PDA

Visualizza Versione Completa : Ultimo film visto | I commenti sono graditi!



Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 [127] 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142

Quattro
23-01-16, 14:45:33
Mah io tutte 'ste pippe su Whiplash non le capisco. Voglio dire, è un film d'intrattenimento senza pretese al di fuori di questo, non è una parabola calvinista (cit.) né il suo contrario, non vuole essere credibile né trasmettere morali o "messaggi" di alcun tipo. Ciò che interessa sono la tensione e il ritmo, perché andare in cerca di significato quando è già tutto sulla superficie? È un gioco degli eccessi fine a se stesso, girato da Dio e montato meglio, punto. Gran film.


Calvinista :sisi:

ovviamente è un blast, soprattutto la prima volta, ci sono almeno 5 feelings diversi negli ultimi 15 minuti

:asd:

p a n z e r
23-01-16, 15:10:37
Non schiaccia nulla, ma è il suo volersi affermare che viene schiacciato da Simmons, che lo umilia sino alla fine, cioè fino a quando non gli dimostra di non aver bisogno di lui per essere quello che vuole, pur tuttavia (visione personale del film) senza rinunciare a qualcuno che ti sproni ("Sì, bravo, ho capito, ora però levati dalle palle che suono")
no dico, è il film che ti schiaccia continuando ad accumulare

le prove estenuanti fino a notte fonda, il tizio si sfonda le mani per continuare a provare, violenza psicologica a non finire, L'INCIDENTE D'AUTO

è esasperante, ed è per questo che ho sentito una sempre maggiore distanza dal film. è un aggiungere compulsivo che per me è solo deleterio

Mah io tutte 'ste pippe su Whiplash non le capisco. Voglio dire, è un film d'intrattenimento senza pretese al di fuori di questo, non è una parabola calvinista (cit.) né il suo contrario, non vuole essere credibile né trasmettere morali o "messaggi" di alcun tipo. Ciò che interessa sono la tensione e il ritmo, perché andare in cerca di significato quando è già tutto sulla superficie? È un gioco degli eccessi fine a se stesso, girato da Dio e montato meglio, punto. Gran film.

se non si discute sui film a che ci serve sta sezione? :morris82: e non potrei essere meno d'accordo sul fatto che sia senza pretese lol

Goodfella
23-01-16, 15:14:11
Ecco, sono d'accordo sull'aggiungere compulsivo, però la narrazione ha un'energia pazzesca che mi fa andare benissimo la cosa

Quattro
23-01-16, 15:33:18
se non si discute sui film a che ci serve sta sezione? :morris82: e non potrei essere meno d'accordo sul fatto che sia senza pretese lol

:morris82:


no dico, è il film che ti schiaccia continuando ad accumulare

le prove estenuanti fino a notte fonda, il tizio si sfonda le mani per continuare a provare, violenza psicologica a non finire, L'INCIDENTE D'AUTO

è esasperante, ed è per questo che ho sentito una sempre maggiore distanza dal film. è un aggiungere compulsivo che per me è solo deleterio

Beh ma togli l'esasperazione togli il film. A me quello è piaciuto, è tutta una questione di approccio.

Siero
23-01-16, 15:41:01
no dico, è il film che ti schiaccia continuando ad accumulare

le prove estenuanti fino a notte fonda, il tizio si sfonda le mani per continuare a provare, violenza psicologica a non finire, L'INCIDENTE D'AUTO

è esasperante, ed è per questo che ho sentito una sempre maggiore distanza dal film. è un aggiungere compulsivo che per me è solo deleterio

se non si discute sui film a che ci serve sta sezione? :morris82: e non potrei essere meno d'accordo sul fatto che sia senza pretese lol

comunque è incastrato bene nella logiche narrative, un supercattivo maestro e un superdiletto allievo.
insomma non è così esagerato da compromettere la credibilità del film. un film, cinema
poi per forza di cose maggiore è lo "schiacciamento" maggiore sarà la beatificazione nella risoluzione finale, il superamente dello scoglio tra l'allievo e il maestro.
soluzione affidata praticamente ad una esecuzione strumentale.

per il resto sono d'accordo con goodfella, il film è impeccabile, classico, semplice, senza nessuna pretesa di fungere da perno per chi sa quali giudizi estetici. :asd: davvero tecnicamente non capisco cos'ha che non va... a parte considerazioni personali, l'unica critica che si potrebbe fare prenderebbe una piega ideologica e morale... aspetto delucidazioni da Powna perchè in quelle due righe ho letto solo una certa ideologia.

Goodfella
23-01-16, 15:53:44
comunque è incastrato bene nella logiche narrative

Ecco, non avrei potuto metterla meglio di così :asd:

Gabe Krios
23-01-16, 16:02:49
Piccoli Brividi

Film simpatico per ragazzi. La trama è abbastanza originale ma la licenza usata male in quanto dei mille mila mostri inventati da R.L Stine ne vengono riproposti solo un 5 o 6.

Goodfella
23-01-16, 16:07:45
Dio piccoli brividi :tragic: quanti ricordi!

Womb
23-01-16, 17:11:45
Io più che self made man (anche perché di self made man non ha niente lui) ho visto il mettere in questione un'ossessione che si può trovare in entrambi i personaggi, quella tendenza a spingersi sempre di più, dannosa e autodistruttiva. Poi oh, alla fine è una storia semplice chiara e concisa narrata in modo graffiante, energico, montata veramente da dio. C'è da dire che del protagonista fregava na sega, ma perché era uno stronzo fatto e finito, ma gli ultimi 15 minuti, anche se non coinvolgono, sono tecnicamente una meraviglia.
Non condivido semplicemente le tue osservazioni, ci ho visto molto meno, non credo ci si possa discutere molto :asd:
E' il finale imho che lo consacra uomo "arrivato", durante la narrazione sono d'accordo che non lo sia.


non ci ho capito niente
mi piacerebbe capire però

cioé non ho capito il soggetto self-made, e lettura psicologica e morale (attenzione alla morale :l4gann:)

Non capisco né cosa non ti è chiaro né quale "ideologia" tu ci veda.


Mah io tutte 'ste pippe su Whiplash non le capisco. Voglio dire, è un film d'intrattenimento senza pretese al di fuori di questo, non è una parabola calvinista (cit.) né il suo contrario, non vuole essere credibile né trasmettere morali o "messaggi" di alcun tipo. Ciò che interessa sono la tensione e il ritmo, perché andare in cerca di significato quando è già tutto sulla superficie? È un gioco degli eccessi fine a se stesso, girato da Dio e montato meglio, punto. Gran film.

E si ritorna a Mad Max: Fury road. Perché se il film non pretende o non presta attenzione a certi aspetti io non posso dirmi infastidito o sottolineare una mancanza? Perché è "d'intrattenimento"? (Anzi, mi mettete per iscritto cosa questo implica?) Non mi dite "il film non vuole questo" etc. Il cinema va giudicato in quanto unità, non sono io a dirlo, non capisco questa tendenza alla dissezione. Poi, vabé, la chiusura del discorso con la sentenza ineluttabile, la lascio lì :asd:

EDIT: Convincimi poi che il film non voglia portare un discorso morale sul consequenzialismo di Simmons, quando una certa rivelazione (sussurrata, vero) è uno snodo narrativo ed esplicitamente atta a cambiare (quasi diametralmente) la visione dello spettatore nei confronti della sua figura, oltre che quella che di lui ha il mondo narrativo.

Brother's Killer
23-01-16, 17:14:24
Non mi ricordo quali erano le tue argomentazioni contro Fury Road :unsisi:

dante3vergil
23-01-16, 17:16:14
no dico, è il film che ti schiaccia continuando ad accumulare

le prove estenuanti fino a notte fonda, il tizio si sfonda le mani per continuare a provare, violenza psicologica a non finire, L'INCIDENTE D'AUTO

è esasperante, ed è per questo che ho sentito una sempre maggiore distanza dal film. è un aggiungere compulsivo che per me è solo deleterio

se non si discute sui film a che ci serve sta sezione? :morris82: e non potrei essere meno d'accordo sul fatto che sia senza pretese lol

Mmm è una critica un po' "sterile" perché è come se io criticassi il Titanic dicendo "eh ma che palle, sono sempre su sta nave"; cioè togliendo quello che dici ti, togli il film; l'incidente d'auto, e quello che ne consegue, è il culmine del processo autodistruttivo che il protagonista ha percorso
Anzi, l'essere esasperate, il trasmettere tutta quest'ansia e questa frustrazione dovrebbe farti avvicinare al protagonista, imho

Womb
23-01-16, 17:26:28
Non mi ricordo quali erano le tue argomentazioni contro Fury Road :unsisi:

Lasciamo in pace i cadaveri, pls :rickds:

Brother's Killer
23-01-16, 17:29:06
Lasciamo in pace i cadaveri, pls :rickds:

Manco ci abbiamo discusso seriamente sopra, è ora di farlo :ahsisi:

Womb
23-01-16, 18:28:24
Manco ci abbiamo discusso seriamente sopra, è ora di farlo :ahsisi:
Nah, non sono in vena.

Stasera guardo "Fuoco cammina con me", che trovo molto piú interessante da discutere pur non avendolo ancora visto, da quale Twin Peaks prende linfa? La serie ha più bassi che alti, e ho paura che guardare la storia dell'assassinio mettersi in atto ne rovini un po' l'aura (battuta non intenzionale :kep88:)

p a n z e r
23-01-16, 18:30:11
Mmm è una critica un po' "sterile" perché è come se io criticassi il Titanic dicendo "eh ma che palle, sono sempre su sta nave"; cioè togliendo quello che dici ti, togli il film; l'incidente d'auto, e quello che ne consegue, è il culmine del processo autodistruttivo che il protagonista ha percorso
Anzi, l'essere esasperate, il trasmettere tutta quest'ansia e questa frustrazione dovrebbe farti avvicinare al protagonista, imho

capisco il senso dell'iperbole, ma è abbastanza fuorviante. l'intenzione è chiara e non la critico in sé, critico il risultato finale. capisco la volontà di mostrare una storia di affermazione di sé e sacrificio, ma QUESTA storia non la trovo coinvolgente. poi non vorrei buttarla nel banale reame del soggettivo, ma se tutto ciò ti ha portato ad avvicinarti al protagonista ben venga, per me non è successo. non più di quanto mi possa sentire vicino alle giovani reclute date in pasto al sergente hartman, e batto di nuovo su questo punto per sottolineare quanto sia esagerato il personaggio di simmons.

Marte89
23-01-16, 18:31:22
Non condivido semplicemente le tue osservazioni, ci ho visto molto meno, non credo ci si possa discutere molto :asd:
E' il finale imho che lo consacra uomo "arrivato", durante la narrazione sono d'accordo che non lo sia.



Non capisco né cosa non ti è chiaro né quale "ideologia" tu ci veda.



E si ritorna a Mad Max: Fury road. Perché se il film non pretende o non presta attenzione a certi aspetti io non posso dirmi infastidito o sottolineare una mancanza? Perché è "d'intrattenimento"? (Anzi, mi mettete per iscritto cosa questo implica?) Non mi dite "il film non vuole questo" etc. Il cinema va giudicato in quanto unità, non sono io a dirlo, non capisco questa tendenza alla dissezione. Poi, vabé, la chiusura del discorso con la sentenza ineluttabile, la lascio lì :asd:

EDIT: Convincimi poi che il film non voglia portare un discorso morale sul consequenzialismo di Simmons, quando una certa rivelazione (sussurrata, vero) è uno snodo narrativo ed esplicitamente atta a cambiare (quasi diametralmente) la visione dello spettatore nei confronti della sua figura, oltre che quella che di lui ha il mondo narrativo.

Non sempre e non per forza :ahsisi:

Prince Wolf
23-01-16, 18:36:19
Io oltre a ichi the killer...[CUT]

Pensavo di essere l'unico talmente malato da guardarlo e apprezzarlo. :rickds:


Ieri visto THEY LIVE di Carpenter del 1988 con protagonista Roddy Piper, WWE Hall Of Famer scoparso da poco. L'ho trovato simpaticissimo e schizzato, alcune derive che prende m'hanno esaltato tantissimo :rickds:
Che ne pensate voi?

Togg
23-01-16, 18:38:47
Ne approfitto per ringraziare nuovamente tutte le divinità possibili per essere riuscito a schivare Whiplash :asd:

Jaga
23-01-16, 18:47:49
Io oltre a ichi the killer (che mi è piaciuto tutto sommato, ma è decisamente troppo delirante per i miei gusti) ho visto solo 13 assassini (stupendo) e Audition, questo sì un capolavoro :ahsisi:
Sento parlar bene di gozu, visitor q e dead or alive ma per il resto davvero non saprei da dove cominciare, ha fatto sul serio qualcosa come 80 film in poco più di 20 anni :morristend: solo nel 2001 ne ha sparati sette.

Volevo cominciare a vedere qualcosa di Miike (ho visto solo Ichi), ma ha fatto troppa roba ***** :rickds: ma quanta roba gira :rickds: stronzo :rickds:
Con Miike io di solito vado abbastanza a caso nel recuperare i suoi film e non sono mai rimasto deluso. Ti consiglio di partire da qualcosa di "easy" (nel senso di narrativamente lineare) tipo Rainy Dog, Shinjuku Triad Society, 13 assassini, Il canone del male o Audition. Poi una volta inquadrato il regista e il suo stile puoi anche passare a roba più malata come Gozu, Visitor Q e Izo. Personalmente mi sono piaciuti molto nella loro follia anche Dead Or Alive e Zebraman.

Marte89
23-01-16, 18:50:41
Ne approfitto per ringraziare nuovamente tutte le divinità possibili per essere riuscito a schivare Whiplash :asd:

Non l'avevi visto? Ricordo benissimo il famoso commento "calvinista" :morris82:

Goodfella
23-01-16, 18:58:31
Steve Jobs è bellissimo :sisi:

Brother's Killer
23-01-16, 18:59:42
Non l'avevi visto? Ricordo benissimo il famoso commento "calvinista" :morris82:

Ma lui aveva deciso a priori che fosse calvinista :sisi:

Togg
23-01-16, 19:07:50
Non l'avevi visto? Ricordo benissimo il famoso commento "calvinista" :morris82:

lo diceva un amico, io mi sono solo sorbito il finale durante la presentazione di un collega.

Siero
23-01-16, 19:08:05
Non capisco né cosa non ti è chiaro né quale "ideologia" tu ci veda.

E si ritorna a Mad Max: Fury road. Perché se il film non pretende o non presta attenzione a certi aspetti io non posso dirmi infastidito o sottolineare una mancanza? Perché è "d'intrattenimento"? (Anzi, mi mettete per iscritto cosa questo implica?) Non mi dite "il film non vuole questo" etc. Il cinema va giudicato in quanto unità, non sono io a dirlo, non capisco questa tendenza alla dissezione. Poi, vabé, la chiusura del discorso con la sentenza ineluttabile, la lascio lì :asd:

EDIT: Convincimi poi che il film non voglia portare un discorso morale sul consequenzialismo di Simmons, quando una certa rivelazione (sussurrata, vero) è uno snodo narrativo ed esplicitamente atta a cambiare (quasi diametralmente) la visione dello spettatore nei confronti della sua figura, oltre che quella che di lui ha il mondo narrativo.

secondo me la chiarezza è la miglior virtù.
non ho capito "si demolisce il self-made per riaffermarlo" e "tagliando ad affettate la lettura psicologica e morale"

poi...
riguardo l'EDIT non c'è da convincerti. e così. il problema dove sta, se non nell'ideologia? in cui non ti rispecchi...

cioè, mi dici "dove la vedi l'ideologia" ma continui a parlare di morale...

Wurdalak
23-01-16, 19:17:08
Whiplash è un film sportivo, mascherato da film musicale, girato come un action-thriller. Boh, a me è piaciuto molto. Più che altro non è chiarissimo il messaggio che vuole dare il film, a causa di quel sorrisetto d'intesa finale.

Goodfella
23-01-16, 19:25:53
lo diceva un amico, io mi sono solo sorbito il finale durante la presentazione di un collega.

Il finale è lezione di montaggio. Negare questo sarebbe come dire che la vaggina non esiste :rickds:

dante3vergil
23-01-16, 19:31:05
capisco il senso dell'iperbole, ma è abbastanza fuorviante. l'intenzione è chiara e non la critico in sé, critico il risultato finale. capisco la volontà di mostrare una storia di affermazione di sé e sacrificio, ma QUESTA storia non la trovo coinvolgente. poi non vorrei buttarla nel banale reame del soggettivo, ma se tutto ciò ti ha portato ad avvicinarti al protagonista ben venga, per me non è successo. non più di quanto mi possa sentire vicino alle giovani reclute date in pasto al sergente hartman, e batto di nuovo su questo punto per sottolineare quanto sia esagerato il personaggio di simmons.

Credi di aver capito il tuo punto di vista, ma non lo condivido, e ahimè c'è poco di cui discutere :sisi: ciò che quindi non ti ha fatto piacere il film è questa esagerazione?


Ne approfitto per ringraziare nuovamente tutte le divinità possibili per essere riuscito a schivare Whiplash :asd:

Beh, peggio per te :asd:

Whiplash è un film sportivo, mascherato da film musicale, girato come un action-thriller. Boh, a me è piaciuto molto. Più che altro non è chiarissimo il messaggio che vuole dare il film, a causa di quel sorrisetto d'intesa finale.
Alla fine Fletcher gli dice "good job"

Womb
23-01-16, 19:42:37
secondo me la chiarezza è la miglior virtù.
non ho capito "si demolisce il self-made per riaffermarlo" e "tagliando ad affettate la lettura psicologica e morale"

poi...
riguardo l'EDIT non c'è da convincerti. e così. il problema dove sta, se non nell'ideologia? in cui non ti rispecchi...

cioè, mi dici "dove la vedi l'ideologia" ma continui a parlare di morale...

Grazie dell'editoriale sullo scrivere bene :D
Si demolisce la mitica figura del self-made man (Simmons) per poi consacrare un protagonista che ne incarna gli stessi ideali e che sí, un po' calvinista lo è, per quanto possa essere divertente. Quindi il discorso decostruttivo dell'ideologia (il problema è lo sposalizio con un'ideologia, non il mio disapprovarla) viene troncato ad un certo punto del film proprio per ribaltarne il senso (discorso su cui ci sarebbe da parlare ma divagherei).
Il discorso della morale va di pari passo con quello dell'ideologia :)

Togg
23-01-16, 20:22:53
Il finale è lezione di montaggio. Negare questo sarebbe come dire che la vaggina non esiste :rickds:

Naa altro che lezione, è tutto sul ritmino della musica. Per me le possibilità del montaggio sono Ben Altre.

Siero
23-01-16, 20:24:42
Grazie dell'editoriale sullo scrivere bene :D
Si demolisce la mitica figura del self-made man (Simmons) per poi consacrare un protagonista che ne incarna gli stessi ideali e che sí, un po' calvinista lo è, per quanto possa essere divertente. Quindi il discorso decostruttivo dell'ideologia (il problema è lo sposalizio con un'ideologia, non il mio disapprovarla) viene troncato ad un certo punto del film proprio per ribaltarne il senso (discorso su cui ci sarebbe da parlare ma divagherei).
Il discorso della morale va di pari passo con quello dell'ideologia :)

oh yes... quindi parliamo di ideologia. :sisi:
ma non mi trovo... la figura dell'uomo-fatto-da-se non mi sembra sia messa in dubbio, o demolita, mai nel film, tanto che la consacrazione alla fine è di entrambi non solo del protagonista. alla fine simmons si toglie la giacca e rimane in maglia nera, come quando insegnava al berklee.

Natan
23-01-16, 20:42:08
Ne approfitto per ringraziare nuovamente tutte le divinità possibili per essere riuscito a schivare Whiplash :asd:
http://i.imgur.com/leSmjD2.gif

Womb
23-01-16, 20:43:47
oh yes... quindi parliamo di ideologia. :sisi:
ma non mi trovo... la figura dell'uomo-fatto-da-se non mi sembra sia messa in dubbio, o demolita, mai nel film, tanto che la consacrazione alla fine è di entrambi non solo del protagonista. alla fine simmons si toglie la giacca e rimane in maglia nera, come quando insegnava al berklee.

Secondo me il siparietto dell'alunno suicida la vorrebbe mettere in dubbio (è quello a cui accennavo prima con l'edit) con certe sottolineature registiche che mi pare di ricordare, ma ripeto il film non è stato difficile da rimuovere. :ahsisi:

Siero
23-01-16, 20:51:58
Secondo me il siparietto dell'alunno suicida la vorrebbe mettere in dubbio (è quello a cui accennavo prima con l'edit) con certe sottolineature registiche che mi pare di ricordare, ma ripeto il film non è stato difficile da rimuovere. :ahsisi:

questo lo avevo proprio dimenticato...

ma invece che una momentanea perdita di senso verso la sua self-madealità, mi sembra più un modo di stringere verso l'intransigenza della suo essere. che poi sti "trucchi" su eventi passati sono un classico in questi tipi di personaggi.

comunque il film rimane semplice per me, come ho detto, e scorrevole. ha la chicca dello snodo del contrasto tramite un'esecuzione musicale, bella, senza svolazzi, come in 900...

Womb
23-01-16, 21:25:47
questo lo avevo proprio dimenticato...

ma invece che una momentanea perdita di senso verso la sua self-madealità, mi sembra più un modo di stringere verso l'intransigenza della suo essere. che poi sti "trucchi" su eventi passati sono un classico in questi tipi di personaggi.

comunque il film rimane semplice per me, come ho detto, e scorrevole. ha la chicca dello snodo del contrasto tramite un'esecuzione musicale, bella, senza svolazzi, come in 900...

E per me rimane mediocre. Amen :sisi:
Perchê, anche accantonando questo discorso se si vuole farlo, la mia lamentela maggiore era sull'indifferenza a fine visione

Siero
23-01-16, 21:43:37
Naa altro che lezione, è tutto sul ritmino della musica. Per me le possibilità del montaggio sono Ben Altre.

la scena in cui lui va a suonare per la prima volta, mi sembra, con simmons è una lezione di montaggio a tutti gli effetti. :leon:

Togg
23-01-16, 22:04:34
http://i.imgur.com/leSmjD2.gif

Già i pochi fotogrammi della gif mi danno sui nervi.


la scena in cui lui va a suonare per la prima volta, mi sembra, con simmons è una lezione di montaggio a tutti gli effetti. :leon:

Dipende da chi e come uno vuole prendere lezioni.

TestaMatta89
23-01-16, 22:17:42
Sarà, ma a me sembra che stiate facendo discorsi inutili.
Fatto da sé, aiutato da altri, talento innato o costruito, non capisco cosa cambi. Se ci fosse un messaggio, o più di uno, chiari od ambigui, la qualità del film cambierebbe?
Non c'è una risposta univoca a queste domande nella realtà, e dovrebbe darcela un film?
Boh, non vi capisco.

Siero
23-01-16, 22:20:28
Si ma rimane una lezione, da manuale di scuola. Poi uno può preferire altri modi di montare immagine e suono, o concepire la scena proprio. Ma a certi meccanismi non si scappa, non possono non funzionare.

Inviato dal mio HTC One utilizzando Tapatalk

Togg
23-01-16, 22:37:43
Si ma rimane una lezione, da manuale di scuola. Poi uno può preferire altri modi di montare immagine e suono, o concepire la scena proprio. Ma a certi meccanismi non si scappa, non possono non funzionare.

Inviato dal mio HTC One utilizzando Tapatalk

Perdonami, ho sempre detestato i manuali. Penso non facciano bene e sia legittimo metterli in discussione. Poi fai te, pure Farmville impiega tecniche da manuale.
"Funzionare" vuol dire poco.

Siero
23-01-16, 22:50:06
Perdonami, ho sempre detestato i manuali. Penso non facciano bene e sia legittimo metterli in discussione. Poi fai te, pure Farmville impiega tecniche da manuale.
"Funzionare" vuol dire poco.
Io non sono un montatore ma credo come per qualsiasi altra arte o cosa, prima di metterle da parte le cose vanno studiate, devi sapere cosa metti da parte.

Comunque hai preso troppo alla lettera la parola manuale. Anche Pirlo tira punizione da manuale, ma non penso che quando il cronista lo dice intenda che prima di entrare in campo dia una sfogliata al libro "i segreti per far goal" :asd:

Poi se neanche hai visto il film non so si che parliamo...

TestaMatta89
23-01-16, 22:55:09
Io non sono un montatore ma credo come per qualsiasi altra arte o cosa, prima di metterle da parte le cose vanno studiate, devi sapere cosa metti da parte.

Comunque hai preso troppo alla lettera la parola manuale. Anche Pirlo tira punizione da manuale, ma non penso che quando il cronista lo dice intenda che prima di entrare in campo dia una sfogliata al libro "i segreti per far goal" :asd:

Come no??? Lo dice pure Altafini... :trollface:

Womb
23-01-16, 23:02:07
Sarà, ma a me sembra che stiate facendo discorsi inutili.
Fatto da sé, aiutato da altri, talento innato o costruito, non capisco cosa cambi. Se ci fosse un messaggio, o più di uno, chiari od ambigui, la qualità del film cambierebbe?
Non c'è una risposta univoca a queste domande nella realtà, e dovrebbe darcela un film?
Boh, non vi capisco.

Ti è tutto chiaro, vai tranquillo :ahsisi:

Brother's Killer
23-01-16, 23:08:48
L'idea del manuale è che uno impara le basi di un linguaggio, ma poi deve applicarle ai discorsi che vuole fare lui e sperimentare mica ripetere tutto pedissequamente :asd: Il discorso di Togg è comprensibile in questo senso.

dante3vergil
23-01-16, 23:25:40
la scena in cui lui va a suonare per la prima volta, mi sembra, con simmons è una lezione di montaggio a tutti gli effetti. :leon:
Dici quando il primo concertino? Perché il montaggio pazzesco lo si ha quando suonano Caravan, a mio parere

Togg
24-01-16, 12:58:45
anche Minnie et Moskowitz di Cassavetes mi ha convinto poco. Tutta sta cosa del lui rude e puro e lei che ha bisogno di questo è creata in modo meccanico e con puntellature continue. Diventa retorico e piatto alla velocità della luce.

Ricapitolando, me ne manca solo uno, belle notizie per chi deve recuperare Cassavetes. Questi sono i da vedere per me:


Husbands (1970)
A Woman Under the Influence (1974)
The Killing of a Chinese Bookie (1976)
Opening Night (1977)
Love Streams (1984)

Brother's Killer
24-01-16, 13:16:39
Dei primissimi (Shadows e Too Late Blues) cosa ne pensi? Faces l'hai visto?

Togg
24-01-16, 16:43:34
Shadows importante ok. Too Late Blues vedibile. Faces così.

Rage Against
24-01-16, 23:15:03
Mad Max: Fury Road
Odio quando un film acclamato dalla maggioranza non mi piace.
Tecnicamente e stilisticamente è ottimo, ma per il resto mi è piaciuto davvero poco.

Voglio dire una cagata, è un film trash alla Robert Rodriguez ma girato in modo eccellente. :asd:

Lucignolo
24-01-16, 23:18:21
Ho visto Revenant

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=950602135024410&substory_index=0&id=664639783620648

Wurdalak
24-01-16, 23:55:45
Mad Max: Fury Road
Odio quando un film acclamato dalla maggioranza non mi piace.
Tecnicamente e stilisticamente è ottimo, ma per il resto mi è piaciuto davvero poco.

Voglio dire una cagata, è un film trash alla Robert Rodriguez ma girato in modo eccellente. :asd:

Anch'io c'ho trovato un sacco di somiglianze con rodriguez. Solo che a me il film è piaciuto un botto (sarà che mi piace molto anche rodriguez, non lo so :rickds: ).

Rage Against
25-01-16, 00:15:47
Anch'io c'ho trovato un sacco di somiglianze con rodriguez. Solo che a me il film è piaciuto un botto (sarà che mi piace molto anche rodriguez, non lo so :rickds: ).

Ah, allora ci sta. :asd:
A me sti film folli e un po trash non piacciono. L'unico che mi viene in mente che mi piace è Dal Tramonto All'alba, anche se pure questo negli ultimi venti minuti diventa ridicolo. :rickds:

dante3vergil
25-01-16, 00:36:16
Mad Max: Fury Road
Odio quando un film acclamato dalla maggioranza non mi piace.
Tecnicamente e stilisticamente è ottimo, ma per il resto mi è piaciuto davvero poco.

Voglio dire una cagata, è un film trash alla Robert Rodriguez ma girato in modo eccellente. :asd:
Il fatto è che ha così tanto stile e gusto nella maniera in cui è girato e montato, che fa passare in secondo piano i difetti :sasa:

Togg
25-01-16, 00:56:40
Bread and Roses, Ken Loach
Storia sociale di migranti negli USA. I personaggi mancano di potenza secondo me, restano ingabbiati nel dispositivo didattico che interessa a Loach e che fra l'altro ha aspirazioni politiche molto ristrette. La regia resta chiusa sulla stessa linea, focali normali che tagliano personaggi e situazioni a misura di elemento.
Vedibile.


Mad Max: Fury Road
è un film trash alla Robert Rodriguez ma girato in modo eccellente. :asd:

magari fosse più trashoso :tragic:

Il Commodoro
25-01-16, 01:25:46
Mad Max: Fury Road
Odio quando un film acclamato dalla maggioranza non mi piace.
Tecnicamente e stilisticamente è ottimo, ma per il resto mi è piaciuto davvero poco.

Voglio dire una cagata, è un film trash alla Robert Rodriguez ma girato in modo eccellente. :asd:
Cosa non ti è piaciuto? Non dire la storia per favore :morristend:

S1lent17
25-01-16, 02:00:34
Cosa non ti è piaciuto? Non dire la storia per favore :morristend:

Quello che dicono alcune persone che conosco.
Io me lo sono visto poco fa e mi dicevano da giorni sapendo che dovevo vederlo: "vedrai che cagata, 2 ore di inseguimento, trama quasi inesistente".
Io già avevo una mezza idea, ma aspettavo di vederlo per potermi confrontare :asd:

Dunque, l'ho visto poco fa e mi è piaciuto davvero tanto. Che scene d'azione pazzesche. C'è una regia ed un montaggio da far paura. Riesci a vivere quelle situazioni quasi come se fossi lì anche tu, veloci, adrenaliniche e pericolose. Qualcosa davvero di altissimo livello.

A quei miei amici che lo criticavano non ho detto nulla prima di vederlo come scritto sopra, ma dentro di me già pensavo: "Certo che se si critica Mad Max per la trama, boh. E' come giocare a DooM e dire che fa schifo perchè non ha una trama alla MGS."
Infatti domani mi limiterò a dire le cose semplici scritte in questo commento. Ci stà che un film del genere possa non interessare, ma dire che fa schifo perchè è solo un inseguimento di 2 ore con 0 trama NO!

Comunque gli do un 9, voto alto, ma quello che vuole dare, lo dà e ad altissimi livelli.

:blbl:

Brother's Killer
25-01-16, 08:44:54
Cavolo ho trovato Il Figlio di Saul di Lazslo Nemez insopportabile. Film basato sul pedinamento di un personaggio che però risulta respingente tutto il tempo. Tratteggiato da una sola caratteristica e si comporta in modo idiota vagando in maniera poco interessante per tutto il tempo. Inoltre l'idea connotare le sue azioni positivamente in contrasto al "limbo morale" del mondo esterno (sempre fuori fuoco) crea un'omologazione fra carnefici e oppressi che ho trovato non meno retorico del solito impianto manicheo sull'olocausto. Anzi almeno l'impianto manicheo implica il prendere una posizione, questo è veramente repellente. Ed il finale non fa che aggravare la situazione. Mi aspettavo moooolto di più da come ne avevo sentito parlare, grandissima delusione :tristenev:

Togg
25-01-16, 09:56:55
Cavolo ho trovato Il Figlio di Saul di Lazslo Nemez insopportabile. Film basato sul pedinamento di un personaggio che però risulta respingente tutto il tempo. Tratteggiato da una sola caratteristica e si comporta in modo idiota vagando in maniera poco interessante per tutto il tempo. Inoltre l'idea connotare le sue azioni positivamente in contrasto al "limbo morale" del mondo esterno (sempre fuori fuoco) crea un'omologazione fra carnefici e oppressi che ho trovato non meno retorico del solito impianto manicheo sull'olocausto. Anzi almeno l'impianto manicheo implica il prendere una posizione, questo è veramente repellente. Ed il finale non fa che aggravare la situazione. Mi aspettavo moooolto di più da come ne avevo sentito parlare, grandissima delusione :tristenev:

Veramente io ne avevo parlato malissimo :ahsisi:
E' proprio il solito impianto solo peggiorato X1000 dalla messa in scena finto materiale.

Quattro
25-01-16, 10:32:39
E si ritorna a Mad Max: Fury road. Perché se il film non pretende o non presta attenzione a certi aspetti io non posso dirmi infastidito o sottolineare una mancanza? Perché è "d'intrattenimento"? (Anzi, mi mettete per iscritto cosa questo implica?) Non mi dite "il film non vuole questo" etc. Il cinema va giudicato in quanto unità, non sono io a dirlo, non capisco questa tendenza alla dissezione. Poi, vabé, la chiusura del discorso con la sentenza ineluttabile, la lascio lì :asd:

EDIT: Convincimi poi che il film non voglia portare un discorso morale sul consequenzialismo di Simmons, quando una certa rivelazione (sussurrata, vero) è uno snodo narrativo ed esplicitamente atta a cambiare (quasi diametralmente) la visione dello spettatore nei confronti della sua figura, oltre che quella che di lui ha il mondo narrativo.

Ho avuto lo stesso dejà-vu. :asd: Sapevo che non dovevo usare quella parola. Ciò che voglio dire è che secondo me bisogna valutare i diversi aspetti dei film in base all'importanza relativa agli obiettivi che si pone. In parole povere fare una media pesata, piuttosto che una secca media aritmetica. Poi dipende anche dal tipo di approccio dello spettatore, da ciò che egli cerca e da ciò che si aspetta. Una critica "totale" è possibile, ma non è ciò che interessa a me. (perché di soggetti si tratta) Nel senso, penso basti leggere qualche mio commento a caso o dare una rapida occhiata ai voti che sparo per farsi un'idea di quanto mi affidi a criteri "oggettivi" di valutazione. :asd: Insomma la tua critica è plausibile e perfettamente ragionevole, non voglio né potrei in alcun modo negarlo; le nostre divergenze sono, a mio modo di vedere, fondamentalmente una questione di prospettiva.

Tu dici che Whiplash demolisce il self-made man per riabilitarlo; io trovo che sia una lettura perfettamente plausibile ma un po' fuori fuoco. Perché questa demolizione/riaffermazione non è il fine di Chazelle, ma il mezzo attraverso cui amplificare la già esasperata tensione del film. Non vuole raccontare la parabola del self-made man utilizzando il conflitto fra allievo/i e maestro, ma il contrario. In quest'ottica, addirittura il jazz in sé è un elemento collaterale: avrebbe potuto ottenere risultati analoghi con qualsiasi altro tipo di musica o disciplina in generale (un film "sportivo" come lo ha definito supermario96). Per questo quando penso a ciò che mi è piaciuto in Whiplash non penso alla trama in sé, o ai personaggi in sé (che, fra parentesi, mi sono piaciuti moltissimo), ma al suo elemento essenziale (tensione, esasperazione) e a come i diversi elementi concorrano per restituire l'esperienza desiderata. Certamente esistono casi in cui gli elementi collaterali finiscono per offuscare i meriti principali, ma non è questo il caso. Il primo esempio che mi viene in mente è Sicario: thriller poderoso, tecnicamente colossale, ma sceneggiatura piatta, per cui il voto non fu all'altezza del lavoro. Il problema in Sicario era che il film si proponeva, oltre alla costruzione della tensione, anche di fare un discorso di tipo amorale: ci puntava, e in questo ha fallito. (Non saprei dire in base a cosa si riescano a distinguere gli argomenti "centrali" da quelli "periferici", in parte è di nuovo una questione di approccio, ma non del tutto.) Fatto sta che se la sceneggiatura fosse stata meno pretenziosa, a parità di "trama" mi sarei goduto molto di più il film. Se The raid avesse voluto prendersi sul serio, forse non lo avrei adorato così tanto. È un discorso un po' complicato da fare e credo di non aver scritto abbastanza, né abbastanza bene, ma spero di essere riuscito a trasmettere almeno un frammento di ciò che cerco di dire, senza pretendere di far cambiare idea a nessuno.

La chiusura sentenziosa è lì per esserci, non c'è bisogno di prendere tutto sul serio. :asd: Un po' come con Whiplash. :ahsisi: (anche questa è una chiusura sentenziosa da non prendere necessariamente sul serio)



Ne approfitto per ringraziare nuovamente tutte le divinità possibili per essere riuscito a schivare Whiplash :asd:

Ma via. :rickds:


Già i pochi fotogrammi della gif mi danno sui nervi.

Ma per favore. :rickds:


Steve Jobs è bellissimo :sisi:

Letto il tuo commento di là, bene così. Vidi il trailer al cinema per The Force awakens e benché per principio questo tipo di biografia da avvoltoio mi disgusti abbastanza l'effetto era notevole. Non so se lo vedrò al cinema, ma quando passerà in TV non lo perderò.


Ah, allora ci sta. :asd:
A me sti film folli e un po trash non piacciono. L'unico che mi viene in mente che mi piace è Dal Tramonto All'alba, anche se pure questo negli ultimi venti minuti diventa ridicolo. :rickds:

Guardati Planet terror. :predicatore:

Wurdalak
25-01-16, 10:59:51
Ah, allora ci sta. :asd:
A me sti film folli e un po trash non piacciono. L'unico che mi viene in mente che mi piace è Dal Tramonto All'alba, anche se pure questo negli ultimi venti minuti diventa ridicolo. :rickds:

Non a caso il miglior rodriguez (almeno per me, c'è gente che mi riderebbe in faccia citandomi machete o sin city, ma solo la scena iniziale e la scena con salma hayek lo rendono un film imperdibile e superiore a tutti gli altri di rodriguez).

Rage Against
25-01-16, 11:04:17
Cosa non ti è piaciuto? Non dire la storia per favore :morristend:È proprio questo il paradosso: non so dire cosa non mi è piaciuto, si vede che è proprio il genere di film che non mi piace. Mi ha pure annoiato in certi punti.
E non riesco a capire com'è possibile che a me non sia piaciuto, mentre da altri è cosi estremamente esaltato (pure agli Oscar).
Però vabbè, ogni tanto capita a ognuno di noi. :asd:



Guardati Planet terror. :predicatore:Lo volevo giusto citare: anni fa ne ero riuscito a vedere 20 minuti prima di spegnere, e l'ho regalato ad un mio amico. :rickds:

- - - Aggiornato - - -




Non a caso il miglior rodriguez (almeno per me, c'è gente che mi riderebbe in faccia citandomi machete o sin city, ma solo la scena iniziale e la scena con salma hayek lo rendono un film imperdibile e superiore a tutti gli altri di rodriguez).Beh, c'è anche la sceneggiatura di un certo Tarantino. Sin City è un filmone per quanto mi riguarda, proprio di un altro livello. Una Donna Per Uccidere, invece, uno dei film più brutti che abbia visto negli ultimi anni.

Wurdalak
25-01-16, 11:06:41
Io ci sono affezionato a rodriguez, più che altro perchè da piccolo guardavo sempre i vari spy kids :rickds:
In generale, per quanto sappia girare bene, è un pò la versione più cazzona e (molto) meno talentuosa di tarantino. Non è un caso che i due siano amiconi è che il miglior film di rodriguez l'abbia scritto tarantino :ahsisi:

Rage Against
25-01-16, 11:21:52
Io ci sono affezionato a rodriguez, più che altro perchè da piccolo guardavo sempre i vari spy kids :rickds:
In generale, per quanto sappia girare bene, è un pò la versione più cazzona e (molto) meno talentuosa di tarantino. Non è un caso che i due siano amiconi è che il miglior film di rodriguez l'abbia scritto tarantino :ahsisi:Madonna Spy Kids :asd:
Qualche giorno fa c'era il 3 su Sky...Che trashata allucinante :rickds:

dante3vergil
25-01-16, 12:00:32
Madonna Spy Kids :asd:
Qualche giorno fa c'era il 3 su Sky...Che trashata allucinante :rickds:
Ma trashata cosa, è belliffimo :3
Anche se il primo è imbattibile "Allo schiocco delle mie dita, le mie dita schioccano te" :whawha:

Steeb
25-01-16, 12:18:49
la cosa più bella di spy kids è il forno micro onde

Il Commodoro
25-01-16, 14:48:09
CUT
Capisco perfettamente, è un film molto particolare, proprio per questo può non piacere. :morris82:


Quello che dicono alcune persone che conosco.
Io me lo sono visto poco fa e mi dicevano da giorni sapendo che dovevo vederlo: "vedrai che cagata, 2 ore di inseguimento, trama quasi inesistente".
Io già avevo una mezza idea, ma aspettavo di vederlo per potermi confrontare :asd:

Dunque, l'ho visto poco fa e mi è piaciuto davvero tanto. Che scene d'azione pazzesche. C'è una regia ed un montaggio da far paura. Riesci a vivere quelle situazioni quasi come se fossi lì anche tu, veloci, adrenaliniche e pericolose. Qualcosa davvero di altissimo livello.

A quei miei amici che lo criticavano non ho detto nulla prima di vederlo come scritto sopra, ma dentro di me già pensavo: "Certo che se si critica Mad Max per la trama, boh. E' come giocare a DooM e dire che fa schifo perchè non ha una trama alla MGS."
Infatti domani mi limiterò a dire le cose semplici scritte in questo commento. Ci stà che un film del genere possa non interessare, ma dire che fa schifo perchè è solo un inseguimento di 2 ore con 0 trama NO!

Comunque gli do un 9, voto alto, ma quello che vuole dare, lo dà e ad altissimi livelli.

:blbl:
Secondo me Mad Max una trama ce l'ha eccome tra l'altro, semplicemente non è raccontata ma mostrata tramite le immagini. In ogni fotogramma del film è racchiuso un particolare che conduce ad un quadro più ampio rispetto al semplice "insegui e scappa". Basta pensare, oltre agli elementi presenti nel mondo, anche la funzione svolta dai termini usati dai vari personaggi: dietro "Gaswtown", "Bulletfarm", "il latte di madre", "Ammirami", "Mary Jo bassa" e via dicendo c'è davvero una mole di materiale immensa e tutto un mondo da scoprire.

Brother's Killer
25-01-16, 16:01:28
Seul Contre Tous di Gaspar Noé. Notevole, notevolissimo. È interessante che l'abbia visto dopo Il Figlio di Saul visto che cercano di fare entrambi la stessa cosa ma Noé non si nasconde dietro retoriche facili e anzi tenta la via più difficile, la catarsi arriva sentita dopo il nichilismo che si accumula per tutto il film e quando arriva è potentissima. Altro che il nulla del film di Nemez. Appena finito il film mio fratello ha esclamato "fate fare a Noé un film sull'olocausto!" :asd:

Togg
25-01-16, 16:37:05
Il Figlio di Saul è talmente snervante che mi ha quasi spinto dall'inizio a parteggiare per i nazisti di modo che fermassero il corrucciato ambulante.

Robo@nte
25-01-16, 17:24:17
Seul Contre Tous di Gaspar Noé. Notevole, notevolissimo. È interessante che l'abbia visto dopo Il Figlio di Saul visto che cercano di fare entrambi la stessa cosa ma Noé non si nasconde dietro retoriche facili e anzi tenta la via più difficile, la catarsi arriva sentita dopo il nichilismo che si accumula per tutto il film e quando arriva è potentissima. Altro che il nulla del film di Nemez. Appena finito il film mio fratello ha esclamato "fate fare a Noé un film sull'olocausto!" :asd:

visto un bel pò di anni fa, un pugno allo stomaco quel film (in senso positivo) :asd:
Ora che ci penso ancora devo guardarmi Enter the Void, che non sembra affatto male leggendo in giro:unsisi:

Non c'entra molto con il film francese, ma per lo stile e le tecniche narrative adottate dal regista ti consiglio Angst:sisi:

Brother's Killer
25-01-16, 17:35:15
Visto anche Angst, bello pure quello :sisi:

TestaMatta89
26-01-16, 09:43:54
Ho rivisto dopo tanti anni "Indiana Jones e i predatori dell'arca perduta", mi sono divertito come un bambino :nev:
Un film spassosissimo con alcune scene davvero straordinarie, che belli i tempi in cui Lucas e Kasdan scrivevano insieme ste perle :tragic:

Ho visto inoltre per la prima volta "Aliens". Un sequel carino, niente di speciale però per me, è il classico film sci-fi d'azione alla James Cameron, li trovo tutti un po' simili sinceramente.
Il capostipite di Scott è di un'altra categoria per me.

p a n z e r
26-01-16, 13:46:13
via con qualche commentino. sono stato malato nelle ultime settimane e ho visto diversa roba che passavano alla tele, ed è stato orribile. per fortuna non sono mancati i recuperi validi:


il grande silenzio di sergio corbucci. ammetto di essermi avvicinato al film essendo in pieno hype per the hateful eight, ed è anche il primo di corbucci che vedo. una grandissima sorpresa sotto ogni aspetto, corbucci realizza un anti-western cattivissimo. l'ambientazione totalmente innevata è splendida e l'archetipo del cacciatore di taglie come solitario paladino della giustizia viene ribaltato, puntando a una metafora per niente sottile di denuncia del potere. in tutto questo kinski è un villain perfetto.
finale indimenticabile.

honeymoon killers di leonard kastle. decisamente un thriller atipico nei personaggi e in parte nella risoluzione. soprattutto le scene degli omicidi lasciano bene il segno, sono essenziali e per questo colpiscono particolarmente. comprensibile che venga considerato un mezzo cult.

viaggio a tokyo di yasujiro ozu. ogni tanto bisogna esagerare e allora lo dico: è perfetto sotto ogni aspetto. ozu compie un lavoro estremamente preciso nella messa in quadro, sfruttando sempre una buona profondità di campo lasciando così ampissimo respiro ad ambienti e personaggi. una profondità che si riflette proprio nelle meccaniche del dramma messo in atto, quasi sussurrato, che agisce lentamente andando sempre più a fondo.
quasi straziante, per questo bellissimo.

i croods di kirk demicco e chris sanders, iniziamo con le schifezze. non si salva nulla, a partire dalla realizzazione tecnica che nell'arco di due anni risulta già poco apprezzabile, la morale da due soldi di affermazione di sé e ricerca di indipendenza che traballa già dalle primissime battute, e in generale un senso di avventura pressoché nullo. insomma fallisce in tutto.

old school di todd phillips. non particolarmente divertente e più che scontato. poi non che sperassi troppo in luke wilson o vince vaughn, ma pure will ferrell fatica a strappare un sorriso.

being flynn di paul weitz. ruffiano e falsissimo. paul dano sempre insopportabile.

the words di brian klugman e lee sternthal. non così ruffiano e non così falso, ma siamo lì. entrambi poi condividono un modo di approcciarsi alla letteratura che è avvilente a dir poco.

la leggenda del pianista sull'oceano di giuseppe tornatore. non è stato male, ha un buon sapore quasi fiabesco e una bella serie di personaggi interessanti. non mi ha folgorato ma ha un buon ritmo, tiene bene il passo per quasi 3 ore anche grazie a una continua ricerca di nuove trovate.

anime nere di francesco muzi. è... ok? una storia di lotte mafiose e conflitti familiari, l'originalità non sembra essere di casa anche se alla fine comunque convince. regia senza infamia e senza lode.

the shootist di don siegel, si finisce in bellezza. ultima prova per john wayne, il film gioca moltissimo sulla necessità del passaggio di testimone e sulla fine dell'era del western per cui wayne è diventato immortale. impianto molto teatrale, la storia è di un vecchio pistolero volenteroso di saldare gli ultimi conti in sospeso, ma che per lo più lotta con la vecchiaia e i fantasmi del passato.
impianto sì teatrale ma realizzazione assolutamente cinematografica, siegel non avrebbe potuto muoversi (letteralmente, ci sono un paio di camere a mano che bucano lo schermo da quanto sono inaspettate) meglio, sia negli interni che in esterni.
ottima la risoluzione finale nel saloon.

Quattro
26-01-16, 14:02:50
Viaggio a Tokyo. :cuore: A giorni mi dovrei abbonare a MyMovies che ha in catalogo i film restaurati del leggendario Ozu.

p a n z e r
26-01-16, 14:13:27
Viaggio a Tokyo. :cuore: A giorni mi dovrei abbonare a MyMovies che ha in catalogo i film restaurati del leggendario Ozu.

io ho il blu ray proprio per avere contribuito alla campagna kickstarter :sisi: e ora l'intero cofanetto mi fa moooolta gola :asd:

Quattro
26-01-16, 14:16:56
io ho il blu ray proprio per avere contribuito alla campagna kickstarter :sisi: e ora l'intero cofanetto mi fa moooolta gola :asd:

Ben fatto. In bluray dev'essere davvero splendido.

Brother's Killer
26-01-16, 16:11:24
Irreversible di Noé. Ma la gente li guarda i film prima di dire cose come "provocatorio e autocelebrativo"? Ma precisamente cosa mi impedisce di filmare in un certo modo e certe cose senza venir accusato di essere chissà cosa? Soprattutto quando il senso di certi virtuosismi registici e la violenza di fondo sono spiegati chiaramente nell'opera stessa. Come si fa a dire che un certo modo di girare sia "autocelebrativo"? Ma dite le motivazioni per cui l'avete trovato insopportabile il film piuttosto. Capisco che questi film di Noé siano trip emozionali complessi in cui o si riesce ad entrare o si viene completamente repulsi, ma poi non ci inventiamo presunte etichette senza senso da affibbiare ai registi poi.

Goodfella
26-01-16, 19:21:03
Irreversible di Noé. Ma la gente li guarda i film prima di dire cose come "provocatorio e autocelebrativo"? Ma precisamente cosa mi impedisce di filmare in un certo modo e certe cose senza venir accusato di essere chissà cosa? Soprattutto quando il senso di certi virtuosismi registici e la violenza di fondo sono spiegati chiaramente nell'opera stessa. Come si fa a dire che un certo modo di girare sia "autocelebrativo"? Ma dite le motivazioni per cui l'avete trovato insopportabile il film piuttosto. Capisco che questi film di Noé siano trip emozionali complessi in cui o si riesce ad entrare o si viene completamente repulsi, ma poi non ci inventiamo presunte etichette senza senso da affibbiare ai registi poi.

Ma parliamo di quanto è bello il film :predicatore:

Brother's Killer
26-01-16, 19:37:08
Ma parliamo di quanto è bello il film :predicatore:

Un vortice sensoriale. Noé ha una capacità unica di immergere lo spettatore nella pellicola come pochi altri, fartela veramente percepire quasi in maniera tattile, un viaggio esplorativo nella condizione umana dall'interno. L'unico problema a mio parere, ma si presenta soprattutto con Enter the Void, è che questa sua ricerca porta ad un ripetersi interno che non so mai quanto possa funzionare sul lungo periodo. Infatti questo l'ho adorato, Enter the Void alla lunga l'ho trovato esasperante. Ma sempre bello. Vedrò Love.

PS La Bellucci è una cagna, si vede che l'ha presa solo per l'intimità con Cassel :rickds:

Ryo Narushima
26-01-16, 19:45:07
Visto il grande Gatsby

Finale triste. Ricchi di *****. Donne puttane :sadfrog:
Molto ''sgargiante'' nella realizzazione dei quartieri prosperosi, fa un bell'effetto visivo.

Manuel 23
26-01-16, 21:14:56
Under The Skin by Jonathan Glazer (2013)
Prima visione. Ho trovato la premessa dell'alieno che esamina gli essere umani parecchio interessante, il problema è come questa premessa sia stata presentata. Il film infatti è (parecchio) lento, con la gran parte delle inquadrature che tendono a trattenersi troppo sul soggetto inquadrato a mio avviso, perciò non posso non ammettere che dopo i primi minuti, nei quali tentavo di capire cosa stesse succedendo, il resto del film l'ho trovato abbastanza noioso (soprattutto la prima parte in cui veniva mostrata la sua "routine" :bah!:). Tuttavia credo che, nonostante questo problema, ciò che ci trasmette il film compensa i suoi difetti. Molto interessante anche la trasformazione della protagonista (penso sia la miglior performance di Scarlett Johansson); ed eccellente la colonna sonora di Mica Levi; mi è piaciuta anche la stanza dove la Johansson trascinava le sue vittime, parecchio inquietante. Il finale è molto ambiguo, in linea con il resto del film, che ci permette di fantasticare su, ad esempio,
Il motociclista è una sorta di guardiano dell'alieno? E in questo caso, visto che alla fine appaiono altri bikers, vi sono altri alieni nel nostro mondo?
Mi fa sorridere, inoltre, il fatto che a parte Scarlett praticamente nessun altro che appare nel film sia un attore :morristend:.
Voto: 8

Goodfella
26-01-16, 21:38:11
Un vortice sensoriale. Noé ha una capacità unica di immergere lo spettatore nella pellicola come pochi altri, fartela veramente percepire quasi in maniera tattile, un viaggio esplorativo nella condizione umana dall'interno. L'unico problema a mio parere, ma si presenta soprattutto con Enter the Void, è che questa sua ricerca porta ad un ripetersi interno che non so mai quanto possa funzionare sul lungo periodo. Infatti questo l'ho adorato, Enter the Void alla lunga l'ho trovato esasperante. Ma sempre bello. Vedrò Love.

PS La Bellucci è una cagna, si vede che l'ha presa solo per l'intimità con Cassel :rickds:

Enter the Void è un'esperienza :sisi:

Il Commodoro
26-01-16, 21:54:44
Schindler's List
L'ho rivisto dopo anni e le emozioni sono sempre le stesse. Non solo penso che sia uno dei film sul nazismo più belli mai fatti, ma penso anche che sia uno dei film più belli di sempre, è inoltre uno dei motivi per cui credo che Spielberg possa essere considerato uno dei più grandi registi mai esistiti, a discapito delle critiche che spesso riceve.
Schindler's List è ricco di elementi che lo rendono unico, primo fra tutti il contrasto che si viene a creare tra il bianco/nero della pellicola ed il cappottino rosso scarlatto indossato dalla bambina, ma anche la performance degli attori è eccellente, in particolare modo quella di Ralph Fiennes, attore che trovo molto sottovalutato.

Togg
26-01-16, 22:19:34
Io dopo che ho visto Enter the void pochi giorni fa vedevo il mondo alla enter the void, pure il giorno dopo. Notevole.

Goodfella
27-01-16, 01:24:59
Schindler's List
L'ho rivisto dopo anni e le emozioni sono sempre le stesse. Non solo penso che sia uno dei film sul nazismo più belli mai fatti, ma penso anche che sia uno dei film più belli di sempre, è inoltre uno dei motivi per cui credo che Spielberg possa essere considerato uno dei più grandi registi mai esistiti, a discapito delle critiche che spesso riceve.
Schindler's List è ricco di elementi che lo rendono unico, primo fra tutti il contrasto che si viene a creare tra il bianco/nero della pellicola ed il cappottino rosso scarlatto indossato dalla bambina, ma anche la performance degli attori è eccellente, in particolare modo quella di Ralph Fiennes, attore che trovo molto sottovalutato.


Probabilmente tra i pochissimi drammi sul nazismo a piacermi, e poi la narrazione è incredibile. L'ho leggermente rivalutato, ma siamo sempre li su livelli incredibili.

skrocco
27-01-16, 01:31:07
Ma qualcuno qui ha visto l'ultimo Malick?
Distrutto dalla critica ma credo sia questione di noia, come se si fossero stancati di veder la stessa cosa a partire da quel capolavoro che è tree of life. Dico questo perché il film non si discosta molto dai due precedenti e ha poco da invidiare. Vien distrutto perché la gente si è stancata del suo modo di girare, probabilmente.
Se una cosa si può dire con certezza è che sta completamente annientando, pian piano, la narrazione per come la conosciamo. Una trasformazione costante che affascina e terrorizza.
Fa quel che vuole, insomma, ed è una cosa bella.

Rage Against
27-01-16, 03:15:53
Schindler's List
L'ho rivisto dopo anni e le emozioni sono sempre le stesse. Non solo penso che sia uno dei film sul nazismo più belli mai fatti, ma penso anche che sia uno dei film più belli di sempre, è inoltre uno dei motivi per cui credo che Spielberg possa essere considerato uno dei più grandi registi mai esistiti, a discapito delle critiche che spesso riceve.
Schindler's List è ricco di elementi che lo rendono unico, primo fra tutti il contrasto che si viene a creare tra il bianco/nero della pellicola ed il cappottino rosso scarlatto indossato dalla bambina, ma anche la performance degli attori è eccellente, in particolare modo quella di Ralph Fiennes, attore che trovo molto sottovalutato.
Capolavoro assoluto, e uno dei miei 10 film preferiti di sempre.
Tutti gli attori principali sono fenomenali e la regia é maestosa.

Quattro
27-01-16, 10:00:10
Under the skin – Jonathan Glazer, 2013. Per semplicità dividiamolo in tre parti.


1. Parte "Guardatemi-sono-un-artista". In parole povere le scene proto-oniriche in cui lei fa... qualunque cosa stia facendo. Esteticamente perfette, come perfetta è la colonna sonora. Glazer gioca con l'immagine in totale libertà, e che altro dire se non che ci sa decisamente fare.

2. Parte "Concorso-fotografico". In parole povere le riprese fisse che non servono praticamente a nulla ai fini della, hmm, storia. Che sono bellissime, sempre. Fotografia fuori parametro, veramente.

3. Parte "Tutto-il-resto". Cioè il difetto del film. Tutta la beltà di cui sopra è infatti annegata in un piattume (inutilmente?) ripetitivo, monotono e insignificante che affonda la godibilità del tutto. Anche visivamente perde qualche colpo, e questo dispiace soprattutto. Svolgimento lentissimo (oserei dire statico) e stereotipato. Peccato davvero.

Insomma che dire: vive a sprazzi, alternando momenti di puro estro visivo ad altri di totale stagnazione. Con una durata ridotta e qualche pretesa narrativa di meno credo che i meriti avrebbero superato i difetti, allo stato attuale direi che si equivalgono. La domanda è: merita la visione? Dipende da cosa si cerca: personalmente direi di sì.

Jaga
27-01-16, 10:37:51
Veramente io ne avevo parlato malissimo :ahsisi:
E' proprio il solito impianto solo peggiorato X1000 dalla messa in scena finto materiale.


Cavolo ho trovato Il Figlio di Saul di Lazslo Nemez insopportabile. Film basato sul pedinamento di un personaggio che però risulta respingente tutto il tempo. Tratteggiato da una sola caratteristica e si comporta in modo idiota vagando in maniera poco interessante per tutto il tempo. Inoltre l'idea connotare le sue azioni positivamente in contrasto al "limbo morale" del mondo esterno (sempre fuori fuoco) crea un'omologazione fra carnefici e oppressi che ho trovato non meno retorico del solito impianto manicheo sull'olocausto. Anzi almeno l'impianto manicheo implica il prendere una posizione, questo è veramente repellente. Ed il finale non fa che aggravare la situazione. Mi aspettavo moooolto di più da come ne avevo sentito parlare, grandissima delusione :tristenev:


Il Figlio di Saul è talmente snervante che mi ha quasi spinto dall'inizio a parteggiare per i nazisti di modo che fermassero il corrucciato ambulante.
Io partivo già prevenuto e questi vostri commenti non fanno altro che confermare i dubbi che già nutrivo verso il film :asd:

Väinämöinen
27-01-16, 11:25:28
i croods di kirk demicco e chris sanders, iniziamo con le schifezze. non si salva nulla, a partire dalla realizzazione tecnica che nell'arco di due anni risulta già poco apprezzabile, la morale da due soldi di affermazione di sé e ricerca di indipendenza che traballa già dalle primissime battute, e in generale un senso di avventura pressoché nullo. insomma fallisce in tutto.

Insomma. Ha alti e bassi, come qualunque opera di genere, ma nel complesso si salva eccome.

Steeb
27-01-16, 14:31:39
Schindler's List
L'ho rivisto dopo anni e le emozioni sono sempre le stesse. Non solo penso che sia uno dei film sul nazismo più belli mai fatti, ma penso anche che sia uno dei film più belli di sempre, è inoltre uno dei motivi per cui credo che Spielberg possa essere considerato uno dei più grandi registi mai esistiti, a discapito delle critiche che spesso riceve.
Schindler's List è ricco di elementi che lo rendono unico, primo fra tutti il contrasto che si viene a creare tra il bianco/nero della pellicola ed il cappottino rosso scarlatto indossato dalla bambina, ma anche la performance degli attori è eccellente, in particolare modo quella di Ralph Fiennes, attore che trovo molto sottovalutato.

Per una volta sono d'accordo con te, che film eccezionale.

Il Commodoro
27-01-16, 15:38:38
Per una volta sono d'accordo con te, che film eccezionale.
Alla fine mi pare di capire che non siamo d'accordo solo su Star Wars, mica su tutto :asd:

Steeb
27-01-16, 15:52:23
Alla fine mi pare di capire che non siamo d'accordo solo su Star Wars, mica su tutto :asd:
Sì ma diciamo che sugli aspetti puramente soggetivi dei film che abbiamo visto entrambi,generalmente la pensiamo diversamente! anche se non mi sono mai palesato per una discussione..era per dire..
Ma su star wars manco abbiamo discusso del film credo, inoltre non mi pare tu abbia mai detto fosse na sola quindi siamo ok :rickds:
Dai anche su Mad Max ci troviamo d'accordo

Brother's Killer
27-01-16, 18:04:33
Ho visto finalmente Love di Gaspar Noé. Straordinario. E la gente parla di provocazioni. Leggere che la maggior parte della critica giudica il film in relazione alla sua capacità di scandalizzare in qualche modo lo spettatore (ma ascoltare le dichiarazioni del regista almeno?) è vergognoso. Il film è tutto quello che voleva essere e anche di più. Per la prima volta lo stile di Noé è riuscito a convincermi tutto il tempo. Bellissimo come in tutto il suo cinema porti avanti un percorso unitario e coerente che si dipana sempre avanti, di film in film. Noé riesce a restituire la stessa sensazione di matericità, lo stesso viaggio mentale senza affidarsi alla solita camera vorticosa. Piuttosto lavora sul montaggio in maniere superba, con i frame di ogni stacco di montaggio artificialmente aumentati per dare la sensazione di un battito di ciglia, l'istante dello sguardo che è pronto per immergersi in un nuovo ricordo. Restituisce la stessa sensazione del doloroso flusso di coscienza che potevano avere i precedenti ma solitamente tramite questi artifici ed è meraviglioso. In questo senso è un film misurato in ogni singolo elemento e questo è strabiliante. Il rapporto dei personaggi con gli sfondi, la composizione dell'immagine, l'uso emotivo del colore. In generale il film mi ha fatto percepire che Noé potrebbe aver realmente trovato un uso interessante del 3D, l'ho percepito tutto il tempo come senza 3D mi starei potendo perdere qualcosa. Il modo in cui posiziona loro due sempre in primo piano in opposizione allo sfondo per dire, in modo che anche il semplice allontanamento, la semplice separazione di uno dei due soggetti per sfumare nel fuori fuoco è una perdita dolorosa percepibile
http://i.imgur.com/ATcaQYE.png
http://i.imgur.com/nJADFDk.png
o
http://i.imgur.com/LlJRzTR.png
http://i.imgur.com/VVdg01u.png
il modo in cui gira le scene di sesso facendo sempre in modo che le figure emergano dallo sfondo, quasi come se fosse un altorilievo, il frontone di un tempio greco
http://i.imgur.com/f8c0A4S.png
il modo in cui soffoca i personaggi nelle porte e sfrutta i piccoli spostamenti della camera per aumentarne la portata soffocante
http://i.imgur.com/qO4lDKd.png
questo piano sequenza straordinario in cui lo sfondo si allontana sempre più, quasi come lo sprofondare della loro relazione
http://i.imgur.com/H2F5ttX.png
http://i.imgur.com/DvKPRKu.png
E ho capito pure cosa poteva intendere Togg con "stacco di portata". Intendi i momenti in cui il montaggio e la relazione con le figure crea momenti del genere
http://i.imgur.com/xYb6O6I.png
http://i.imgur.com/4kRAnwk.png
no?
In ogni caso straordinario. L'ennesimo viaggio catartico nel vuoto abissale della condizione umana, la perdita che distrugge tutto. E, analogamente a quanto tenta di fare Carol di Haynes, il tentativo di catturare un'immagine, di cristallizzare un istante di tempo, per evitare che, citando lo stesso Noé in Irreversible, "Le temps detruit tout".
(spoiler immagine finale del film)
http://i.imgur.com/X4DKnwi.png

Per pura coincidenza ieri sera ho visto pure Trois Souvenirs de ma Jeunesse di tale Arnaud Desplechin che tenta di fare qualcosa di analogo, ma in una struttura classica di un racconto di formazione con sentimentalità assortita. Non mi è dispiaciuto ma devo dire che ho lottato tutto il tempo con i sottotitoli in inglese tradotti da cani, però la vita traspare da tutto il film e con poca artificialità quindi posso dire di essere convintom, soprattutto da lei
http://i.imgur.com/LZzuM8K.png

Togg
27-01-16, 18:36:22
Ma qualcuno qui ha visto l'ultimo Malick?
Distrutto dalla critica ma credo sia questione di noia, come se si fossero stancati di veder la stessa cosa a partire da quel capolavoro che è tree of life. Dico questo perché il film non si discosta molto dai due precedenti e ha poco da invidiare. Vien distrutto perché la gente si è stancata del suo modo di girare, probabilmente.
Se una cosa si può dire con certezza è che sta completamente annientando, pian piano, la narrazione per come la conosciamo. Una trasformazione costante che affascina e terrorizza.
Fa quel che vuole, insomma, ed è una cosa bella.

visto e non mi ha convinto tanto, ne avevo scritto due righe, non tanto per la noia.

Zweick
27-01-16, 18:39:39
Che film straordinario Love, devo recuperare il br per una terza visione :sisi: e mi sono innamorato di Electra :sisi:
Il video di Protege moi dei Placebo diretto da Noe lo avete visto? E' ipnotico

Togg
27-01-16, 18:56:07
Bravo Brother che ti sei preso il tempo di spiegare bene e con esempi tutte le robe che Noé riesce a fare con il 3D, era quello che dicevo e sono d'accordo. Anche con il percorso generale di Noé che è proprio un montare di ricerca e precisione.

Brother's Killer
27-01-16, 19:09:50
In Italia se mai uscirà (ci sono informazioni? mi sa proprio di no, Enter the Void uscì 2 anni dopo mi pare :asd:) dubito ampiamente sarà in 3D, e mi piacerebbe un sacco vederlo in quel formato :tristenev: Che poi pure qui, tutta questa ricerca e quello a cui la critica riesce a pensare e "arriva lo sperma in faccia", ma io dico mi va benissimo qualunque critica sostanziale ma queste non sono critiche sostanziali cavolo, non c'è stato neanche un minimo di ragionamento dietro. Sono cose a cui sono arrivato io che tutto penso di essere tranne che bravissimo a cogliere certe relazioni e riferimenti, non ci credo che la maggior parte della critica manco ci abbia pensato, evidentemente sono proprio loro a partire prevenuti e manco a sforzarsi di rifletterci un minimo sopra. E poi mi si parla dell'uso del 3D in The Walk come "rivoluzionario".

Väinämöinen
27-01-16, 19:14:52
Devo proprio far vedere questo Love ai conoscenti che si facevano partire un embolo per Nymphomaniac... :asd:

Togg
27-01-16, 19:27:09
Quella del 3D/sperma in faccia è la chiave di volta per capire tutto quello che non viene capito/sentito :sisi:

Wurdalak
27-01-16, 19:29:28
Collateral di Michael Mann
Boh, sarà la... quinta, sesta volta che lo vedo. Io lo amo questo film. E' troppo bello. Forse lo sto cominciando a preferirlo addirittura più di heat la sfida. Sempre folgorante, come alla prima visione. Tom Cruise nel ruolo della sua vita. Fotografia con luce naturale fuori parametro. Elegiaco, spesso ironico, ma anche tesissimo e serratissimo in molte sequenze, scene d'azione magistrali, musiche da brividi. E poi vabbè QUESTA scena.

http://youtu.be/0DKX-2pa-UE

Goodfella
27-01-16, 20:23:19
Collateral di Michael Mann
Boh, sarà la... quinta, sesta volta che lo vedo. Io lo amo questo film. E' troppo bello. Forse lo sto cominciando a preferirlo addirittura più di heat la sfida. Sempre folgorante, come alla prima visione. Tom Cruise nel ruolo della sua vita. Fotografia con luce naturale fuori parametro. Elegiaco, spesso ironico, ma anche tesissimo e serratissimo in molte sequenze, scene d'azione magistrali, musiche da brividi. E poi vabbè QUESTA scena.

http://youtu.be/0DKX-2pa-UE

Mio dio si


Il commento di Bro su Love è bellissimo, anche se prenderò tempo per riguardarlo, non mi è piaciuto come enter the void

TestaMatta89
27-01-16, 21:42:29
Collateral di Michael Mann
Boh, sarà la... quinta, sesta volta che lo vedo. Io lo amo questo film. E' troppo bello. Forse lo sto cominciando a preferirlo addirittura più di heat la sfida. Sempre folgorante, come alla prima visione. Tom Cruise nel ruolo della sua vita. Fotografia con luce naturale fuori parametro. Elegiaco, spesso ironico, ma anche tesissimo e serratissimo in molte sequenze, scene d'azione magistrali, musiche da brividi. E poi vabbè QUESTA scena.

http://youtu.be/0DKX-2pa-UE

"Collateral" è un capolavoro e personalmente non ho mai avuto dubbi sulla sua superiorità rispetto a "Heat" :sisi:
E di questa scena ne vogliamo parlare?


https://www.youtube.com/watch?v=3NBpBh2GI2U

P. S. Adesso mi avete fatto venir voglia di rivederlo per l'ennesima volta...

Goodfella
27-01-16, 22:46:00
Però Heat < Collateral no dai, apparte che sono troppo diversi

Togg
28-01-16, 00:22:35
Ho rivisto al cinema in 35mm Tutta colpa di Voltaire di Kechiche. Mi ricordavo la prima parte e il finale, tutto il grosso del film mi si era totalmente cancellato probabilmente perché non avevo gli strumenti per apprezzarlo all'epoca. Enorme. Appena spunta la protagonista il film *esplode*, i rimandi sociali vengono inglobati nei primi piani di lei (che echeggiano Adele con 13 anni di anticipo) e nella caratterizzazione paurosa senza uno straccio di elemento bruto, anzi giusto uno. Esaltante e con il finale perfetto, non mi dilungo a meno che qualcun* non ne voglia parlare.
In teoria lo volevo anche rivedere per imparare qualcosa su come usare la camera a mano ma non ho imparato un ***** perché è stato troppo bello :rickds:

S1lent17
28-01-16, 01:45:18
Visto Fury.
Bel film di guerra ambientato nella seconda guerra mondiale (mi mancano, come anche quelli ambientati in Vietnam, le guerre moderne non mi affascinano nei film), i combattimenti non sono tantissimi nella prima metà de film e quelli presenti sono ben fatti.
Belli anche i personaggi. Il film fa chiaramente capire come siano cambiati a causa della guerra. In particolare bella prova di Brad Pitt
Il problema è il combattimento finale contro il battaglione ss, ecco lì è troppo esagerato e stona un bel po'.
Però un voto personale è comunque alto: 8

:blbl:

Steeb
28-01-16, 09:02:55
"Collateral" è un capolavoro e personalmente non ho mai avuto dubbi sulla sua superiorità rispetto a "Heat" :sisi:
E di questa scena ne vogliamo parlare?



P. S. Adesso mi avete fatto venir voglia di rivederlo per l'ennesima volta...

seriamente :asd:

concordo pure io, capolavoro e senza dubbio superiore a Heat

- - - Aggiornato - - -


Visto Fury.
Bel film di guerra ambientato nella seconda guerra mondiale (mi mancano, come anche quelli ambientati in Vietnam, le guerre moderne non mi affascinano nei film), i combattimenti non sono tantissimi nella prima metà de film e quelli presenti sono ben fatti.
Belli anche i personaggi. Il film fa chiaramente capire come siano cambiati a causa della guerra. In particolare bella prova di Brad Pitt
Il problema è il combattimento finale contro il battaglione ss, ecco lì è troppo esagerato e stona un bel po'.
Però un voto personale è comunque alto: 8

:blbl:

per me uno dei migliori film del 2015, e si piazza tra i miei film di guerra. Ovviamente davanti ha molta roba, al primo posto c'è Il giorno più lungo.

Il Commodoro
28-01-16, 09:33:33
Visto Fury.
Bel film di guerra ambientato nella seconda guerra mondiale (mi mancano, come anche quelli ambientati in Vietnam, le guerre moderne non mi affascinano nei film), i combattimenti non sono tantissimi nella prima metà de film e quelli presenti sono ben fatti.
Belli anche i personaggi. Il film fa chiaramente capire come siano cambiati a causa della guerra. In particolare bella prova di Brad Pitt
Il problema è il combattimento finale contro il battaglione ss, ecco lì è troppo esagerato e stona un bel po'.
Però un voto personale è comunque alto: 8

:blbl:
Pure a me è piaciuto molto fino alla battaglia finale, quella non l'ho digerita.

S1lent17
28-01-16, 11:07:39
per me uno dei migliori film del 2015, e si piazza tra i miei film di guerra. Ovviamente davanti ha molta roba, al primo posto c'è Il giorno più lungo.

Eh beh, il giorno più lungo è un capolavoro pazzesco. Come anche La Battaglia di Midway, Quella Sporca Dozzina, La Sottile Linea Rossa e il Ponte sul Fiume Kwai.
Fury lo metto insieme a Salvate il Soldato Ryan.

Un po' sotto ancora metto Bastardi Senza Gloria e Pearl Harbor.

Ovviamente nel genere WWII, altrimenti ci sarebbero anche Apocalypse Now, Platoon, We Ware Soldier e Full Metal Jacket per quanto riguarda la guerra in Vietnam.
Quelle successive non mi affascinano come detto. Tipo Hurt Locker pur avendolo trovato un bel film, non mi ha preso tantissimo. Le guerre nel medio oriente non riesco a farmele piacere come ambientazione al pari della WWII e Vietnam.


Pure a me è piaciuto molto fino alla battaglia finale, quella non l'ho digerita.

Troppo esagerata. Troppo irrealistica. A momenti pareva più una scena dei Mercenari che di un film di guerra serio. Il che stona con tutto quello che era stato fino a quel momento.

:blbl:

Steeb
28-01-16, 11:36:05
Sono d'accordo con i raggruppamenti che hai fatto ( Il nemico alle porte ti è piaciuto? anche quello ""recente"") , anche se apprezzo molto pure la guerra moderna se fatta in modo intelligente (Hurt Locker appunto, Jarhead ecc.), ne metterei tanti altri che sono molto belli ovviamente solo se non sei un fissato che trova la retorica usa anche in un piatto di pasta asciutta :morris82: un black hawk dawn o dietro le linee nemiche..

Goodfella
28-01-16, 12:01:20
Lo dico? Lo dico. Il miglior film sulla guerra del Vietnam è Allucinazione perversa.

Steeb
28-01-16, 12:18:53
Lo dico? Lo dico. Il miglior film sulla guerra del Vietnam è Allucinazione perversa.

Ma quello è più sui risvolti psicologici dei veterani finita la guerra..come è anche Full metal jacket, però è "sul campo".. a sto punto allarghiamo il bacino e prendiamo anche il cacciatore. Perchè no, pure un pezzo di Forrest Gump

Poi Platoon o Apocalypse now dove li metti.. o anche un Vittime di Guerra, Berretti Verdi, hamburger Hill..

Robo@nte
28-01-16, 12:27:38
Il miglior film sulla guerra del Vietnam è Apocalypse Now, non scherziamo.

- - - Aggiornato - - -

Comunque si, Allucinazione perversa merita assai:sisi:

Brother's Killer
28-01-16, 12:39:07
Il miglior film di guerra è Apocalypse Now :sisi:
Oggi volevo guardarmi Un Sogno Lungo un Giorno di Coppola, com'è?

S1lent17
28-01-16, 13:19:41
Sono d'accordo con i raggruppamenti che hai fatto ( Il nemico alle porte ti è piaciuto? anche quello ""recente"") , anche se apprezzo molto pure la guerra moderna se fatta in modo intelligente (Hurt Locker appunto, Jarhead ecc.), ne metterei tanti altri che sono molto belli ovviamente solo se non sei un fissato che trova la retorica usa anche in un piatto di pasta asciutta :morris82: un black hawk dawn o dietro le linee nemiche..

Il Nemico alle Porte non l'ho visto.
Come film di guerra del Vietnam migliore in assoluto io metterei Apocalypse Now e poi Platoon. Poi come lotta generale sul campo We Ware Soldier. Full Metal Jacket nel completto lo metto un po' a parte, perchè la guerra sul campo è solo nella seconda parte e quasi solo la scena finale contro il cecchino.

:blbl:

Rage Against
28-01-16, 13:52:49
Anche Zero Dark Thirty a me è piaciuto molto.

Steeb
28-01-16, 14:08:11
Anche Zero Dark Thirty a me è piaciuto molto.

Assolutamente, ma è di un altra categoria imho, alla Nessuna verità per dire. E comunque fà parte della sfera guerra moderna

- - - Aggiornato - - -


Il Nemico alle Porte non l'ho visto.
Come film di guerra del Vietnam migliore in assoluto io metterei Apocalypse Now e poi Platoon. Poi come lotta generale sul campo We Ware Soldier. Full Metal Jacket nel completto lo metto un po' a parte, perchè la guerra sul campo è solo nella seconda parte e quasi solo la scena finale contro il cecchino.

:blbl:

Recuperalo, và visto se ti piace il genere anche perchè sono pochi i film che mostrano il fronte russo. (ed harris, joseph phiennes, Jude law, Rachel Weisz) Regista del nome della rosa, 7 anni in tibet

Anche per me Apocalypse Now è il migliore.

Goodfella
28-01-16, 14:11:01
Però ecco, nessuna verità, il nemico alle porte, ecc, sono tutti dimenticabili quando messi a confronto con certi film...

chiaramente Apocalypse Now e il cacciatore non sono solamente film di guerra, sono di una portata incredibile che ridurli ad un genere sarebbe criminale.

Allucinazione perversa invece è semplicemente outstanding .

Per dirvi, apocalypse now e il cacciatore li metto sullo stesso piano di Taxi Driver, con la differenza che in Taxi Driver non ci sono scene di guerra.

Steeb
28-01-16, 14:16:45
Chiaramente si parla di genere, se piace il genere c'è molta roba buona, poi giustamente come dici tu alcuni mostri sacri non possiamo rilegarli ad un genere, però insomma si faceva per discutere :asd:

- - - Aggiornato - - -


Il Nemico alle Porte non l'ho visto.
Come film di guerra del Vietnam migliore in assoluto io metterei Apocalypse Now e poi Platoon. Poi come lotta generale sul campo We Were Soldier. Full Metal Jacket nel completto lo metto un po' a parte, perchè la guerra sul campo è solo nella seconda parte e quasi solo la scena finale contro il cecchino.

:blbl:

La pipì sui mortai m'è rimasta impressa :morris82:

Pure Nicolas Cage ne ha fatto uno, piuttosto mediocre (:asd:) windtalkers .. un altro recente molto carino (film francese) invece che si focalizza sui bersaglieri francesi africani è Days of Glory che merita una visione, sempre WWII

Goodfella
28-01-16, 14:20:32
No certo ci mancherebbe :asd:

Jaga
29-01-16, 00:36:11
Joy di David Russell. Come il precedente American Hustle è un film dove alcuni elementi riusciti stridono fortemente con altri totalmente fuori luogo. In primis l'idea di racchiudere la storia in una dimensione da fiaba, con tanto di voice over della nonna che racconta le gesta della nipotina è, molto semplicemente, fastidiosa: suona male e non funziona. In secondo luogo il film ha una certa pretenziosità poetica che, a mio avviso, non trova nessuno sviluppo concreto: ogni volta che Russell sembra affrontare un tema qualsiasi, finisce poi per chiuderlo in maniera banale o per lasciarlo semplicemente lì senza approfondirlo, come se fosse stato inserito nel film tanto per. L'esempio più grosso è quello del tema della famiglia: descritta a metà tra il nichilismo tipico del modello della toxic family e quello grottesco-comico che dovrebbe suscitare ilarità nello spettatore. Un mix particolare sicuramente, ma non totalmente riuscito a mio avviso. E lo stesso vale per le altre tematiche trattate: la televisione commerciale buttata lì tanto per, l'elogio retorico ultrafemminista , alcuni momenti a metà tra la critica anticapitalista (forse?) e l'elogio della self-made woman. Un gran casino insomma. Assolutamente magistrale invece la Lawrence, che assieme a De Niro regge con il suo viso, non a caso perennemente in primo piano, l'intero film.

S1lent17
29-01-16, 00:43:39
Visto Wall Street - Il Denaro non Dorme Mai.
Non mi è piaciuto molto, ho preferito di molto il primo Wall Street. Più pimpante, più interessante.
Ti immerbeva meglio in un sistema economico. Sempre bello il personaggio di Gordo Gekko, interpretato da Michael Douglas, ma anche qua si è ad due gradini sotto.
Voto personale 6.5

:blbl:

Il Commodoro
29-01-16, 01:08:53
La Dolce Vita
Ogni commento sarebbe superfluo, riesce a continuare a scioccare e a stupire anche in questa epoca dove sembra di aver visto quasi tutto.

TestaMatta89
29-01-16, 11:19:20
La Dolce Vita
Ogni commento sarebbe superfluo, riesce a continuare a scioccare e a stupire anche in questa epoca dove sembra di aver visto quasi tutto.

è indubbiamente un capolavoro, ma ha comunque dei difetti a mio avviso.
è un film strutturato quasi ad episodi, e per questo risulta un po' scollato, poco coeso, inoltre ha una durata forse eccessiva.
Secondo me "8 1/2", "I Vitelloni" e "La Strada" sono film migliori, anche se questo non toglie nulla al filmone che è "La Dolce Vita".

Steeb
29-01-16, 11:46:44
Operazione UNCLE (2015, Guy Ritchie) - Uno spy movie divertente e spigliato (ma non demenziale alla Spy) ambientato durante la guerra fredda -ispirato ad una serie tv dimenticata-, che segue passo passo l'archetipo del genere. Sceneggiatura discreta e ottime interpretazioni, buona fotografia e regia "old style" e condito di un ottima colonna sonora presente durante tutto il film dando un ritmo allo stesso. Ci si diverte senza impegno. M'è piaciuto :sisi:

Il caso Spotlight (2015, Thomas McCarthy) - Un film dove giornalismo investigativo e cronaca conteporanea si intrecciano, sorretto da un ottimo cast azzeccato per tutti i ruoli, una sceneggiatura ben strutturata, fluida ed incalzante che tiene incollati fino alla fine. Un accusa al sistema e alle ingenue convinzioni delle persone che tutto và bene, da un certo punto di vista abbastanza ottimistico nel far credere che con la libera stampa si possa dare un senso alla parola giustizia. A livello di regia è fatto molto bene, ma è uno di quei film che non aspira al capolavoro e te lo fà capire subito, ma rimane comunque uno di quei film che vedi sempre con piacere. Mark Ruffalo e Rachel McAdams al top. Da vedere assolutamente

- - - Aggiornato - - -


cut

Interessante, dal trailer non mi tirava proprio e ci ho visto bene. Recupererò più in là solo per la Lawrence

Adesso vanno di moda le start up, fanno film sulle start up e pure una serie tv con Adam Brody e Martin Freeman che si chiama Start up!

per dire l'altra sera ho guardato un film con mia sorella, lo stagista inaspettato con de niro e la Hathaway, anche quello tutto attorno ad una start up

rettiliani?

TestaMatta89
29-01-16, 11:54:04
Operazione UNCLE (2015, Guy Ritchie) - Uno spy movie divertente e spigliato (ma non demenziale alla Spy) ambientato durante la guerra fredda -ispirato ad una serie tv dimenticata-, che segue passo passo l'archetipo del genere. Sceneggiatura discreta e ottime interpretazioni, buona fotografia e regia "old style" e condito di un ottima colonna sonora presente durante tutto il film dando un ritmo allo stesso. Ci si diverte senza impegno. M'è piaciuto :sisi:

Il caso Spotlight (2015, Thomas McCarthy) - Un film dove giornalismo investigativo e cronaca conteporanea si intrecciano, sorretto da un ottimo cast azzeccato per tutti i ruoli, una sceneggiatura ben strutturata, fluida ed incalzante che tiene incollati fino alla fine. Un accusa al sistema e alle ingenue convinzioni delle persone che tutto và bene, da un certo punto di vista abbastanza ottimistico nel far credere che con la libera stampa si possa dare un senso alla parola giustizia. A livello di regia è fatto molto bene, ma è uno di quei film che non aspira al capolavoro e te lo fà capire subito, ma rimane comunque uno di quei film che vedi sempre con piacere. Mark Ruffalo e Rachel McAdams al top. Da vedere assolutamente

- - - Aggiornato - - -



Interessante, dal trailer non mi tirava proprio e ci ho visto bene. Recupererò più in là solo per la Lawrence

Adesso vanno di moda le start up, fanno film sulle start up e pure una serie tv con Adam Brody e Martin Freeman che si chiama Start up!

per dire l'altra sera ho guardato un film con mia sorella, lo stagista inaspettato con de niro e la Hathaway, anche quello tutto attorno ad una start up

rettiliani?

Mulder e Scully son tornati per indagare proprio su questo :sisi:

Goodfella
29-01-16, 13:23:07
Joy è stata una delusione immensa, e pure la Lawrence ha toppato di brutto, è più over acting che altro.

Il Commodoro
29-01-16, 14:30:27
è indubbiamente un capolavoro, ma ha comunque dei difetti a mio avviso.
è un film strutturato quasi ad episodi, e per questo risulta un po' scollato, poco coeso, inoltre ha una durata forse eccessiva.
Secondo me "8 1/2", "I Vitelloni" e "La Strada" sono film migliori, anche se questo non toglie nulla al filmone che è "La Dolce Vita".
La struttura ad episodi de La Dolce Vita a me piace, riesci ad entrare in quel mondo in maniera graduale passando piano piano da episodi leggeri a parti dove il decadentismo di quel periodo storico regna sovrano. Ha i suoi difetti, la lunghezza è uno di questi, però c'è anche da dire che è il film che ha mostrato al mondo che si può fare cinema senza una trama con un punto di inizio ed uno di arrivo.

Quattro
29-01-16, 20:58:03
Brutti sporchi e cattivi – Ettore Scola, 1976. E con il titolo si potrebbe aprire e chiudere il commento, visto che di questo si tratta: un film brutto, sporco e cattivo – per non voler ricorrere ai superlativi. In un certo senso diventa addirittura difficile da valutare: un film che cerca in tutti modi di essere brutto e che ci riesce disgustosamente bene, è un bel film? A quanto pare sì. Perché alla fine eccelle (?) in tutto quello che si propone: il cast meno fotogenico che abbia mai visto, la messa in scena più fatiscente, la fotografia più desolante, e il cattivo, cattivissimo gusto che impregna ogni fotogramma col suo lezzo persistente. È un film che quando tocca il fondo (e lo fa piuttosto spesso e piuttosto in fretta) si arma di pala e inizia a scavare, magari bofonchiando del frattempo qualche sano bestemmione. Disgusta e scandalizza ma è anche (e per questo) dannatamente divertente, grazie soprattutto ad un Nino Manfredi terribilmente calato nella parte e ad una sceneggiatura che riesce a brillare in un contesto tanto infimo senza snaturarlo, anzi contribuendo ad affossarlo ulteriormente con numerosissime chicche di depravazione, ignoranza, odio e totale disinteresse per ogni forma di igiene. Magnifico, anche se in un modo tutto suo.

Lo consiglierei a tutti ma mi rendo conto che non sia un film per tutti gli stomaci. Chissà che colpo vederlo trionfare a Cannes nel 76! :asd: Possibile che luoghi e tipi umani simili esistano davvero? Al di là delle deformazioni caricaturali. :morristend:

P.S.: Tra l'altro girato in pieni Anni Settanta, il decennio più esteticamente squallido del Ventesimo Secolo. Proprio una congiuntura storica.

Womb
30-01-16, 03:06:39
Rivisto Antichrist. PERFETTO. :ahsisi:




49 su metacritic, ci sono delle recensioni abberranti.

Togg
30-01-16, 11:51:09
Rivisto Antichrist. PERFETTO. :ahsisi:




49 su metacritic, ci sono delle recensioni abberranti.


Odia la donnaaaa!1!

naxel
30-01-16, 12:13:44
A proposito di metacritic e recensioni discutibili, ma critici americani che vale la pena leggere ce ne sono?
Io trovo solo recensioni che se va bene sono passabili e se va male sono da mani nei capelli. Spunti interessanti praticamente mai.

Brother's Killer
30-01-16, 12:29:55
Seguo questi due canali youtube:

https://www.youtube.com/watch?v=yV5Wf5VGVy8

https://www.youtube.com/watch?v=v4seDVfgwOg

Ma per il resto sì mi è difficile trovare roba interessante. Mi è difficile anche in italia se per questo. Più che altro a mio parere una critica fatta con criterio è difficile realizzare immediatamente dopo aver visto il film, serve un po' di tempo :unsisi:

naxel
30-01-16, 12:34:00
Li conosco anch'io e mi piacciono però parlavo di critica scritta. Ad esempio in Italia spietati e point blank mi sembrano ad un livello molto superiore ai vari siti americani, almeno quelli che "contano".

TestaMatta89
30-01-16, 12:38:30
A proposito di metacritic e recensioni discutibili, ma critici americani che vale la pena leggere ce ne sono?
Io trovo solo recensioni che se va bene sono passabili e se va male sono da mani nei capelli. Spunti interessanti praticamente mai.

Chris Stuckmann è un ottimo recensore a mio parere.
Poi vabbè c'è il Nostalgia Critic alias Doug Walker e Rob Walker, anche se raramente parlano di film belli.

Steeb
30-01-16, 13:01:34
Chris Stuckmann è un ottimo recensore a mio parere.
Poi vabbè c'è il Nostalgia Critic alias Doug Walker e Rob Walker, anche se raramente parlano di film belli.

quoto :sisi:

skrocco
30-01-16, 13:37:21
Odia la donnaaaa!1!

:rickds::rickds::rickds:
che capre

Brother's Killer
30-01-16, 13:52:19
Direi pure lo stesso a chi grida alla misoginia su T8H, senza manco aver visto il film. Ho rivisto Jackie Brown ieri, sottovalutatissimo e con uno dei personaggi femminili migliori in assoluto. Sicuramente il personaggio donna nel nuovo film sarà picchiato per cause misogine, si vede che è proprio da Tarantino (l'uomo che è stato boicottato dalla polizia per le sue proteste sociali ricordiamoci)

Il Commodoro
30-01-16, 14:11:30
L'unico recensore che seguo è questo qua


https://www.youtube.com/watch?v=9J6Iy8B4j6Y

Da' spesso votoni assurdi a film a cui darei 6 (non è questo il caso comunque) e non di rado mi trovo in totale disaccordo, però mi piace il fatto che le sue recensioni durino poco e che siano più che recensioni impressioni sul film, inoltre usa un linguaggio semplice, cosa che secondo me è un altro +. Lo trovo molto utile per sapere qualcosa di più su un film appena uscito senza spoilerarmi niente.

TestaMatta89
31-01-16, 00:30:30
Ho visto "Frozen" della Disney.
Molto bello, anche se il successo mostruoso che ha avuto lo trovo francamente esagerato, non è certo un capolavoro.
Immagino che gran parte del suo successo sia stato causato dalla canzone "Let it go", un pezzo davvero bellissimo e trascinante. Anche "Do you want to build a Snowman" mi è piaciuta molto.

dante3vergil
31-01-16, 01:11:21
L'unico recensore che seguo è questo qua


https://www.youtube.com/watch?v=9J6Iy8B4j6Y

Da' spesso votoni assurdi a film a cui darei 6 (non è questo il caso comunque) e non di rado mi trovo in totale disaccordo, però mi piace il fatto che le sue recensioni durino poco e che siano più che recensioni impressioni sul film, inoltre usa un linguaggio semplice, cosa che secondo me è un altro +. Lo trovo molto utile per sapere qualcosa di più su un film appena uscito senza spoilerarmi niente.
Lo seguo anche io, e spesso ci scambio quattro battute nei commenti: per quanto riguarda i voti, mi ci trovo grosso modo in linea: solo con star wars e big hero 6, per me, ha scazzato

Womb
31-01-16, 02:50:05
Ho appena finito di vedere "The Mindscape of Alan Moore", filmicamente è un casino, anche particolarmente brutto. D'altra parte peró c'è uno dei migliori scrittori del secondo Novecento che parla a ruota libera di diversi argomenti, aggiungere altro al mio commento vorrebbe dire discutere delle argomentazioni dei suddetti. Mi limito a consigliarlo: prendete il documentario come semplice veicolo di informazioni e andrâ tutto bene :ahsisi:

Kirillov
31-01-16, 11:36:59
L'unico recensore che seguo è questo qua


https://www.youtube.com/watch?v=9J6Iy8B4j6Y

Da' spesso votoni assurdi a film a cui darei 6 (non è questo il caso comunque) e non di rado mi trovo in totale disaccordo, però mi piace il fatto che le sue recensioni durino poco e che siano più che recensioni impressioni sul film, inoltre usa un linguaggio semplice, cosa che secondo me è un altro +. Lo trovo molto utile per sapere qualcosa di più su un film appena uscito senza spoilerarmi niente.
Non potrei mai credere a chi dà 9 a Guardiani della Galassia e a Interstellar.
L'eccessiva semplicità puzza di approssimazione, tanto vale leggere qualche commento alla locandina del film su facebook

TestaMatta89
31-01-16, 11:48:39
Ho rivisto "Platoon" di Oliver Stone.
Che dire, grandissimo film, potente, toccante e con un paio di scene memorabili.
Uno dei pochi film a raccontare la VERA guerra del Vietnam, quella della paura, della disorganizzazione, dei conflitti interni ai plotoni.
Guerra che Oliver Stone ha combattuto per davvero, e che racconta in modo sincero, sentito e personale, in tutte le sfaccettature, anche quelle vergognose.
Meravigliosa l'interpretazione di Willem Defoe.

P. S. Dai titoli di coda ho notato che uno dei giovani soldati sia stato intepretato da Johnny Depp, non l'avevo riconosciuto da giovanissimo qual'era, incredibile :asd:

Papa Demilol
31-01-16, 11:49:51
Non potrei mai credere a chi dà 9 a Guardiani della Galassia e a Interstellar.
L'eccessiva semplicità puzza di approssimazione, tanto vale leggere qualche commento alla locandina del film su facebook

GotG è un filmone secondo me.

Togg
31-01-16, 11:53:21
The Defiant Ones, Stanley Kramer
classico godibile.

Kirillov
31-01-16, 11:56:46
GotG è un filmone secondo me.
Penso dipenda molto dalla prospettiva che si ha, anche se confesso di non riuscire a trovarne nessuna da cui possa apparire un grande film :asd:

Väinämöinen
31-01-16, 12:20:08
Ho visto "Frozen" della Disney.
Molto bello, anche se il successo mostruoso che ha avuto lo trovo francamente esagerato, non è certo un capolavoro.
Immagino che gran parte del suo successo sia stato causato dalla canzone "Let it go", un pezzo davvero bellissimo e trascinante. Anche "Do you want to build a Snowman" mi è piaciuta molto.

Guarda la versione censurata su Youtube, è più intrigante del film :asd:

Sul successo esplosivo di Frozen è inutile farsi troppe domande, secondo me è uno di quei casi in cui non si può giungere a una conclusione. È stata pura Provvidenza.

.Veg
31-01-16, 12:53:11
Settimana ricca di visioni. Lascio un paio di righe :ahsisi:

Shaun of the Dead
Era qualche anno che non lo rivedevo, ma naturalmente si conferma come uno dei migliori titoli nel suo genere. Nel panorama delle commedie resta il mio punto di riferimento - con Hot Fuzz. Nel panorama dei film a base di morti viventi ho realizzato che racchiude uno dei set più realistici del mondo cinematografico:
cosa farebbe una persona normale durante un apocalisse zombi? Semplicemente quello che vediamo nel film: iniziale non curanza del problema fino all'avviso del telegiornale :rickds:, a cui sege il salvataggio dei propri cari e il desiderio di rifugiarsi in un posto che sentiamo sicuro e su cui pensiamo di trovare i nostri "amici".
QUi dentro lo abbiamo visto praticamente tutti e credo che saremmo anche tutti d'accordo nel dare un giudizio più che positivo, quindi inutile spendere altre parole :morris82:

Revenant
Mi schiero con quelli che pensano che sia nel complesso un buon film, con sclete di regia e fotografia davvero impressionanti, ma che pecca nel trattare il rapporto uomo-natura, che chiaramente è cruciale in questo film (o almeno era la mia aspettativa). Visto le nomination, fra i due l'oscar lo darei meglio ad Hardy.

21 Grammi
Continuo la mia personale rassegna del recupero dei registi più validi degli ultimi anni. Questa settimana è stata la settimana di Inarritu a quanto pare.
Il montaggio frammentato mi è piaciuto perché non è caotico e in breve riesce a far capire qual'è il succo della storia, così c'è tempo per concentrarsi sui protagonisti senza dover pensare a
come si intrecciano le loro storie.

Little Miss Sunshine
Una piacevolissima sorpresa. Un film che nel suo essere tragicomico mi ha fatto veramente tanto ridere.
Una semplice favola che riesce ad avere un lieto fine con il fallimento di tutti i protagonisti.
Colonna sonora molto carina :sisi:

Goodfella
31-01-16, 14:17:28
GotG è un filmone secondo me.

Si ma dare 9/10 è impossibile, non ce la fai neanche se sei un dirigente della Marvel


Settimana ricca di visioni. Lascio un paio di righe :ahsisi:

Shaun of the Dead
Era qualche anno che non lo rivedevo, ma naturalmente si conferma come uno dei migliori titoli nel suo genere. Nel panorama delle commedie resta il mio punto di riferimento - con Hot Fuzz. Nel panorama dei film a base di morti viventi ho realizzato che racchiude uno dei set più realistici del mondo cinematografico:
cosa farebbe una persona normale durante un apocalisse zombi? Semplicemente quello che vediamo nel film: iniziale non curanza del problema fino all'avviso del telegiornale :rickds:, a cui sege il salvataggio dei propri cari e il desiderio di rifugiarsi in un posto che sentiamo sicuro e su cui pensiamo di trovare i nostri "amici".
QUi dentro lo abbiamo visto praticamente tutti e credo che saremmo anche tutti d'accordo nel dare un giudizio più che positivo, quindi inutile spendere altre parole :morris82:

Revenant
Mi schiero con quelli che pensano che sia nel complesso un buon film, con sclete di regia e fotografia davvero impressionanti, ma che pecca nel trattare il rapporto uomo-natura, che chiaramente è cruciale in questo film (o almeno era la mia aspettativa). Visto le nomination, fra i due l'oscar lo darei meglio ad Hardy.

21 Grammi
Continuo la mia personale rassegna del recupero dei registi più validi degli ultimi anni. Questa settimana è stata la settimana di Inarritu a quanto pare.
Il montaggio frammentato mi è piaciuto perché non è caotico e in breve riesce a far capire qual'è il succo della storia, così c'è tempo per concentrarsi sui protagonisti senza dover pensare a
come si intrecciano le loro storie.

Little Miss Sunshine
Una piacevolissima sorpresa. Un film che nel suo essere tragicomico mi ha fatto veramente tanto ridere.
Una semplice favola che riesce ad avere un lieto fine con il fallimento di tutti i protagonisti.
Colonna sonora molto carina :sisi:

TUTTI bei film :sisi:

Womb
31-01-16, 14:18:05
Non potrei mai credere a chi dà 9 a Guardiani della Galassia e a Interstellar.
L'eccessiva semplicità puzza di approssimazione, tanto vale leggere qualche commento alla locandina del film su facebook

E poi, scorrendo, ci sono un 7 a Inherent Vice e un 5 a Tale of Tales :asd:

Goodfella
31-01-16, 14:21:20
GotG è un filmone secondo me.


E poi, scorrendo, ci sono un 7 a Inherent Vice e un 5 a Tale of Tales :asd:

Ma :rickds:

dante3vergil
31-01-16, 14:24:11
Ah quindi ora guardiani della galassia non è un filmone; interessante

Kirillov
31-01-16, 14:24:31
E poi, scorrendo, ci sono un 7 a Inherent Vice e un 5 a Tale of Tales :asd:
E dice che Tale of Tales ha una sceneggiatura debole con vicende inverosimili senza citare che è tutto tratto da "Lo cunto de li cunti"

Goodfella
31-01-16, 14:26:54
E' un buon cinecomic, filmone mi pare esagerato, e su una scala da 1 a 10 dargli 9 è un insulto :rickds:

Wurdalak
31-01-16, 14:29:03
Ah quindi ora guardiani della galassia non è un filmone; interessante

Non lo è neanche lontanamente. Un polpettone allucinante senza identità. Si salvano giusto le musiche e il procione strònzo, il resto è quasi tutto da buttare.

- - - Aggiornato - - -

Inutile come tutti i film marvel post iron man

Womb
31-01-16, 14:34:51
Ma :rickds:
Il mio piú sincero consiglio a chiunque faccia pseudo-pseudo-critica su youtube è quello di evitare i voti come la peste, non a caso. Rendono ogni errore di valutazione sproporzionato e respingono, prima della visualizzazione, una certa parte di pubblico o peggio lo categorizzano :ahsisi:

E dice che Tale of Tales ha una sceneggiatura debole con vicende inverosimili senza citare che è tutto tratto da "Lo cunto de li cunti"
:asd:

dante3vergil
31-01-16, 15:10:52
E' un buon cinecomic, filmone mi pare esagerato, e su una scala da 1 a 10 dargli 9 è un insulto :rickds:
No invece, è un film molto molto piacevole, molto ben fatto, con pochissimi difetti (la trama che, vabbè, è un cinecomic, pertanto quella è)

Non lo è neanche lontanamente. Un polpettone allucinante senza identità. Si salvano giusto le musiche e il procione strònzo, il resto è quasi tutto da buttare.

- - - Aggiornato - - -

Inutile come tutti i film marvel post iron man
Ssì, certo, ok

Rage Against
31-01-16, 15:11:39
Il massimo che si può dire ad un film Marvel fin'ora è 8 (The Winter Soldier, Guardiani e The Avengers). Fanno quello per cui sono fatti, nè più nè meno.

Kirillov
31-01-16, 15:22:47
No invece, è un film molto molto piacevole, molto ben fatto, con pochissimi difetti (la trama che, vabbè, è un cinecomic, pertanto quella è)

Ssì, certo, ok
Ma se diamo 9 a GdG non possiamo farlo con la prospettiva della produziome cinematografica mondiale e di tutti i film con più di un secolo di cinema alle nostre spalle.

È un film con qualche gag demenziale tutt'altro che originale e con una spruzzatina di sentimentalismo spicciolo tipicamente Hollywoodiano.

Con 9 a questo film dobbiamo estendere la scala di valutazione a 30 oppure ogni anno il cinema è strapieno di capolavori (con 10 che resta il voto più alto) e purtroppo non è così

Rage Against
31-01-16, 15:25:41
Ma se diamo 9 a GdG non possiamo farlo con la prospettiva della produziome cinematografica mondiale e di tutti i film con più di un secolo di cinema alle nostre spalle.

È un film con qualche gag demenziale tutt'altro che originale e con una spruzzatina di sentimentalismo spicciolo tipicamente Hollywoodiano.

Con 9 a questo film dobbiamo estendere la scala di valutazione a 30 oppure ogni anno il cinema è strapieno di capolavori (con 10 che resta il voto più alto) e purtroppo non è cosìSecondo me i voti vanno dati anche in base al tipo di film. Una grande film comico può essere da 8 o 9, e quindi un film drammatico dovrebbe avere 30.
Invece, andrebbero votati secondo il loro genere.

Kirillov
31-01-16, 15:41:28
Secondo me i voti vanno dati anche in base al tipo di film. Una grande film comico può essere da 8 o 9, e quindi un film drammatico dovrebbe avere 30.
Invece, andrebbero votati secondo il loro genere.
È un discorso complesso ed è difficile uscirne. Per me la distinzione dei generi è sbagliata se si vuole considerare il cinema una vera arte. Non distinguiamo nella pittura tra quadri che trasmettono emozioni di un tipo e quadri che ne trasmettono di un altro, lo stesso vale per la musica e per la scrittura, per me.
Personalmente io mi baso nel giudicare sulla profondità che quel dato film riflette e su quanto in profondità riesce a colpirmi e a destabilizzare i miei pensieri.

È vero che così facendo è difficile per il genere puramente comico ambire alla potenza di quello tragico, ma in fondo la gerarchia è questa per quasi ogni forma d'arte

Robo@nte
31-01-16, 15:44:06
Ah quindi ora guardiani della galassia non è un filmone; interessante

de gustibus non est disputandum, ma 9 a questo film è un'esagerazione...
tu lo potrai trovare un ottimo film, per me e altri è solo un buon film e stop.

Hydrox
31-01-16, 15:59:19
Ho visto giusto ieri Guardiani della Galassia, mi è piaciuto ma dargli un 9 non esiste. Per me è da 7.5: simpatico (la battuta su Jackson Pollock, unita all'espressione di Chris Pratt, mi ha fatto davvero ridere), ben realizzato e c'è Thanos che è rappresentato magnificamente, ma non è certo un capolavoro. Il maggior difetto credo sia la mancanza di una vera e propria battaglia eroi vs villain, che dovrebbe essere presente in ogni film del genere. Curiosissimo comunque di vederne il seguito e soprattutto i guardiani insieme agli Avengers in Infinity War.

Il Commodoro
31-01-16, 20:27:13
Il maggior difetto credo sia la mancanza di una vera e propria battaglia eroi vs villain
Ma come :rickds:

Hydrox
31-01-16, 20:32:21
Ma come :rickds:

Nel senso che per te quella è una battaglia o per te non è un difetto?

Wurdalak
31-01-16, 22:26:59
Il maggior difetto credo sia la mancanza

di qualsiasi cosa :asd: Piatto e insipido come tutti i film dell'universo marvel
No ma seriamente, se i guardiani della galassia è da 9... spiderman 2, il cavaliere oscuro e hellboy 2 quanto valgono? Dobbiamo metterli in una classifica a parte. Sembrate quelli che dicevano che interstellar è un capolavoro sci fi... allora blade runner cos'è?

Prince Wolf
31-01-16, 22:28:54
eXistenZ (1999, David Cronenberg)

Il marchio d'autore di Cronenberg è enigmatico ed affascinante, eXistenZ trascina chi osserva nelle sue angoscianti atmosfere, creando si timore ma allo stesso tempo anche una sorta di dipendenza allo spettatore, che non vede l’ora di proseguire nella visione per svelare l’arcano della narrazione, proprio come il ‘’gioco-biologico’’ da qui prende nome il film. La trama come detto ha una forte personalità, e il finale è semplicemente coerente con tutto il resto. Per quanto mi riguarda, assolutamente azzeccato, capace di lasciar un senso di vuoto e disorientamento al momento dei titoli di cosa. E questo non è mai cosa da poco, anche se il messaggio globale poteva essere sicuramente più approfondito (il film dopotutto dura solo un’ora e mezzo). Si fossero accontentati un po’ meno in certi aspetti fornendo magari inquadrature più ricercate e capaci di diventare iconiche, interpretazioni oltre il compitino, una colonna sonora ancor più angosciante ed una regia più frizzante (la regia è abbastanza conservatrice..), eXistenZ sarebbe diventato davvero un cult-movie. Ma è anche il bello di questo genere di pellicole e, dopotutto, è meglio lasciarlo così com’è.

Voto: 8

Steeb
31-01-16, 22:38:44
Quanti pipponi sul voto, manco foste non so chi, critici professionisti che devono dare una valutazione finale a fine articolo?.. è semplicemente un grado di apprezzamento che dà e si dà al film, di sicuro non si parla di voti oggettivi

Per me può essere 10 indipendece day e 2 la grande bellezza, ciò non vuol dire che uno lo elevo al film più bello di tutti i tempi e l'altro a la ciofeca della storia del cinema

Togg
31-01-16, 22:42:57
Per me può essere 10 indipendece day e 2 la grande bellezza, ciò non vuol dire che uno lo elevo al film più bello di tutti i tempi e l'altro a la ciofeca della storia del cinema

Madonna e allora che vuol dire? :l4gann: già io sono perso in The Witness se pure ste cose diventano rebus sono finito.

Prince Wolf
31-01-16, 22:49:10
Per me può essere 10 indipendece day e 2 la grande bellezza, ciò non vuol dire che uno lo elevo al film più bello di tutti i tempi e l'altro a la ciofeca della storia del cinema

Minchia però potevi farlo un altro esempio :rickds:


Comunque nell'ultimo post della pagina precedente ho fatto un commento sull'ultimo film visto, eXistenZ di Cronenberg, se qualcuno l'ha visto mi faccia sapere che ne pensa che sono curiosissimo per favore. :asd:

Steeb
31-01-16, 22:57:58
Minchia però potevi farlo un altro esempio :rickds:


Comunque nell'ultimo post della pagina precedente ho fatto un commento sull'ultimo film visto, eXistenZ di Cronenberg, se qualcuno l'ha visto mi faccia sapere che ne pensa che sono curiosissimo per favore. :asd:

E' volutamente esagerato :morris82:

- - - Aggiornato - - -


Madonna e allora che vuol dire? :l4gann: già io sono perso in The Witness se pure ste cose diventano rebus sono finito.

Essere accostato a Blow è un bel complimento :rickds:

Ho fatto un esempio volutamente esagerato per dire che è inutile stare a sindacare su dei voti che sono palesemente relativi al grado di apprezzamento di un film e non vanno intesi come voti oggettivi, specialmente quando si parla di blogger o youtuber "amatoriali" ma vale la stessa cosa anche tra l'utenza in forum siti ecc..

Il Commodoro
31-01-16, 22:59:51
Nel senso che per te quella è una battaglia o per te non è un difetto?
C'è una battaglia enorme che occupa un quarto di film :morristend:

Prince Wolf
31-01-16, 23:05:44
E' volutamente esagerato :morris82:


Sisi tranquillo l'avevo capito, è solo che io nemmeno per scherzo sarei riuscito a scriverlo. Pochi film li trovo insulsi come Indipendence Day, soprattutto quando penso al successo che ha avuto sta mmmerdata :rickds:

Togg
31-01-16, 23:16:06
eXistenZ (1999, David Cronenberg)

Il marchio d'autore di Cronenberg è enigmatico ed affascinante, eXistenZ trascina chi osserva nelle sue angoscianti atmosfere, creando si timore ma allo stesso tempo anche una sorta di dipendenza allo spettatore, che non vede l’ora di proseguire nella visione per svelare l’arcano della narrazione, proprio come il ‘’gioco-biologico’’ da qui prende nome il film. La trama come detto ha una forte personalità, e il finale è semplicemente coerente con tutto il resto. Per quanto mi riguarda, assolutamente azzeccato, capace di lasciar un senso di vuoto e disorientamento al momento dei titoli di cosa. E questo non è mai cosa da poco, anche se il messaggio globale poteva essere sicuramente più approfondito (il film dopotutto dura solo un’ora e mezzo). Si fossero accontentati un po’ meno in certi aspetti fornendo magari inquadrature più ricercate e capaci di diventare iconiche, interpretazioni oltre il compitino, una colonna sonora ancor più angosciante ed una regia più frizzante (la regia è abbastanza conservatrice..), eXistenZ sarebbe diventato davvero un cult-movie. Ma è anche il bello di questo genere di pellicole e, dopotutto, è meglio lasciarlo così com’è.

Voto: 7,5/8

Sarebbe diventato sì un cult movie ma non sarebbe più stato un grandissimo film di Cronenberg imho. Le inquadrature sono ricercatissime, creano il senso di straniamento e vuoto che hai descritto e provato. Se avesse saturato in ogni angolo invece di lavorare di sottigliezze non ci avrebbe guadagnato nessuno. Stesso discorso per Cosmopolis che non so se hai visto.

Prince Wolf
31-01-16, 23:21:00
Sarebbe diventato sì un cult movie ma non sarebbe più stato un grandissimo film di Cronenberg imho. Le inquadrature sono ricercatissime, creano il senso di straniamento e vuoto che hai descritto e provato. Se avesse saturato in ogni angolo invece di lavorare di sottigliezze non ci avrebbe guadagnato nessuno. Stesso discorso per Cosmopolis che non so se hai visto.

E' in lista, dopo il Pasto Nudo tocca a lui. :asd:

S1lent17
31-01-16, 23:33:36
Visto J. Edgar. Una storia interessante, ma secondo me raccontato non troppo bene. Il film mi ha molto annoiato, difficilmente pare costruito perchè gli avvenimenti riescano a interessarti, questo perchè molto volte sembrano messi un po' male. Di Caprio buono, ma non al meglio dei suoi standard.
Voto personale 6.5

:blbl:

Ryo Narushima
01-02-16, 09:08:11
Visto Wolf of Wall Street

Uno Scorsese scatenatissimo, che porta sugli schermi una pellicola volgarissima e strapiena di eccessi. Quintali di soldi, quintali di fregna, quintali di lusso. Il sogno Americano portato all'ennesima potenza. DiCaprio come sempre bravo, alcune sue facce sono state fenomenali, ha dato proprio l'idea del drogato esaltato :asd:

Gianpi
01-02-16, 09:27:16
GotG è un filmone secondo me.

Secondo me GotG è sopravvalutatissimo: ha una struttura troppo lineare, una scenggiatura fatta male ed una storia per niente avvincente.

Il Commodoro
01-02-16, 10:13:45
La forza dei Guardiani secondo me non è nella storia ma nelle battute e situazioni che a me, personalmente, hanno fatto ridere. Riesce a coniugare azione e umorismo come pochi film, in questo infatti mi ha ricordato lontanamente Wright.

Rapt
01-02-16, 10:36:01
Ho visto point break (2016) Ottimo film comico, grasse risate assicurate

Kirillov
01-02-16, 10:37:13
Guardie e ladri di Monicelli e Steno.
Mi aspettavo un film dominato dalla comicità surreale di Totò e invece si rivela una commedia neorealista con un messaggio ben chiaro. È interessante notare come la censura del tempo abbia fortemente osteggiato questo film in cui una guardia e un ladro vengono messi sullo stesso piano dal loro essere entrambi dei padri di famiglia del dopoguerra

Il Commodoro
01-02-16, 10:46:50
Ho visto point break (2016) Ottimo film comico, grasse risate assicurate
è volutamente comico oppure no?

Steeb
01-02-16, 10:51:35
è volutamente comico oppure no?

se hai mai visto quel filmone di point break capirai che è ironico :asd:

bene lo vedo distrutto all'unanimità da critica e pubblico questo inutile remake

Väinämöinen
01-02-16, 10:55:35
È un'opinione non comune, ma I Guardiani è l'unico film del MCU che mi ha lasciato piuttosto freddo (anche se me ne mancano un paio). Non che gli altri siano capolavori, anzi, ma per la proverbiale "visione a cervello spento" funzionano, e intrattengono.

Il Commodoro
01-02-16, 11:13:08
se hai mai visto quel filmone di point break capirai che è ironico :asd:

Effettivamente :asd:

dante3vergil
01-02-16, 11:27:36
Secondo me GotG è sopravvalutatissimo: ha una struttura troppo lineare, una scenggiatura fatta male ed una storia per niente avvincente.
Sceneggiatura fatta male? Ma dove?

S1lent17
01-02-16, 11:32:47
È un'opinione non comune, ma I Guardiani è l'unico film del MCU che mi ha lasciato piuttosto freddo (anche se me ne mancano un paio). Non che gli altri siano capolavori, anzi, ma per la proverbiale "visione a cervello spento" funzionano, e intrattengono.

Pensa che per me è l'unico Film valido dei Marvel Studios assieme a Cap 2.
Gli altri sono tutti quanti per me, i classici film da Sabato pomeriggio per ragazzini e famigliole.
Di supereroi preferisco i film della Fox sui mutanti. Tolto il 3 e i due Wolverine.

:blbl:

Steeb
01-02-16, 11:49:56
Cloverfield (2008, Matt Reeves) - Parto dal presupposto che la prima visione anni fà mi lasciò parecchio interdetto ed enormemente deluso. Ho deciso di dargli un altra chance e rivederlo a mente lucida, approffitando di una buona offerta per il bluray.
Chiudendo un occhio sulla sceneggiatura non proprio brillante, devo dire che mi è piaciuto. Lo valuto come un esperimento in parte riuscito, il POV non è sempre digeribile e neanche dei migliori che abbia mai visto, però ci sono alcune situazioni che ne giovano e viene usato egregiamente per immergere lo spettatore nei momenti di tensione. Ho trovato abbastanza buono anche il comparto sonoro che dà una marcia in più al tutto.
Inoltre c'è da fare una considerazione, fù uno dei progetti a riportare alla luce i kaiju movie al cinema.

Sono curioso per il seguito che da quel che si è visto rimescola un pò le carte in tavola.

- - - Aggiornato - - -


Sisi tranquillo l'avevo capito, è solo che io nemmeno per scherzo sarei riuscito a scriverlo. Pochi film li trovo insulsi come Indipendence Day, soprattutto quando penso al successo che ha avuto sta mmmerdata :rickds:

Per me è un so bad so good, fiero possessore del vhs con cartoncino con doppio riflesso della white house che esplode :gab:

Hydrox
01-02-16, 16:30:14
C'è una battaglia enorme che occupa un quarto di film :morristend:

Vero, non ho specificato, intendevo una battaglia "fisica", non con le navicelle.

dante3vergil
01-02-16, 16:34:09
Ma Joy viene "massacrato" everywhere: qualcuno che l'ha visto e che lasci un commento?

Il Commodoro
01-02-16, 16:55:33
Vero, non ho specificato, intendevo una battaglia "fisica", non con le navicelle.
Ah, capito, a me è piaciuta anche questa battaglia non "fisica" comunque

Goodfella
01-02-16, 19:53:57
Ma Joy viene "massacrato" everywhere: qualcuno che l'ha visto e che lasci un commento?

Io un commento sul thread l'ho lasciato :sisi:

Manuel 23
01-02-16, 20:36:36
Le Mépris by Jean-Luc Godard (1963)
Prima visione. E' il mio primo film di Godard e purtroppo non è andata come speravo. Non mi è piaciuto, l'ho trovato noioso. Certo, interessante il paragone tra arte e vita reale, così anche la relazione tra marito e moglie (lei, Brigitte Bardot, molto bella, la Margot Robbie dell'epoca per dire), con la (lunga) sequenza nell'appartamento dove i due sono quasi sempre separati da qualcosa così da mostrare il loro sempre più evidente distacco che dovrebbe essere studiata da ogni aspirante regista; ma oltre al ciò e al finale che ho trovato molto ben fatto, non mi è parso affatto tutto sto capolavoro come leggo in giro, anzi. Quindi vorrei chiedere a chi l'ha visto e l'ha trovato anche lui un capolavoro (o comunque un film bellissimo) se mi può dare delle ragioni per il suo giudizio; sono molto interessato a sentire altre opinioni :kep88:.
Voto: 6,5

Rapt
01-02-16, 21:10:18
è volutamente comico oppure no?
Purtroppo no. Un remake insulso ed inutile, volevo alzarmi dalla sala ed andarmene...osceno a dir poco. Praticamente scene di sport estremi appiccicate tra loro da dialoghi demenziali

TestaMatta89
01-02-16, 21:16:25
Le Mépris by Jean-Luc Godard (1963)
Prima visione. E' il mio primo film di Godard e purtroppo non è andata come speravo. Non mi è piaciuto, l'ho trovato noioso. Certo, interessante il paragone tra arte e vita reale, così anche la relazione tra marito e moglie (lei, Brigitte Bardot, molto bella, la Margot Robbie dell'epoca per dire), con la (lunga) sequenza nell'appartamento dove i due sono quasi sempre separati da qualcosa così da mostrare il loro sempre più evidente distacco che dovrebbe essere studiata da ogni aspirante regista; ma oltre al ciò e al finale che ho trovato molto ben fatto, non mi è parso affatto tutto sto capolavoro come leggo in giro, anzi. Quindi vorrei chiedere a chi l'ha visto e l'ha trovato anche lui un capolavoro (o comunque un film bellissimo) se mi può dare delle ragioni per il suo giudizio; sono molto interessato a sentire altre opinioni :kep88:.
Voto: 6,5

Personalmente reputo Godard uno dei registi più sopravvalutati della storia del cinema, quindi non preoccuparti, non sei il solo a "non capire" il senso di tutte queste lodi ;)

p a n z e r
01-02-16, 21:27:46
Personalmente reputo Godard uno dei registi più sopravvalutati della storia del cinema, quindi non preoccuparti, non sei il solo a "non capire" il senso di tutte queste lodi ;)

posso capire per i lavori recenti, ma tirando in ballo la storia del cinema è semplicemente impossibile che godard sia sopravvalutato. questo perché storicamente lui e la nouvelle vague sono istituzioni, passaggi obbligatori della storia del cinema, e non ci sono giudizi di valore che reggono.

TestaMatta89
01-02-16, 21:43:39
posso capire per i lavori recenti, ma tirando in ballo la storia del cinema è semplicemente impossibile che godard sia sopravvalutato. questo perché storicamente lui e la nouvelle vague sono istituzioni, passaggi obbligatori della storia del cinema, e non ci sono giudizi di valore che reggono.

Mah, non voglio discutere sull'importanza o meno della "nouvelle vague" nella storia del cinema, dico solo che i presunti capolavori di Godard proprio non li reggo.
Truffaut, che faceva parte anch'egli della nouvelle vague, è già un altro paio di maniche, molto superiore a mio avviso.

Il Commodoro
02-02-16, 00:28:05
Ridendo e Scherzando
Bel documentario su Ettore Scola con la partecipazione di Pif, lo consiglio a chiunque fosse interessato alle opere di Scola, alla sua vita, ed ovviamente anche ai "fan" di Pif. L'ho trovato molto toccante, soprattutto verso la fine.

S1lent17
02-02-16, 11:16:20
12 Anni Schiavo.Bel film, bella storia triste e che fa riflettere come sempre in questo genere di film.
L'Oscar in quell'anno l'avrei dato a The Wolf of Wall Street personalmente, ma 12 Anni Schiavo trattanto un problema grave americano, posso capire perchè hanno fatto vincere lui. Alla fine rimane comunque un grande film che tratta una storia vera e molto triste.
Voto personale 8.5

:blbl:

Väinämöinen
02-02-16, 11:25:15
Pensa che per me è l'unico Film valido dei Marvel Studios assieme a Cap 2.
Gli altri sono tutti quanti per me, i classici film da Sabato pomeriggio per ragazzini e famigliole.
Di supereroi preferisco i film della Fox sui mutanti. Tolto il 3 e i due Wolverine.

E non c'è niente di male, per quanto mi riguarda :asd:
Anche se non hai torto sulla Fox, DOFP mi manca, ma direi che First Class mi è piaciuto più di qualunque Marvel.

Detto questo, avendo rivisto Fast & Furious 6 ieri sera, pochi càzzi: sono quello e il 7 i migliori film sui supereroi degli ultimi anni.

Steeb
02-02-16, 11:26:54
E non c'è niente di male, per quanto mi riguarda :asd:
Anche se non hai torto sulla Fox, DOFP mi manca, ma direi che First Class mi è piaciuto più di qualunque Marvel.

Detto questo, avendo rivisto Fast & Furious 6 ieri sera, pochi càzzi: sono quello e il 7 i migliori film sui supereroi degli ultimi anni.

ti manca il migliore insomma :reggie:

Prince Wolf
02-02-16, 11:30:27
Ultimamente mi son messo in testa di completare del tutto Cronenberg, e mi mancano ancora 6-7 film (tra cui Naked Lunch e Cosmopolis..) per farmi tutta la filmografia. Ieri a casa sono arrivati un po' di blu ray dei miei film preferiti di sempre, e tra questi, vi era anche Videodrome. Anche se l'ho già visto 2 volte fotteuncazzo di niente, prima che non venga assuefatto da quel film dovrò vederlo almeno un decina di volte. Quindo l'ho rivisto con un'amica (rimasta abbastanza sconvolta vabbè ma la posso capire :rickds:)

VIDEODROME
Che dire, son sempre più convinto che se non sapessi la data d'uscita del film direi che è DECISAMENTE più un prodotto da 2016 che da 1983. Iper moderno in fatti e filosofia, una pellicola che metaforicamente riesce nel suo intento due volte. Lo stesso spettatore si trova ipnotizzato e allucinato (io mi son sentito preso in giro, nel senso più buono del termine, con tutto lo stile di questo mondo..) per ciò che accade a schermo dal primo all'ultimo momento, in un'atmosfera surreale dalle tinte angoscianti e macabre: un'esperienza indimenticabile. Un equilibrio a mio modo di vedere semi-perfetto, un ritmo impeccabile come pochi visti in vita mia, un'ora e mezzo di film che però sembrano 3 per intrattenimento, concentrazione e sensazioni trasmesse, una sceneggiatura mai sopra le righe adattata alla grande al contesto: enfasi pura, poche pellicole m'hanno tenuto davanti a uno schermo con una potenza tale.
Esteticamente fantastico ed ispirato, la cura ai particolari nella scenografia, i costumi e tutto il resto sono visibili a miglia e miglia di distanza, ogni singolo elemento anche in secondo o terzo piano sembra essere stato messo lì perchè tutto ciò che fa parte dei fotogrammi di Videodrome deve avere un suo perchè, un suo motivo d'esistere.
Menzione d'onore anche a James Woods, l'ho trovato completamente perso nella sua parte, completamente assuefatto. Non sbaglia praticamente nulla dall'inizio alla fine.
Cronenberg inserisce anche un po' di riferimenti quà e là (Orwell per esempio..), e senza rendere il tutto troppo marcato, lancia messaggi da visionario su ciò che è ''trasmesso a schermo'', del cosa, del come e del perchè. Il finale l'ho trovato devastante.
Troppi gli elementi che amo tutti nello stesso film: una trama dal fascino totale, che tratta di controllo, televisione, comunicazione, una critica sottile ed elegante nella sua trucida vena. Inserisce qua e la con omogeneità invidiabile scene di violenza, sesso, donne masochiste, un mondo distopico con personaggi capaci di incutere timore e insicurezza, momenti truci e splatter dall'impatto devastante (indispensabili per dare un'immagine ancor più marcata al film, per dargli una personalità ancor più incalzante) mostruosità e mutazioni fisiche estremamente fighe. In definitiva, una regia carismatica e quasi indemoniata nella sua originalità. Non c'è una sola scena che mi verrebbe da tagliare, o un solo ***** di punto morto in tutta la narrativa.
Chapeau totale per questo sogno visivo ''trasmesso'' con le vesti da incubo.

S1lent17
02-02-16, 11:45:50
E non c'è niente di male, per quanto mi riguarda :asd:
Anche se non hai torto sulla Fox, DOFP mi manca, ma direi che First Class mi è piaciuto più di qualunque Marvel.

Detto questo, avendo rivisto Fast & Furious 6 ieri sera, pochi càzzi: sono quello e il 7 i migliori film sui supereroi degli ultimi anni.

Guardalo Giorni di un Futuro Passato. A me su per giù è piaciuto pure più di First Class.

:blbl:

Väinämöinen
02-02-16, 11:58:35
ti manca il migliore insomma :reggie:

Guardalo Giorni di un Futuro Passato. A me su per giù è piaciuto pure più di First Class.

Calma, calma, ogni cosa a suo tempo. Non è che lo stia evitando :asd:
Qualche giorno fa ho pure visto la Rogue Cut a pochi euri in un Media World, ma non ne ho approfittato.

Steeb
02-02-16, 12:08:58
Calma, calma, ogni cosa a suo tempo. Non è che lo stia evitando :asd:
Qualche giorno fa ho pure visto la Rogue Cut a pochi euri in un Media World, ma non ne ho approfittato.
tranquillo, troppi cinecomic filati provocano indigestione
merita, instaprendila.

Peccato che non l'hai visto al cinema

S1lent17
02-02-16, 12:17:38
Quest'anno l'unico cinecomics che mi crea interesse è Suicide Squad.
Deadpool e X-Men non so se li vedrò al cinema.
Sicuramente non vedrò Civil War e Batman V Superman.

:blbl:

Goodfella
02-02-16, 12:41:40
Ultimamente mi son messo in testa di completare del tutto Cronenberg, e mi mancano ancora 6-7 film (tra cui Naked Lunch e Cosmopolis..) per farmi tutta la filmografia. Ieri a casa sono arrivati un po' di blu ray dei miei film preferiti di sempre, e tra questi, vi era anche Videodrome. Anche se l'ho già visto 2 volte fotteuncazzo di niente, prima che non venga assuefatto da quel film dovrò vederlo almeno un decina di volte. Quindo l'ho rivisto con un'amica (rimasta abbastanza sconvolta vabbè ma la posso capire :rickds:)

VIDEODROME
Che dire, son sempre più convinto che se non sapessi la data d'uscita del film direi che è DECISAMENTE più un prodotto da 2016 che da 1983. Iper moderno in fatti e filosofia, una pellicola che metaforicamente riesce nel suo intento due volte. Lo stesso spettatore si trova ipnotizzato e allucinato (io mi son sentito preso in giro, nel senso più buono del termine, con tutto lo stile di questo mondo..) per ciò che accade a schermo dal primo all'ultimo momento, in un'atmosfera surreale dalle tinte angoscianti e macabre: un'esperienza indimenticabile. Un equilibrio a mio modo di vedere semi-perfetto, un ritmo impeccabile come pochi visti in vita mia, un'ora e mezzo di film che però sembrano 3 per intrattenimento, concentrazione e sensazioni trasmesse, una sceneggiatura mai sopra le righe adattata alla grande al contesto: enfasi pura, poche pellicole m'hanno tenuto davanti a uno schermo con una potenza tale.
Esteticamente fantastico ed ispirato, la cura ai particolari nella scenografia, i costumi e tutto il resto sono visibili a miglia e miglia di distanza, ogni singolo elemento anche in secondo o terzo piano sembra essere stato messo lì perchè tutto ciò che fa parte dei fotogrammi di Videodrome deve avere un suo perchè, un suo motivo d'esistere.
Menzione d'onore anche a James Woods, l'ho trovato completamente perso nella sua parte, completamente assuefatto. Non sbaglia praticamente nulla dall'inizio alla fine.
Cronenberg inserisce anche un po' di riferimenti quà e là (Orwell per esempio..), e senza rendere il tutto troppo marcato, lancia messaggi da visionario su ciò che è ''trasmesso a schermo'', del cosa, del come e del perchè. Il finale l'ho trovato devastante.
Troppi gli elementi che amo tutti nello stesso film: una trama dal fascino totale, che tratta di controllo, televisione, comunicazione, una critica sottile ed elegante nella sua trucida vena. Inserisce qua e la con omogeneità invidiabile scene di violenza, sesso, donne masochiste, un mondo distopico con personaggi capaci di incutere timore e insicurezza, momenti truci e splatter dall'impatto devastante (indispensabili per dare un'immagine ancor più marcata al film, per dargli una personalità ancor più incalzante) mostruosità e mutazioni fisiche estremamente fighe. In definitiva, una regia carismatica e quasi indemoniata nella sua originalità. Non c'è una sola scena che mi verrebbe da tagliare, o un solo ***** di punto morto in tutta la narrativa.
Chapeau totale per questo sogno visivo ''trasmesso'' con le vesti da incubo.

Recensione bellissima, anche per me Videodrome è tra i preferiti, una pellicola immortale che acquisisce rilevanza anno dopo anno, e questa è una qualità che pochissimi film hanno.

Togg
02-02-16, 13:39:55
Ho visto la miniserie inglese recente And then there were none. Che robetta intollerabile, non costruisce rigorosamente *niente*, si susseguono scene misere collegate con il più insulso montaggio tematico. Non c'è una sola scena in una sola stanza in cui faccia qualcosa di interessante, è una specie di tortura in cui provano in tutti i modi a farti stare sveglio, aggiungendo quando necessario gritty textures con i soliti piatti di animali che suggeriscono la natura umana e la carrellata di omicidi e flashback etc etc.
Non ho idea di come sia scritto il libro ma questo davvero è imbarazzante.

Goodfella
02-02-16, 14:09:58
Il libro è un grande classico. L'unico a rendergli giustizia è stato il doppio episodio dei griffin

Brother's Killer
02-02-16, 14:45:41
Videodrome capolavoro immortale :sisi:

Prince Wolf
02-02-16, 15:04:29
Videodrome capolavoro immortale :sisi:

Se poi me lo dici con quell'avatar li mi rendi proprio orgoglioso dei miei gusti :rickds:


PS. Mi è arrivato qualche giorno fa insieme ad altri 70 Blu Ray/DVD, guarda in che caxxo di condizioni...

http://i.imgur.com/xIMuV74.jpg


mi son fatto subito rimandare un'altra copia. :tragic:




Recensione bellissima, anche per me Videodrome è tra i preferiti, una pellicola immortale che acquisisce rilevanza anno dopo anno, e questa è una qualità che pochissimi film hanno.

Grazie amico.
Più che una recensione è amore spontaneo che viene da dentro. :asd:

Togg
02-02-16, 15:07:40
qualcuno si era sgranocchiato Kurosawa ahah

Quattro
02-02-16, 15:12:18
VIDEODROME

Bellissimo commento, vorrei proprio rivederlo.

Brother's Killer
02-02-16, 15:13:42
"un film da mangiare" [Cit.]

TestaMatta89
02-02-16, 16:19:11
Ho rivisto per l'ennesima volta "Blade Runner", in versione "Final Cut" per la precisione.
Che dire, un capolavoro di stile e tecnica, che mette in scena alla perfezione le tematiche dickiane dell'etica nei confronti della vita (artificiale e non), e della decadenza della società umana nei suoi futuri distopici.
Un film dall'atmosfera magnetica, che a mio parere viene rafforzata dalle scelte della "Final Cut", visto che i monologhi interiori di Deckard sono stati cancellati, lasciando a noi spettatori interpretare le emozioni sul volto di un grande Harrison Ford.
Interessante inoltre che la scena finale sia stata tagliata, lasciandoci un finale agrodolce ed ambiguo, invece del lieto fine un po' forzato della versione originale
Per quanto riguarda i cambiamenti della scena della colomba e del cielo prima sereno, adesso trasformato in nuvoloso; non ne sentivo il bisogno, per me potevano lasciarla anche com'era, non cambia un granché a mio parere.

Goodfella
02-02-16, 18:13:15
AAAAAAAAH :sard:

ma che ***** di filmoni in una sola pagina

blade runner :sard:

videodrome :sard:

voi volete farmi imbiancare le pareti :sard:

stasera riguardo videodrome, deciso :asd:

Wurdalak
02-02-16, 23:24:43
AAAAAAAAH :sard:

ma che ***** di filmoni in una sola pagina

blade runner :sard:

videodrome :sard:

voi volete farmi imbiancare le pareti :sard:

stasera riguardo videodrome, deciso :asd:

Volevo dire la stessa cosa :sard: tre film che rappresentano il Cinema nella sua più alta realizzazione. Non esistono pellicole migliori, allo stesso livello sì ovvio, ma oltre non è mai arrivato nessuno.

- - - Aggiornato - - -

E anch'io quasi quasi mi riguarderò videodrome uno di questi giorni che è da un pò che non lo vedo.

- - - Aggiornato - - -

Appena finito di rivedere quel meraviglioso film che è La Vita è Meravigliosa di Frank Capra. Due ore volate come al solito, e brividi continui nella parte finale del film (quel primo piano di james stewart mamma mia :morris82: ). Nella sua semplicità, resta uno dei più grandi capolavori della storia, bellissimo :bruniii: :bruniii:

Steeb
03-02-16, 00:06:31
avevo proprio blade runner director cut in bluray in programma, ora me lo sparo

S1lent17
03-02-16, 01:33:55
The Wolf of Wall Street.
Filmone alla Scorsese, adoro troppo nei film la voce narrante del protagonista che parla a noi.
Prova magistrale di DiCaprio, strano come non gli fecero vincere l'Oscar per questo film, tra l'altro l'avrei dato a lui più che a 12 Anni Schiavo.
La Robbie come sempre una **** stratosferica, classica tipa che solo a vederla ti fa star male e avere svenimenti visto che tutto il sangue del corpo umano maschile si concentra in un unico punto :asd:
Voro personale 9

:blbl:

Prince Wolf
03-02-16, 02:21:30
The Wolf of Wall Street.
Filmone alla Scorsese, adoro troppo nei film la voce narrante del protagonista che parla a noi.
Prova magistrale di DiCaprio, strano come non gli fecero vincere l'Oscar per questo film, tra l'altro l'avrei dato a lui più che a 12 Anni Schiavo.
La Robbie come sempre una **** stratosferica, classica tipa che solo a vederla ti fa star male e avere svenimenti visto che tutto il sangue del corpo umano maschile si concentra in un unico punto :asd:
Voro personale 9

:blbl:

Che vecchio volpone zio mich :rickds::rickds:

Carnage
03-02-16, 13:25:35
Fast end furios 7 semplicemente stupendo ,fino adesso il migliore film mai uscito di fast end furios

Togg
03-02-16, 13:44:11
A child is waiting, Cassavetes
Standard vedibile se non fosse che finisce per essere un'apologia delle scuole segregate per bambini con disabilità. Imperdonabile.

Wurdalak
03-02-16, 14:05:34
Ecco questo cassavetes non l'ho mai digerito. Lo ricordo un pò melenso.

dante3vergil
03-02-16, 14:11:12
The Wolf of Wall Street.
Filmone alla Scorsese, adoro troppo nei film la voce narrante del protagonista che parla a noi.
Prova magistrale di DiCaprio, strano come non gli fecero vincere l'Oscar per questo film, tra l'altro l'avrei dato a lui più che a 12 Anni Schiavo.
La Robbie come sempre una **** stratosferica, classica tipa che solo a vederla ti fa star male e avere svenimenti visto che tutto il sangue del corpo umano maschile si concentra in un unico punto :asd:
Voro personale 9

:blbl:
Eh ma i film su schiavitù/nazismo, al di là di tutto, colpiscono sempre i feels dell'Academy

S1lent17
03-02-16, 14:29:01
Eh ma i film su schiavitù/nazismo, al di là di tutto, colpiscono sempre i feels dell'Academy

Eh lo so. Bello rimane bello 12 Anni Schiavo, però come film a livello generale per me ci stà un abisso con The Wolf of Wall Street.
Tipo quest'anno ancora prima di vederlo avevo pensato al Ponte delle Spie come Oscar. Poi vedendolo devo dire che è un bel film, però non so, secondo me non è da Oscar.

:blbl:

budobay
03-02-16, 14:47:48
Collateral di Michael Mann
Boh, sarà la... quinta, sesta volta che lo vedo. Io lo amo questo film. E' troppo bello. Forse lo sto cominciando a preferirlo addirittura più di heat la sfida. Sempre folgorante, come alla prima visione. Tom Cruise nel ruolo della sua vita. Fotografia con luce naturale fuori parametro. Elegiaco, spesso ironico, ma anche tesissimo e serratissimo in molte sequenze, scene d'azione magistrali, musiche da brividi. E poi vabbè QUESTA scena.

http://youtu.be/0DKX-2pa-UE

Sottoscrivo, anche perchè Heat secondo me ha un finale che rovina tutto il film, bastava capovolgerlo per una volta e avrebbe sfiorato il capolavoro nel suo genere.

- - - Aggiornato - - -


Il Nemico alle Porte non l'ho visto.
Come film di guerra del Vietnam migliore in assoluto io metterei Apocalypse Now e poi Platoon. Poi come lotta generale sul campo We Ware Soldier. Full Metal Jacket nel completto lo metto un po' a parte, perchè la guerra sul campo è solo nella seconda parte e quasi solo la scena finale contro il cecchino.

:blbl:

Recuperalo assolutamente che merita davvero parecchio,sul Vietnam non riesco a non mettere al primo posto Full Metal Jacket.
Faccio il mio esordio nella discussione con una doppietta di voti: su Fury mi associo a gran parte di quello che avete già scritto quindi non mi ripeto, aggiungo solo che mi è piaciuto parecchio Shia LaBeouf oltre a Pitt, direi che un 8 ci sta. Poi sto continuando ad approfondire il binomio Jennifer Lawrence/Bradley Cooper ed ho recuperato Il lato positivo, facendo la cazzata di vedere il film a metà lettura del libro (grave errore non infierite). Anche questo promosso a pieni voti per me, un 7.5, in particolare mi è piaciuto più BC rispetto alla Lawrence che ha preso l'oscar in questo film ma il discorso sulle assegnazioni di questi premi sarebbe troppo lungo e comunque credo che a breve ci sarà modo di confrontarsi su questo.
Un saluto a tutti ;)

dante3vergil
03-02-16, 14:48:36
Eh lo so. Bello rimane bello 12 Anni Schiavo, però come film a livello generale per me ci stà un abisso con The Wolf of Wall Street.
Tipo quest'anno ancora prima di vederlo avevo pensato al Ponte delle Spie come Oscar. Poi vedendolo devo dire che è un bel film, però non so, secondo me non è da Oscar.

:blbl:
A essere onesti, non capisco cosa ci sia di così wow ne il ponte delle spie
12 anni schiavo è bello sì, ma di come se ne sono visti altri, secondo me

Steeb
03-02-16, 14:49:56
Eh lo so. Bello rimane bello 12 Anni Schiavo, però come film a livello generale per me ci stà un abisso con The Wolf of Wall Street.
Tipo quest'anno ancora prima di vederlo avevo pensato al Ponte delle Spie come Oscar. Poi vedendolo devo dire che è un bel film, però non so, secondo me non è da Oscar.

:blbl:

Da oscar forse no, ma non sfigura tra i candidati di alcune categorie, rimane un film bellissimo imho

naxel
03-02-16, 14:56:25
Commenti telegrafici:

The Apartment, Billy Wilder - Perfezione dolce e amara
Stalag 17, Billy Wilder - Divertente e ben calibrato
Crimson Peak, Guillermo del Toro - Qualche buona idea dentro una sceneggiatura insulsa
Una giornata particolare, Ettore Scola - Un regime ventennale perfettamente racchiuso in poche stanze e una terrazza
White Material, Claire Denis - Africa da cartolina insanguinata: enigmatico
Miami Vice, Michael Mann - Di una bellezza ammaliante
The Visit, M. Night Shyamalan - Ben congegnato
Five Easy Pieces, Bob Rafelson - Sottile e distruttivo al tempo stesso
Starry Eyes, Kevin Kolsch, Dennis Widmyer - Un'altra mappa per le stelle nella città degli angeli
Taxi, Jafar Panahi - Come fare tanto con poco o nulla
A Streetcar Named Desire, Elia Kazan - Maestria tra le ombre
Artificial Intelligence, Steven Spielberg - Discreto il primo atto, brutto il secondo, pessimo il terzo

S1lent17
03-02-16, 15:06:43
A essere onesti, non capisco cosa ci sia di così wow ne il ponte delle spie
12 anni schiavo è bello sì, ma di come se ne sono visti altri, secondo me

Quello che penso pure io. E' bello come film, però non mi ha dato la sensazione di essere uno che possa vincere il premio. Opto più per il fatto che ci sta di messo la guerra fredda e qualche sottotrama politica e morale americana. Un po' come 12 Anni Schiavo ha vinto proprio per il tabù schiavismo dei nordafricani.



Da oscar forse no, ma non sfigura tra i candidati di alcune categorie, rimane un film bellissimo imho

Tra i candidati si, come vincitore però una volta visto dico di no. Io tra i candidati per ora ho visto solo Mad Max e lui e tra i due lo darei tutta la vita a Mad Max. Non per una fattore di trama per carità, ma per una questione di film in generale.

:blbl:

Rage Against
03-02-16, 16:25:49
Mentre lavoravo al computer c'era acceso su Sky Maschi Contro Femmine, l'ho lasciato per 20 minuti, e mi è venuta la nausea. Solo sesso, solo battute squallide, peggio di un Vacanze A.
Ma che film di ***** fanno in sto paese? :facepalm:

Steeb
03-02-16, 16:40:53
cut

bello the visit :ahsisi:

Goodfella
03-02-16, 19:11:38
Mi fa piacere che a tutti quelli a cui è piaciuto maps to the stars abbiano adorato starry eyes

dante3vergil
03-02-16, 19:30:13
bello the visit :ahsisi:
Mi hanno detto che nella parte iniziale è molto lento e che è anche abbastanza banale: smentite?

Togg
03-02-16, 19:33:17
Rivisto Totoro di Miyazaki che resta un film imprescindibile per tutt*. Come fare quello a cui si tiene con poco. Due bambine vanno a vivere in campagna e la madre è malata. Soffice messa in scena dei loro movimenti.

TestaMatta89
03-02-16, 20:34:00
Mi hanno detto che nella parte iniziale è molto lento e che è anche abbastanza banale: smentite?

Ma io più che altro ho sentito che sarebbe una specie di parodia dei film di Shyamalan, fatta da Shyamalan stesso. Quindi se cerchi un film che si prenda sul serio, forse non fa per te.
Stasera me lo guardo che sono curioso, non vedo un film di questo pazzoide dai tempi di "The Village", un film che mi deluse talmente tanto che smisi di riporre fiducia nel regista, e a quanto pare ho fatto bene, vista la robaccia che ha fatto in seguito :asd:
Tutti però sono stracontenti di questo "The Visit", quindi sono proprio curioso di guardarmelo :ahsisi:

Manuel 23
03-02-16, 21:39:19
Scream by Wes Craven (1996)
Prima visione. Come ridare vita all'horror in un solo film, ecco cosa è riuscito a fare l'accoppiata Craven-Williamson (lo sceneggiatore) dopo un decennio di spazzatura per il genere. Il film è originale, i personaggi hanno visto film horror storici come Halloween e Nightmare e ciò viene sfruttato come modo per utilizzare i cliche del genere in modo originale e al contempo ironizzare sugli stessi film horror; divertente, come quasi ogni scena che coinvolgeva il killer dato che questi non è il solito mostro indistruttibile come si è visto in passato, anzi; carico di tensione, Craven sfrutta infatti tutti i mezzi a sua disposizione per farci restare con il fiato sospeso lungo tutta la durata del film (ah, a proposito, cosa non è la sequenza iniziale :predicatore:); e ovviamente bello splatteroso. Mi è piaciuto quando si scopre chi è il killer,
Nonostante la scena possa sembrare quasi tragi-comica io l'ho trovata realistica visto che entrambi sono degli psicopatici, e penso potrebbero veramente fare cose del genere.
e il collegamento che hanno i film con il killer stesso. A proposito di ciò, più che una satira sui film Horror mi è sembrato un vero e proprio tributo al genere. Le uniche cose che non ho digerito sono le solite scene e gli atteggiamenti che si ritrovano in praticamente ogni film che vede coinvolti degli adolescenti, ma per il resto è stato un gran divertimento.
Voto: 8+/8,5

Wurdalak
03-02-16, 22:21:39
Programmazione sky:
- mezz'ora di intervista a tarantino
- una scena di the hateful eight
- pulp fiction e jackie brown di seguito.
Muoro.

- - - Aggiornato - - -

E domani pizza, "birretta" da 1 litro e si va a vedere the hateful eight con gli amici. Dispiace non poterlo vedere in 70 mm ma pazienza, l'importante è vederlo sto càzzo di film.

Togg
03-02-16, 22:28:33
[ il killer [...] non è il solito mostro indistruttibile

Cavolo sì, quando inciampa o va a sbattere fin dall'inizio uno si sente bene con sé stesso.

dante3vergil
03-02-16, 23:38:45
Cavolo sì, quando inciampa o va a sbattere fin dall'inizio uno si sente bene con sé stesso.
ESATTAMENTE :whawha:

TestaMatta89
05-02-16, 09:23:08
Ho visto "The Visit", molto bello.
Finalmente un film che usa le "riprese amatoriali" in modo sensato, e finalmente un film riuscito per Shyamalan, dopo tanti anni di buchi nell'acqua.
C'è tanta tensione e mistero, ma anche una vena comica e dell'assurdo, tanto che mi ha ricordato una famosa puntata di Spongebob :asd:
Bentornato Shyamalan!

Robo@nte
05-02-16, 15:00:18
Ho visto "The Visit", molto bello.
Finalmente un film che usa le "riprese amatoriali" in modo sensato, e finalmente un film riuscito per Shyamalan, dopo tanti anni di buchi nell'acqua.
C'è tanta tensione e mistero, ma anche una vena comica e dell'assurdo, tanto che mi ha ricordato una famosa puntata di Spongebob :asd:
Bentornato Shyamalan!

Premetto che il film non mi è dispiaciuto, però mi aspettavo molto di più:sisi:
E lo dice uno che ama particolarmente il regista indiano (fino a lady in the water:ahsisi:). The village rimane il suo capolavoro, senza se e senza ma, dieci spanne sopra al più celebre "il sesto senso"....imho.
Comunque a proposito di The visit: la scena del pannolone in faccia al bambino mi ha fatto rabbrividire :asd:

Prince Wolf
05-02-16, 15:37:55
Sti americani e le loro fisse mentali da deficienti beceri bigotti comunque hanno rotto i ********

Brother's Killer
05-02-16, 22:45:47
Gemini, Tsukamoto

Altro che Nolan o Memento :D Un casino ma bellissimo. Riesce a fare rientrare in un immaginario classichegiante una carrellata di cose disturbanti pazzesche. Fa davvero un sacco di cose, regista dirompente.

Però adesso mi spieghi cosa centra con Nolan e Memento :rickds:

EDIT Ma i due Nightmare Detective come sono? Li consigli? :unsisi:

Togg
05-02-16, 23:22:10
Imperdibili, il primo è un gran bel film il secondo CAPOLAVORO.

Di Gemini non ricordo niente :tragic:

Brother's Killer
05-02-16, 23:25:59
Imperdibili, il primo è un gran bel film il secondo CAPOLAVORO.

Di Gemini non ricordo niente :tragic:

E questo dice che in realtà fai finta di farti piacere le cose ma in realtà ti fanno schifo e le dimentichi subito :kep88:

peter6xx
06-02-16, 22:08:31
non entro da un paio di mesi e state ancora a parlare di sto sakamoto:bah!:
Ho visto Piccoli brividi, molto molto bello
Scout's Guide to the Zombie Apocalypse brutto
The martian mh guardabile

dante3vergil
06-02-16, 22:16:20
Carol

La regia non mi è dispiaciuta affatto, fotografia neppure, montaggio mi è parso impeccabile, Blanchette mastodontica: non tanto per la recitazione in sé per sé (espressività in primis), che è buona, sì, ma nulla di memorabile, quanto per la figura che ricopriva. Quando appariva, infatti, col suo portamento, con la sua eleganza, credo abbia reso il personaggio come meglio non si potesse.
Nota negativa è il ritmo, estenuantemente lento, e, per quel che mi riguarda, ha inficiato abbastanza sulla godibilità generale del film.

peter6xx
06-02-16, 22:16:37
Fast end furios 7 semplicemente stupendo ,fino adesso il migliore film mai uscito di fast end furios
Scene d'azione adrenaliniche ma hanno sbagliato pretesto. Davvero per fermare un convoglio blindato tra le montagne chiami un gruppo di piloti? Davvero questi invece di andarci con mezzi adeguati, come pensa intelligentemente Statham, si presentano con le solite muscle car modificate? Quanto culo devi avere per saltare da un grattacielo all'altro e beccare il finestrone tra un piano e l'altro? Il 5 resta il F&F migliore

Togg
06-02-16, 23:09:27
E questo dice che in realtà fai finta di farti piacere le cose ma in realtà ti fanno schifo e le dimentichi subito :kep88:
eheh

sono i recuperi in ordine cronologico uno dopo l'altro. anche di hong sang-soo confondo moltissimo.

S1lent17
06-02-16, 23:50:33
Visto Gran Budapest Hotel.
Cavolo non pensavo mi avrebbe così divertito e intrattenuto. Il film è molto particolare, mi è davvero piaciuto lo stile un po' surreale e riesce ad essere divertente e a far ridere senza volgarità. Bellissimi i vestiti tutti colorati, i colori stessi dell'hotel. Questo film ha superato ogni mia più rosea aspettativa.
Voto personale 9

:blbl: