione. Poi nella seconda puntata c'è stato uno spieghino flashback per rivelare chi ha fatto cosa che manco in un filmetto di serie b... Quindi ciao.




è una vergogna.

perchè fargo e no country for old men se lo potevano permettere e questa serie no?

Togg
19-06-14, 16:18:43
Little Herman - nono episodio di Heimat
Reitz usa una ellissi significativa per creare dal nulla un nuovo personaggio e una storia d'amore classica e perfetta che va ad intrecciarsi con le abilità che ormai conosco. Il colore ha rubato al bianco e nero lo spazio predominante, gli uomini (e gli spettatori) adesso hanno piccole pieghe di passato a cui guardare e non più scintille di futuro. I conflitti esplodono, la Germania riprende ad arricchirsi e ogni personaggio sembra assestarsi in una determinata posizione. Herman è spinto più in la, l'unico amore ancora presente nella storia. La fine dell'episodio promette un'altra ellissi a venire. Ne restano altri due, un totale di tre ore finali di cui sento già l'emozione.

Vedete Heimat!


perchè fargo e no country for old men se lo potevano permettere e questa serie no?

Perché sono girati in modo diverso, più misurato e placido, le tensioni portate dalla violenza e/o ricerca di soldi riescono a collegarsi ad altri aspetti della società senza bisogno che questi aspetti vengano tirati in ballo più di tanto dentro il quadro. La serie invece è tutta spinta verso l'eccesso parodico e di conseguenza diventa un grosso pippone pompato incapace di rimandare ad alcunché.
Se dopo aver visto No Country for Old Men si può provare a rifletterci e discuterne in sta roba non c'è davvero nulla che sfugga all'idea di base, e ogni cosa lasciata a incancrenire a questo stadio diventa per me "propaganda" a mezzo immagini animate. Non voglio sviare però, il problema è in prima battuta estetico, diventa politico l'istante successivo.

Fargo segue la triste strada ormai spianata da Hannibal, House of Cards, Homeland, Game of Thrones e compagnia. Proporre visioni del mondo incapaci di creare problematiche e prospettive, contenitori spazzatura luccicanti in cui riversare una montagna di brutta roba già vista.
Ovviamente con grande successo.

Wurdalak
19-06-14, 16:54:01
Cani sciolti. Americanata, anche un po' stereotipata, ma abbastanza carino dai.
The getaway. Bello. Simile al film sopracitato ma molto piu' intenso e coinvolgente. Cast magnifico.

TronLight
20-06-14, 00:31:55
Per un pugno di dollari, ma che cos'è.

p a n z e r
20-06-14, 00:35:40
Per un pugno di dollari, ma che cos'è.

l'hai visto al cinema?

TronLight
20-06-14, 00:37:42
l'hai visto al cinema?

Yep.

TheNightflier
20-06-14, 00:53:25
Little Herman - nono episodio di Heimat
Reitz usa una ellissi significativa per creare dal nulla un nuovo personaggio e una storia d'amore classica e perfetta che va ad intrecciarsi con le abilità che ormai conosco. Il colore ha rubato al bianco e nero lo spazio predominante, gli uomini (e gli spettatori) adesso hanno piccole pieghe di passato a cui guardare e non più scintille di futuro. I conflitti esplodono, la Germania riprende ad arricchirsi e ogni personaggio sembra assestarsi in una determinata posizione. Herman è spinto più in la, l'unico amore ancora presente nella storia. La fine dell'episodio promette un'altra ellissi a venire. Ne restano altri due, un totale di tre ore finali di cui sento già l'emozione.

Vedete Heimat!



Perché sono girati in modo diverso, più misurato e placido, le tensioni portate dalla violenza e/o ricerca di soldi riescono a collegarsi ad altri aspetti della società senza bisogno che questi aspetti vengano tirati in ballo più di tanto dentro il quadro. La serie invece è tutta spinta verso l'eccesso parodico e di conseguenza diventa un grosso pippone pompato incapace di rimandare ad alcunché.
Se dopo aver visto No Country for Old Men si può provare a rifletterci e discuterne in sta roba non c'è davvero nulla che sfugga all'idea di base, e ogni cosa lasciata a incancrenire a questo stadio diventa per me "propaganda" a mezzo immagini animate. Non voglio sviare però, il problema è in prima battuta estetico, diventa politico l'istante successivo.

Fargo segue la triste strada ormai spianata da Hannibal, House of Cards, Homeland, Game of Thrones e compagnia. Proporre visioni del mondo incapaci di creare problematiche e prospettive, contenitori spazzatura luccicanti in cui riversare una montagna di brutta roba già vista.
Ovviamente con grande successo.

Ecco ora ho capito perchè ho stoppato Hannibal e mi stai facendo passare la voglia di vedere Fargo....

skrocco
20-06-14, 10:14:49
è evidente che nun c'hai capito un ***** :ahsisi:

Illuminami.

Hushabye
20-06-14, 11:47:21
io sto aspettando un commento su mommy,daiiiiii

Quattro
20-06-14, 13:16:47
Yep.

Purtroppo della trilogia ho visto solo Il buono, il brutto, il cattivo, queste riedizioni mi offrono un'ottima occasione per colmare questa mia lacuna.

Togg
20-06-14, 13:33:17
Ecco ora ho capito perchè ho stoppato Hannibal e mi stai facendo passare la voglia di vedere Fargo....

Se vuoi qualcosa di impegnativo vedi Heimat, se invece cerci una serie-serie più leggera Orange is the new black è la soluzione. C'è anche un topic attivo in sezione serie tv.

edit: ah ecco la stai già vedendo lol

Togg
21-06-14, 00:05:19
Boxing Gym di Wiseman, tutta una ricerca del gesto, sia per i filmati che per chi filma, non può che essere un cinema di accumulo e ripetizione il suo. Senza i sottotitoli non è stato facile ma lo consiglio ugualmente.

Lucignolo
21-06-14, 03:44:25
Allora, dopo aver liquidato la serie tv Fargo a quota due episodi (chiedetemi perché solo se volete vederla altrimenti sorvoliamo) sono ritornato a Heimat, viste la sette e la otto, sento un picco emotivo in arrivo.

Bravo, noto con piacere che stai visionando questo immenso trittico. Sei ad Heimat, forse a detta di quanto leggo, quando passerai a Heimat II vedrai qualcosa di ancor più magnifico

Togg
21-06-14, 10:18:36
Bravo, noto con piacere che stai visionando questo immenso trittico. Sei ad Heimat, forse a detta di quanto leggo, quando passerai a Heimat II vedrai qualcosa di ancor più magnifico

Non vedo l'ora :sisi:

Wave
22-06-14, 15:53:53
Il lato positivo: bella storia senza tante pretese, non viene fatta nessuna pressione sui sentimenti attraverso le storie drammatiche dei personaggi, eppure attraverso la recitazione di Bradley Cooper e Jennifer Lawrence riesce a far avere una certa empatia. Non ha niente di imprevedibile, ma va bene così, è una bella storia.

American Hustle: inizia come il classico film di spionaggio o di gangster, ma si rivela essere molto di più. Attori bravissimi, soprattutto Bale, che rendono la storia molto credibile.

Mi piace David O. Russell :kep88:

Old boy: all'inizio sembra un po' una cagata, ma dopo la metà prende un bel passo. La trama è forte e pesante, però si basa su elementi che hanno molta importanza che sembrano un po' forzati.come l'ipnosi, o i moventi

Edge of tomorrow: sembra di leggere un fumetto o di giocare ad un videogioco, e infatti solo dopo ho scoperto che sia ispirato ad essi. Attinge senza mai esagerare per fortuna, e non hanno esagerato neanche con la gestione del tempo che torna indietro. Bel film

Rullo
22-06-14, 16:13:08
Il lato positivo: bella storia senza tante pretese, non viene fatta nessuna pressione sui sentimenti attraverso le storie drammatiche dei personaggi, eppure attraverso la recitazione di Bradley Cooper e Jennifer Lawrence riesce a far avere una certa empatia. Non ha niente di imprevedibile, ma va bene così, è una bella storia.

American Hustle: inizia come il classico film di spionaggio o di gangster, ma si rivela essere molto di più. Attori bravissimi, soprattutto Bale, che rendono la storia molto credibile.

Mi piace David O. Russell :kep88:

Old boy: all'inizio sembra un po' una cagata, ma dopo la metà prende un bel passo. La trama è forte e pesante, però si basa su elementi che hanno molta importanza che sembrano un po' forzati.come l'ipnosi, o i moventi

Edge of tomorrow: sembra di leggere un fumetto o di giocare ad un videogioco, e infatti solo dopo ho scoperto che sia ispirato ad essi. Attinge senza mai esagerare per fortuna, e non hanno esagerato neanche con la gestione del tempo che torna indietro. Bel film

cos'ha di "molto di più" american schitty movie?

oldboy originale o remake?

mickes2
22-06-14, 22:19:12
Ho visto "Thief" di Mann, semplicemente stupendo.

Wave
22-06-14, 23:26:38
cos'ha di "molto di più" american schitty movie?

oldboy originale o remake?

Non ci mostra gli avvenimenti in modo superficiale, ci fa vedere quello che i personaggi provano, ci fa vedere dove vivono. Il poliziotto figo che vuole fare carriera è figlio di immigrati italiani (?), vive nella casa della madre e della sorella che è una catapecchia (riprende il motto del film, che al di là del sottotitolo inventato dagli italiani è proprio quello, "l'apparenza inganna").
Non esiste una linea che divide i buoni e i cattivi, il poliziotto picchia il suo superiore ed ottiene i permessi di cui ha bisogno grazie ad un capo a cui interessa solo apparire in televisione, mentre il politico corrotto Carmine Polito è probabilmente una persona migliore di tutti gli altri.

Adesso non mi vengono in mente le altre sensazioni, dovrei rivederlo

Oldboy originale :kep88:

SL/\Yer
22-06-14, 23:34:53
Dopo aver visto lui come regista mi leggo assolutamente quello che ha fatto con Moebius, altro che:asd:

guarda prima di leggere l'incal prequel e sequel, procurati la casta dei meta-baroni, disegnato da jimenez che e' il suo capolavoro assoluto.
Oltre ad essere ambientato nello stesso universo dell'incal, narra la storia del meta-barone personaggio fondamentale delle opere realizzate con moebius

ora e' in pubblicazione con showman killer, ma per il momento e' una scopiazzatura della casta, oltre al fatto che fructus non e' jimenez

Rullo
23-06-14, 03:57:13
Non ci mostra gli avvenimenti in modo superficiale, ci fa vedere quello che i personaggi provano, ci fa vedere dove vivono. Il poliziotto figo che vuole fare carriera è figlio di immigrati italiani (?), vive nella casa della madre e della sorella che è una catapecchia (riprende il motto del film, che al di là del sottotitolo inventato dagli italiani è proprio quello, "l'apparenza inganna").
Non esiste una linea che divide i buoni e i cattivi, il poliziotto picchia il suo superiore ed ottiene i permessi di cui ha bisogno grazie ad un capo a cui interessa solo apparire in televisione, mentre il politico corrotto Carmine Polito è probabilmente una persona migliore di tutti gli altri.

Adesso non mi vengono in mente le altre sensazioni, dovrei rivederlo

Oldboy originale :kep88:

A me hustle sembra estremamente prevedibile, noioso e stantio (nessuna inventiva, zero guizzi)

Oldboy invece è uno dei migliori film del decennio 2000/2010 imho

Sent from my Nexus 4 using Tapatalk

Wave
23-06-14, 14:17:06
A me hustle sembra estremamente prevedibile, noioso e stantio (nessuna inventiva, zero guizzi)

Oldboy invece è uno dei migliori film del decennio 2000/2010 imho

Sent from my Nexus 4 using Tapatalk

Son gusti. :kep88:

Anche a me è piaciuto Oldboy, però ho avuto bisogno di "far finta di niente" in certi casi

Pedro92
23-06-14, 14:54:31
Appena finito di vedere Mulholland Drive di Lynch. Il mio primo Lynch, a essere sinceri, e sono rimasto positivamente confuso e disorientato, un gioiello di film.

Rullo
23-06-14, 15:04:13
Son gusti. :kep88:

Anche a me è piaciuto Oldboy, però ho avuto bisogno di "far finta di niente" in certi casi
È comprensibile

Appena finito di vedere Mulholland Drive di Lynch. Il mio primo Lynch, a essere sinceri, e sono rimasto positivamente confuso e disorientato, un gioiello di film.
Se l'avessi diretti io uguale quel film (shot by shot) avrebbero detto tutti che è una ***** senza senso. Se c'è il nome di lynch però...
Voglio rivederlo

Sent from my Nexus 4 using Tapatalk

Pedro92
23-06-14, 15:13:52
Se l'avessi diretti io uguale quel film (shot by shot) avrebbero detto tutti che è una ***** senza senso. Se c'è il nome di lynch però...
Voglio rivederlo


E' un cinema diverso. Le persone sono abituate a un cinema in cui c'è una narrazione precisa, in cui c'è un inizio, uno svolgimento e una fine. Lynch con questo film non ha badato molto a questo formula, o quantomeno non l'ha tenuta tanto in considerazione. Il risultato è un cinema puro, fatto di immagini e sensazioni palpabili.

Rullo
23-06-14, 17:11:27
E' un cinema diverso. Le persone sono abituate a un cinema in cui c'è una narrazione precisa, in cui c'è un inizio, uno svolgimento e una fine. Lynch con questo film non ha badato molto a questo formula, o quantomeno non l'ha tenuta tanto in considerazione. Il risultato è un cinema puro, fatto di immagini e sensazioni palpabili.
Quindi una schifezza asd

Come i corti di arte contemporanea che vedi al moma

Sent from my Nexus 4 using Tapatalk

Pedro92
23-06-14, 17:22:13
Quindi una schifezza asd

Come i corti di arte contemporanea che vedi al moma

Sent from my Nexus 4 using Tapatalk

I corti di arte contemporanea che si vedono al moma non li conosco, ma Mulholland Drive non è né privo di significato né tantomeno è privo di storia, è il modo in cui è narrato che è diverso dagli altri film. Può piacere come no, ogni parere è legittimo :asd:

Whirring
23-06-14, 18:20:49
Nella Casa:

Raffinata commedia, ottimi attori, molte citazioni e buona trama. Un film eclettico suscettibile di un numero svariato di interpretazioni, interessante la critica all'arte (non solo quella contemporanea) e la definizione del ruolo dello scrittore.

Voto:8

Inviato dal mio LG-D605 utilizzando Tapatalk

Togg
24-06-14, 01:48:45
Quasi finito Heimat, viste altre tre ore e mezza di Crude Oil, adesso sto a metà, continuate serie varie.
Mi sento bene :sisi:

ZioMasu
24-06-14, 11:03:23
Stanotte ho visto Splice per la prima volta, devo ammettere che anche io ci sarei andato a letto :asd:

Togg
25-06-14, 01:52:41
Finito Heimat. Enorme. Una capacità straordinaria di intelaiare l'elemento del colore e del bianco e nero con ciò che gli interessa, apre sempre nuove prospettive, è un'esplosione continua questo film/serie. E poi ho pianto molto quindi sappiate che è una cosa che prende.
Sono pronto a vedere gli altri due. L'idea di un racconto degli anni di Hermann già mi fa stringere il cuore ma non importa.

Barissimo Google
26-06-14, 15:03:07
Pusher - La Trilogia di Nicolas Winding Refn


Dopo un paio di anni mi sono dedicato ne rivedere questa trilogia a mio modo di vedere fatta davvero bene. Il secondo e terzo capitolo prendono un pochino di piu ma anche il primo con Bodnia come protagonista non male. Mikkelsen nel secondo capito davvero ottimo nell'interpretazione, come anche Zlatko Buric nel terzo capitolo della trilogia. Ambientazione danese che non sfigura, molti in qui l'avranno gia visto ma lo riconsiglio viviamente :)





raga oltre ai soliti Blow,Le Belve e roba varia altri film dello stesso genere che vale la pena vedere? al momento mi ri.fiondo su The Pusher con Daniel Craig......se avete consigli mi farebbe molto piacere poterli accettare :)

mickes2
26-06-14, 18:53:39
Al volo, il profeta
Bleeder sempre di Refn

Key Paradise
26-06-14, 20:24:48
il profeta di audiard mick? ma non l'avevi ancora visto?

knight96-1994
26-06-14, 20:58:27
Kick Ass 2
Un netto passo indietro rispetto al predecessore: meno fresco, combattimenti sottotono (tranne quello finale), trama abbastanza superficiale, tanti personaggi senza un adeguato sviluppo e la tediosa storiella adolescenziale di Kick Girl. Appena piacevole, ma davvero non c'è paragone.
Voto 6,5

Her
Splendido, toccante, una Scarlett Johansson strepitosa, ed idem dicasi di Joaquin Phoenix. Le pause, i silenzi, le voci vibranti. Funziona tutto. Tranne il finale
Voto 8,5

Monsters University
Non raggiunge i livelli del primo Monsters Inc. ma diverte e propone una parodia della vita studentesca di indiscutibile pregio.

Trainspotting
Parzialmente deluso nei primi 40 minuti. Dopo il celebre, strepitoso monologo iniziale, il film scade in un grottesco che non riesce ad essere ben contestualizzato. Pare solo uno scimmiottamento di Arancia Meccanica (con tanto di bar che ne è chiaramente citazione). Poi invece si riprende alla grande, dalla scena dell'astinenza in poi e diventa qualcosa di davvero splendido. Meravigliosa interpretazione di McGregor.
Voto 8

mickes2
26-06-14, 21:59:05
il profeta di audiard mick? ma non l'avevi ancora visto?
no aspè rispondevo alla richiesta dell'utente Barissimo google sparando due titoli sullo stesso filone della trilogia dei pusher, ma in effetti rileggendo mi sa che forse ho frainteso la richiesta :rickds:

Togg
27-06-14, 00:34:17
Io stasera ho visto con mia nonna e mia mamma Il Decameron di Pasolini. C'è la traccia del Pasolini che amo, la potenza crudele delle voci, i risvolti concettuali al limite del metafisico, ma senza l'interesse di portarla fino in fondo come in Porcile o Salò. Quindi vedetelo ma prima vedetene altri.

Barissimo Google
27-06-14, 17:42:22
Al volo, il profeta
Bleeder sempre di Refn

Il Profeta gia visto Bleeder no :)

p.s gran avatar..e gran film..De Niro Walken e Cazale superbi

Tra l'altro Cazale lo scoprii vendendo "quel pomeriggio di un giorno da cani" con Al Pacino.....:)

Domino Hurley
27-06-14, 22:38:48
I Frankenstein.
Disgustoso, banale, privo di qualsivoglia senso. Da evitare come la lebbra, una pellicola indecente. Ma che si è messo in testa Aaron eckhart?
Errori di continuità, recitazione aberrante, escamotage per far proseguire la trama ma che sono privi di logica.

Date alle fiamme questo film

Togg
27-06-14, 22:44:56
I racconti di Canterbury, Pasolini
trascurabile. Adesso pensavo a cosa mi manca di suo, quali consigliate? Le cose tipo Porcile/Salò mi piacciono molto.


Accattone (1961)
Comizi d'amore (1964)
Sopralluoghi in Palestina per il Vangelo secondo Matteo (1964)
Uccellacci e uccellini (1966), è sopravvissuto anche uno spezzone muto del film, non inserito nel montaggio, che si intitola L'aigle - l'uomo bianco
Le streghe, episodio La Terra vista dalla Luna (1967)
Capriccio all'italiana, episodio Che cosa sono le nuvole? (1967)
Edipo re (1967)
Appunti per un film sull'India (1967-1968)
Teorema (1968)
Amore e rabbia, episodio La sequenza del fiore di carta (1968)
Le mura di Sana'a (1971)
Il fiore delle Mille e una notte (1974)

Key Paradise
27-06-14, 22:50:53
accattone imho è imprescindibile

.Veg
27-06-14, 23:55:14
Visto Confessions :morristend: veramente un film notevole, non solo un film sulla vendetta, che in ogni caso è trattato in modo mai banale. La regia dei film orientali comincio veramente ad apprezzarla sul serio.

knight96-1994
28-06-14, 01:35:11
Visto Confessions :morristend: veramente un film notevole, non solo un film sulla vendetta, che in ogni caso è trattato in modo mai banale. La regia dei film orientali comincio veramente ad apprezzarla sul serio.

Film bellissimo. L'inizio è da incorniciare

Togg
28-06-14, 20:14:09
Lo zio di Brooklyn di Ciprì e Maresco e un po' di Cinico TV.

Delle trovate e un senso del luogo invidiabile. Non tutto purtroppo è fruibile per chi non è palermitano ma andate lo stesso su youtube che ne vale la pena :asd:

skrocco
28-06-14, 23:35:11
The three of life

Ho bisogno di qualche settimana per smaltirlo :rickds:

Togg
29-06-14, 00:50:49
The three of life

Ho bisogno di qualche settimana per smaltirlo :rickds:

Non per lasciarlo sedimentare? :tragic:

skrocco
29-06-14, 09:00:09
Non per lasciarlo sedimentare? :tragic:
Esattamente, ho usato il termine sbagliato :asd: l'ho apprezzato anche se l'ho trovato pesantuccio...

Domino Hurley
29-06-14, 14:50:13
Visto Confessions :morristend: veramente un film notevole, non solo un film sulla vendetta, che in ogni caso è trattato in modo mai banale. La regia dei film orientali comincio veramente ad apprezzarla sul serio.

Visto pure io e concordo. Ma i giapponesi hanno davvero tutti questi problemi? :morristend:

Nezumiiro
29-06-14, 17:50:50
per me Confessions è un pessimo manga/anime in pellicola.
così, giusto per aggiungere un parere contrastante ;p

Togg
29-06-14, 18:48:22
per me Confessions è un pessimo manga/anime in pellicola.
così, giusto per aggiungere un parere contrastante ;p

non è piaciuto neanche a me :paura:

naxel
29-06-14, 19:01:45
Code Inconnu 5,5
Bloody Sunday 7
Monsters 6,5
The Lovely Bones 6
Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto 8
Munich 7
The Year of Living Dangerously 7,5
Stranger Than Paradise 7,5
The Kids Are All Right 7
Short Term 12 8
Grand Budapest Hotel 7
And Now For Something Completely Different 8




per me Confessions è un pessimo manga/anime in pellicola.
così, giusto per aggiungere un parere contrastante ;p


non è piaciuto neanche a me :paura:
Io l'ho proprio odiato :asd:

Hushabye
29-06-14, 19:06:57
[B]Short Term 12 8

:cuore:

Togg
29-06-14, 19:35:55
Code Inconnu 5,5

ma ma ma... E' forse il più bel film di Haneke :morristend:

naxel
29-06-14, 19:39:32
:cuore:
Tanto bello :sisi:

ma ma ma... E' forse il più bel film di Haneke :morristend:
Addirittura? Ora ho paura a vedere gli altri :asd:

mickes2
29-06-14, 19:42:49
Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto 8
Short Term 12 8

non possono stare sullo stesso piano :kep88:

Lucignolo
29-06-14, 19:58:53
Il Corridore (1985, Amir Naderi)

Gemma:sisi: Tocchi di neorealismo nell'Iran post-guerra e la lotta di un bambino orfano per sbarcare il lunario alla meno peggio con lavoretti improvvisati (il lavoro come lustrascarpe, come venditore di bibite fresche, come raccoglitore di bottiglie in mare per il riciclo). Impressiona l'uso dei campi lunghissimi che ci fan capire quanto è dura la lotta del piccolo Amir per farsi pari con i coetanei, anche socialmente (tenta di imparare il Farsi per non crescere analfabeta), in un mondo tanto grande e sperduto, le cui coste sono baciate dal Mar Caspio, letto di pescherecci abbandonati, e, nell'opposta direzione, nell'entroterra, si è bruciati dalla calura e dalle piattaforme petrolifere che scavano il terreno.
E sarà proprio la zona in desertificazione a far da sfondo al meraviglioso finale.

Nezumiiro
29-06-14, 20:04:51
ma ma ma... E' forse il più bel film di Haneke :morristend:

è anche uno dei più difficoltosi da seguire. a me è piaciuto ma di Haneke ne preferisco molti altri.
per me i top sono Il Nastro Bianco, La Pianista e (scontato) Funny Games

Togg
29-06-14, 20:18:51
Addirittura? Ora ho paura a vedere gli altri :asd:

no dai, magari gli altri ti piacciono, ce n'è di più "tondi". Quelli che cita Nezumiiro ad esempio. Ma questo perché non ti è piaciuto?

naxel
29-06-14, 20:29:22
no dai, magari gli altri ti piacciono, ce n'è di più "tondi". Quelli che cita Nezumiiro ad esempio. Ma questo perché non ti è piaciuto?
Non mi ha convinto strutturalmente, alcune scene sono ottime, ma nella totalità mi h lasciato un senso di incompiuto.
Funny Games (US) è l'unico altro suo che ho visto e mi piacque di più.

Lucignolo
29-06-14, 21:59:38
Di Haneke Benny's Video filmone

p a n z e r
29-06-14, 22:05:04
e caché dove lo lasciamo?

Togg
29-06-14, 22:46:39
e caché dove lo lasciamo?

top 5 :sisi:


Non mi ha convinto strutturalmente, alcune scene sono ottime, ma nella totalità mi h lasciato un senso di incompiuto.


E' volutamente frammentario, sta allo spettatore ricomporre i frammenti di una riflessione che era meglio secondo lui (e pure secondo me!) lasciare incompiuta. E' una specie di "le mille facce del mio cinema". Mi ha proprio esaltato quando l'ho visto, ma capisco cosa vuoi dire. Ne ha fatti diversi altri di più conclusi.

Lucignolo
30-06-14, 03:24:42
e caché dove lo lasciamo?

Per me è forse il suo secondo migliore dopo Funny Games 97


Vabbè ora mi viene in mente pure il settimo continente che è l'esordio, anche Storie e gli altri che avete citatp prima e gli ultimissimi vincitori a Cannes. Sono tutti stupendi.


Coooomunque

Sinister (2012, Scott Derrickson)

Horror classico con risvolti sovrannaturali di buona fattura, molto bella l'idea dei Super 8 visti dal protagonista (un bravo Ethan Hawke). Il mistero resta così a lungo irrisolto e la tensione è alta fino alla fine.
Niente male, il film è un esempio di low budget girato senza strafare, col rischio che c'era di cadere nel ridicolo o nel pacchiano (sempre facilissimo quando si trattano film del genere), e invece riuscendo a fare quello che troppo spesso si perde di vista e un horror ha come prima regola: spaventare.

Togg
30-06-14, 22:16:19
La voce solitaria dell'uomo, Sokurov
ok, ho ufficialmente iniziato il recupero. Un sano ordine cronologico. Inizio in grande stile, c'è già molto e pure una idea di location che tornerà in Faust. Grandi registi crescono sul mio telo da proiezione.

EvansTheFatMan
30-06-14, 23:43:35
the human centipede, lo pensavo più disgustoso,anche se l'idea è raccapricciante. Mi è piaciuto in parte.

the human centipede 2, ok questo era vomitevole, ma a parte quello è piuttosto mediocre e pieno di scene forzate

Togg
01-07-14, 00:46:39
The Last day of a rainy summer, Sokurov (?)
corto sul sistema sovietico e le sue follie. Leggiucchiando pare non sia solo suo, non c'è neppure su imdb, bellino lo stesso.

Єminence
01-07-14, 14:41:11
Spider, di D. Cronenberg

Fiennes è quello che è, ma mi aspettavo un film più ''cervellotico''. Lontano da quella bomba che è Crash.

Barissimo Google
01-07-14, 16:35:46
Fuga di Mezzanotte Rivisto dopo tanto tempo, e che dire....film assolutamente capolavoro...Brad Davis impeccabile.....voto 10


La Linea Pensavo a qualcosa in piu visto il cast(Andy Garcia,Ray Liotta e Danny Trejo) ma grossa delusione voto 5



Human Traffic Film che non mi ha dato nessuno spunto in particolare...ho letto vari commenti su questa pellicola addirittura entusiasmanti......a me non dice nulla voto 5

Quattro
01-07-14, 18:28:21
Qualche commento lampo che ultimamente non ho il tempo di scriverne né tantomeno di guardare film.

___

L'intervallo - Leonardo Di Costanzo, 2012. Mi aspettavo qualcosa di più, non che abbia particolari difetti ma non brilla nemmeno.

1997: Fuga da New York - David Carpenter, 1981. Visto per curiosità, non amo questo tipo di film e per quanto buono questo non fa eccezione. Se non altro ora so da dove Kojima ha tirato fuori un po' di idee per Metal Gear Solid.

I compagni - Mario Monicelli, 1963. La nascita del sindacalismo secondo Monicelli, che dimostra una grande acutezza e una profonda consapevolezza del fenomeno che va a indagare. Malgrado sia ovvio lo schieramento del regista, per tutto il film l'analisi condotta è assolutamente imparziale nel mostrare le ragioni e i difetti di entrambi i lati, approfondendo l'aspetto umano oltre a quello più strettamente sociale e storico. Un film che si nutre di una profonda passione, manifesta nel personaggio di Mastroianni, al contempo amaramente disilluso e incrollabilmente ottimista. L'unica cosa che mi ha fatto storcere il naso è l'improvvisa accelerazione dello sviluppo sul finale: forse mi è sfuggito qualcosa, ma mi è parso un espediente per condurre la trama verso il finale prestabilito. Finale comunque perfetto e graziato da un'inquadratura finale che apparentemente non dice nulla, ma che racchiude in realtà il significato stesso del film. Come mi piacciono i finali così.

Stoker - Chan-wook Park, 2013. Sortita americana per Park, che fortunatamente rimane fedele a se stesso. Le principali critiche mosse nei confronti di Stoker additano alla sua mancanza di originalità, ed a questo è difficile ribattere. Ciò non significa che sia un film banale, assolutamente, ma che i temi proposti si siano un po' tutti già visti, e che lo sviluppo sia (anche per la sua circolarità, e probabilmente per intenzione stessa del regista) prevedibile nei suoi passaggi fondamentali. Ciò che lo risolleva è però la sua perfezione tecnica: regia, fotografia, colonna sonora, interpretazioni, ritmo, atmosfera, qualunque aspetto si voglia prendere in considerazione si attesta ben oltre la sufficienza.

Il sorpasso - Dino Risi, 1962. Seconda o terza visione, uno dei miei film preferiti in assoluto. Perfetto in tutto, personaggi veramente vivi, atmosfera unica. Capolavoro.
___

Riguardo a Stoker, più di una volta ho avuto l'impressione di stare guardando una puntata particolarmente perversa, ultraviolenta e incestuosa (leggi: coreana) di Desperate Housewives: la famiglia benestante dai rapporti burrascosi, il personaggio perfettino dal torbido passato, solo per citare gli elementi più evidenti. :asd:

Wurdalak
01-07-14, 19:28:17
La casa 2.
Darkman.
L'armata delke tenebre.

Uno piu' bello dell'altro. Per i miei gusti, tra questi darkman e' il migliore, o quanto meno quello piu' "equilibrato" diciamo.

Il grande e potente oz. Visivamente perfetto come sempre, rachel weiz da infarto multiplo come sempre, ODIO PROFONDO verso la Disney (come sempre). Cioe' ma si puo'... "Produttori di blockbuster, azzoppatori di registi dal 1895" ...

Dark Shadows. Una perla unica, come al solito sottovalutato ingiustamente come TUTTI i film di Burton, da sempre. E pensare che ho sentito gente parlare di regista in declino... Quando in realta' e' uno dei pochi, assieme a Tarantino, ad avere ancora uno stile DAVVERO riconoscibile, gia' con una sola inquadratura. Inegualiabile a livello artistico.

PNT
02-07-14, 02:17:11
Dopo aver iniziato a vedere i primi 30 minuti su cielo il giorno dopo ho finito di vedere Lolita di Adrian Lyne (1997)... che dire, è un capolavoro, mi ha colpito tantissimo, sapete se ci sono film simili che meritano altrettanto?? E se anche voi l'avete visto, cosa ne pensate?

Togg
02-07-14, 14:05:33
Under the Skin, Gazer
canovaccio canonico ripreso con uno strato di patinatura interessante. E' tutto un po' troppo sistemato ma resta dell'ottimo intrattenimento.

Lucignolo
02-07-14, 16:27:00
Dopo aver iniziato a vedere i primi 30 minuti su cielo il giorno dopo ho finito di vedere Lolita di Adrian Lyne (1997)... che dire, è un capolavoro, mi ha colpito tantissimo, sapete se ci sono film simili che meritano altrettanto?? E se anche voi l'avete visto, cosa ne pensate?

Che è un gran bel remake che dà maggior risalto alle scene erotiche ma quello di Kubrick è OVVIAMENTE quello che merita di essere collezionato:ahsisi:

Domino Hurley
02-07-14, 20:44:38
La casa 2.
Darkman.
L'armata delke tenebre.

Uno piu' bello dell'altro. Per i miei gusti, tra questi darkman e' il migliore, o quanto meno quello piu' "equilibrato" diciamo.

Il grande e potente oz. Visivamente perfetto come sempre, rachel weiz da infarto multiplo come sempre, ODIO PROFONDO verso la Disney (come sempre). Cioe' ma si puo'... "Produttori di blockbuster, azzoppatori di registi dal 1895" ...

Dark Shadows. Una perla unica, come al solito sottovalutato ingiustamente come TUTTI i film di Burton, da sempre. E pensare che ho sentito gente parlare di regista in declino... Quando in realta' e' uno dei pochi, assieme a Tarantino, ad avere ancora uno stile DAVVERO riconoscibile, gia' con una sola inquadratura. Inegualiabile a livello artistico.

A me Dark Shadows non ha detto proprio nulla. Una storiella come Alice in wonderland abbastanza frivola e banale. Poi Tim Burton continua a far interpretare a Johnny Depp sempre lo stesso tipo di personaggio o quasi.

PNT
02-07-14, 21:00:25
Che è un gran bel remake che dà maggior risalto alle scene erotiche ma quello di Kubrick è OVVIAMENTE quello che merita di essere collezionato:ahsisi:
L'ho visto, ma a me è sembrato parecchio inferiore al remake :sisi:

Quattro
02-07-14, 21:55:06
Dark Shadows. Una perla unica, come al solito sottovalutato ingiustamente come TUTTI i film di Burton, da sempre. E pensare che ho sentito gente parlare di regista in declino... Quando in realta' e' uno dei pochi, assieme a Tarantino, ad avere ancora uno stile DAVVERO riconoscibile, gia' con una sola inquadratura. Inegualiabile a livello artistico.

Visivamente bellissimo, gotico e ricercato, però dopo la metà scade parecchio a causa di una sceneggiatura debole.

Tapoutorangleslam
02-07-14, 22:34:59
A me Dark Shadows non ha detto proprio nulla. Una storiella come Alice in wonderland abbastanza frivola e banale. Poi Tim Burton continua a far interpretare a Johnny Depp sempre lo stesso tipo di personaggio o quasi.
D accordissimo.
Visto al cinema,mentre la mia ex era in estasi per il film Io mi sono fatto una signora pennichella.
Da salvare solo alcune scene,e la comodità delle poltrone del cinema.

ken-chan90
03-07-14, 00:18:45
Il sospetto

Finalmente l'ho recuperato, ottimo film che a mio avviso può far riflettere e cambiare atteggiamento su un tema molto delicato, il finale semi metaforico poi è uno dei migliori che abbia mai visto.

A questo punto però rivolgo una domanda a tutti gli utenti che leggono questo thread: come è possibile che l'italia, cinematograficamente parlando, venga presa a schiaffoni dalla danimarca, un paese che numericamente parlando è una frazione rispetto al nostro ?

Key Paradise
03-07-14, 00:32:41
Il sospetto

Finalmente l'ho recuperato, ottimo film che a mio avviso può far riflettere e cambiare atteggiamento su un tema molto delicato, il finale semi metaforico poi è uno dei migliori che abbia mai visto.

A questo punto però rivolgo una domanda a tutti gli utenti che leggono questo thread: come è possibile che l'italia, cinematograficamente parlando, venga presa a schiaffoni dalla danimarca, un paese che numericamente parlando è una frazione rispetto al nostro ?

beh dipende da che intendi per "viene presa a schiaffoni"

p a n z e r
03-07-14, 00:52:58
magari la danimarca ha un sistema migliore per promuovere la propria arte e cultura

Quattro
03-07-14, 09:18:54
Il sospetto

Finalmente l'ho recuperato, ottimo film che a mio avviso può far riflettere e cambiare atteggiamento su un tema molto delicato, il finale semi metaforico poi è uno dei migliori che abbia mai visto.

A questo punto però rivolgo una domanda a tutti gli utenti che leggono questo thread: come è possibile che l'italia, cinematograficamente parlando, venga presa a schiaffoni dalla danimarca, un paese che numericamente parlando è una frazione rispetto al nostro ?

Il sospetto mi è piaciuto moltissimo, un po' pretestuoso forse ma molto efficace. Boh comunque non generalizzerei così, sì che qualche buon film danese ultimamente è arrivato fino in Italia (penso a Royal affair con l'immancabile Mikkelsen) ma anche da noi vengono fuori dei buoni/ottimi prodotti.

ken-chan90
03-07-14, 10:13:14
Il sospetto mi è piaciuto moltissimo, un po' pretestuoso forse ma molto efficace. Boh comunque non generalizzerei così, sì che qualche buon film danese ultimamente è arrivato fino in Italia (penso a Royal affair con l'immancabile Mikkelsen) ma anche da noi vengono fuori dei buoni/ottimi prodotti.

Tipo ? Tra i film che ho visto devo tornare indietro all'84 per trovarne uno da 8 o superiore.

p a n z e r
03-07-14, 10:33:33
Tipo ? Tra i film che ho visto devo tornare indietro all'84 per trovarne uno da 8 o superiore.

eh la madonna. se vogliamo andare così indietro allora dico semplicemente nanni moretti


comunque visto che c'è sicuramente gente più informata di me sul cinema italiano, ripropongo l'accento su ciò che ho detto. e cioè non credo francamente che gli italiani siano patologicamente incapace di fare buon cinema, che dici? secondo me è più plausibile che nel nostro paese il cinema non sia supportato come dovrebbe, ed è abbastanza evidente anche solo vedendo che il 90% delle produzioni o è cinema d'autore o è commedia.

visto che si è parlato della danimarca, se anche da noi nascesse un mostro come refn credo che il suo più grande problema sarebbe trovare il suo spazio in un'industria che va avanti a raccomandazioni (almeno questo è ciò che si sente dire, per il resto io parlo solo in quanto consumatore :ahsisi: )

ken-chan90
03-07-14, 10:46:31
eh la madonna. se vogliamo andare così indietro allora dico semplicemente nanni moretti


comunque visto che c'è sicuramente gente più informata di me sul cinema italiano, ripropongo l'accento su ciò che ho detto. e cioè non credo francamente che gli italiani siano patologicamente incapace di fare buon cinema, che dici? secondo me è più plausibile che nel nostro paese il cinema non sia supportato come dovrebbe, ed è abbastanza evidente anche solo vedendo che il 90% delle produzioni o è cinema d'autore o è commedia.

visto che si è parlato della danimarca, se anche da noi nascesse un mostro come refn credo che il suo più grande problema sarebbe trovare il suo spazio in un'industria che va avanti a raccomandazioni (almeno questo è ciò che si sente dire, per il resto io parlo solo in quanto consumatore :ahsisi: )

Mi trovi perfettamente d'accordo, abbiamo anche avuto la stessa pensata :asd: : se nascesse refn in italia non diventerebbe mai un grande regista.

Al contrario da noi abbiamo fenomeni come frank matano che facendo video dove tira scurregge addosso alla gente ottiene mezzo milione di iscrizioni al suo canale youtube, anche noi abbiamo la nostra cultura, cosa credi :rickds:. Attribuisco il declino del cinema italiano al declino della cultura italiana, se il meglio che il cinema nostrano è in grado di tirar fuori è un film come la grande bellezza (che è meglio delle cacate di muccino per carità, ma ben lungi dall'essere un film che rappresenta l'eccellenza del cinema di una nazione), significa che c'è un problema di "deficit culturale" alla base.

Quattro
03-07-14, 10:47:49
Tipo ? Tra i film che ho visto devo tornare indietro all'84 per trovarne uno da 8 o superiore.

Beh qualcosa la puoi trovare nella discussione (http://forum.spaziogames.it/board/showthread.php?t=295729) dedicata, che a dir la verità è un po' abbandonata a se stessa infatti. Non dico certo che il cinema italiano stia vivendo un'età d'oro, negherei l'evidenza, ma mi sembra ingiusto demolirlo così mentre gli autori meritevoli non mancano affatto.

ale54
03-07-14, 14:30:31
Ho visto the peacemaker ieri sera. Beh bellino. Diciamo uno dei generi che piace a me. 7.5

Istrice450
03-07-14, 14:45:53
Tipo ? Tra i film che ho visto devo tornare indietro all'84 per trovarne uno da 8 o superiore.
Io mi fermo ai film di Alberto Sordi

ale54
03-07-14, 15:58:32
Io mi fermo ai film di Alberto Sordi
beh se consideri anche quelli comici io direi che alcuni di verdone anni 90 sono da 8/10

gocciadiruggine85
03-07-14, 19:46:55
A me Dark Shadows non ha detto proprio nulla. Una storiella come Alice in wonderland abbastanza frivola e banale. Poi Tim Burton continua a far interpretare a Johnny Depp sempre lo stesso tipo di personaggio o quasi.

Tim Burton non "ingarra" un film dal 2003, quando ho consegnato al mondo forse una delle sue opere più belle in assoluto: Big Fish.
Da allora, parabola discendente, forse si salva solo La Sposa Cadavere.
Con Dark Shadows ha voluto un po' riecheggiare Beetlejuice, ma Johnny Depp non ha la teatralità di Michael Keaton.
Film un po' meh, anche se siamo lontani dall'oVVove di La fabbrica di Cioccolato.
Lì si è toccato il fondo. :(

Domino Hurley
03-07-14, 19:59:03
Tim Burton non "ingarra" un film dal 2003, quando ho consegnato al mondo forse una delle sue opere più belle in assoluto: Big Fish.
Da allora, parabola discendente, forse si salva solo La Sposa Cadavere.
Con Dark Shadows ha voluto un po' riecheggiare Beetlejuice, ma Johnny Depp non ha la teatralità di Michael Keaton.
Film un po' meh, anche se siamo lontani dall'oVVove di La fabbrica di Cioccolato.
Lì si è toccato il fondo. :(

Quoto in toto :ahsisi:

Quattro
03-07-14, 21:49:28
A me la prima metà de La fabbrica di cioccolato piace. Cioè, finché non entrano nella fabbrica e il primo bambino è risucchiato.

Togg
03-07-14, 23:06:19
Vista la prima puntata e mezza di Heimat 2, la regia prosegue il suo cammino di cambiamento, la ricerca di che rapporto ci sia tra stile (bn ecc) e contenuto pure. Vedetelo, gli anni di uno degli ultimi personaggi del primo fatti esplodere in modo divino. E' troppo bello e si trova.

Domino Hurley
03-07-14, 23:39:01
A me la prima metà de La fabbrica di cioccolato piace. Cioè, finché non entrano nella fabbrica e il primo bambino è risucchiato.

La prima parte si salva essendo molto fedele al libro ma ho preferito e trovo molto più bello quello del '71 :sisi:

.Veg
04-07-14, 00:18:34
Ho visto i primi due the raid in questi giorni.
Non amo i film d'azione, né i badass movie, quindi sono estraneo ai film che passano su italia 1 di steven segal, mercenari e co. Ma diavolo questi raid sono davvero fatti bene: combattimenti avvincenti e ben sviluppati - la componente arti marziali è molto forte, è praticamente un film del genere -, buona regia, colonna sonora magari non particolare, ma azzeccata, attori convincenti e soprattutto niente frasi tamarre e/o esplosioni.
Il primo ha una "trama" minimale, ma l'assalto al palazzo/fortezza è secondo me un idea tanto semplice quanto funzionale allo stesso tempo e per un film di 1h40m va bene. Il secondo ha una trama più "costruita", con inflitrato e "tradimenti": nulla di speciale e tutto piuttosto lineare, ma le 2h20m passano piacevolmente.

Io, per il genere, gli do un bel 9 :sisi: ma anche 10 dato che ne ho visti davvero ben pochi :asd: Fuori da questo contesto lo assesterei fra un 7 e un 8: una chance gli va data!

Wurdalak
04-07-14, 14:55:36
Ho visto i primi due the raid in questi giorni.
Non amo i film d'azione, né i badass movie, quindi sono estraneo ai film che passano su italia 1 di steven segal, mercenari e co. Ma diavolo questi raid sono davvero fatti bene: combattimenti avvincenti e ben sviluppati - la componente arti marziali è molto forte, è praticamente un film del genere -, buona regia, colonna sonora magari non particolare, ma azzeccata, attori convincenti e soprattutto niente frasi tamarre e/o esplosioni.
Il primo ha una "trama" minimale, ma l'assalto al palazzo/fortezza è secondo me un idea tanto semplice quanto funzionale allo stesso tempo e per un film di 1h40m va bene. Il secondo ha una trama più "costruita", con inflitrato e "tradimenti": nulla di speciale e tutto piuttosto lineare, ma le 2h20m passano piacevolmente.

Io, per il genere, gli do un bel 9 :sisi: ma anche 10 dato che ne ho visti davvero ben pochi :asd: Fuori da questo contesto lo assesterei fra un 7 e un 8: una chance gli va data!

Il primo e' un capolavoro, registicamente davvero innovativo. Del secondo ho visto solo una clip di una scena tagliata e mi sembrava pure meglio. "Regia buona" e' un insulto. Trovami tu un film d'azione dell'ultimo decennio, anche fatto coi soldi, con ste riprese della madonna. Ed e' costato un milione e mezzo. Dieci volte meno di un qualunque cinepanettone. Cioe'... La regia e' ECCEZIONALE. Ma come al solito si sminuiscono filmoni rivoluzionari e poi si attende sbavando batman vs superman... -_-

Togg
04-07-14, 19:52:57
Totò che visse due volte, Ciprì e Maresco
raffinazione del precedente, esilarante, soffro per i non palermitani che non possono goderne.

knight96-1994
04-07-14, 19:53:19
Audition di Takashi Miike

Oltre che ad avere una delle migliori sequenze oniriche che abbia visto in un film horror, è decisamente degno della fama che porta. Ottimo film

Random Stop

Questo ve lo linko: è un corto di 7 minuti tratto da una storia vera. Davvero ben girato
http://vimeo.com/90068717

.Veg
04-07-14, 20:05:58
Il primo e' un capolavoro, registicamente davvero innovativo. Del secondo ho visto solo una clip di una scena tagliata e mi sembrava pure meglio. "Regia buona" e' un insulto. Trovami tu un film d'azione dell'ultimo decennio, anche fatto coi soldi, con ste riprese della madonna. Ed e' costato un milione e mezzo. Dieci volte meno di un qualunque cinepanettone. Cioe'... La regia e' ECCEZIONALE. Ma come al solito si sminuiscono filmoni rivoluzionari e poi si attende sbavando batman vs superman... -_-
Calmo :asd: non mi sono permesso di dare giudizi del tipo sublime/eccezionale/divina perché sono elementi che non sono in grado di giudicare dato che non ho conoscenza nel campo. Se ho detto che gli darei un 9 nel genere e un 10 per me direi che non ho intenzione di sminuirlo, no!? :chris:

P.S. di superman e batman me ne frega poco :asd:

mickes2
04-07-14, 22:33:06
Totò che visse due volte, Ciprì e Maresco
raffinazione del precedente, esilarante, soffro per i non palermitani che non possono goderne.

che film.
visto subbato quindi tutto ok, chiaro che le sfumature dialettali mi sfuggono non conoscendo "la lingua"
"grattami i cugghiuna... basta"

Togg
05-07-14, 00:18:54
che film.
visto subbato quindi tutto ok, chiaro che le sfumature dialettali mi sfuggono non conoscendo "la lingua"
"grattami i cugghiuna... basta"

Per gli italiani già va meglio :D Va scassacci a minchia lo si capisce :rickds:

Mournful Unconcern, Sokurov
reunion di istanze sokuroviane con la guerra che imperversa al di fuori. Mancano l'estensione e la problematicità che Tarkovsky metterà in scena nel successivo Sacrificio. Non uno dei fondamentali del nostro, sono ancora all'inizio della filmografia.

salacio86
05-07-14, 08:15:19
Ieri ho visto "la mafia uccide solo d'estate", un film che mi ha particolarmente colpito per come descrive i fatti di mafia. Sembra spiegarti tutto in modo leggero ma in fondo è serio e profondo

Bic Black
06-07-14, 17:25:59
Educazione siberiana, di Gabriele Salvatores su soggetto di Nicolai Lilin (2013).

Bello, mi è proprio piaciuto :sisi:

"La fame viene e va, ma la dignità, una volta persa, non torna mai più".

Il nonno è veramente una lezione di vita.

Xenya voluta da Dio, una grande immensa poesia.

sepho
07-07-14, 00:25:25
Synecdoche-New York.

Mindblowing.Siamo solo attori che vanno in scena ogni giorno,aspettando qualcosa.

Togg
07-07-14, 01:18:16
Gravity, Cuaron
Da dove iniziare? Che non lo metto nel listone e gli do 6? Tutto ciò che è azione e scorci dello spazio diverte ma fino ad un certo punto.
Cuaron pare voglia sabotare il suo stesso giocattolo invece di renderlo un po' più bilanciato. E' incredibile che abbia potuto vincere l'oscar per la migliore colonna sonora, l'ho trovata semplicemente ributtante, soprattutto il finale, nei migliori dei casi banale e superflua. La Bullock recita malamente e Clooney ha sempre la stessa espressione, un filo di emozione che sia uno da parte loro non c'è. Una delle scene più importanti del film è gestita dal punto di vista della coerenza complessiva in modo davvero davvero improponibile, non sto parlando delle critiche alla plausibilità del tutto che possono essere impilate minuto per minuto, ma di una scena madre a cui viene tolta ogni possibilità di stare in piedi. Se Clooney fa il ********, la Bullock ha la faccia di cera, attorno a te è Disneyland Paris e la musica del karaoke palermitano è migliore di quella del film le cose non possono andare.
Un solo momento mi ha emozionato, quando c'è quel particolare suono disturbato nella trasmissione radio, finalmente qualcosa di "sporco"! Il sonoro è proprio una delle forze e debolezze del film.

La cosa più brutta, e che siccome riguarda molto il visuale fa terra bruciata di tutto quello che di buono si era visto fino a quel momento, è probabilmente il finale. Aggressivo, una specie di autocelebrazione che strepita con gusto coloniale (ma che cazz di canzone african-style è?): "SIAMO GLI ESSERI UMANI E DOMINIAMO". Ma va scassaci a minchia, direbbero a Cinico TV :asd:

skrocco
07-07-14, 14:14:09
Synecdoche-New York.

Mindblowing.Siamo solo attori che vanno in scena ogni giorno,aspettando qualcosa.

Vado a vederlo oggi, sto abbastanza gasato.


Gravity, Cuaron
Da dove iniziare? Che non lo metto nel listone e gli do 6? Tutto ciò che è azione e scorci dello spazio diverte ma fino ad un certo punto.
Cuaron pare voglia sabotare il suo stesso giocattolo invece di renderlo un po' più bilanciato. E' incredibile che abbia potuto vincere l'oscar per la migliore colonna sonora, l'ho trovata semplicemente ributtante, soprattutto il finale, nei migliori dei casi banale e superflua. La Bullock recita malamente e Clooney ha sempre la stessa espressione, un filo di emozione che sia uno da parte loro non c'è. Una delle scene più importanti del film è gestita dal punto di vista della coerenza complessiva in modo davvero davvero improponibile, non sto parlando delle critiche alla plausibilità del tutto che possono essere impilate minuto per minuto, ma di una scena madre a cui viene tolta ogni possibilità di stare in piedi. Se Clooney fa il ********, la Bullock ha la faccia di cera, attorno a te è Disneyland Paris e la musica del karaoke palermitano è migliore di quella del film le cose non possono andare.
Un solo momento mi ha emozionato, quando c'è quel particolare suono disturbato nella trasmissione radio, finalmente qualcosa di "sporco"! Il sonoro è proprio una delle forze e debolezze del film.

La cosa più brutta, e che siccome riguarda molto il visuale fa terra bruciata di tutto quello che di buono si era visto fino a quel momento, è probabilmente il finale. Aggressivo, una specie di autocelebrazione che strepita con gusto coloniale (ma che cazz di canzone african-style è?): "SIAMO GLI ESSERI UMANI E DOMINIAMO". Ma va scassaci a minchia, direbbero a Cinico TV :asd:

Oooooooo APPLAUSI! Finalmente qualcuno che lo massacra come me :rickds:

Brother's Killer
07-07-14, 15:43:34
Pure a me non ha detto nulla. Ma veramente nulla. E l'ho sentito addirittura paragonare con 2001: Odissea nello spazio...

p a n z e r
07-07-14, 16:32:03
Pure a me non ha detto nulla. Ma veramente nulla. E l'ho sentito addirittura paragonare con 2001: Odissea nello spazio...

ma con che coraggio :asd:

Istrice450
07-07-14, 16:43:04
Mi ricordo anche io a suo tempo qui gli diedi 6 mi disse poco.. Un film passabile con qualche buon spunto ma niente di che

p a n z e r
07-07-14, 16:44:47
io ammetto che il suo lavoro di giocattolino lo fa anche bene, ma dargli qualsiasi merito artistico in più è da pazzi dai

Togg
07-07-14, 16:46:06
Ieri ho visto anche due piccole cose di Sokurov, Impero e Evening Sacrifice. Dramma da camera & telefono e documentario cittadino. Vedibili.


2001: Odissea nello spazio...

Ecco, mettendo da parte i momenti lisergici metafisici ecc. in 2001 c'è un grosso pezzo di intrattenimento, che emoziona ed è pure visualmente imponente. Niente a che vedere.

Gravity è proprio un Disneyland Paris in cui si aggirano forza magiche e misteriose. Io ci sono stato varie volte quando ero più piccolo, divertente ok, però la plastica sotto i colori la avvertivo già.

knight96-1994
07-07-14, 16:58:36
Marebito

In linea generale mi ha deluso. Un horror dalla premessa interessante e con una forte componente psicologica (cosa che cerco sempre nei J-Horror) che scade negli spiegoni di 5 minuti (che per me sono la morte di una sceneggiatura) ma soprattutto butta quanto di buono era presente nell'introduzione (la Tokyo sotterranea) per soffermarsi sul rapporto tra il protagonista ed F, senza però sembrare convincente.
Peccato perché la ricerca della fonte del terrore assoluto viene ben esposta nei vari monologhi ma anche lì si arriva alla fine con La rivelazione che il protagonista ha ucciso la moglie ed F sarebbe sua figlia, ma non c'è alcuna spiegazione per questo

Sotto il punto di vista registico inizia bene ma in sede di montaggio qualcuno ha deciso di mandare tutto in rovina.
Film decente, ma dimenticabilissimo.

skrocco
07-07-14, 18:22:57
Pure a me non ha detto nulla. Ma veramente nulla. E l'ho sentito addirittura paragonare con 2001: Odissea nello spazio...

Da chi? :O
Dai l'unica nota positiva è la spettacolarità del film in 3D, tutto il resto è noia.

Rimanendo in tema spazio-donne, c'è un film dove una donna viaggia nello spazio...sinceramente non ricordo il nome e ricordo vagamente la trama, lo vorrei rivedere... qualcuno conosce? :rickds:

gocciadiruggine85
07-07-14, 19:25:19
A me la prima metà de La fabbrica di cioccolato piace. Cioè, finché non entrano nella fabbrica e il primo bambino è risucchiato.

La prima parte è decisamente meglio della seconda, concordo.
Ma come KratosFury, sono affezionata al film del 1971. E lo ammetto, non è solo affezione: anche l'idea sottesa al libro viene resa molto ma molto meglio nel film degli anni Settanta rispetto a quello di Burton! :)

E comunque, per non andare troppo off-topic, film (ri)visto di recente: Le notti bianche di Luchino Visconti.
Pura meraviglia! :)

- - - Aggiornato - - -


Da chi? :O
Dai l'unica nota positiva è la spettacolarità del film in 3D, tutto il resto è noia.

Rimanendo in tema spazio-donne, c'è un film dove una donna viaggia nello spazio...sinceramente non ricordo il nome e ricordo vagamente la trama, lo vorrei rivedere... qualcuno conosce? :rickds:

Per caso c'era tipo un Alien(o) che usciva dalla pancia di un tizio e si pappava tutti i membri dell'equipaggio, esclusa la donna e il suo gattone rosso di nome Jones? :rickds:

Lucignolo
07-07-14, 19:44:12
Totò che visse due volte, Ciprì e Maresco
raffinazione del precedente, esilarante, soffro per i non palermitani che non possono goderne.

Tral'altro questo film è celebre per essere stato l'ultimo film italiano a subire una censura totale e quindi ad esser stato bandito da ogni sala cinematografica:ahsisi:

Quattro
07-07-14, 19:59:18
La prima parte è decisamente meglio della seconda, concordo.
Ma come KratosFury, sono affezionata al film del 1971. E lo ammetto, non è solo affezione: anche l'idea sottesa al libro viene resa molto ma molto meglio nel film degli anni Settanta rispetto a quello di Burton! :)

E comunque, per non andare troppo off-topic, film (ri)visto di recente: Le notti bianche di Luchino Visconti.
Pura meraviglia! :)

Bellissimo, Le notti bianche. Non conosco il libro, ma il film è perfetto.

skrocco
07-07-14, 21:50:58
Per caso c'era tipo un Alien(o) che usciva dalla pancia di un tizio e si pappava tutti i membri dell'equipaggio, esclusa la donna e il suo gattone rosso di nome Jones? :rickds:

No :rickds:

Darton
07-07-14, 22:42:28
Wolf Children

che dire.. stupendo! una storia che inserisce lo straordinario in qualcosa di ordinario facendone un bellissimo racconto familiare.
Hosoda colpisce di nuovo. i suoi film hanno qualcosa che mi affascina sempre.

skrocco
08-07-14, 08:40:03
Wolf Children

che dire.. stupendo! una storia che inserisce lo straordinario in qualcosa di ordinario facendone un bellissimo racconto familiare.
Hosoda colpisce di nuovo. i suoi film hanno qualcosa che mi affascina sempre.
È fantastico! Ai livelli dei migliori dello studio ghibli. Non mi vergogno di dire che ho pianto tutte e le due volte che l'ho visto!

Quattro
08-07-14, 10:04:36
___

Rapina a mano armata - Stanley Kubrick, 1956. Positivamente impressionato: non mi aspettavo un Kubrick già così maturo, padrone dei propri mezzi e misurato. Si tratta essenzialmente di un film d'intrattenimento; ma un intrattenimento di qualità, che funziona sorprendentemente bene ancora dopo quasi sessant'anni. Il tema che anima il film è l'ossessione per il denaro, la convinzione che la ricchezza possa riscattare da sola un individuo, ed essere assunta come unico metro di giudizio della persona; ed è affascinante come di fronte ad una tale prospettiva il crimine e la violenza passino in secondo piano, diventino agli occhi di persone comuni un mezzo accettabile per ottenere il successo. Questa mentalità è manifesta nella moglie del cassiere, ma in realtà presente in modo più o meno latente in ognuno dei protagonisti: e Kubrick non fa nulla per mettere ciò in evidenza, anzi, asseconda i pensieri dei suoi personaggi inducendo lo spettatore stesso ad assuefarsi all'idea. Per il resto, tecnicamente si tratta di un film solidissimo: trama ben strutturata, avvincente nonostante gli anni; dialoghi scritti benissimo e personaggi ben caratterizzati; narrazione per flashback paralleli funzionale e ben gestita. Il finale è piuttosto prevedibile, e sia: ma se lo è dal punto di vista tramistico, altra cosa è come il regista lo mette su schermo. Le scene finali, poi, e in particolare l'ultima, sono bellissime e fortemente amare.

Le meraviglie - Alice Rohrwacher, 2014. Mi aspettavo di più. Lo stile fiabesco c'è, l'ambiente rurale e familiare, estraneo, apparentemente eterno nella sua atemporalità, è ben ricreato. Il film va poi a toccare temi come l'artificialità della modernità simboleggiata dalla televisione, la brutalità della vita ai confini della civiltà, la convivenza in un nucleo familiare chiuso in se stesso, i primi segni di crescita nella giovane protagonista; tutte cose buone in partenza, che però si perdono un po' nel discorso generale. Cose simili le ha fatte vedere recentemente Re della terra selvaggia (che mi spiazzò alla prima visione ma che sto parzialmente rivalutando), anche se in modo molto più viscerale e immaginifico. Una maggior precisione forse gli avrebbe giovato, ma chissà, forse si sarebbe perso quel tono divagante, osservativo, spontaneo che è la vera anima della pellicola. Promosso con qualche riserva, diciamo.

No - Pablo Larraìn, 2012. Interessante lo stile con cui è girato, che fa immergere lo spettatore immediatamente nell'epoca in cui è ambientato. Molto scarno, a tratti sembra voler ricalcare lo stile documentaristico, non si sofferma più di tanto a indagare le psicologie dei singoli personaggi: ciò che interessa è lo sfondo sociale e politico, le forze in gioco, le loro ragioni e la loro lotta. Politicamente molto maturo, affascinante la storia che racconta, pieno d'amore e di speranza per il Paese che descrive. Magari non entusiasmante, sicuramente interessante.
___

Riguardo a Rapina a mano armata, è straordinario come l'inquadratura con cui il film si chiude ricordi la schermata di Game Over di tanti videogiochi odierni. :asd:

Hushabye
08-07-14, 10:50:37
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/d/db/Life_Itself_doc_poster.jpg/220px-Life_Itself_doc_poster.jpg

Life Itself,Steve James,2014 - 9

Il ritratto bellissimo e commovente di uno dei più grandi critici cinematografici di sempre ma non solo,un uomo dalle tante sfumature che ebbe la fortuna di vivere tre storie d'amore bellissime:con la vita,con i film e con la moglie.Un uomo che poi affrontò la malattia con una dignità e forza incredibili.
Il documentario ripercorre tutta la vita di Ebert,dai primi passi al Chicago Sun-Times alla vittoria del Pulitzer senza dimenticare lo storico programma condotto insieme all'amico/nemico Gene Siskel.

''I was born inside the movie of my life..I don't remember how I got into the movie,but it continues to entertain me.''

Bic Black
08-07-14, 11:54:17
Gravity, Cuaron
Da dove iniziare? Che non lo metto nel listone e gli do 6? Tutto ciò che è azione e scorci dello spazio diverte ma fino ad un certo punto.
Cuaron pare voglia sabotare il suo stesso giocattolo invece di renderlo un po' più bilanciato. E' incredibile che abbia potuto vincere l'oscar per la migliore colonna sonora, l'ho trovata semplicemente ributtante, soprattutto il finale, nei migliori dei casi banale e superflua. La Bullock recita malamente e Clooney ha sempre la stessa espressione, un filo di emozione che sia uno da parte loro non c'è. Una delle scene più importanti del film è gestita dal punto di vista della coerenza complessiva in modo davvero davvero improponibile, non sto parlando delle critiche alla plausibilità del tutto che possono essere impilate minuto per minuto, ma di una scena madre a cui viene tolta ogni possibilità di stare in piedi. Se Clooney fa il ********, la Bullock ha la faccia di cera, attorno a te è Disneyland Paris e la musica del karaoke palermitano è migliore di quella del film le cose non possono andare.
Un solo momento mi ha emozionato, quando c'è quel particolare suono disturbato nella trasmissione radio, finalmente qualcosa di "sporco"! Il sonoro è proprio una delle forze e debolezze del film.

La cosa più brutta, e che siccome riguarda molto il visuale fa terra bruciata di tutto quello che di buono si era visto fino a quel momento, è probabilmente il finale. Aggressivo, una specie di autocelebrazione che strepita con gusto coloniale (ma che cazz di canzone african-style è?): "SIAMO GLI ESSERI UMANI E DOMINIAMO". Ma va scassaci a minchia, direbbero a Cinico TV :asd:

Sì, anche a me ha lasciato proprio il freddo.
Già detto, già visto, già so, grazie.

Dove poi ci si veda questo grande spessore psicologico dentro il dramma passato dalla tipa, non l'ho capito :asd:

Zweick
08-07-14, 17:17:21
Stage Fright di Jerome Sable
Meno male che ogni tanto salta fuori un nuovo slasherone ignorante perfetto per le sere d'estate; questo poi ha la simpatica trovata di essere realizzato come un folle musical splatter, con canzoni decisamente poco politicaly correct. Come da tradizione poi, si cita a man bassa dai classici del genere, da quei due-tre musical horror esistenti (c'è anche Meat Loaf tra gli attori) e da qualche giallo nostrano ambientanto nel mondo dello spettacolo (credo che anche il titolo non sia casuale :chris:). Vi consiglio di recuperare il corto di esordio del regista, The legend of Beaver Dam, che nei suoi 5 minuti sfutta ancora meglio l'idea vincente del lungo.

Henry pioggia di sangue di John McNaughton
Qua invece si fa sul serio, come da tradizione anni ottanta, con un film sporco fino al midollo (a partire dal 16mm con cui venne realizzato) e cattivissimo; siamo dalle parti di Maniac, con la differenza che il film di McNaughton tenta di ricostruire per immagini la delirante mente di un vero serial killer, Henry Lee Lucas, utilizzando le sue confessioni per ricostruire i numerosi omicidi che compongono la pellicola. L'effetto finale è straniante, con un uso della violenza lontano anni luce dalla mera exploitation è uno stile glaciale che mette i brividi; da applausi l'interpretazione di Michael Rooker.

Blue Movie di Alberto Cavallone
Qualche giorno fa Lucignolo ha postato una lista dei film più disturbanti di sempre e se Cavallone non fosse stato un vero e prorio outsider del nostro cinema, questo avrebbe guadagnato la prima posizione con Salò. Blue Movie è uno strano oggetto impazzito che parte dalla storia di un fotografo sadico, segnato dagli orrori che probabilmente ha dovuto raccontare nella sua cariera, con l'intento, centrato perfettamente, di sconvolgere lo spettatore (che non a caso viene accolto da delle pistolettate nei titoli di testa) e metterlo nella spiacevole condizione di sentirsi veramente in colpa per essere ammaliato dallo spettacolo mortifero a cui sta assistendo. Un tipo di cinema che si fa sempre più di rado, mi viene in mente il cinema di Noè e parte di quello di Refn, che vede nella provocazione un valore in sè (non che ci sia solo quella, ma le si da la giusta importanza) Sembra, ma non è poco.

Pedro92
08-07-14, 18:10:18
Concordo con Togg, miglior colonna sonora doveva andare a Her indubbiamente.

Brother's Killer
08-07-14, 18:19:20
Concordo con Togg, miglior colonna sonora doveva andare a Her indubbiamente.

Attento che ora ti ammazza:rickds: In effetti, non gli è piaciuto Her, buuuuuuuuu

Togg
08-07-14, 19:14:00
Concordo con Togg, miglior colonna sonora doveva andare a Her indubbiamente.



Attento che ora ti ammazza:rickds: In effetti, non gli è piaciuto Her, buuuuuuuuu

Meglio di Gravity sicuro, insomma poi fra i nominati c'era pure Philomena... Annata triste.

knight96-1994
09-07-14, 02:50:31
Brazil

Una marea di film si rifanno a 1984, copiandolo in modo più o meno evidente, ma pochi riescono a rielaborare in modo così intelligente il materiale di partenza come questo film, aggiungendo certe immagini e certi temi che, per motivi temporali, Orwell non poteva certo prevedere.
Geniale, splendido, grottesco e tremendamente cupo.

Vall77
09-07-14, 20:49:27
Her e Gravity... Sì meglio sicuramente il primo del secondo, ma trascurabilissimi entrambi. Voto Togg!
Entro così di soppiatto solo per dire che sono forse mesi che non vedo un film:morris82:

Anzi no, l'altro giorno ho rivisto Toy Story 3 con mio figlio accanto che, piccolino, non è che lo seguisse davvero, ma sembrava interessato. Il papà a tratti si è anche vagamente commosso, lol :asd:

Brother's Killer
09-07-14, 20:55:20
Her e Gravity... Sì meglio sicuramente il primo del secondo, ma trascurabilissimi entrambi. Voto Togg!
Entro così di soppiatto solo per dire che sono forse mesi che non vedo un film:morris82:

Anzi no, l'altro giorno ho rivisto Toy Story 3 con mio figlio accanto che, piccolino, non è che lo seguisse davvero, ma sembrava interessato. Il papà a tratti si è anche vagamente commosso, lol :asd:

L'ultimo film Pixar veramente bello a mio parere. Siete brutte persone voi comunque:ahsisi:

Tapoutorangleslam
10-07-14, 10:46:24
Rivisto in tv SYNAPSE pericolo in rete.
Non mi ha entusiasmato come la prima volta,ma é sempre una interessante parabola del mondo dei programmatori di computer.

Gary = Bill Gates ad ogni modo.

MatKam
10-07-14, 13:48:48
To Rome with Love
Passo indietro di Woody dopo il precedente Midnight in Paris. Il film anche se simpatico purtroppo risulta essere banale, finendo per prendere una piega da cinepanettone. Bocciato!

knight96-1994
10-07-14, 14:13:19
To Rome with Love
Passo indietro di Woody dopo il precedente Midnight in Paris. Il film anche se simpatico purtroppo risulta essere banale, finendo per prendere una piega da cinepanettone. Bocciato!

Piega da cinepanettone è pesante, al massimo la posso individuare nella storia con la Cruz.
Quella di Benigni per me da sola vale il biglietto.

MatKam
10-07-14, 20:16:21
Piega da cinepanettone è pesante, al massimo la posso individuare nella storia con la Cruz.
Quella di Benigni per me da sola vale il biglietto.

nessuna delle storie intrecciate mi è piaciuta, il film nel complesso non mi ha detto nulla..imho il film non è stato memorabile..
sono un grande estimatore di Allen, ma quella volta ha fatto un buco nell'acqua. peccato!

Quattro
10-07-14, 20:33:44
To Rome with love è un film mediocre, si salva solo la storia di Benigni per come viene presentata.

Togg
11-07-14, 00:03:58
Heimat II: A Chronicle of a Generation - episodi 3 e 4, Edgar Reitz

come al solito devo sbrigarmi che l'insonnia incalza i miei orari, Reitz crea personaggi dal niente, facendoli cresce con uno schiocco di dita. Filma solo con scene madri, impressionante.
Vedetelo o pentitevene.

knight96-1994
11-07-14, 00:53:02
nessuna delle storie intrecciate mi è piaciuta, il film nel complesso non mi ha detto nulla..imho il film non è stato memorabile..
sono un grande estimatore di Allen, ma quella volta ha fatto un buco nell'acqua. peccato!

Non dico nemmeno io sia memorabile, certamente il peggiore di Allen di quelli che ho visto finora. Ciononostante "cinepanettone" lo trovo esagerato

Goodfella
11-07-14, 04:15:48
Under the skin - B

bello ed efficace la johansson, ma in certi momenti... yawn


regia però semplicemente grandiosa, glazer è un regista coi controcoglioni


the firm - B

ottimo thriller, cruise e hackman mattatori, regia e colonna sonora oneste. un po' troppo lungo forse, si riscatta alla grandissima con quei due minuti di Paul Sorvino

Quattro
11-07-14, 09:07:37
___

Le notti bianche - Luchino Visconti, 1957. Seconda visione. Ovviamente l'impatto emotivo è stato inferiore alla prima volta, ma resta un film eccellente, delicato e intenso.

Her - Spike Jonze, 2013. Una storia d'amore appassionante e curata, un'indagine sull'amore stesso inteso come sentimento individuale, una visione del futuro in bilico fra utopia e distopia. Sono solo alcuni dei temi toccati da Jonze, che rendono Her qualcosa di più di una brillante commedia (?) romantica. E' pregevole l'attenzione ai particolari, la coerenza dell'ambientazione futuristica, al contempo aliena e familiare, la costruzione di un'estetica e di una quotidianità perfettamente credibile e aderente al contesto. Ciò che colpisce è la pressoché totale assenza di giudizio sul discorso affrontato da parte del regista: riporta le situazioni così come sono, lasciando che sia lo spettatore a valutarle, senza fare pressioni attraverso le parole dei personaggi. L'amore del protagonista per il sistema operativo è rappresentato prevalentemente attraverso una focalizzazione interna, ma non manca l'inevitabile straniamento per l'assurdità della situazione. Si tratta di un sentimento genuino da parte sua, e ogni altra considerazione deve partire da questo dato di fatto: si può dire che ciò sia giusto o, indifferentemente, sbagliato? Neppure a questa domanda basilare si ottiene risposta. C'è un magnifico e fragile bilanciamento in tutto questo. La stessa società, per come viene rappresentata, non offre una prospettiva di per sé ottimistica o pessimistica: è semplicemente un'ipotesi, perfettamente plausibile, di come secondo Jonze i rapporti interpersonali si evolveranno in conseguenza alla loro progressiva informatizzazione. Le persone per strada camminano, interagendo con il proprio sistema portatile, incuranti di chi o cosa gli stia intorno: un'immagine iperbolica, eppure così vicina alla realtà cui siamo abituati. Ma ancora una volta, non c'è giudizio: si prende atto dell'evoluzione del fenomeno e se ne riporta una proiezione, astenendosi dal sottintendere che "diverso" implichi unilateralmente "migliore" o "peggiore". Il film è costellato di esempi di questo genere, e personalmente l'ho trovato uno dei principali punti di forza, alla pari con elementi fondamentali quali scrittura, interpretazioni e fotografia (da parte loro, sempre eccellenti - c'è poco di cui parlare in effetti). Dovendo cercare il pelo nell'uovo, avrei preferito una soluzione diversa nel finale; piuttosto prevedibile e affrettato, rispetto al resto della sceneggiatura. Ma è una cosa su cui si può chiudere un occhio, visto il sentimento che traspare dalla pellicola - la storia di Theodore e Samantha è sicuramente una delle più belle e toccanti che si siano viste al cinema negli ultimi anni.

Ferro 3 - Kim Ki-Duk. Insopportabile. Insopportabili i protagonisti, imbarazzante la sceneggiatura (parlano poco, ma quel poco che dicono fa rabbrividire), traballanti e pretestuosi l'intreccio e il sottotesto. Ridicolo il finale. Carina l'idea di base, ma quando è troppo è troppo. Bocciato.
___

Nezumiiro
11-07-14, 13:45:20
___

Ferro 3 - Kim Ki-Duk. Insopportabile. Insopportabili i protagonisti, imbarazzante la sceneggiatura (parlano poco, ma quel poco che dicono fa rabbrividire), traballanti e pretestuosi l'intreccio e il sottotesto. Ridicolo il finale. Carina l'idea di base, ma quando è troppo è troppo. Bocciato.
___

oddio, finalmente qualcuno in linea col mio pensiero. ti quoto di brutto.
( e Time secondo me è pure peggio )

Marte89
11-07-14, 17:56:51
A me Ferro 3 piace, anche se comunque per quanto riguarda KKD, Primavera, Estate, ecc. >>>>>>>all

Per rimanere in topic, qualche film che ho visto nelle ultime settimane:
Prendi i soldi e scappa, Woody Allen. Commedia simpatica e leggera, molto gradevole.

Fuga da Los Angeles, John Carpenter. Non lo vedevo da quando ero bambino praticamente, qualche spunto interessante, ma nel complesso abbastanza evitabile, considerando il predecessore.

Il Grande Gatsby, Baz Luhrmann. Parlo da profano, non avendo letto il libro. A me è piaciuto abbastanza. Leggo di diverse critiche riguardanti l'uso eccessivo della computer grafica, o la colonna sonora troppo "moderna" (però quando lo fa Tarantino è un genio), io le ho trovate ben inserite nel contesto tutto sommato. Per quanto riguarda il confronto con l'opera scritta, ripeto che non posso giudicare.

Togg
12-07-14, 00:00:22
Elegia Moscovita, Sokurov
documentario con pochissimo girato nuovo o particolare commento, trascurabile.

knight96-1994
12-07-14, 02:17:24
A me Ferro 3 piace, anche se comunque per quanto riguarda KKD, Primavera, Estate, ecc. >>>>>>>all

Per rimanere in topic, qualche film che ho visto nelle ultime settimane:
Prendi i soldi e scappa, Woody Allen. Commedia simpatica e leggera, molto gradevole.

Fuga da Los Angeles, John Carpenter. Non lo vedevo da quando ero bambino praticamente, qualche spunto interessante, ma nel complesso abbastanza evitabile, considerando il predecessore.

Il Grande Gatsby, Baz Luhrmann. Parlo da profano, non avendo letto il libro. A me è piaciuto abbastanza. Leggo di diverse critiche riguardanti l'uso eccessivo della computer grafica, o la colonna sonora troppo "moderna" (però quando lo fa Tarantino è un genio), io le ho trovate ben inserite nel contesto tutto sommato. Per quanto riguarda il confronto con l'opera scritta, ripeto che non posso giudicare.


Ma sinceramente il Gatsby di Luhrmann lo vedo come una rilettura del materiale di partenza.
Film attinenti all'opera ce ne sono già stati, Luhrmann ha stravolto i canoni così come fece con Romeo e Giulietta e sinceramente il risultato a me ha garbato parecchio, senza contare che ho trovato Di Caprio memorabile.

Quattro
12-07-14, 08:44:47
Il Grande Gatsby, Baz Luhrmann. Parlo da profano, non avendo letto il libro. A me è piaciuto abbastanza. Leggo di diverse critiche riguardanti l'uso eccessivo della computer grafica, o la colonna sonora troppo "moderna" (però quando lo fa Tarantino è un genio), io le ho trovate ben inserite nel contesto tutto sommato. Per quanto riguarda il confronto con l'opera scritta, ripeto che non posso giudicare.

La computer grafica è di cattiva qualità e spesso invasiva e ingiustificata; per quanto riguarda la colonna sonora, invece, l'ho trovata una scelta azzardata ma decisamente riuscita. In generale non è un film malvagio (escludendo l'abominevole "premessa"): nell'intreccio è molto fedele al libro, anche se si concede qualche divagazione. Nel complesso però tende troppo verso il melodramma mieloso, andando a perdere la ricchezza di significato che contraddistingue il capolavoro che è il libro.

Hushabye
12-07-14, 19:16:59
Crash (Cronenberg) - 7
Incendies - 8


Crash l'ho visto proprio ieri e mi trovi abbastanza d'accordo,io direi pure 6.5
Incendies lo devo ancora recuperare :tristenev:

Togg
12-07-14, 20:17:38
Sguinzaglio Key, il mastino crashiano.

TheNightflier
13-07-14, 04:49:35
Non è un paese per vecchi

Finalmente dopo la quarta o forse quinta visione mi sono arreso è un grandissimo film,anche se non sarà mai il mio preferito dei Coen,come se questo fosse una colpa.
La cosa più bella del film rimane il senso di rassegnazione e constatazione del lento degrado della società americana e non solo che si evince dai discorsi di Tommy Lee Jones.
Il quale rifà praticamente lo stesso personaggio di Le tre sepolture e Nella valle di Elah altri due grandissimi film.

Togg
14-07-14, 13:06:56
I giorni dell'eclisse, Sokurov

ammetto che questo non sono riuscito a "coglierlo", che stava tentando di fare Sokurov? Una specie di discesa etnico-politica in un terreno desolato? Poco riuscito ma ho sentito di gente che lo trova divino, magari leggo qualcosa su internet :sisi:

Lucignolo
14-07-14, 15:42:43
The Fog (1980, John Carpenter)

Uno dei film meno pregevoli del primo Carpenter. L'atmosfera è eccezionale (Carpenter è sempre Lovecraftiano puro, c'è poco da dire) e la prima parte del film prometteva di farci vedere un nuovo Halloween.
Tuttavia il film sembra mancare di pathos e di idee nella messa in scena più originali, perchè l'idea di partenza era a dir poco esaltante (la nebbia fluorescente portatrice di morte, la città inerme di notte, un passato oscuro che riemerge).
Però mancano troppi momenti di paura, il film necessitava di un budget forse più generoso e anche il pur bravo artigiano dell'orrore non può tenere alta la tensione per tutto il film se gli scary moments veri e propri sono un paio massimo (tant'è che Carpenter stesso lo definisce un suo film minore e devo dargli ragione).
L'ultimissima scena però lascia il segno ugualmente

skrocco
14-07-14, 18:37:48
Qualcuno ha visto "Tutto sua madre"?
Vorrei sentire qualche parere di qualcuno qui dentro :sisi:

Domino Hurley
14-07-14, 21:52:30
American Hustle

Non è che mi sia piaciuto ma non lo trovo neanche malaccio. Direi che è un casino. La storia è un casino, l'intreccio è un casino, i personaggi sono molto validi. Bravissima Jennifer anche se compare poco ma Bradley Cooper non lo sopporto. E' come il prezzemolo, è dovunque. Bale ha fatto una buona interpretazione, anche se non eccelsa, la storia del suo personaggio comunque non era il massimo.
Quello che però non mi ha convinto è tutto l'insieme, tutto il contesto non mi ha coinvolto e del protagonista alla fine non me ne fregava nulla. Il film non mi invogliava a capire cosa sarebbe successo poi. Trattasi di commedia e io lo rapporto a film come Ocean's Eleven, diversamente da quest'ultimo non ti (per così dire) affezioni al personaggio.

7 solo per l'interpretazione di alcuni attori. Non capisco come alcuni abbiano pensato all'oscar per questo film :asd:

ken-chan90
14-07-14, 23:27:35
Non è un paese per vecchi

Finalmente dopo la quarta o forse quinta visione mi sono arreso è un grandissimo film,anche se non sarà mai il mio preferito dei Coen,come se questo fosse una colpa.
La cosa più bella del film rimane il senso di rassegnazione e constatazione del lento degrado della società americana e non solo che si evince dai discorsi di Tommy Lee Jones.
Il quale rifà praticamente lo stesso personaggio di Le tre sepolture e Nella valle di Elah altri due grandissimi film.

Non è un paese per vecchi è stato il mio primo (nonchè preferito) film dei fratelli coen.

Ho visto anche Nella valle di Elah, anche questo bellissimo ma non proprio sul livello di No country for old men. Ci sta mezzo voto di scarto in favore di quest'ultimo imho.

Zweick
15-07-14, 13:06:03
L'etrange couleur des larmes de ton corps di Bruno Forzani e Helene Cattet
Il duo delle meraviglie rifà Inferno come il suo creatore non potrebbe neanche più immaginare e colloca la Terza Madre nel luogo che le compete, un labirintico palazzo liberty di varelliana memoria fotografato e ripreso da dio, pronta a dispensare Morte con il suo guanto nero. Il tutto come se fosse un immenso saggio per immagini e musica sulla cinematografia di Argento e Martino; con un tasso di sadismo ed erotismo invidiabile. Il miglior film del 2014 :sisi:

Pedro92
15-07-14, 14:39:21
Appena visto Hachiko :bruniii:

Non ho mai pianto guardando un film, e non ho pianto neanche vedendo questo, ma ci sono arrivato vicinissimo :bruniii: occhi lucidi e groppo alla gola, quand'è partito il flashback ero lì che pensavo "Noooo maledettiiii" :bruniii:

Nezumiiro
15-07-14, 16:38:32
L'etrange couleur des larmes de ton corps di Bruno Forzani e Helene Cattet
Il duo delle meraviglie rifà Inferno come il suo creatore non potrebbe neanche più immaginare e colloca la Terza Madre nel luogo che le compete, un labirintico palazzo liberty di varelliana memoria fotografato e ripreso da dio, pronta a dispensare Morte con il suo guanto nero. Il tutto come se fosse un immenso saggio per immagini e musica sulla cinematografia di Argento e Martino; con un tasso di sadismo ed erotismo invidiabile. Il miglior film del 2014 :sisi:

cavolo, ho un hype immenso per questo film, visto che Amer l'ho adorato.

James
15-07-14, 16:47:39
L'etrange couleur des larmes de ton corps di Bruno Forzani e Helene Cattet
Il duo delle meraviglie rifà Inferno come il suo creatore non potrebbe neanche più immaginare e colloca la Terza Madre nel luogo che le compete, un labirintico palazzo liberty di varelliana memoria fotografato e ripreso da dio, pronta a dispensare Morte con il suo guanto nero. Il tutto come se fosse un immenso saggio per immagini e musica sulla cinematografia di Argento e Martino; con un tasso di sadismo ed erotismo invidiabile. Il miglior film del 2014 :sisi:

A leggere certe cose sbavo.Recupero insieme al film di Bianchini:predicatore:

Togg
15-07-14, 18:35:54
Quando si soffre di insonnia la notte in cui riesci a dormire un po' di più ti apre le porte della divinità, quindi.

Hard to be a god, Alexsei German

La fantascienza è un genere che non è sopravvissuto al ventesimo secolo, farne adesso è quasi impossibile, le caratteristiche che la contraddistinguevano sono ormai perse in rappresentazioni posticce. Ecco, questo è un regista che evidentemente stava ancora nel secolo scorso. Film delirante, non facile da fruire ma di un certo peso.


Enemy, Villeneuve
ma che è? Boh, toglietegli hollywood da sotto le mani che si sta rovinando. Capisco le cose interessanti e tutto, ma quante volte abbiamo visto una cosa così, con esattamente le stesse spinte esattamente negli stessi modi ed esattamente le stesse cose che non vanno. E l'incoscienza non la può di sicuro addurre a sua difesa.
Era meglio Prisoners, almeno quello è un cinema che vuole suonare meno interessante e c'è lo spazio per inserire qualcosa di davvero personale. Se rivedessi Next Floor mi verrebbe nostalgia.

David Fuckin' Rose
15-07-14, 19:16:56
Terrence Malick - The Thin Red Line, 10
Il più bel film sulla guerra che abbia mai visto. Emergono tutta la follia e l'insensatezza in cui i soldati vengono gettati a combattere...un film senza eroi, solo uomini, precari tra la vita e la morte, tra lucidità e follia. Capolavoro, non vedo l'ora di recuperare tutti gli altri film di Malick

Nezumiiro
16-07-14, 02:11:41
Enemy, Villeneuve
ma che è? Boh, toglietegli hollywood da sotto le mani che si sta rovinando. Capisco le cose interessanti e tutto, ma quante volte abbiamo visto una cosa così, con esattamente le stesse spinte esattamente negli stessi modi ed esattamente le stesse cose che non vanno. E l'incoscienza non la può di sicuro addurre a sua difesa.
Era meglio Prisoners, almeno quello è un cinema che vuole suonare meno interessante e c'è lo spazio per inserire qualcosa di davvero personale. Se rivedessi Next Floor mi verrebbe nostalgia.

peccato non ti sia piaciuto, per me è l'ennesimo filmone di una filmografia, finora, coi controfiocchi (mi manca da vedere solo il primissimo)
comunque è di produzione indipendente ed è stato fatto prima di Prisoners, nonostante sia uscito nelle sale in seguito... quindi il suo percorso hollywoodiano comincia proprio con Prisoners

Togg
16-07-14, 14:05:35
peccato non ti sia piaciuto, per me è l'ennesimo filmone di una filmografia, finora, coi controfiocchi (mi manca da vedere solo il primissimo)
comunque è di produzione indipendente ed è stato fatto prima di Prisoners, nonostante sia uscito nelle sale in seguito... quindi il suo percorso hollywoodiano comincia proprio con Prisoners

Ma Incendies non era un'altra cosa?

Vall77
16-07-14, 19:42:44
Ma Incendies non era un'altra cosa?

Per me Incendies veramente capolavorico, Prisoners brutto e inutile. Dal tuo commento questo Enemy lo salto allegramente, e per i prossimi lavori metto anche Villeneuve nella lista "frega poco salvo guizzo inaspettato".

Key Paradise
16-07-14, 21:08:38
Per me Incendies veramente capolavorico, Prisoners brutto e inutile. Dal tuo commento questo Enemy lo salto allegramente, e per i prossimi lavori metto anche Villeneuve nella lista "frega poco salvo guizzo inaspettato".

minchia vall, 'npo affrettato che dici? :asd:

Brother's Killer
16-07-14, 21:17:36
Per me Prisoners era un ottimo thriller. Non era particolare come i suoi lavori precedenti, ma sinceramente mi è parso sopra la media del genere.

Vall77
16-07-14, 21:30:24
minchia vall, 'npo affrettato che dici? :asd:

De pancia :sard:
E poi in Togg I trust :sard:


Per me Prisoners era un ottimo thriller. Non era particolare come i suoi lavori precedenti, ma sinceramente mi è parso sopra la media del genere.

Per me veramente brutto! Giudizio peggiorato dalle aspettative post-Incendies, ma anche fosse stata un'opera prima lo avrei bocciato. Dei precedenti invece mi era piaciuto anche Polytechnique, non al livello di un Elephant ma sicuramente buon film.

Brother's Killer
16-07-14, 21:35:26
Per me veramente brutto! Giudizio peggiorato dalle aspettative post-Incendies, ma anche fosse stata un'opera prima lo avrei bocciato. Dei precedenti invece mi era piaciuto anche Polytechnique, non al livello di un Elephant ma sicuramente buon film.

Bah, non l'ho trovato affatto così pessimo. Anzi, secondo me si è visto chiaramente il tocco di un regista che veniva da altro in una produzione tipicamente hollywoodiana. Cioè in media i thriller sono robaccia alla Giustizia Privata, rendiamocene conto:asd:

Vall77
16-07-14, 21:46:28
Bah, non l'ho trovato affatto così pessimo. Anzi, secondo me si è visto chiaramente il tocco di un regista che veniva da altro in una produzione tipicamente hollywoodiana. Cioè in media i thriller sono robaccia alla Giustizia Privata, rendiamocene conto:asd:

Se consideriamo la media siamo fritti. È un prodotto fuori focus e tirato via, dai. Un bel thriller in cui secondo me si vede il tocco di un regista lontano da Hollywood prestato a produzione hollywoodiana è Drive, non questo qui :asd:

Togg
16-07-14, 22:18:28
Cioè in media i thriller sono robaccia alla Giustizia Privata, rendiamocene conto:asd:

BRRRR, ricordo che a qualcuno qui sul forum piacque pure...



Per me Incendies veramente capolavorico, Prisoners brutto e inutile. Dal tuo commento questo Enemy lo salto allegramente, e per i prossimi lavori metto anche Villeneuve nella lista "frega poco salvo guizzo inaspettato".

e andiamo.

mickes2
17-07-14, 01:32:21
tuttavia Enemy è un gran bel film! :nfox:

Adam ~
17-07-14, 02:07:36
Appena visto Transformers 4: L'Era dell'Estinzione.


Sinceramente non so cosa pensare.. mi è piaciuto ma non come mi aspettavo, eppure lo trovo superiore ai primi 3. :morristend:

Superquadro
17-07-14, 02:47:33
Appena visto Transformers 4: L'Era dell'Estinzione.


Sinceramente non so cosa pensare.. mi è piaciuto ma non come mi aspettavo, eppure lo trovo superiore ai primi 3. :morristend:

Idem. Sono appena tornato a casa e... il film mi è piaciuto. Mi è piaciuta l'idea iniziale. Forse si perde abbastanza nell'ultima mezz'ora in cui comincia a stuccare.

Per il resto, questo film è praticamente cinese(sappiamo tutti che in Cina, essendoci il regime, i film americani non vengono importati, no?), ed ha superato al botteghino AVATAR ed è stato il film con più incassi in cina. Not bad, li ha fatto il botto.

Big-Demoniac
17-07-14, 09:18:41
Visto anche io, anche a me è piaciuto ma in maniera diversa da come mi aspettavo, ma potevano tranquillamente tagliare 30 min buoni di scazzottate tra robot nella seconda città ;)

MatKam
17-07-14, 13:50:22
La promessa dell'assassino
Veramente un ottimo thriller firmato Cronenberg. Mi è piaciuto parecchio! Viggo Mortensen fa la sua parte molto bene! il combattimento nella sauna è davvero tanta roba :sisi:!

Brother's Killer
17-07-14, 22:54:37
Ho visto pure io Enemy. Mo toggolo mi devi spiegare cosa non ti è piaciuto:rickds:

Togg
18-07-14, 14:00:01
Ho visto pure io Enemy. Mo toggolo mi devi spiegare cosa non ti è piaciuto:rickds:

A te cosa è piaciuto? :icebad:

Goodfella
18-07-14, 14:10:11
Ho visto pure io Enemy. Mo toggolo mi devi spiegare cosa non ti è piaciuto:rickds:

Probabilmente il fatto che non sia giappoungherese :asd:

Rivisto starship troopers, veramente tanta roba, una delle migliori satire militari di sempre

Domino Hurley
18-07-14, 14:25:29
The wolf of wall street

Sentivo di persone che ritengono questo film uno dei migliori di Scorsese che seguono un genere analogo (the departed?). Il film dura 3 ore, più o meno e il concetto base, per quanto io ne capisca, sarebbe l'accusa al mondo degli affari e alla filosofia che lo governa. Fregare il prossimo.
Almeno se questo era l'intento per come l'ho interpretato io è stato dato poco spazio a tutto quel mondo di affari strutturato a sfruttare azionisti e investitori per prendersi i loro soldi, e mi aspettavo tecnicismi in tal senso. E magari uno spaccato su coloro che i soldi li hanno persi.
Per chi ha visto il film invece moltissimo spazio è stato dato a:
droghe, sesso, prostituzione, anarchismo, delirio, tradimenti e tutto quello connesso alla vita di un individio che sembrava introdurre nel suo corpo più cocaina che carboidrati.

Insomma, speravo di più

TheNightflier
18-07-14, 15:57:59
No dai Ferro 3 è un film magnifico anche solo nella sua concezione,aldilà dei contenuti.
Certo và visto al momento giusto e magari non come primo film di Kim ki duk,richiede una certa attenzione e accettazione di un'assunto quasi fantasy,bilancia come spesso accade nei suoi film tanto la crudeltà della vita quanto l'inevitabile constatazione del bisogno degli altri,del contatto fisico e dell'amore come unica catarsi che rende sopportabile la vita dell'uomo.

Lugignolo concordo The fog purtroppo è uno dei film di Carpenter invecchiati peggio,soprattutto a livello di suspence almeno è ormai quasi obsoleto ma la classe e l'atmosfera che traspira rimangono indimenticabili.
Perlomeno non è un'accozzaglia senza senso come l'insulso remake di qualche stagione fà.

Rage Against
18-07-14, 17:58:46
The wolf of wall street

Sentivo di persone che ritengono questo film uno dei migliori di Scorsese che seguono un genere analogo (the departed?). Il film dura 3 ore, più o meno e il concetto base, per quanto io ne capisca, sarebbe l'accusa al mondo degli affari e alla filosofia che lo governa. Fregare il prossimo.
Almeno se questo era l'intento per come l'ho interpretato io è stato dato poco spazio a tutto quel mondo di affari strutturato a sfruttare azionisti e investitori per prendersi i loro soldi, e mi aspettavo tecnicismi in tal senso. E magari uno spaccato su coloro che i soldi li hanno persi.
Per chi ha visto il film invece moltissimo spazio è stato dato a:
droghe, sesso, prostituzione, anarchismo, delirio, tradimenti e tutto quello connesso alla vita di un individio che sembrava introdurre nel suo corpo più cocaina che carboidrati.

Insomma, speravo di più
A me The Wolf piace,è un bel film.L'ho anche rivalutato in BluRay rispetto a quando lo vidi al cinema.
The Departed invece è un capolavoro:kep88:

V per Vendemmia
18-07-14, 20:33:22
Il grande Gatsby
Sarà ma a me non è piaciuto molto come film, purtroppo non ho potuto leggere il romanzo che dicono sia bellissimo. Unica cosa positiva Di Caprio

Adam ~
18-07-14, 22:49:17
Pandorum.

Iniziato senza aspettative per via di un amico.. Soggettivamente uno dei migliori Sci-Fi che abbia visto quest anno. Davvero bello.

Jaga
18-07-14, 22:49:54
Punto di non ritorno di Paul W.S. Anderson. Niente di particolarmente originale ma mi è piaciuto.
Beyond Outrage di Takeshi Kitano. Tantissima roba.

Domino Hurley
19-07-14, 14:00:33
Pandorum.

Iniziato senza aspettative per via di un amico.. Soggettivamente uno dei migliori Sci-Fi che abbia visto quest anno. Davvero bello.

Bello bello davvero. Il senso di claustro che trasmette questo film è da star male :asd:

Quattro
19-07-14, 14:29:02
No dai Ferro 3 è un film magnifico anche solo nella sua concezione,aldilà dei contenuti.
Certo và visto al momento giusto e magari non come primo film di Kim ki duk,richiede una certa attenzione e accettazione di un'assunto quasi fantasy,bilancia come spesso accade nei suoi film tanto la crudeltà della vita quanto l'inevitabile constatazione del bisogno degli altri,del contatto fisico e dell'amore come unica catarsi che rende sopportabile la vita dell'uomo.

E' un buon film solo nel concetto, questo sì. Cioè l'idea di base è interessante ma dopo un po' non si regge. Di Kim Ki Duk avevo già visto Pietà che invece mi era piaciuto.

Goodfella
19-07-14, 22:25:56
The wolf of wall street

Sentivo di persone che ritengono questo film uno dei migliori di Scorsese che seguono un genere analogo (the departed?). Il film dura 3 ore, più o meno e il concetto base, per quanto io ne capisca, sarebbe l'accusa al mondo degli affari e alla filosofia che lo governa. Fregare il prossimo.
Almeno se questo era l'intento per come l'ho interpretato io è stato dato poco spazio a tutto quel mondo di affari strutturato a sfruttare azionisti e investitori per prendersi i loro soldi, e mi aspettavo tecnicismi in tal senso. E magari uno spaccato su coloro che i soldi li hanno persi.
Per chi ha visto il film invece moltissimo spazio è stato dato a:
droghe, sesso, prostituzione, anarchismo, delirio, tradimenti e tutto quello connesso alla vita di un individio che sembrava introdurre nel suo corpo più cocaina che carboidrati.

Insomma, speravo di più


però qua è anche colpa tua che l'hai guardato con dei pregiudizi, o comunque con delle aspettatiVe a random. Si chiama the wolf of wall street, parlerà di questo "lupo", no? per i tecnicismi sul mondo degli azionisti c'è il wall street di olier stone del 1987, te lo consiglio. A scorsese quelle cose non interessano, non fa un minestrone di cose, racconta una storia col suo solito stile molto rapido e graffiante

concordo su ferro 3, decisamente irritantre, IHMO il meglio kim ki duk l'ha dato con bad guy

SuNgLaSsEs_At_NiGhT
20-07-14, 16:32:32
Ho visto Mr. Nobody, non si capisce molto, però rimane un ottimo film

Nezumiiro
20-07-14, 21:02:25
visto Seul Contre Tous (aka I Stand Alone) di Gaspar Noé... veramente tosto.
vorrei tanto che questo regista fosse più attivo

Legion
21-07-14, 00:36:00
Spring Breakers

Non ho parole, solo un voto

9.4

- - - Aggiornato - - -


E' un buon film solo nel concetto, questo sì. Cioè l'idea di base è interessante ma dopo un po' non si regge. Di Kim Ki Duk avevo già visto Pietà che invece mi era piaciuto.

Ferro3 va visto in buona disposizione, Pietà è un ottimo film ma decisamente meno ambizioso e curato.

- - - Aggiornato - - -


Pandorum.

Iniziato senza aspettative per via di un amico.. Soggettivamente uno dei migliori Sci-Fi che abbia visto quest anno. Davvero bello.

Concordo. Non mi capacito del perché la critica non lo abbia apprezzato a dovere. Stessa cosa per un altro grandissimo sci-fi citato in questa pagina: Event Horizon, di cui Dead Space è praticamente un tie-in.

Gianpi
21-07-14, 00:48:35
Per me Spring Breakers è stato un palla:morristend:

Togg
21-07-14, 01:07:15
Florentina Hubaldo, CTE, Diaz

e con questo ho visto tutti i film di Lav Diaz che si trovano, bello. ce ne sono stati di più impressionanti ma sempre da non perdere.

Domino Hurley
21-07-14, 12:18:42
però qua è anche colpa tua che l'hai guardato con dei pregiudizi, o comunque con delle aspettatiVe a random. Si chiama the wolf of wall street, parlerà di questo "lupo", no? per i tecnicismi sul mondo degli azionisti c'è il wall street di olier stone del 1987, te lo consiglio. A scorsese quelle cose non interessano, non fa un minestrone di cose, racconta una storia col suo solito stile molto rapido e graffiante

concordo su ferro 3, decisamente irritantre, IHMO il meglio kim ki duk l'ha dato con bad guy

Più che pregiudizi avevo delle aspettative. 3 ore di film non sono poche e ho avuto parecchi deja-vu durante la visione. Comunque non lo reputo un brutto film solo mi aspettavo di più.

Guarderò quello dell'87 :sisi:

p a n z e r
21-07-14, 15:41:20
maaaaaa è una mia impressione o sono spariti alcuni post?

Lucignolo
21-07-14, 15:48:22
Sisi ho spostato i commenti suSpring Breakers nel topic apposito

Jaga
21-07-14, 16:36:09
Antropophagus di Joe D'Amato. Nonostante una recitazione abbastanza mediocre e una sceneggiatura non proprio perfetta, per me resta un film di genere notevole.

Legion
21-07-14, 17:51:11
Antropophagus di Joe D'Amato. Nonostante una recitazione abbastanza mediocre e una sceneggiatura non proprio perfetta, per me resta un film di genere notevole.

Non ti resta che ascoltare ora l'omonima canzone dei Baustelle ispirata dal film.

Adam ~
21-07-14, 22:58:31
Pitch Black

Piaciuto davvero tantissimo, dovrei rivedere The Chronicles of Riddick perché non me lo ricordo molto bene.. Comunque gran bel film. Sorpreso dalla presenza di Claudia Black (Chloe di Uncharted, in sostanza), e dalla tensione del film.

Nezumiiro
22-07-14, 00:01:31
visto The Living and the Dead di Simon Rumley, davvero un bel film potente e disturbante ma che riesce a colpire anche emotivamente. si possono facilmente percepire influenze di vari "big" della regia tra cui in primis Haneke (soprattutto per il tema del tremendo declino di un nucleo familiare borghese) ma anche di Boyle, un po' di Lynch, un po' di Kubrick, ma dosate abbastanza intelligentemente da non renderle spudorate e raggiungendo un risultato piuttosto notevole.
con questi nomi non vorrei creare aspettative gigantesche, si tratta pur sempre di un film d'esordio e da un budget sicuramente molto contenuto.
di lui mi aveva molto colpito anche Red White & Blue, davvero un regista (e sceneggiatore) interessante, secondo me sulla via giusta verso la maturazione. da tenere d'occhio.

mickes2
22-07-14, 12:21:56
di lui mi aveva molto colpito anche Red White & Blue
stupendo

Togg
23-07-14, 01:54:19
Heimat 2 - capitoli 5-6 (titoli bellissimi ma manco per ricercarli), Reitz

Stiamo sempre lì. Oramai è scatenato.

naxel
25-07-14, 15:10:10
Sin Nombre 7
Days of Glory 7
The Great Gatsby 6,5
Land and Freedom 8
Inside Llewyn Davis 7
Sinister 7
Down by Law 7,5
Hero 6
The Raid 2 8,5
Coach Carter 5,5
Blue Ruin 6,5
Lady Vendetta 7

Ifrit03
25-07-14, 23:03:03
finito ora di vedere 47 Ronin in Blu Ray. Un film della madonna.. mi ha davvero colpito in positivo. Avevo letto tanti giudizi negativi e perplessità a riguardo, ma si è rivelato esattamente come speravo che fosse. Bellissimo

Hushabye
26-07-14, 11:56:03
Rectify,Ray McKinnon,Season one(6 episodi) - 9+
If,Lindsay Anderson,1968 - 7.5
Celeste & Jesse Forever, Lee Toland Krieger,2012 - 7.5/7+
Uncle Buck,John Hughes,1989 - 7
Hi,Mom,Brian De Palma,1970 - 6.5

urza883
26-07-14, 12:52:45
Lars e una ragazza tutta sua...film di una tristezza esagerata,Gosling bravissimo:sisi:

knight96-1994
26-07-14, 13:18:45
Sin Nombre 7
Days of Glory 7
The Great Gatsby 6,5
Land and Freedom 8
Inside Llewyn Davis 7
Sinister 7
Down by Law 7,5
Hero 6
The Raid 2 8,5
Coach Carter 5,5
Blue Ruin 6,5
Lady Vendetta 7

Sinister allo stesso livello di lady Vendetta no però

Domino Hurley
26-07-14, 13:39:20
Sin Nombre 7
Days of Glory 7
The Great Gatsby 6,5
Land and Freedom 8
Inside Llewyn Davis 7
Sinister 7
Down by Law 7,5
Hero 6
The Raid 2 8,5
Coach Carter 5,5
Blue Ruin 6,5
Lady Vendetta 7

Lady Vendetta lo vidi a scuola più di 7 anni fa e ancora me lo ricordo benissimo. Grande film

Togg
26-07-14, 14:52:48
At Berkeley, Wiseman

Cos'è un'istituzione? Quali pratiche mette in opera? Come vengono esperiti gli spazi e i tempi che crea? Wiseman non fa che rispondere da decenni a queste e altre domande, imponendosi come il più importante documentarista "freddo" vivente. Diciamo che il suo approccio è l'opposto di quello herzoghiano in cui il reale va fatto esplodere per poi essere rimodellato come creta, Wiseman si sofferma su intelaiature architettoniche, non uso la parola oggettive perché mi sta sul *****.
Avete presente quella bellissima scena di Spring Breakers, prima che inizi il vortice, in cui loro sono all'università e Korine riprende da fuori, poi le ragazze dentro con quella proiezione luminosa/colorata. Ecco, la stessa ricerca, solo priva di carica emotiva.

Per quattro ore Wiseman incatena questa prospettiva spietata che ormai riconosco, niente sopravvive al suo sguardo. Il sistema educativo è il campo di forze che ha scelto questa volta e Berkeley è il luogo in cui le contraddizioni sono più immediatamente percettibili. Proprio perché in una situazione ibrida (almeno per loro che il vero pubblico lo disconoscono) a Berkeley non si fa che riprodurre all'infinito e con gelida virulenza le cariche ideologiche che contraddistinguono il paese. Wiseman non costruisce mai però una critica elaborata in modo completo e concluso, prova ne è che diversi spettatori quando lo videro a Venezia lo amarono in quanto documentario-microcosmo, una specie di spazio fatato e multiforme. E' sicuramente un pregio quello dei film di Wiseman di essere così legati alla visione. Per quanto mi riguarda l'implacabilità della decostruzione di un modello, delle logiche che gli sottendono, degli spazi che lo animano, è palese e difficilmente fraintendibile con il godimento di un presunto paradiso in terra. Tra la vaghezza paludosa dell'insegnamento delle humanities, la mollezza e incapacità degli studenti di sfuggire ai mille rivoli del racconto dominante, gli sconfinati scorci sull'abisso burocratico-legaloide che infesta ogni frase pronunciata dall'amministrazione, e l'onnipresente attività dei lavoratori salariati che fanno il paio con spazi piani, privi di conflitto reale.

A Berkeley Wiseman conferma che il suo cinema è quanto di più vicino si possa trovare alla ricerca foucaultiana riguardo al potere e ai discorsi. Come vengono incitati e come vanno studiate le condizioni di emergenza che li rendono possibili.

Legion
26-07-14, 18:44:45
The Expendables 3

Nonostante il precedente mi piacque e fosse oggettivamente un action con le palle (per referenze vedere quell'incredibile - per un film del genere - 65% su Rottentomatoes) ho trovato questo terzo episodio indigeribile per motivi che neppure io riesco bene a spiegare a me stesso. In effetti è tutto uguale ai due precedenti episodi, c'è la scena d'azione iniziale (ancora un salvataggio), ci sono i soliti dialoghi ironici all'interno del solito dannatissimo aereo, sono tutti vestiti uguali, dicono le solite cose e il solito finale al bar puoi intercambiarlo coi precedenti due e nessuno se ne accorge. Forse è questo il problema: la formula già non era fresca nel primo episodio, già mostrava segni di cedimento nel secondo (compensati però da innegabili pregi) però qui puzza di stantio se non di marcio per buona parte del film. Effetti speciali questa volta per davvero oltre ogni limite di decenza e pg-13 dannosissimo. Antonio Banderas è il Jar-Jar della situazione e vorrete sparagli in testa dal momento stesso in cui entra in scena.
Peccato.
Peccato perché nel progetto Expendables io ci credevo, anche se non sono vecchio comunque rimango molto legato alle filmografie di buona parte del cast e dispiace dopo un ottimo secondo capitolo vedere una regressione tale e spezza il cuore constatare come ormai sia una sagra di mummie. Anche se il film fosse stato bello comunque sarebbe come un bellissimo porno recitato da ottuagenari, e se Simon West nascondeva con mestiere ciò che poteva Patrick Hughes sbatte in faccia senza curarsene i fisici sformati e ballonzolanti del cast, in parte distruggendo quell'illusione che rendeva credibili (per ipnosi autoindotta, certo) dei settantacinquenni che spaccavano culi in zona di guerra.

4.5

Lucignolo
26-07-14, 19:04:44
La Conversazione (1973, Francis F. Coppola)

Incredibile pensare sia stato girato nel bel mezzo della realizzazione dei primi due film del Padrino. Thriller che parla di spionaggio, teso, gelido, soffocante; girato con polso saldissimo da Coppola incapace di sbagliare anche nel minimo dettaglio, si regge sulle spalle di Gene Hackman, attore superbo qui forse nella sua miglior performance, paranoico e vittima di una grave forma di fobia sociale. Finale sorprendente e desolante.

naxel
26-07-14, 20:35:55
Sinister allo stesso livello di lady Vendetta no però
Ma non ci azzeccano per niente l'uno con l'altro :asd:

Sinister lo reputo un buon horror. Non è privo di difetti (design del mostro anonimo, un po' troppi momenti da spavento forzato) ma riesce a tenere la tensione sempre alta con quell'atmosfera glaciale che domina l'ambiente e una colonna sonora riuscitissima.


Lady Vendetta lo vidi a scuola più di 7 anni fa e ancora me lo ricordo benissimo. Grande film
Lady Vendetta non mi ha convinto in pieno, lo colloco parecchio sotto al precedente Oldboy.
Vanta sicuramente una narrazione costruita ottimamente nella prima parte, ma una volta che il mistero è risolto l'interesse è calato per quanto mi riguarda.

Wurdalak
27-07-14, 00:28:25
Anarchia: La Notte Del Giudizio. MOLTO peggio del primo capitolo, che era gia' imperfetto ma comunque un discreto film, con spunti interessanti, pochi "guizzi" registici, ma una bella atmosfera. Questo non sa proprio di un *****, a tratti ridicolo, zero tensione, attori pessimi, sceneggiatura buttata li. Bo, abbastanza deludente.

Togg
27-07-14, 02:20:39
Heimat 2 - episodio 7, Reitz

Non riesco a capacitarmi che abbia scritto tutto lui. Ci sono dentro troppe vite, troppe prospettive, questa puntata poi mi ha esaltato. Non so come convincervi a vederlo subito subito. Vorrei anche mettere degli screen delle cose che vedo ma non riuscirei a scegliere.

Kahuna
27-07-14, 11:50:09
però qua è anche colpa tua che l'hai guardato con dei pregiudizi, o comunque con delle aspettatiVe a random. Si chiama the wolf of wall street, parlerà di questo "lupo", no? per i tecnicismi sul mondo degli azionisti c'è il wall street di olier stone del 1987, te lo consiglio. A scorsese quelle cose non interessano, non fa un minestrone di cose, racconta una storia col suo solito stile molto rapido e graffiante

concordo su ferro 3, decisamente irritantre, IHMO il meglio kim ki duk l'ha dato con bad guy

Mah, non sono molto d'accordo. Si voleva presentare come un film strettamente connesso al mondo della finanza e lo stile di vita di uno yuppie di Wall Street. Onestamente parlando non ho percepito nessun reale collegamento con quel mondo, a differenza di quanto avviene appunto con "Wall Street" o anche "American Psycho" (in quest'ultimo caso mi riferisco al libro).

In altre parole, quel che non mi è piaciuto è la totale mancanza di verosimiglianza con gli yuppie della finanza che si vorrebbe raccontare. Il risultato è che il film può risultare piacevole solo a chi da quel mondo è lontanissimo, e che non può rimanere deluso dall'artificiosità quasi bambinesca presentata nel film.

Nezumiiro
27-07-14, 13:40:09
Heimat 2

Non so come convincervi a vederlo subito subito.

subito subito no, però da un po' di tempo sei riuscito a convincermi a segnarmelo nella lista delle cose da vedere :asd:

Togg
27-07-14, 14:06:39
subito subito no, però da un po' di tempo sei riuscito a convincermi a segnarmelo nella lista delle cose da vedere :asd:

Che bello :cat: Però una cosa, io straconsiglio di vedere Heimat uno prima di questo, non si potrebbe altrimenti cogliere il lavoro che Reitz fa con cambiamenti di stile e contenuto oltre a perdersi tutta la progressione della trama.
Il problema è che Heimat 1, proprio in funzione del diverso periodo storico, ha uno stile molto più pacato, poco pop. E sono tante ore di visione.
E' un bel dilemma per me che voglio consigliarlo.

.Veg
27-07-14, 15:46:10
Ma quanto è bello Il Gigante di Ferro!? :morris82:
Rivisto con piacere proprio oggi su italia 1 e, oltre ad essere un bel cartone in sé, ha un' ambientazione bellissima, dove è ricreato alla perfezione il clima dell'epoca; di nota lo stile del robot che sembra essere uscito da un film di fantascienza di tali anni :nev:

Togg
28-07-14, 00:45:40
Heimat 2, Chronicle of a generation - episodio 8, Il Matrimonio

Mettiamola così, in Heimat 2 ci sono più storie d'amore dotate di carica propria che in tutti i film che lo spettatore medio ha visto messi assieme. Io non lo capisco come cavolo riesce Reitz da solo a scrivere così tanto e così bene. E' un trionfo di analitica del sentimento e con sentimento. Sto anche cercando di capire come tutto ciò fosse già presente in Heimat 1 ma la preponderanza delle contingenze storiche cambiasse i connotati di questo fluire di rapporti umani. Altra ragione per vederli in ordine.

E' troppo bello, insultavo i personaggi sul telo. Altro che DR. House.

Legion
28-07-14, 02:37:11
Divergent

Ma quanto è cessa Shaileen Woodley?
Ma quanto è grassa Shaileen Woodley?
Ma quanto è fuori posto in questo film Shaileen Woodley?
Ma come fa a lavorare con quella faccia da cassiera del Conad Shaileen Woodley?
Ma com'è possibile che uno gnocco di serie A come Theo James provi vero e proprio desiderio sessuale per Shaileen Woodley? Qui siamo più o meno attorno al paradosso Amber Heard che si strappa i capelli per Nicolas Cage in Drive Angry.

Voto 4 (5.9 con una Dakota Johnson al posto di Shaileen Woodley dato che il mostro è presente in 8 inquadrature su 10).

Ah, Miles Teller sta invecchiando male, ma di un male..

Istrice450
28-07-14, 09:05:58
Visto Supercondriaco.

Commedia leggera e divertente. Ottima per passare un paio di ore di risate. Ottimo il ritmo con un crescendo di risate fino alla degenerazione finale. Bravi tutti gli attori, già rivisto in giù al nord.

Voto 6.5

Inviato dal mio SM-N9005

Quattro
28-07-14, 09:26:54
Ma quanto è bello Il Gigante di Ferro!? :morris82:
Rivisto con piacere proprio oggi su italia 1 e, oltre ad essere un bel cartone in sé, ha un' ambientazione bellissima, dove è ricreato alla perfezione il clima dell'epoca; di nota lo stile del robot che sembra essere uscito da un film di fantascienza di tali anni :nev:

Bellissimo. :tragic:

MatKam
28-07-14, 17:08:20
Bastardi senza gloria
Piaciuto e super promosso. Ottimo film, ottima colonna sonora, ottimi attori, su tutti l'oscar Waltz. Complimentoni a Tarantino! ora devo recuperare Django che sono in super ritardo.
La scena dei siciliani in italiano, che in lingua originale è ben riuscita, devo ancora capire valutarla bene, però mi ha fatto morire dal ridere :imfao:

P.S. Ti amo
Film orribile del 2004. Visto con la morosa, e sia io che lei aspettavamo con ansia il termine. Brutto e a tratti grottesco, nonché privo di trama! Osceno!

naxel
28-07-14, 18:29:58
sbagliato topic:morris82:

Jaga
29-07-14, 14:17:11
Man Of Steel. C'è seriamente qualcuno, cultori del trash esclusi, che ha apprezzato questo film? No perché ha una sceneggiatura terrificante e totalmente priva di alcun senso, nessun ritmo, una regia atroce, una fotografia piattissima e una recitazione imbarazzante. Persino gli effetti speciali non mi sono sembrati niente di che, sopratutto se confrontati con quelli di cinecomics più recente come l'ultimo X-Men. Non che mi aspettassi molto da Snyder, ma questo è davvero uno dei film più brutti degli ultimi anni.

Wurdalak
29-07-14, 15:39:39
Man Of Steel. C'è seriamente qualcuno, cultori del trash esclusi, che ha apprezzato questo film? No perché ha una sceneggiatura terrificante e totalmente priva di alcun senso, nessun ritmo, una regia atroce, una fotografia piattissima e una recitazione imbarazzante. Persino gli effetti speciali non mi sono sembrati niente di che, sopratutto se confrontati con quelli di cinecomics più recente come l'ultimo X-Men. Non che mi aspettassi molto da Snyder, ma questo è davvero uno dei film più brutti degli ultimi anni.

E pensare che Snyder e' tipo intoccabile nonostante sia uno dei peggiori registi di sempre. Se provi a criticarlo c'e' gente frustrata che ti da del bimbominkia, pensa te (true story).

LykosFed
29-07-14, 19:00:20
Gattaca ...:phraengo:
bellissimo sotto ogni aspetto...mi ha scoinvolto il pomeriggio e continuo ad ascoltare la bellissima colonna sonora:morris82:

http://youtu.be/TXeBe2XQDZg
:bruniii:

Wurdalak
29-07-14, 23:36:15
Gattaca ...:phraengo:
bellissimo sotto ogni aspetto...mi ha scoinvolto il pomeriggio e continuo ad ascoltare la bellissima colonna sonora:morris82:

http://youtu.be/TXeBe2XQDZg
:bruniii:

Tanta roba i film di Niccol :sisi:

Marte89
30-07-14, 12:56:02
The Purge e The Purge - Anarchy: i classici film da "vorrei ma non posso", che cercano di darsi un tono pseudo-serio ma alla fine cascano nel becero tipico di queste produzioni. Vabbè, alla fine mi sono anche andati bene, più o meno era quello che mi aspettavo, quindi pazienza.

Steeb
30-07-14, 13:17:01
The Raid 2 voto: 8,5

Il miglior film d'azione da qui a qualche anno.. colonna sonora, personaggi, coreografie e riprese: fantastico!

1Sirius7
30-07-14, 13:48:35
man of thai chi di kenau reeves: mi è piaciuto moltissimo, ottime interpretazioni e lo stile che si crea del film.. ottimo esordio alla regia, ost molto azzeccata e combattimenti ben eseguiti... niente male!! 8

Istrice450
30-07-14, 13:49:25
The Raid 2 voto: 8,5

Il miglior film d'azione da qui a qualche anno.. colonna sonora, personaggi, coreografie e riprese: fantastico!
Hai fatto bene a segnalarlo mi ero scordato di recuperarlo

Inviato dal mio SM-N9005

Steeb
30-07-14, 13:53:17
man of thai chi di kenau reeves: mi è piaciuto moltissimo, ottime interpretazioni e lo stile che si crea del film.. ottimo esordio alla regia, ost molto azzeccata e combattimenti ben eseguiti... niente male!! 8

visto la settimana scorsa! non è male! buona regie di reeves

- - - Aggiornato - - -


Hai fatto bene a segnalarlo mi ero scordato di recuperarlo

Inviato dal mio SM-N9005

da vedere assolutamente

Da_Rap_Star
30-07-14, 16:23:15
Visto Gravity in blu ray. Spettacolare. :sbav: voto 8.