PDA

Visualizza Versione Completa : Ultimo film visto | I commenti sono graditi!



Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 [38] 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142

IL GURU
01-01-11, 16:13:42
Hairspray - Grasso è bello
Carino,forse un pò troppo monotono:asd:
Voto 6+

pinguotto
01-01-11, 16:45:02
I soliti finti esperti, si credono di sapere tutto e di essere anche simpatici......io ho dato un mio parere, se poi a voi è piaciuto, beh....siete i soliti che se vedono qualcosa di strano o qualche film inusuale gridate subito al capolavoro.....inception avete visto la storia complessa , 500 giorni insieme l'inusualità di inserire una zoccola e un sistema di narrazione basato su un "countdown"......capolavoro!!!1!!! bah.....pure il primo dell'anno devo sentire certe stronzate?

Rullo
01-01-11, 16:49:59
I soliti finti esperti, si credono di sapere tutto e di essere anche simpatici......io ho dato un mio parere, se poi a voi è piaciuto, beh....siete i soliti che se vedono qualcosa di strano o qualche film inusuale gridate subito al capolavoro.....inception avete visto la storia complessa , 500 giorni insieme l'inusualità di inserire una zoccola e un sistema di narrazione basato su un "countdown"......capolavoro!!!1!!! bah.....pure il primo dell'anno devo sentire certe stronzate?

bella pinguotto :rickds:

mickes2
01-01-11, 16:55:33
Il Bandito delle ore undici (Pierrot Le fou) (1965) di Jean-Luc Godard

http://img23.imageshack.us/img23/6509/pierrotopening.jpg

Un'altra grande opera che ricalca molti elementi presenti in Fino all'ultimo respiro di 5 anni prima. Prima di tutto, anche qua compare un'altro grande regista, elemento che viene riproposto anche in altri film: in Fino all'ultimo respiro compare Melville, ne Il disprezzo compare Fritz Lang, e qua compare Samuel Fuller con un brevissimo ma bellissimo dialogo (da incorniciare) con Belmondo. ll protagonista interpretato da Belmondo il cui nome e' Ferdinand, ma la sua donna marianne lo chiama sempre pierrot, è un uomo sposato con una donna italiana ma appena reincontra la sua amata Mariane decide di fuggire con lei all'avventura della vita. Le vicissitudini che accompagneranno i due saranno parecchie; il tutto si sviluppa con una trama a tratti lineare con l'unico scopo di portare sullo schermo riflessioni sulla letteratura (pieno di riferimenti a me sconosciuti che possono risultare molto ma molto ostici se non li si conosce apppunto) e sulla musica. Belmondo e Karina dividono lo schermo in un modo eccezionale e sono splendidamente fotografati. Qua la mdp si muove con minor fascino per me, ma le sequenze splendide sono molte; anche qua troviamo ben 5 rotture della quarta parete.

8.5

niente spoiler

http://www.youtube.com/watch?v=vBNn38ZNUXI :claudia:

Price
01-01-11, 17:00:13
I soliti finti esperti, si credono di sapere tutto e di essere anche simpatici......io ho dato un mio parere, se poi a voi è piaciuto, beh....siete i soliti che se vedono qualcosa di strano o qualche film inusuale gridate subito al capolavoro.....inception avete visto la storia complessa , 500 giorni insieme l'inusualità di inserire una zoccola e un sistema di narrazione basato su un "countdown"......capolavoro!!!1!!! bah.....pure il primo dell'anno devo sentire certe stronzate?
Inception ha nella storia complessa proprio il suo punto debole dato che sembra voler fare il furbo distraendoci da alcuni problemi; il film è comunque godibile e rimane tra i migliori del 2010. 500 giorni insieme invece è una commedia romantica atipica, fresca dal punto di vista registico e narrativo e che sa mischiare sapientemente la cultura pop alla semplice storia di un ragazzo. non è che uno fa il finto esperto, semplicemente argomenta e non usa i puntini di sospensione come se piovessero.
buon anno a tutti comunque!

pinguotto
01-01-11, 17:12:11
Inception ha nella storia complessa proprio il suo punto debole dato che sembra voler fare il furbo distraendoci da alcuni problemi; il film è comunque godibile e rimane tra i migliori del 2010. 500 giorni insieme invece è una commedia romantica atipica, fresca dal punto di vista registico e narrativo e che sa mischiare sapientemente la cultura pop alla semplice storia di un ragazzo. non è che uno fa il finto esperto, semplicemente argomenta e non usa i puntini di sospensione come se piovessero.
buon anno a tutti comunque!

La tua argomentazione è nulla, anche se non usi i punti di sospensione.
La cultura pop alla semplice storia di un ragazzo...va bèh, de gustibus non disputandum est, ma se la tua è un'argomentazione valida lo è anche la mia, non mi è piaciuto appunto perchè è un film dal punto di vista della trama vuoto, anche piùttosto banale.
Non basta citare un paio di artisti considerati fighi dagli pseudo-esperti e un paio di musiche loro per meravigliarmi, scusatemi...... ....... ............... ...... .. . .. ...
PS: su inception non vedo cosa ho detto di male visto che anche tu vedi nella storia complessa il suo punto debole......sul fatto che sia godibile anche, gli ho dato 7,5 non 4

mickes2
01-01-11, 17:14:02
infatti, questo è il quarto post mi pare che argomenta a favore di 500 giorni insieme, ci sarà pure un motivo

Rob917
01-01-11, 17:19:15
500 giorni insieme è una commedia agrodolce molto interessante, personalmente ho gradito la caratterizzazione dei personaggi nonchè la recitazione degli attori
il film vanta anche un buon montaggio e una buona regia, e se non ricordo male anche la fotografia non era da meno. nel complesso mi era piaciuto, però forse dovrei rivederlonon dico che 500 giorni sia un brutto film, ma lo trovo al di sotto di tantissimi altri film meno articolati e più lineari, i personaggi sono fuori dal comune e non hanno nessuno senso di esserlo, il fatto di passare avanti e indietro nella narrazione delle giornate è una cosa che tarantino ha saputo fare benissimo con pulp fiction senza esagerare ed ha fatto in modo che tutto quadrasse, mentre questo film non ha ne bisogno di una mossa simile e non è neanche ben riuscito dato che con o senza sarebbe stata la stessa cosa, è stato solo un modo di distinguerlo dagli altri film ne più e ne meno, inoltre lo trovo davvero povero nei contenuti.

Juno ad esempio è un film semplicissimo eppure per me è di 5 spanne superiore a questo, tanto per fare un esempio, eppure anche questo è un film tranquillo.


nemmeno io concordo su moltissime cose, i due Iron Man non li ho visti.

Questo è proprio uno dei punti di forza del film imho, il montaggio alternato presente/passato, dove la storia secondo me acquista proprio la sua frizzantezza. E' un film leggero, ma i personaggi sono caratterizzati a dovere; anche la sceneggiatura fa la sua parte con 3 scene ottime che ti rimangono in mente. :)non sono d'accordo sui personaggi, li ho trovati talmente poco caratterizzati da non riuscire ad entrare nella mentalità del film, solo un po il protagonista che rappresenta il classico ragazzo che perde la testa per una ragazza, ma tutto sembra svolgersi fuori dal mondo, sono caratterizzati a metà.

cos'è che avrebbe dovuto colpire nel film? la strana storia avuta con quella ragazza? non mi dice nulla dato che la ragazza oltre che carina non comunica niente, la ribellione rispetto ai luoghi comuni riguardo alle frasi d'amore e sul "destino"? nonostante lui lavorasse in quell'ambito? neanche questo è fruttato bene, anche perchè quella scena suonava come qualcosa di gia visto.... fight club???


:bananarap:



Beh,diciamo che "il genere" in questione l'ha creato questo film (riprodotto e imitato all'infinito):che t'abbia annoiato è un tuo diritto,ci mancherebbe,ma il film non è noioso,e gli schemi si rifanno a un dollaro d'onore e la notte dei morti viventi,l'essenzialità e la mancanza di orpelli rendono il film narrativamente intrigante:assedio,attesa,nemico sconosciuto,quasi un'entità astratta (dove domina il fuoricampo), una fotografia notturna che ha fatto scuola, e la colonna sonora è funzionale adattandosi perfettamente al senso d'angoscia strisciante che respirano gli assediati:il silenzio domina (anche i proiettili sono silenziati!):paura:.Scene mitiche (quella scioccante della bambina?).E poi Carpenter dirige,scrive,monta (con lo pseudonimo di John T. Chance,il personaggio interpretato da Wayne in Un dollaro d'onore) e compone le musiche,dirigendo un western metropolitano coi fiocchi:cosa vuoi di più:nev:.
Veramente, che ti abbia annoiato è un vero peccato:tristenev:
Riprova dai:nev:in generale mi è piaciuto, ma in tutti i particolari mi ha deluso, ad esempio napoleone per quanto sembra dover risaltare come personaggio da un momento all'altro rimane quasi anonimo per me in tutto il film, tranne per la solita domanda della sigaretta che forse è l'unica cosa che mi è piaciuta del personaggio.


Uh, Distretto 13 non l'ho visto. Però quando ho letto "vecchio, noioso, serve un remake" non ho potuto non pensare a Rollerball.

E un brivido gelido mi è sceso giù per la schiena pensando al remake (di cui ho visto solo il trailer eh, non pensate male) e a quel grandissimo capolavoro dell'originale.no aspè, io ho precisato vecchio perchè generalmente i film di parecchi hanni fa hanno un ritmo più disteso, sono meno frenetici meno d'azione, e non è perforza un male, La Cosa l'ho trovato entusiasmante, ma questo no, non sono scene inutili sono semplicemente scene che sarebbero dovute passare più velocemente, ora non so precisare quale però durante il film spesso sentivo il bisogno di qualche cambio di scena in più, qualche cosa in più.


....John Carpenter.
La colonna sonora,2 motivetti...
Non sono per niente d accordo. Poi 5+ a Distretto 13 mentre Iron Man,col dovuto rispetto,si è beccato 10...:tragic:...Rabbrividiamo.la prima musica che si sente nel film è 1 motivetto, che si risente poi nelle scene dove entrano in azione i criminali, poi c'è il secondo motivetto dopo ogni sparatoria che puntualmente dopo la metà del film riuscivo ad anticiparle al momento esatto, l'ho trovato assurdo, fossero ste gran composizioni....

iron man non vedo perchè non dovrebbe avere 10, è il migliore nel suo genere, ha tutto quello che richiede un film come il suo.

Zweick
01-01-11, 17:22:40
Va beh, allora scrivo che ho probabilmente rovinato una bellissima storia di 6 anni con l'ennesima scenata di gelosia proprio gli ultimi giorni dell'anno, e che non mi va neanche di vedermi un film; il fatto che lo scriva qui significa poi che sono arrivato alla frutta.

Vall77
01-01-11, 17:36:42
no aspè, io ho precisato vecchio perchè generalmente i film di parecchi hanni fa hanno un ritmo più disteso, sono meno frenetici meno d'azione, e non è perforza un male, La Cosa l'ho trovato entusiasmante, ma questo no, non sono scene inutili sono semplicemente scene che sarebbero dovute passare più velocemente, ora non so precisare quale però durante il film spesso sentivo il bisogno di qualche cambio di scena in più, qualche cosa in più.

Ah ma io Distretto 13 non l'ho proprio visto non ce l'avevo con te, al massimo ti bombardo di critiche se mi bocci Rollerball di cui parlavo prima :asd:

@fil0red, eh... coraggio.

Invece nel mio capodanno letargico ma sereno io e donna sul divano... mi sono visto Toy Story 3. Non sono il fan numero 1 della Pixar e infatti il film l'ho trovato "solo" carino, molto carino a tratti, tecnicamente spledido. Però l'unico film Pixar che mi sia veramente ma veramente piaciuto resta Monsters Inc., lì mi ero anche mezzo commosso.

Price
01-01-11, 17:40:13
La tua argomentazione è nulla, anche se non usi i punti di sospensione.
La cultura pop alla semplice storia di un ragazzo...va bèh, de gustibus non disputandum est, ma se la tua è un'argomentazione valida lo è anche la mia, non mi è piaciuto appunto perchè è un film dal punto di vista della trama vuoto, anche piùttosto banale.
Non basta citare un paio di artisti considerati fighi dagli pseudo-esperti e un paio di musiche loro per meravigliarmi, scusatemi...... ....... ............... ...... .. . .. ...
PS: su inception non vedo cosa ho detto di male visto che anche tu vedi nella storia complessa il suo punto debole......sul fatto che sia godibile anche, gli ho dato 7,5 non 4
personalmente ritengo 500 giorni insieme al pari di Inception, se non superiore. certo che sono gusti ma la tua critica mi sembra alquanto insensata, una commedia romantica non deve certo brillare per le trame complesse ma per la bravura nel distaccarsi da un filone decisamente inflazionato.
fil0red che succede?

James
01-01-11, 17:51:11
la prima musica che si sente nel film è 1 motivetto, che si risente poi nelle scene dove entrano in azione i criminali, poi c'è il secondo motivetto dopo ogni sparatoria che puntualmente dopo la metà del film riuscivo ad anticiparle al momento esatto, l'ho trovato assurdo, fossero ste gran composizioni....

iron man non vedo perchè non dovrebbe avere 10, è il migliore nel suo genere, ha tutto quello che richiede un film come il suo.

Ma anche ne "La Cosa" ci sono 2 temi principali.E' tipico del cinema di Carpenter la musica quasi ossessionante.Se non ti è piaciuto pazienza,solo che 5+ mi sembra un voto un po' misero per questo film.

Per quanto riguarda "Iron Man", che mi è piaciuto,se dobbiamo valutarlo con film del suo genere non starebbe ai primi posti.i Batman di Burton,di Nolan,Xmen 2,Spiderman 1e2 boh non è da 10.:sisi: e nemmeno quelli che ho citato.

pinguotto
01-01-11, 17:54:32
personalmente ritengo 500 giorni insieme al pari di Inception, se non superiore. certo che sono gusti ma la tua critica mi sembra alquanto insensata, una commedia romantica non deve certo brillare per le trame complesse ma per la bravura nel distaccarsi da un filone decisamente inflazionato.
fil0red che succede?

Di certo la trama non deve essere complessa, ma almeno intrigante o in qualche modo innovativa...è l'unica cosa che salvo di questo film, il tentativo di renderlo innovativo e distaccato dal genere romantico, è il modo che a mio parere è sbagliato perchè come ho detto sopra il "countdown", la zoccola e il pop non mi convincono affatto :asd:

Zweick
01-01-11, 18:02:19
fil0red che succede?

Succede che ho esasperato probabilmente per l'ultima volta la donna della mia vita, cosucce da niente per passare un felice fine/capodanno.
Altro che film insomma :asd:

Rob917
01-01-11, 18:51:08
Ma anche ne "La Cosa" ci sono 2 temi principali.E' tipico del cinema di Carpenter la musica quasi ossessionante.Se non ti è piaciuto pazienza,solo che 5+ mi sembra un voto un po' misero per questo film.

Per quanto riguarda "Iron Man", che mi è piaciuto,se dobbiamo valutarlo con film del suo genere non starebbe ai primi posti.i Batman di Burton,di Nolan,Xmen 2,Spiderman 1e2 boh non è da 10.:sisi: e nemmeno quelli che ho citato.mah guarda, tu hai messo nel mirino il mio 10 per iron man, ma ad esempio non ritengo che iron man sia superiore a shutter island nonostante il voto a shutter sia più basso, ma quel 10 è riferito al fatto che se voglio vedere quel tipo di film iron man per me è il migliore, superiore a spiderman e a xmen, batman siam li per me merita 10 anche batman, ora solo perchè non è serio cupo e profondo come i lcavaliere oscuro significa che non è all'altezza? a suo modo lo è lo è grazie al fatto di rendere ironico un super eroe, rendere un eroe un uomo avido di soldi e renderlo perfettamente in un film, un uomo ricco che non dovrebbe fregarsene di nessuno ed invece è un eroe perchè aumenta ancora di più la sua fama, a dir la verità l'ho trovato anche più coraggioso e innovativo rispetto a batman seppure ques'tultimo sia mastodontico e pieno di spunti e significati (la lotta di jocker che vuole dimostrare che tutte le persone sono malvage in fondo se stuzzicate nel putno giusto).

Legion
01-01-11, 19:01:31
Io propongo di abolire i voti. Non solo qui. Anche nelle recensioni di qualsiasi media i voti numerici sono il cancro della critica seria e fatta con cognizione.

Rob917
01-01-11, 19:11:20
Io propongo di abolire i voti. Non solo qui. Anche nelle recensioni di qualsiasi media i voti numerici sono il cancro della critica seria e fatta con cognizione.io li ho messi apposta per far capire quanto mi son piaciuti, se no è difficile misurarlo a parole per quanto uno può fare un analisi approfondita.

Brother's Killer
01-01-11, 19:11:52
Io propongo di abolire i voti. Non solo qui. Anche nelle recensioni di qualsiasi media i voti numerici sono il cancro della critica seria e fatta con cognizione.

Sono d'accordo con te. Al massimo bisognerebbe limitarsi ad "pollice in alto, pugno chiuso, pollice in basso"
Ed è il motivo per cui non posto qui da un sacco di tempo: le mie capactà argomentative sono molto basse (almeno in confronto a molti che sono quì, quando leggo i post di Key mi viene una depressione immane pensando che ha la mia stessa età) e quindi non dovendo scrivere niente ed essendo contro i voti preferisco starmi zitto:asd:

p a n z e r
01-01-11, 19:23:46
mah guarda, tu hai messo nel mirino il mio 10 per iron man, ma ad esempio non ritengo che iron man sia superiore a shutter island nonostante il voto a shutter sia più basso, ma quel 10 è riferito al fatto che se voglio vedere quel tipo di film iron man per me è il migliore, superiore a spiderman e a xmen, batman siam li per me merita 10 anche batman, ora solo perchè non è serio cupo e profondo come i lcavaliere oscuro significa che non è all'altezza? a suo modo lo è lo è grazie al fatto di rendere ironico un super eroe, rendere un eroe un uomo avido di soldi e renderlo perfettamente in un film, un uomo ricco che non dovrebbe fregarsene di nessuno ed invece è un eroe perchè aumenta ancora di più la sua fama, a dir la verità l'ho trovato anche più coraggioso e innovativo rispetto a batman seppure ques'tultimo sia mastodontico e pieno di spunti e significati (la lotta di jocker che vuole dimostrare che tutte le persone sono malvage in fondo se stuzzicate nel putno giusto).
Ma Iron Man di coraggioso e innovativo non ha niente, il personaggio di Tony Stark è fondamentalmente piatto e ben poca roba se paragonato con Bruce Wayne/Batman. Stark passa dall'essere un alcolizzato a tempo perso drogato di potere a paladino della giustizia perchè ha magicamente capito come le sue armi rendono il mondo un posto peggiore. L'ordine quindi è sbagliato, tu dici "rendere un eroe un uomo avido di soldi" quando invece è l'esatto opposto, l'uomo avido ed egoista diventa un eroe.

Questo solo parlando del personaggio, estendo il paragona con Il cavaliere oscuro a tutto il film non ci sono santi che tengono, il lavoro di Nolan è esageratamente più curato e interessante. Si discosta dall'essere il classico filmino coi supereroi da bambini per diventare un thriller di altissimo livello, con personaggi caratterizzati nettamente meglio (è scontato dirlo ma Joker da solo eclissa entrambi gli Iron Man).

Rob917
01-01-11, 19:26:55
Ma Iron Man di coraggioso e innovativo non ha niente, il personaggio di Tony Stark è fondamentalmente piatto e ben poca roba se paragonato con Bruce Wayne/Batman. Stark passa dall'essere un alcolizzato a tempo perso drogato di potere a paladino della giustizia perchè ha magicamente capito come le sue armi rendono il mondo un posto peggiore. L'ordine quindi è sbagliato, tu dici "rendere un eroe un uomo avido di soldi" quando invece è l'esatto opposto, l'uomo avido ed egoista diventa un eroe.

Questo solo parlando del personaggio, estendo il paragona con Il cavaliere oscuro a tutto il film non ci sono santi che tengono, il lavoro di Nolan è esageratamente più curato e interessante. Si discosta dall'essere il classico filmino coi supereroi da bambini per diventare un thriller di altissimo livello, con personaggi caratterizzati nettamente meglio (è scontato dirlo ma Joker da solo eclissa entrambi gli Iron Man).non sono d'accordo, il classico film di super eroi è rappresentato da spiderman se vogliamo, e da quel classico iron man e batman hanno preso 2 strade diverse entrambe ben riuscite, poi se non apprezzi questa via presa da iron man pazienza.

p a n z e r
01-01-11, 19:30:27
La via presa da Iron Man è la stessa di Spider-Man eh, non cambia nulla tra i due. Iron Man non è maturo, non è innovativo, non è nulla se non un buon film, e basta. Anzi, tirando in ballo Spider-Man, il primo capitolo è anche meglio. Vogliamo paragonare Green Goblin con quella mezza sega di Iron Monger?

Rob917
01-01-11, 19:52:26
La via presa da Iron Man è la stessa di Spider-Man eh, non cambia nulla tra i due. Iron Man non è maturo, non è innovativo, non è nulla se non un buon film, e basta. Anzi, tirando in ballo Spider-Man, il primo capitolo è anche meglio. Vogliamo paragonare Green Goblin con quella mezza sega di Iron Monger?ah beh, sai tutto tu :ahsisi: non voglio mettere in dubbio le tue certezze.

Odarius
01-01-11, 19:54:25
Bbbbboniiiiiiii! :)

Togg
01-01-11, 19:58:57
Invece nel mio capodanno letargico ma sereno io e donna sul divano... mi sono visto Toy Story 3. Non sono il fan numero 1 della Pixar e infatti il film l'ho trovato "solo" carino, molto carino a tratti, tecnicamente spledido. Però l'unico film Pixar che mi sia veramente ma veramente piaciuto resta Monsters Inc., lì mi ero anche mezzo commosso.

Stasera c'è su rai tre insieme a te bugs life :D


I soliti finti esperti, si credono di sapere tutto e di essere anche simpatici......io ho dato un mio parere, se poi a voi è piaciuto, beh....siete i soliti che se vedono qualcosa di strano o qualche film inusuale gridate subito al capolavoro.....inception avete visto la storia complessa , 500 giorni insieme l'inusualità di inserire una zoccola e un sistema di narrazione basato su un "countdown"......capolavoro!!!1!!! bah.....pure il primo dell'anno devo sentire certe stronzate?

A me inception non è piaciuto :asd:


(dobbiamo fare ste scenette pure l'uno gennaio :rickds: ? )

Legion
01-01-11, 20:13:44
Sono d'accordo con te. Al massimo bisognerebbe limitarsi ad "pollice in alto, pugno chiuso, pollice in basso"
Ed è il motivo per cui non posto qui da un sacco di tempo: le mie capactà argomentative sono molto basse (almeno in confronto a molti che sono quì, quando leggo i post di Key mi viene una depressione immane pensando che ha la mia stessa età) e quindi non dovendo scrivere niente ed essendo contro i voti preferisco starmi zitto:asd:

Ogni tanto ci cado pure io nella trappola dei voti :asd:
Ma dal mio punto di vista ho sempre pensato che un recensore/critico che esprime voti numerici è un ignorante che il suo lavoro non lo sa fare.
Poi nel forum ci può stare tutto, essendo una piazza per definizione "proletaria" nessuno dovrebbe avere paura di esprimere la sua opinione; ma togliendo voti e giudizi netti (anche perché l'arte non si misura a numeri e film di diversi generi non possono avere gli stessi parametri decimali) toglierebbe molte polemiche inutili.
In parole povere. Niente voti please.

Noto comunque che tra i propositi per l'anno nuovo qualcuno si è dimenticato il "non flammare più".

p a n z e r
01-01-11, 20:20:34
ah beh, sai tutto tu :ahsisi: non voglio mettere in dubbio le tue certezze.

Di certo ho dimostrato di conoscere meglio di te l'argomento in questione, sopratutto in funzione del fatto che hai definito Iron Man il meglio nel suo "genere" per delle motivazioni ridicole e pure inesatte.

Ancora devo capire cosa ha di innovativo per te Iron Man.

Simix92
01-01-11, 20:25:39
Hachiko.

Bellino. Triste. Però bellino :D

AirMilord
01-01-11, 20:31:22
The Blind Side: bello, nè più, nè meno, trama un po' scontata ma un 7/7.5 ci sta tutto

Rob917
01-01-11, 21:08:28
Di certo ho dimostrato di conoscere meglio di te l'argomento in questione, sopratutto in funzione del fatto che hai definito Iron Man il meglio nel suo "genere" per delle motivazioni ridicole e pure inesatte.

Ancora devo capire cosa ha di innovativo per te Iron Man.ha tutto quello che serve per fare uscire soddisfatto dal cinema una persona che vuole vedere un film di eroi senza prendersi mai troppo sul serio.

James
01-01-11, 21:10:44
Ok,direi che possiamo chiuderla quà.:sisi:
Che oggi non so che cavolo vi è preso a tutti.

Lateralus
01-01-11, 22:06:44
My son,my son,what have ye done
Bell'atmosfera, ottime interpretazioni, il protagonista è uno di quelli che piacciono a me, indecifrabile.
7,5

Togg
01-01-11, 22:35:56
Lo zio Boonme che si ricorda delle sue vite precedenti, Apichatpong Weerasethakul

Non dico niente perché c'è rullo che non si merita di leggere.

9

Vall77
01-01-11, 22:42:29
Va be ma tu sei scarso. Aspettate che lo veda io così vi spiego tutto :kep88:


Lo zio Boonme che si ricorda delle sue vite precedenti, Apichatpong Weerasethakul

Non dico niente perché c'è rullo che non si merita di leggere.

9

Sì ma poi io ti faccio una pernacchia atomica :sisi:

Rullo
01-01-11, 22:48:07
Lo zio Boonme che si ricorda delle sue vite precedenti, Apichatpong Weerasethakul

Non dico niente perché c'è rullo che non si merita di leggere.

9

non hai capito una minchia tanto per cambiare
io gli dò **** (che potrebbero diventare ***+) visto che l'ho visionato oggi, non scrivo il commento che non ho voglia e a nessuno interessa

p a n z e r
01-01-11, 22:48:56
A me interessa

pinguotto
01-01-11, 22:51:43
Messaggio Cancellato

Se scrivi altre robe del genere verrai segnalato come prima cosa.

Ah beh certo tu puoi spalare ***** sugli altri ma appena uno ti risponde a tono partono le minacce, lo dico io chiudiamola qua, dato che qualcuno cattivo potrebbe dire che non hai le palle di lasciare scritti i messaggi ( nel messaggio avevo scritto le stesse cose che avevi scritto tu rispondendoti con lo stesso tono arrogante, ma a quanto pare tu puoi e gli altri no)

Togg
01-01-11, 22:53:21
Sì ma poi io ti faccio una pernacchia atomica :sisi:

Stavolta hai ragione in pieno :rickds:

Però va be, ho letto indietro e condivido le cose che ha scritto key che possiamo dare per "assodate". Ora non mi va proprio di commentare, sarà stata la (non)discussione post-visione con rullo.

---------- Post added at 22:53:21 ---------- Previous post was at 22:51:57 ----------


non hai capito una minchia tanto per cambiare
io gli dò **** (che potrebbero diventare ***+) visto che l'ho visionato oggi, non scrivo il commento che non ho voglia e a nessuno interessa

Perché che avrei capito ? :asd:

Rullo
01-01-11, 22:57:30
Stavolta hai ragione in pieno :rickds:

Però va be, ho letto indietro e condivido le cose che ha scritto key che possiamo dare per "assodate". Ora non mi va proprio di commentare, sarà stata la (non)discussione post-visione con rullo.

---------- Post added at 22:53:21 ---------- Previous post was at 22:51:57 ----------



Perché che avrei capito ? :asd:

nulla, ti dico che mi è piaciuto ma che per colpa tua potrebbe iniziare a farmi schifo, come per requiem for a shit e somewhere
e tu inizi a parlare di favori sessuali OVUNQUE

Togg
01-01-11, 23:01:09
nulla, ti dico che mi è piaciuto ma che per colpa tua potrebbe iniziare a farmi schifo, come per requiem for a shit e somewhere
e tu inizi a parlare di favori sessuali OVUNQUE

LOL Non possiamo continuare la discussione di msn qui.

Felice di averti fatto schifare lo zio boonmee (fra l'altro senza dire assolutamente nulla a parte un "capolavoro"), sta solo a rimarcare la sua bellezza.

Rullo
01-01-11, 23:10:37
LOL Non possiamo continuare la discussione di msn qui.

Felice di averti fatto schifare lo zio boonmee (fra l'altro senza dire assolutamente nulla a parte un "capolavoro"), sta solo a rimarcare la sua bellezza.

è proprio perchè hai detto che è un capolavoro che me l'hai fatto schifare

charlesjudges
01-01-11, 23:13:11
Onora il padre e la madre: confermo le ottime impressioni che ricordavo, il montaggio frammentato è splendido e rende appetibile ed appagante una storia di per sé non clamorosamente originale, forse vero punto debole della pellicola; la tensione è ottima e gestita con un curato crescendo, le musiche fanno da contorno in maniera efficace, bellissima anche la fotografia dai colori poco saturi quasi a sottolineare la drammaticità delle immagini sullo schermo. Ottimo lavoro del bravo Lumet. Poi va be', c'è pure Philip ai massimi livelli. Ah, un encomio per la scena finale da antologia, qualcosa di sublime.

Brother's Killer
01-01-11, 23:19:46
nulla, ti dico che mi è piaciuto ma che per colpa tua potrebbe iniziare a farmi schifo, come per requiem for a shit e somewhere
e tu inizi a parlare di favori sessuali OVUNQUE

Ma aspe, Requiem for a dream non era stato criticato da Togg? O mi ricordo male?:azz:

Rullo
01-01-11, 23:37:12
Ma aspe, Requiem for a dream non era stato criticato da Togg? O mi ricordo male?:azz:

infatti mi riferivo a mickes :sisi:

Adrilion
01-01-11, 23:59:01
Messaggio Cancellato

Se scrivi altre robe del genere verrai segnalato come prima cosa.

Ah beh certo tu puoi spalare ***** sugli altri ma appena uno ti risponde a tono partono le minacce, lo dico io chiudiamola qua, dato che qualcuno cattivo potrebbe dire che non hai le palle di lasciare scritti i messaggi ( nel messaggio avevo scritto le stesse cose che avevi scritto tu rispondendoti con lo stesso tono arrogante, ma a quanto pare tu puoi e gli altri no)

Chiariamo sin da subito che questo non è linguaggio consono da usare ne verso un utente, ne, tantomeno, verso un moderatore in prova. Ho seguito la vicenda e abbiamo appurato che gli animi si sono un pò accessi, ma vi/ti ricordo che ad un certo punto, visto che parliamo di film, è necessario resettare un attimo e cercare di scrivere nalla maniera piu discreta possibile senza che la discussione se ne vada tra un andata a quel paese e l'altra. Se James è intervenuto è perchè ha percepito questo eccesso da parte tua ed ha voluto indirizzarti verso una maniera diversa di porti nei confronti degli altri. Queste risposte piccate non servono a niente, se ci tieni a legittimare posizioni o altro, allora manda un pm al moderatore in questione e ne discutete. Se non ti senti ascoltato abbastanza rivolgiti ai capomoderatori di sezione.

Nel frattempo direi che, come bene hai scritto, è giusto chiuderla qui. Mettiamoci una pietra sopra e ritorniamo a discutere del film senza troppi slanci verso gli utenti.

Continuate pure ;)

Legion
02-01-11, 01:17:19
Ma vi siete drogati tutti ieri? Pure tu Togg? E state calmini checcazzo.

---------- Post added at 01:17:19 ---------- Previous post was at 01:16:48 ----------


Ma aspe, Requiem for a dream non era stato criticato da Togg? O mi ricordo male?:azz:

Come come come? qualcuno critica Requiem for a dream? che venga a parlare con me.

medicine bottle
02-01-11, 01:24:10
sapete cosa mi ha ricordato tutto questo? le risse fra le ragazzine, che non sanno picchiarsi e muovono a caso le braccia col rischio di cavare un occhio a qualcuno. :rickds:

James
02-01-11, 01:26:31
sapete cosa mi ha ricordato tutto questo? le risse fra le ragazzine, che non sanno picchiarsi e muovono a caso le braccia col rischio di cavare un occhio a qualcuno. :rickds:


Piuttosto di fare lo spiritoso :rickds:metti l immagine nel quizzone:sisi:

Key Paradise
02-01-11, 01:28:51
daje diffondete lo zio bonmerk

SummerStorm
02-01-11, 03:36:55
Lock and Stock, non lo avevo mai visto. Bello fino alla fine, peccato per i filtri utilizzati, un pò troppo approssimati ma tutto sommato piacevoli considerando anche che è del 1998.

Ah, lo hanno dato all'una di notte su Italia 1. Mettessero roba così in prima serata...

L4GANN
02-01-11, 06:07:52
Super size me.
Ogni tanto un bel cine-documentario ci vuole...
Questo l'ho visto proprio in occasione del fatto che in questi giorni si è aperto il primo Mcdonald della mia provincia, oltre al fatto che per le feste ho messo su qualche chiletto.

Niente voto.. se siete interessati all'argomento trattato, questo film va visto a prescindere.

Togg
02-01-11, 10:53:53
Ma vi siete drogati tutti ieri? Pure tu Togg? E state calmini checcazzo.

---------- Post added at 01:17:19 ---------- Previous post was at 01:16:48 ----------



Come come come? qualcuno critica Requiem for a dream? che venga a parlare con me.

Io giuro che ieri ero rilassatissimo, anche felice per la visione del film. Rullo è partito a manetta senza alcuna provocazione da parte mia :unsisi:

Requiem mi ha dato molto fastidio alla prima visione, ne riconosco i pregi ma era troppo videoclipparo, mi stava venendo quasi mal di testa.


daje diffondete lo zio bonmerk

appena torno a scuola chiedo alla proff cosa ne pensa :predicatore:

boonmee :ahsisi:


Lock and Stock, non lo avevo mai visto. Bello fino alla fine, peccato per i filtri utilizzati, un pò troppo approssimati ma tutto sommato piacevoli considerando anche che è del 1998.

Ah, lo hanno dato all'una di notte su Italia 1. Mettessero roba così in prima serata...

curiosità perché nonricordo: cosa non ti ha convinto dei filtri ?



Onora il padre e la madre: confermo le ottime impressioni che ricordavo, il montaggio frammentato è splendido e rende appetibile ed appagante una storia di per sé non clamorosamente originale, forse vero punto debole della pellicola; la tensione è ottima e gestita con un curato crescendo, le musiche fanno da contorno in maniera efficace, bellissima anche la fotografia dai colori poco saturi quasi a sottolineare la drammaticità delle immagini sullo schermo. Ottimo lavoro del bravo Lumet. Poi va be', c'è pure Philip ai massimi livelli. Ah, un encomio per la scena finale da antologia, qualcosa di sublime.

Uuu ma è quello della parola ai giurati :D



Ma aspe, Requiem for a dream non era stato criticato da Togg? O mi ricordo male?:azz:

ricordi bene :sisi:


è proprio perchè hai detto che è un capolavoro che me l'hai fatto schifare

si bhe, stai diventando cagionevole !

Jarhead91
02-01-11, 12:41:40
Rivisto:
Il Miglio Verde
Beh, questo film lo conoscerete tutti, ieri l'ho rivisto per l'ennesima volta e ha continuato ad emozionarmi.
Il regista riesce perfettamente a farti "innamorare" dei personaggi ed è incredibile come durante le esecuzioni sembra di essere lì, tra Paul e Brutus, ad assistere alla morte dei condannati.

Bravissimo Tom Hanks e ancor più bravo Michael Clarke Duncan.
Ovviamente il film è consigliatissimo a tutti, 8.5.

Ps: il BD è anche tecnicamente ottimo, video e audio (originale) perfetti.

Odarius
02-01-11, 12:53:32
Possibile che uno vada via mezza giornata e si trova la gente che si uccida. Calmatevi.

Saruman
02-01-11, 13:34:11
Visto ieri sera We want sex: carino e interessante, e Sally Hawkins ormai mi piace definitivamente. Forse la prima metà un po' noiosetta, ma dalla seconda si riprende e regge bene fino alla fine. Interessante anche dal punto di vista storico.

Rob917
02-01-11, 13:53:56
Super size me.
Ogni tanto un bel cine-documentario ci vuole...
Questo l'ho visto proprio in occasione del fatto che in questi giorni si è aperto il primo Mcdonald della mia provincia, oltre al fatto che per le feste ho messo su qualche chiletto.

Niente voto.. se siete interessati all'argomento trattato, questo film va visto a prescindere.bello, anche la parte delle mense nelle scuole

charlesjudges
02-01-11, 14:36:07
Uuu ma è quello della parola ai giurati :D

E di Quel pomeriggio di un giorno da cani, sì.

p a n z e r
02-01-11, 15:45:32
http://www.medias-inrocks.com/uploads/tx_inrocksttnews/LaChienne.jpg

La cagna di Jean Renoir.



http://www.youtube.com/watch?v=V7H4QIAqAqs

Il prologo dell'opera, volevo cercarlo con i sottotitoli in italiano ma non si trova. Se masticate il francese guardatelo. È splendido, introduce e riassume tutto il film: non siamo di fronte a un dramma sociale o a una commedia morale, non ci sono eroi o oscuri traditori, nessuno viene premiato e tutti vengono puniti.
È la storia di Maurice, umile e ingenuo cassiere, e pittore a tempo perso, che incontra Lulu, una prostituta innamorata del suo ragazzo e protettore Dèdè.
Come detto è una storia anomala, in particolare tenendo presente il fatto che è un film del 1931. La collocazione in un genere è piuttosto difficile, e i personaggi sono talmente contraddittori da allontanarsi da ogni sorta di classificazione "buoni e cattivi".
Non c'è giustizia, lascia anche l'amaro in bocca per quanto possa essere crudele e realista. All'inizio abbiamo Dèdè che picchia Lulu e non corrisponde minimamente al suo amore, ma la sfrutta unicamente perchè grazie a lei (e grazie ai soldi di Maurice) riesce a mantenersi e a risanare i debiti che continua ad accumulare. Lulu è la cagna, rimane vicina sia all'uomo che la picchia che a quello che la ama, e di fronte alla disperazione di Maurice si limiterà a prenderlo in giro ridendo. Ma sarà alla fine che il mite Maurice, che fino a quel momento ha avuto dalla sua il supporto dello spettatore per l'ingiustizia alla quale è sottoposto, stravolge la storia e la prospettiva, diventa il mostro e il sipario si chiude lasciandolo alla sua miseria.
Noi quindi, poveri spettatori e uomini, cosa possiamo fare di fronte a tutto ciò? Non possiamo esporci e giudicare, non sarebbe affatto corretto. Possiamo solo alzarci in piedi e applaudire questo capolavoro di Renoir.

10

L4GANN
02-01-11, 15:55:16
bello, anche la parte delle mense nelle scuole

Si... cmq sia, non pensavo che le bevande gassate fossero così zuccherate.

Questo film è interessante, ma allo stesso modo possiamo dire che l'esperimento del protagonista di mangiare per trenta giorni solo cibo proveniente da Mcdonalds sia quantomeno... stupido.

Dalle mie parti vanno forti le arancine e i vari pezzi da tavola calda che servono nei bar, ma nessuno è così stupido da mangiarlo ogni giorno, a colazione, pranzo e cena.
La stessa cosa riguarda la pizza e altri cibi che si mangiano fuori casa.
Inoltre secondo me oltre la metà dei malori che ha avuto il protagonista nel corso del film, siano dovuti più che altro per effetto nocebo che a scompensi veri e propri.

Cmq è spaventoso vedere quanti obesi ci siano negli states O_o

Togg
02-01-11, 16:18:37
Inoltre secondo me oltre la metà dei malori che ha avuto il protagonista nel corso del film, siano dovuti più che altro per effetto nocebo che a scompensi veri e propri.


Non sono d'accordo.
E inoltre ritengo che il suo gesto non sia stato stupido ma al contrario un atto di grande generosità, se non ricordo male all'inizio le motivazioni vengono spiegate.


E di Quel pomeriggio di un giorno da cani, sì.

Non l'ho visto :unsisi:


Echi da un regno oscuro, Werner Herzog

Questo si che è il modo di fare un documentario, la storia dell' "imperatore" Bokassa raccontata tramite interviste a chi l'ha conosciuto. Il gusto di Herzog per la scelta dei tempi e delle immagini è, come al solito, perfettamente esplicativo delle profondità che una persona possiede.

7,7

charlesjudges
02-01-11, 16:20:40
Però c'è da dire questo: anche se mangio solo pasta, crespelle, lasagne e cannoli siciliani, bevendo solo lambrusco, per un mese intero, colazioni comprese, mi riduco uno straccio. Ma penso anche mangiando solo spinaci.

Price
02-01-11, 16:37:51
Rabbit Hole
Mi ha ricordato molto Revolutionary Road. Una sorta di idillo alla 'american dream' distrutto ed in balia delle psicosi della coppia Kidman Eckhart. Tutti e due bravissimi, il film forse sa di già visto per i temi trattati ma ha l'enorme pregio di non annoiare nonostante ne abbia tutti i presupposti per farlo. Non voglio sbilanciarmi ma dico che la Kidman è ai livelli di The Hours, in odore di oscar.
3.5|5

Robo@nte
02-01-11, 16:53:39
Devil



Parte bene, poi si perde in un bicchier d'acqua. Per non parlare del finale....scandaloso. Non capisco perchè rovinano sempre questi generi di film con finali pietosi, ma vabbè.

Voto: ★★

p a n z e r
02-01-11, 16:55:23
Devil è quello dell'ascensore?

Robo@nte
02-01-11, 16:56:14
Devil è quello dell'ascensore?

yep:sisi:

Woody
02-01-11, 18:37:29
Alice nelle Cronache di Narnia :

se il regista non fosse Burton, potrei salvare il film dicendo che è una diarrea, ma purtroppo non è così. Quindi, la domanda è, Tim fa film del genere perchè si fa convincere a fare film commerciali, simil-fantasy che poco c'entra con alice, e con canzoncina finale di Avril Lavigne, oppure il Tim Burton di oggi è solo questo, e ci dobbiamo scordare quello passato???
Ai posteri l'ardua sentenza.

Rob917
02-01-11, 18:42:19
Si... cmq sia, non pensavo che le bevande gassate fossero così zuccherate.

Questo film è interessante, ma allo stesso modo possiamo dire che l'esperimento del protagonista di mangiare per trenta giorni solo cibo proveniente da Mcdonalds sia quantomeno... stupido.

Dalle mie parti vanno forti le arancine e i vari pezzi da tavola calda che servono nei bar, ma nessuno è così stupido da mangiarlo ogni giorno, a colazione, pranzo e cena.
La stessa cosa riguarda la pizza e altri cibi che si mangiano fuori casa.
Inoltre secondo me oltre la metà dei malori che ha avuto il protagonista nel corso del film, siano dovuti più che altro per effetto nocebo che a scompensi veri e propri.

Cmq è spaventoso vedere quanti obesi ci siano negli states O_osi le bevande gassate sono piene di zuccheri, una volta in non so quale programma su sky han fatto vedere i denti di una signora che beveva ogni giorno bevande gassate.... si è rifatta la dentatura da capo, oltre gli zuccheri che fanno male, hanno coloranti e robe per gassare che rovinano lo smalto dei denti mangiandoseli a lungo andare.

stessa cosa per quei cibi, il mangiarlo tutti i giorni era solo una dimostrazione, è un modo per vedere a lungo andare i danni che possono causare, anche non mangiandoli tutti i giorni è dannoso.

mickes2
02-01-11, 18:50:48
Distretto 13: Le brigate della morte (1976) di John Carpenter

http://img196.imageshack.us/img196/6310/assault1i.jpg

Con poco Carpenter ha tirato fuori il massimo. Questo film è ottimo nell'uso delle inquadrature, nella scelta dei personaggi dai dialoghi stringati e ironici (hai da fumare?) nella violenza e di alcune sequenze che hanno un qualcosa di horror. Ottima anche la componente psicologica e l'atmosfera con la musica che entra sempre nel momento giusto, quasi delineando i caratteri e le gesta dei protagonisti, e con l'impostazione difesa/attacco, col nemico che c'è sempre, ma si vede poco e può insinuarsi da un momento all'altro.
Bellissima la scena finale con i due che si allontanano a tempo di musica dalla stazione di polizia, scena che credo sia stata citata da Tarantino nel suo Pulp Fiction (correggetemi se sbaglio). Il remake non omaggia a dovere, punta troppo sull'azione con una regia che è molto lontana da quella di Carpenter, e non ha atmosfera.

8


1997 Fuga da NY (1981) di John Carpenter

http://img816.imageshack.us/img816/9586/escape1.jpg

Nella pellicola c'è molto, ed è tutto ad altissimi livelli, sia nella musica autocomposta (che anche qua aiuta a tratteggiare e caratterizzare i personaggi),sia nelle atmosfere, sia nei dialoghi (stringati ed essenziali farciti tal volta dall'humor nero di Jena (chiamami Plisken!). Il tutto condito da ottime recitazioni, a partire da Kurt Russel grande antieroe, passando da Lee Van Cleef e finendo con Ernest Borgnine. La sceneggiatura fa da padrona, geniale l'idea delle capsule di cianuro nelle arterie...dando cosi' il via ad una tensione sempre in crescendo (solo-23-ore...) che tiene lo spettatore ancora piu' sul filo, ed il ritmo del film sempre ad alto livello.... Ottima la fotografia con colori che tendono al verde rame ed al grigio post-atomico, che non abbia ispirato anche Blade runner?

9

James
02-01-11, 19:17:09
Alice nelle Cronache di Narnia :

se il regista non fosse Burton, potrei salvare il film dicendo che è una diarrea, ma purtroppo non è così. Quindi, la domanda è, Tim fa film del genere perchè si fa convincere a fare film commerciali, simil-fantasy che poco c'entra con alice, e con canzoncina finale di Avril Lavigne, oppure il Tim Burton di oggi è solo questo, e ci dobbiamo scordare quello passato???
Ai posteri l'ardua sentenza.

La seconda che hai detto:sisi:


Distretto 13: Le brigate della morte (1976) di John Carpenter

http://img196.imageshack.us/img196/6310/assault1i.jpg

Con poco Carpenter ha tirato fuori il massimo. Questo film è ottimo nell'uso delle inquadrature, nella scelta dei personaggi dai dialoghi stringati e ironici (hai da fumare?) nella violenza e di alcune sequenze che hanno un qualcosa di horror. Ottima anche la componente psicologica e l'atmosfera con la musica che entra sempre nel momento giusto, quasi delineando i caratteri e le gesta dei protagonisti, e con l'impostazione difesa/attacco, col nemico che c'è sempre, ma si vede poco e può insinuarsi da un momento all'altro.
Bellissima la scena finale con i due che si allontanano a tempo di musica dalla stazione di polizia, scena che credo sia stata citata da Tarantino nel suo Pulp Fiction (correggetemi se sbaglio). Il remake non omaggia a dovere, punta troppo sull'azione con una regia che è molto lontana da quella di Carpenter, e non ha atmosfera.

8


1997 Fuga da NY (1981) di John Carpenter

http://img816.imageshack.us/img816/9586/escape1.jpg

Nella pellicola c'è molto, ed è tutto ad altissimi livelli, sia nella musica autocomposta (che anche qua aiuta a tratteggiare e caratterizzare i personaggi),sia nelle atmosfere, sia nei dialoghi (stringati ed essenziali farciti tal volta dall'humor nero di Jena (chiamami Plisken!). Il tutto condito da ottime recitazioni, a partire da Kurt Russel grande antieroe, passando da Lee Van Cleef e finendo con Ernest Borgnine. La sceneggiatura fa da padrona, geniale l'idea delle capsule di cianuro nelle arterie...dando cosi' il via ad una tensione sempre in crescendo (solo-23-ore...) che tiene lo spettatore ancora piu' sul filo, ed il ritmo del film sempre ad alto livello.... Ottima la fotografia con colori che tendono al verde rame ed al grigio post-atomico, che non abbia ispirato anche Blade runner?

9

Oh meno male!John è sempre John:ahsisi: e le musiche in "Escape from New York" sono di altissimo livello.

p a n z e r
02-01-11, 19:18:59
Ma ha un mirino telescopico montato su un uzi?

James
02-01-11, 19:22:37
Ma ha un mirino telescopico montato su un uzi?

Mi sembra di si,non per niente l avevano fornito delle migliori attrezzature militari.

Legion
02-01-11, 19:43:31
Mi sembra di si,non per niente l avevano fornito delle migliori attrezzature militari.

Ok ma non ha senso. Se guarda dal mirino gli vanno in faccia le cartucce o si ustiona di sicuro in qualche modo :asd:

James
02-01-11, 19:48:02
Ok ma non ha senso. Se guarda dal mirino gli vanno in faccia le cartucce o si ustiona di sicuro in qualche modo :asd:

Mi sembra non lo usi mai il mirino,quindi non ha rischiato.:rickds:

dom87
02-01-11, 20:28:18
visto oggi INTO THE WILD.

non ci sono parole per descrivere questo capolavoro

10

p a n z e r
02-01-11, 20:29:20
visto oggi INTO THE WILD.

non ci sono parole per descrivere questo capolavoro

10
Una c'è: furbetto.

dom87
02-01-11, 20:50:31
Una c'è: furbetto.

ok..MERAVIGLIOSO

Saruman
02-01-11, 20:58:04
visto oggi INTO THE WILD.

non ci sono parole per descrivere questo capolavoro

10

Assolutamente d'accordo. Non dar retta a panzer... :asd:

Togg
02-01-11, 21:13:05
Una c'è: furbetto.

:rickds:

te l'ha servita su un piatto d'argento :asd:

Armatus
02-01-11, 21:15:52
viaggio al centro della terra 3D voto: 6 politico per l'attore protagonista40454

Shutter island voto:9.5 copolavoro con Leonardo DiCaprio sfruttando il fattore psicologico per creareun film horror veramente ben congeniato40455

Togg
02-01-11, 21:23:50
madonna che brutto viaggio al centro della terra, me lo ricordo ancora

Legion
02-01-11, 21:48:38
Shutter island un film horror? mmm..

Vigo
02-01-11, 22:32:56
Sono appena tornato da Torino, ho passato qualche giorno da amici a fare anche capodanno. Ho visto anche un paio di film:

Lock n Stock rivisto a distanza di un paio di anni, me lo ricordavo migliore. A livello stilistico ci sono scelte che due anni fa avevo apprezzato, ma che oggi mi sono apparse poco ragionate, a volte pacchiane (cambi di saturazione, filtri, ma anche effetti speciali di alcune scene di sparatorie e simili). Carino l'intreccio, c'è moltissima ispirazione tarantiniana (non negata per altro, basti pensare alla frase "Cos'è? Pulp fiction" pronunciata da uno dei protagonisti) però sono rimasto leggermente deluso perchè lo ricordavo molto migliore.

Mamma ho perso l'aereo era anni che non lo vedevo, un film senza infamia e senza lode, divertente e che ha nel valore affettivo di chi lo guardava da piccolo il suo punto di forza.

Twin Town film mediocre, neanche sufficiente a mio parere, sostanzialmente su due fratelli che fanno casino e si divertono, tra ruberie ai ricchi e vandalismo. Molto sadico nel suo humour, ma nulla di trascendentale.

Luis
02-01-11, 23:29:34
Bravi bravi, recuperate i capolavori di Carpenter :sisi:

Ho visto poco fa "La banda dei babbi natale":
Devo ammetterlo, sono entrato in sala non aspettandomi nulla da questo nuovo film di Aldo, Giovanni e Giacomo ed è forse per questo che mi ha fatto ridere e tutto sommato mi è piaciuto. Perchè diciamoci la verità, andare in sala nel periodo natalizio, in Italia almeno, è un continuo sussegguirsi di film pessimi e scadenti (chi ha detto cinepanettoni?). Almeno con Aldo, Giovanni e Giacomo c'è una trama, seppur in certi casi un po' forzata o già vista, ma che funziona e segue un filo logico. Poi che ci fossero ammiccamenti molto evidenti al Grande Lebowski o a qualche altra pellicola americana (che non cito per non rovinare la visione) poco male. Le gag sono quelle collaudate e riviste, ma tranne qualche forzatura eccessiva funzionano ancora. Insomma se, come nel mio caso, nell'unica sala della propria città proiettano "La banda dei babbi natale" e si ha voglia di vedersi un film che strappa qualche risata e rilassa, allora questa è la scelta giusta. Aldo, Giovanni e Giacomo riescono a far ridere senza culi, tette e volgarità a profusione.
Voto: 6.5

Vall77
03-01-11, 00:22:28
The Fountain di Aronofsky

Seconda visione. Film decisamente non per tutti ma vedetelo e lasciatevi trasportare. Due grandissime interpretazioni (Jackman e Weisz, divini entrambi), l'ho trovato straordinariamente intenso. Attraverso tre diversi piani temporali/spirituali tra cui il film alterna vorticosamente, il tema di fondo è la dolorosa accettazione della morte come parte del percorso umano. Doloroso (o catartico) il tema, affascinante e per niente noioso lo svolgimento. Di sicuro aperto a diverse interpretazioni, alcuni parlano di storia d'amore attraverso 3 vere e proprie epoche distinte, io vedo un film ambientato nel presente, con la storia del manoscritto di lei a riportare al passato, e il terzo piano che non è il futuro ma un piano "astrale" e puramente simbolico, in cui avviene la catarsi finale. Visivamente rapisce, intellettualmente è ambizioso. Un altro grandissimo Aronofsky.

Togg
03-01-11, 00:51:20
american life, Sam Mendes

talmente nitido nella sua descrizione dell'america e delle dinamiche familiari da creare più di qualche artefatto narrativo (madò che metafora fotografica), anche nel destreggiarsi tra drammatico e comico va avanti con qualche legnosità di troppo, in generale tutto procede piacevolmente ma senza una adeguata e convincente tenuta di fondo.

7,4

Simix92
03-01-11, 02:14:29
viaggio al centro della terra 3D voto: 6 politico per l'attore protagonista40454

Shutter island voto:9.5 copolavoro con Leonardo DiCaprio sfruttando il fattore psicologico per creareun film horror veramente ben congeniato40455

concordo in entrambi i casi.

Viaggio al centro della terra lo vidi al cinema con i miei. Mi obbligarono a farlo -.- Il 3d non mi impressionò per niente.

L'altro è bellissimo. punto.

charlesjudges
03-01-11, 03:59:10
Una c'è: furbetto.

Il re incontrastato.

Jarhead91
03-01-11, 11:21:37
Rivisto:
300

A me questo film piace davvero tanto, sarà la fotografia, saranno le frasi celebri, sarà la carica che trasmette...
Ieri l'ho rivisto per la 4a volta e non mi ha stufato, non tanti film ci riescono, piaciuto anche alla ragazza e ad un paio di amici che erano alla prima visione ;)
Poi a me le ultime frasi emozionano sempre molto, con la ripresa dei 10mila spartani sulla collina...davvero bello...
8.5

TR€NO
03-01-11, 11:54:28
Bravi bravi, recuperate i capolavori di Carpenter :sisi:

Ho visto poco fa "La banda dei babbi natale":
Devo ammetterlo, sono entrato in sala non aspettandomi nulla da questo nuovo film di Aldo, Giovanni e Giacomo ed è forse per questo che mi ha fatto ridere e tutto sommato mi è piaciuto. Perchè diciamoci la verità, andare in sala nel periodo natalizio, in Italia almeno, è un continuo sussegguirsi di film pessimi e scadenti (chi ha detto cinepanettoni?). Almeno con Aldo, Giovanni e Giacomo c'è una trama, seppur in certi casi un po' forzata o già vista, ma che funziona e segue un filo logico. Poi che ci fossero ammiccamenti molto evidenti al Grande Lebowski o a qualche altra pellicola americana (che non cito per non rovinare la visione) poco male. Le gag sono quelle collaudate e riviste, ma tranne qualche forzatura eccessiva funzionano ancora. Insomma se, come nel mio caso, nell'unica sala della propria città proiettano "La banda dei babbi natale" e si ha voglia di vedersi un film che strappa qualche risata e rilassa, allora questa è la scelta giusta. Aldo, Giovanni e Giacomo riescono a far ridere senza culi, tette e volgarità a profusione.
Voto: 6.5


concordo, non siamo ai livelli dei primi film le cui frasi sono rimaste memorabili e che quasi citiamo ogni giorno con gli amici....ma La banda del Babbi Natale è una pellicola piacevole e da vedere se si ama il trio

charlesjudges
03-01-11, 12:02:00
concordo, non siamo ai livelli dei primi film le cui frasi sono rimaste memorabili e che quasi citiamo ogni giorno con gli amici....

Anche mia nonna quando doveva mettermi le supposte, da bambino, me le spalmava sul sellino della bicicletta!

mickes2
03-01-11, 12:30:13
rivisto (sarà la 5° volta) Il Cacciatore (1978) di Michael Cimino

Ogni volta è un'emozione, un film che colpisce al cuore; i sentimenti come: eroismo, amicizia e violenza sono rappresentati magistralmente. Nulla è banale. Nulla è scontato. Non c'è la colonna sonora (al limite solo il ritornello tristemente allegro di Can't take my eyes off of you). Non c'è la storiella facile, quì c'è l'idiozia dell'uomo, c'è il cinismo dell'America e la morte sotto forma di scommessa. Tante scene che ti entrano dentro e ti rimagono impresse. La grande interpretazione di De Niro e Walken su tutti (senza però dimenticare gli altri), rendono questo film un capolavoro assoluto (almeno lo è per me).

10


http://www.youtube.com/watch?v=9jxnoD8K-bM

Price
03-01-11, 12:42:58
american life, Sam Mendes

talmente nitido nella sua descrizione dell'america e delle dinamiche familiari da creare più di qualche artefatto narrativo (madò che metafora fotografica), anche nel destreggiarsi tra drammatico e comico va avanti con qualche legnosità di troppo, in generale tutto procede piacevolmente ma senza una adeguata e convincente tenuta di fondo.

7,4
la scena a casa della gyllenhaal mi face ammazzare dalle risate :asd:

Altair2
03-01-11, 12:43:13
Visto "Panic Room" certo lontano dai capolavori di Fincher rimane comunque un ottimo film un thriller che ti tiene incollato fino alla fine,ottima la fotografia e l'intrepretazine di Jodie Foster.
8.5

Vall77
03-01-11, 12:46:16
rivisto (sarà la 5° volta) Il Cacciatore (1978) di Michael Cimino

Ogni volta è un'emozione, un film che colpisce al cuore; i sentimenti come: eroismo, amicizia e violenza sono rappresentati magistralmente. Nulla è banale. Nulla è scontato. Non c'è la colonna sonora (al limite solo il ritornello tristemente allegro di Can't take my eyes off of you). Non c'è la storiella facile, quì c'è l'idiozia dell'uomo, c'è il cinismo dell'America e la morte sotto forma di scommessa. Tante scene che ti entrano dentro e ti rimagono impresse. La grande interpretazione di De Niro e Walken su tutti (senza però dimenticare gli altri), rendono questo film un capolavoro assoluto (almeno lo è per me).

10

Capolavoro sì. E' uno dei pochi superstiti che ho ancora in VHS, l'altro giorno cercavo alla Fnac il bellissimo BD cartonato Studio Canal ma non l'ho trovato :tristenev:

RattleTrust88
03-01-11, 13:16:08
Panic Room.

Film fatto bene, suspence incredibile. Gli attori recitano molto bene; qualche scena un po' scontata nel finale, ma comunque devo ammettere che era tanto che non vedevo un bel film thriller. Complimenti alle due donne (una più ragazza che donna) :sisi:

Voto: 8.

mickes2
03-01-11, 13:32:10
Capolavoro sì. E' uno dei pochi superstiti che ho ancora in VHS, l'altro giorno cercavo alla Fnac il bellissimo BD cartonato Studio Canal ma non l'ho trovato :tristenev:

Vall vale davvero la pena comprare il BD Studio Canal che oltre alla bellissima edizione in Digibook è tecnicamente davvero ottimo, gran bel dettaglio generale, ne sono rimasto davvero sorpreso :sisi:


Ou siamo in due,micky.:sisi:
C'è l'america che si scopre poi non così grande,e di conseguenza vulnerabile.
Come disse un critico,a Cimino interessa filmare "l'epopea di una sconfitta".
E il finale
Quando si sorprendono tutti insieme a cantare God Bless America,dove il lutto diventa bisogno di speranza,è veramente commovente.
Grande cinema.

davvero fede, mi sono venuti nuovamente i brividi :sisi:
tra l'altro molto bello ed interessante lo stacco netto che utilizza Cimino secondo me (sequenza che mi rimase impressa fin dalla prima visione un decina d'anni fà), si passa dal clima goliardico del matrimonio al vivo della guerra, in un secondo.

Togg
03-01-11, 14:09:58
la scena a casa della gyllenhaal mi face ammazzare dalle risate :asd:

si si anche a me :rickds:

La promessa dell'assassino, Cronenberg

Il soggetto non è suo quindi non gli posso attribuire l'intera colpa, pellicola che manca assolutamente di profondità, la storia scorre tranquilla e con un paio di idee poco realistiche che non sono cinema (come direbbe key :asd: ) ma pure stronzate per fare andare avanti la trama. e arrivati al punto desiderato non riesce nemmeno a colpire
la scena della sauna è la più caruccia

6,2

Robo@nte
03-01-11, 14:30:06
Magnolia



Un bel film, ma a mio avviso eccessivamente lungo. Peccato, perchè fosse durato di meno (tipo mezzora in meno) probabilmente non mi avrebbe annoiato alla fine. Il Petroliere gli è una spanna sopra a mio avviso:sisi:
Ciò che mi piace nei film di Anderson è la colonna sonora, che cresce sempre di più man mano che la situazione si fa sempre più concitata.

Voto: ★★★1/2

p a n z e r
03-01-11, 14:34:54
http://29.media.tumblr.com/tumblr_lbfzyzngiS1qdfgjno1_500.jpg

Julien Donkey Boy di Harmony Korine.


Siamo di fronte a Gummo. Ma cosa stiamo guardando? Tutta questa brutale e violenta quotidianità, questi ragazzi dannati che sopravvivono alla meglio in un ambiente ostile, un ambiente che deforma. Ora stiamo guardando Julien Donkey Boy, secondo film di Korine e primo film americano a seguire le regole dettate dal Dogma 95. Si dice anche che fu Lars Von Trier stesso che chiamò Korine per convincerlo a dirigere un film secondo queste regole, e non si può dire che non l'abbia fatto alla lettera. Il che credo faccia anche pensare, principalmente su quanto avesse da dire questo giovane ragazzo americano e con quale velocità alcune tra le più importanti figure del cinema mondiale si siano interessete a lui (aggiungiamo Gus Van Sant e Werner Herzog, il primo ha pure prodotto Kids, film diretto da Larry Clark e scritto da Korine, mentre il secondo ha addirittura un ruolo come attore in questo Julien Donkey Boy).

Il film è una giostra grottesca. Fa venire la nausea dal modo in cui gira su se stessa, non sembra avere una meta, vuole solo mostrare una storia, e lo fa con uno stile magnifico. È la storia di Julien (Ewen Bremner), ragazzo schizofrenico che lavora in una scuola per ragazzi non vedenti, e della sua famiglia: il padre (senza nome, Werner Herzog), il fratello Chris (Evan Neumann) e la sorella Pearl (Chloë Sevigny), incinta ormai al settimo mese di gravidanza.
La particolarità di questa pellicola, e stessa caratteristica di Gummo, è quella di rappresentare qualcosa di per se banale e ordinario, ma facendolo in maniera traviata e a tratti disgustosa. È semplicemente il ritratto di una famiglia, delle loro vite e delle loro relazioni, ma anche l'azione più banale viene ripresa in maniera così strana e atipica da risultare incredibilmente originale. I personaggi poi sono caratterizzati alla perfezione, e tutti hanno dato una prova incredibile, davvero degli ottimi attori.
Ma non è comunque tutto qui. C'è il disgusto, ci sono dei ragazzi freaks e c'è la schizofrenia, ma ci sono anche sentimenti positivi. La madre di questa famiglia è venuta a mancare da diversi anni ormai, non viene mai detto esplicitamente ma Julien ci fa capire che la causa fu probabilmente un tumore al seno, e questo ha lasciato aperto numerose ferite. Julien chiama infatti spesso sua sorella via telefono credendo di chiamare sua madre, e lei regge il gioco con una dolcezza unica, propria di una sorella che cerca di aiutare il fratello malato. È una scena splendida, così come sono quelle dove Juline si prende cura di Chrissy, una piccola bambina non vedente, portandola in giro, a pattinare o al bowling.
Durante la visione comunque questi momenti di dolce normalità vengono perennemente soppressi dall'altra normalità, quella strana, e vengono anche dimenticati facilmente. Veniamo trasportati da un marciapiede all'altro insieme a Julien e alla sua malattia, veniamo bombardati da sequenze da videoclip al limite dell'assurdo, le più fine a loro stesse.
Il tutto procede in questo modo fino ad arrivare al finale, del quale non svelerò niente se non descriverne brevemente tutta la bellezza: è una perfetta sintesi di quello che abbiamo visto, il grottesco e il dolce si fondono in una scena dall'impatto devastante, tutto è incredibilmente perfetto e semplicemente bello.

Una pellicola quindi di grandissimo valore, e un autore straordinario.

10

mickes2
03-01-11, 14:42:56
e bravo Luca!!! ottimo, me lo segno subito! :sisi:

IL GURU
03-01-11, 15:06:45
Visto SMS Sotto mentite spoglie
Carino e molto divertente:unsisi:
6.5

mickes2
03-01-11, 15:28:22
non sapevo che Yôjirô Takita dirigesse film erotici :D ed anche secondo me questo fattore ha giocato a suo vantaggio
sono d'accordo sul giudizio del film, tratta la morte in maniera molto nobile affiancandoci una storia delicata. Un film che fà anche riflettere secondo me.:sisi:

Armatus
03-01-11, 16:27:31
Genitori e figli agitare prima dell'uso

simpatico film con attori/comici di alto livello come Luciana Litizetto che raccontado la vita reale tra i figli e genitori dal punto di vista di una ragazza di 15 anni c'è da divertirsi
voto 8:cat:

Togg
03-01-11, 16:30:41
Fantastic mr. Fox, Wes Anderson

il primo Anderson che vedo, un ammasso di cose stupende. dai suoni alle inquadrature, la sceneggiatura solidissima e sempre brillante (senza mai un calo!), analisi delle essere degli uomini tramite allegorici animali che mi fa impazzire. ma soprattutto la capacità di raggiungere picchi di intensità (grazie alle cose di sopra) in tempi brevissimi, lascia mozzafiato. "we are wild animals". volevo già mettergli un voto alto, poi c'è stata una scena con un lupo, che è stata la scena più bella di tutto l'anno. sono rimasto a bocca aperta per 20 secondi (spalancata, giuro)

8,9 (attenzione il voto è fuorviante) cit.

Woody
03-01-11, 16:38:50
Fantastic mr. Fox, Wes Anderson

il primo Anderson che vedo, un ammasso di cose stupende. dai suoni alle inquadrature, la sceneggiatura solidissima e sempre brillante (senza mai un calo!), analisi delle essere degli uomini tramite allegorici animali che mi fa impazzire. ma soprattutto la capacità di raggiungere picchi di intensità (grazie alle cose di sopra) in tempi brevissimi, lascia mozzafiato. "we are wild animals". volevo già mettergli un voto alto, poi c'è stata una scena con un lupo, che è stata la scena più bella di tutto l'anno. sono rimasto a bocca aperta per 20 secondi (spalancata, giuro)

8,9 (attenzione il voto è fuorviante) cit.

Lo devo ancora vedere, e di sicuro lo farò a breve dato che apprezzo molto Anderson. Per il momento ho visto I Tenenbaum e Il treno per Darjeeling, te li consiglio entrambi :sisi:

Togg
03-01-11, 16:55:19
Lo devo ancora vedere, e di sicuro lo farò a breve dato che apprezzo molto Anderson. Per il momento ho visto I Tenenbaum e Il treno per Darjeeling, te li consiglio entrambi :sisi:

invece non devi consigliarmi nulla(<3), silenzio tacete tutti

ho una lista di film da vedere che sto impazzendo :S

sav23
03-01-11, 17:59:57
visto ieri sera in DVD L'Apprendista Stregone, davvero molto bello...voto 8

Jarhead91
03-01-11, 18:16:09
rivisto (sarà la 5° volta) Il Cacciatore (1978) di Michael Cimino

Ogni volta è un'emozione, un film che colpisce al cuore; i sentimenti come: eroismo, amicizia e violenza sono rappresentati magistralmente. Nulla è banale. Nulla è scontato. Non c'è la colonna sonora (al limite solo il ritornello tristemente allegro di Can't take my eyes off of you). Non c'è la storiella facile, quì c'è l'idiozia dell'uomo, c'è il cinismo dell'America e la morte sotto forma di scommessa. Tante scene che ti entrano dentro e ti rimagono impresse. La grande interpretazione di De Niro e Walken su tutti (senza però dimenticare gli altri), rendono questo film un capolavoro assoluto (almeno lo è per me).

10



Per me è un 9
Tutto perfetto, è vero, ma c'è una scena che davvero non mando giù: quella del matrimonio. Non capisco il motivo per farla durare così tanto, è davvero, IMHO, pesante.

mickes2
03-01-11, 19:19:30
Per me è un 9
Tutto perfetto, è vero, ma c'è una scena che davvero non mando giù: quella del matrimonio. Non capisco il motivo per farla durare così tanto, è davvero, IMHO, pesante.

secondo me è per rimarcare il fatto che la guerra sia così crudele; cioè loro sono felicissimi con la loro vita nella loro cittadina, hanno tutto : amicizia (che è la cosa più importante), lavoro, salute ecc.... ma la guerra li strapperà per sempre a quella stessa vita cambiandone inevitabilmente le sorti. Per lo meno io la vedo così :sisi:

BlackWizard
03-01-11, 19:39:36
The Untouchables
Bello, mi ha preso particolarmente, bel trio Connery - De Niro - Costner
9


visto ieri sera in DVD L'Apprendista Stregone, davvero molto bello...voto 8


L'ho visto anch'io, simpatico, però per me è un 5,5.
Cage dovrebbe fare alti generi di film, considerando da quale famiglia viene:badboy:
Ed era necessaria la presenza della Bellucci ?!?!

Sebaryu
03-01-11, 19:44:21
Buried
Film molto particolare di cui si è discusso già in lungo ed in largo sul forum. Devo dire che il film mi è piaciuto parecchio e "passa" tranquillamente, senza annoiare e tenendoti in tensione sino al finale (prevedibile, immaginavo andasse a finire così).

7

Togg
03-01-11, 19:45:22
Ed era necessaria la presenza della Bellucci ?!?!

era necessaria una parte della Bellucci

BlackWizard
03-01-11, 19:48:44
era necessaria una parte della Bellucci

Penosa:bah!:.

Togg
03-01-11, 19:52:47
Penosa:bah!:.

però tira

Sebaryu
03-01-11, 19:55:37
Letters to Juliet.
Commediola romantica made in Usa ambientata a in Italia (Verona ecc.).
Nulla di speciale veramente piuttosto banale la storia, finale scontato. Bellissima la protagonista.

5,5


Resident Evil: Afterlife
Credo di essere uno dei pochi "estimatori" dei precedenti tre film.
Questo quarto capitolo però convince poco, la trama è piuttosto povera e per essere un "film di zombie" gli scontri contro i non morti sono ridotti all'osso.
Finale aperto a futuri seguiti.

6,5

---------- Post added at 19:55:37 ---------- Previous post was at 19:54:42 ----------


Penosa:bah!:.

L'unica parte in cui è doppiata bene è quando è "posseduta" ed ha due voci :rickds:

BlackWizard
03-01-11, 20:01:06
però tira

Ammzza se tira:predicatore:, però uno non fa cinema se è solo culo e tette, prendi Uma Thurman, non è gran che (almeno a me non piace:asd:) però è un ottima attrice:sisi:.

Rullo
03-01-11, 20:34:00
Ammzza se tira:predicatore:, però uno non fa cinema se è solo culo e tette, prendi Uma Thurman, non è gran che (almeno a me non piace:asd:) però è un ottima attrice:sisi:.

credo e spero intedesse che attira pubblico :asd:

sav23
03-01-11, 20:53:39
The Untouchables
Bello, mi ha preso particolarmente, bel trio Connery - De Niro - Costner
9



L'ho visto anch'io, simpatico, però per me è un 5,5.
Cage dovrebbe fare alti generi di film, considerando da quale famiglia viene:badboy:
Ed era necessaria la presenza della Bellucci ?!?!

concordo sia su cage che sulla bellucci però non lo so sarò che sono un po romantico :trollface: ma la scesa del protagonista con teresa palmer dentro la gabbia con la canzone dei one republic "secrets" è stata davvero meravigliosa...è per la cronaca
la bellucci tira di brutto :predicatore

un piccolo consiglio...che film mi consigliate di vedere in BlueRay con dei magnifici effetti speciali?

BlackWizard
03-01-11, 21:00:23
credo e spero intedesse che attira pubblico :asd:

A ecco :asd:


concordo sia su cage che sulla bellucci però non lo so sarò che sono un po romantico :trollface: ma la scesa del protagonista con teresa palmer dentro la gabbia con la canzone dei one republic "secrets" è stata davvero meravigliosa...è per la cronaca
la bellucci tira di brutto :predicatore

un piccolo consiglio...che film mi consigliate di vedere in BlueRay con dei magnifici effetti speciali?

Matrix ??

Gabe Krios
03-01-11, 21:00:25
Inception [9.5] ma che bello è ??!!! mamma mia :lucatm:

sav23
03-01-11, 21:26:40
A ecco :asd:



Matrix ??

già visto...il problema è che ho praticamente visto tutti i film (almeno i migliori, a mio avviso :asd:) usciti negli ultimi 3/4 anni quindi non mi va molto di spendere 15/20 euro per un film che nonostante sia bello ho già visto...sono un malato di cinema :asd:


Inception [9.5] ma che bello è ??!!! mamma mia :lucatm:

per esempio questo non l'ho ancora visto...sai già se ce in BR?

Legion
03-01-11, 21:39:49
un piccolo consiglio...che film mi consigliate di vedere in BlueRay con dei magnifici effetti speciali?

Se ti interessano solo gli effetti speciali io ti consiglio Transformers 2. E' un bluray impressionante.

sav23
03-01-11, 21:58:49
Se ti interessano solo gli effetti speciali io ti consiglio Transformers 2. E' un bluray impressionante.

chè alla fin fine mi sa che per godermi un bel blueray mi dovrò prendere qualche film già visto come ad esempio tranformers 2, però pazienza vorrà dire che i prossimi film li prenderò direttamente tutti in BR

mickes2
03-01-11, 22:24:23
chè alla fin fine mi sa che per godermi un bel blueray mi dovrò prendere qualche film già visto come ad esempio tranformers 2, però pazienza vorrà dire che i prossimi film li prenderò direttamente tutti in BR

bisogna vedere cosa intendi te per bel bluray :sisi:

Legion
03-01-11, 22:27:05
bisogna vedere cosa intendi te per bel bluray :sisi:

Bello inteso come effetti speciali credo intendesse. Il miglior bluray in assoluto credo rimanga Dark knight però di effetti speciali non ne ha (almeno digitali).

sav23
03-01-11, 22:44:17
bisogna vedere cosa intendi te per bel bluray :sisi:


Bello inteso come effetti speciali credo intendesse. Il miglior bluray in assoluto credo rimanga Dark knight però di effetti speciali non ne ha (almeno digitali).

eh si infatti...piu che altro effetti speciali

Togg
04-01-11, 00:03:17
rapunzel
sembra che per il 50esimo classico nella storica fabbrica di sogni chiamata Disney abbiano ricominciato ad usare la testa. la rivisitazione della famosa fiaba è pressoché totale, si è optato per ridare vita alla classicità dei castelli e dei re, delle regine e dei sogni. tutto ciò è cosparso dalla ormai quasi classica ironia frizzante, ammetto che ci sono stati dei pezzi che mi hanno fatto proprio ridere. solo le musiche le ho trovate molto sottotono, per il resto ottima la messa in scena, i dettagli grafici sono curati, i capelli sono stupendi, la regia funziona. avanti così !

7,8

Rob917
04-01-11, 00:41:04
rapunzel
sembra che per il 50esimo classico nella storica fabbrica di sogni chiamata Disney abbiano ricominciato ad usare la testa. la rivisitazione della famosa fiaba è pressoché totale, si è optato per ridare vita alla classicità dei castelli e dei re, delle regine e dei sogni. tutto ciò è cosparso dalla ormai quasi classica ironia frizzante, ammetto che ci sono stati dei pezzi che mi hanno fatto proprio ridere. ottima la messa in scena, i dettagli grafici sono curati, i capelli sono stupendi, la regia funziona. avanti così !

8davvero? disney che torna a fare qualcosa di buono? devo constatare, cmq questa piega che stan prendendo dei cartoni alla shrek che devono ironizzare su tutto mi puzza... ne avremo piene le balle.

Legion
04-01-11, 01:03:20
davvero? disney che torna a fare qualcosa di buono? devo constatare, cmq questa piega che stan prendendo dei cartoni alla shrek che devono ironizzare su tutto mi puzza... ne avremo piene le balle.

Disney certo. Ma con una robusta dose di cura Lasseter.

Key Paradise
04-01-11, 01:21:02
http://graphics8.nytimes.com/images/2007/03/22/movies/23cobr600.jpg

cobra verde - werner herzog
ballata autodistruttiva; opera e protagonista speculari ad aguirre e fitzcarraldo: l'uomo sommerso e distrutto dal suo stesso desiderio di grandezza. stavolta herzog mi è parso molto più impietoso nei confronti della propria creatura, che in fondo occupa ruolo di criminale prima e commerciante di schiavi poi, seppur vittima degli eventi. aldilà delle riflessioni su kinski, da ricordare è l'ambiguità dell'ambiente africano, trattato sempre con molto fascino dal regista. bello, m'è piaciuto.

Price
04-01-11, 02:03:27
Get Him To The Greek
una delle migliori commedie dell'anno se non la migliore
4|5

SCOTTISH lover
04-01-11, 02:58:49
visto the tourist

mi è parso non molto piu' di un film normale, classicone con attori famosi e taglio hollywoodiano.. unica nota, chi lo ha visto doppiato in italiano si è perso la performance della jolie che sfoggia l'accento inglese.. a mio avviso notevole ;)

Robo@nte
04-01-11, 09:59:37
http://graphics8.nytimes.com/images/2007/03/22/movies/23cobr600.jpg

cobra verde - werner herzog
ballata autodistruttiva; opera e protagonista speculari ad aguirre e fitzcarraldo: l'uomo sommerso e distrutto dal suo stesso desiderio di grandezza. stavolta herzog mi è parso molto più impietoso nei confronti della propria creatura, che in fondo occupa ruolo di criminale prima e commerciante di schiavi poi, seppur vittima degli eventi. aldilà delle riflessioni su kinski, da ricordare è l'ambiguità dell'ambiente africano, trattato sempre con molto fascino dal regista. bello, m'è piaciuto.

c'ho il cofanetto di herzog-kinski da tipo 2 anni, è l'unico che ancora devo vedere:unsisi:

Azure Grimoire
04-01-11, 10:09:29
http://www.duellanti.com/wp-content/uploads/2010/12/tron_legacy.jpg

+ Protagonista scopabile
+ Visivamente orgasmico
+ 3D ben dosato
+ Daft Punk (scena nel club = jizzed in my pantz)
+ Olivia è magnifica
+ Jeff rifatto me lo aspettavo più plasticoso, buona la resa alla fine

- Trama
- Dialoghi
- Personaggi
- Come hanno trattato Tron
- Non ti lascia nulla


come avevo letto in giro e mi sono convito a visione ultimata, un film ambientato nell'universo di Tron, con millemila miliardi spesi nel 3d e nella resa visiva e sonora del tutto, per poi lasciare come tanto "per farlo chiamare film ai più" una trama in auto-pilot alla Resident Evil Afterlife e dei dialoghi che Avatar in confronto meriterebbe l'oscar
Per non dire come ***** hanno trattato Tron, quello proprio m'ha lasciato con l'amaro in bocca


Mi aspettavo TANTO di più, posso dire di essermi divertito dopotutto.....naaaa ha fatto schifo, seriamente, dove ***** andremo a finire?

Voto 6-

Togg
04-01-11, 11:28:19
azure ma sei donna ? :D


Get Him To The Greek
una delle migliori commedie dell'anno se non la migliore
4|5

key dice che mi ha fatto vedere il trailer ma io non ci credo :unsisi:



Disney certo. Ma con una robusta dose di cura Lasseter.

esatto ! come produttore esecutivo avrà dato una grossa mano, alla fine in questi casi basta che ci sia una forte mano preparata e tutto va come deve andare.

mi ero dimenticato di dire che le musiche, in particolare quelle cantate, sono il punto debole del film

Key Paradise
04-01-11, 11:31:17
key dice che mi ha fatto vedere il trailer ma io non ci credo :unsisi:

ti stai confondendo con enter the void :asd:

Azure Grimoire
04-01-11, 11:59:06
azure ma sei donna ? :D


http://images8.cpcache.com/product/lgbt+gift-lgbt-gltb+gift/110616628v2_225x225_Front.jpg

Togg
04-01-11, 12:02:13
ti stai confondendo con enter the void :asd:

lo vedi che mi fai confondere apposta



http://images8.cpcache.com/product/lgbt+gift-lgbt-gltb+gift/110616628v2_225x225_Front.jpg

:D

S3phiroth
04-01-11, 13:44:24
L'esplosivo piano di Bazil - Niente, non ci posso fare nulla, i film narrati alla "Amelie" mi risultano insopportabili. Quello stile veramente.....boh, francese, quel fiabesco trasportato nella quotidianità...non mi piace, mi fa cagare. Ma è un problema mio, il film è girato bene e la fotografia è sempre suggestiva. Trama semplice ma nel complesso ingegnosa, se è piaciuto Amelie/Delicatessen, piacerà anche questo senz'altro.

Saruman
04-01-11, 13:59:32
L'esplosivo piano di Bazil - Niente, non ci posso fare nulla, i film narrati alla "Amelie" mi risultano insopportabili. Quello stile veramente.....boh, francese, quel fiabesco trasportato nella quotidianità...non mi piace, mi fa cagare. Ma è un problema mio, il film è girato bene e la fotografia è sempre suggestiva. Trama semplice ma nel complesso ingegnosa, se è piaciuto Amelie/Delicatessen, piacerà anche questo senz'altro.

Il cinema francese mi piace molto, ma Amelie non l'ho sopportato neanch'io. Infatti avevo deciso di non vedere questo, e dopo questo commento, definitivamente, non lo farò. :)

Legion
04-01-11, 15:38:36
Il cinema francese mi piace molto, ma Amelie non l'ho sopportato neanch'io. Infatti avevo deciso di non vedere questo, e dopo questo commento, definitivamente, non lo farò. :)

Vabbé il cinema francese è tutto così. O sono fiabe moderne o sono i film più violenti del secolo. Niente mezze misure.
A me lo stile piace, proprio la settimana scorsa ho visto "Amami se ne hai il coraggio" con la stupenda Cotillard e l'ho apprezzato abbastanza.

Key Paradise
04-01-11, 15:47:59
ho rivisto frost/nixon oggi, non tutto, solo l'ultima ora. il giudizio non cambia, film bellissimo. profonda umanità nel ritratto di nixon: come distruggere qualcosa in uno scatto d'ira, per poi raccoglierne i pezzi cercando di ricomporla, pentiti.

Saruman
04-01-11, 16:13:36
ho rivisto frost/nixon oggi, non tutto, solo l'ultima ora. il giudizio non cambia, film bellissimo. profonda umanità nel ritratto di nixon: come distruggere qualcosa in uno scatto d'ira, per poi raccoglierne i pezzi cercando di ricomporla, pentiti.

Stavolta a Ron Howard bisogna fare tanto di cappello: un episodio storico poco conosciuto e poco raccontato trasposto su grande schermo in forma magistrale, con due grandi interpretazioni attorali e una semplicità che rasenta la perfezione. Bellissimo film.

naxel
04-01-11, 16:55:49
Ho visto Shining. Anche se non amo gli horror mi è piaciuto davvero molto. Regia magistrale, non sembra davvero che siano passati 30 anni, e fenomenale l'interpretazione di Jack Nicholson.
Stanley Kubrick dà una sua interpretazione al genere horror e questa mi ha fatto amare il film: risulta tutto così perfetto in questo capolavoro,
mentre in molti film alcune scene possono non convincere qui non c'è davvero nulla che sia fuori luogo. 10.

Robo@nte
04-01-11, 17:31:41
Ho visto Shining. Anche se non amo gli horror mi è piaciuto davvero molto. Regia magistrale, non sembra davvero che siano passati 30 anni, e fenomenale l'interpretazione di Jack Nicholson.
Stanley Kubrick dà una sua interpretazione al genere horror e questa mi ha fatto amare il film: risulta tutto così perfetto in questo capolavoro,
mentre in molti film alcune scene possono non convincere qui non c'è davvero nulla che sia fuori luogo. 10.

...e soprattutto il primo horror epico della storia del cinema:sisi:
capolavoro

medicine bottle
04-01-11, 18:38:18
...e soprattutto il primo horror epico della storia del cinema:sisi:


che vuol dire?

Woody
04-01-11, 18:43:11
che vuol dire?

è quello che c'è scritto dietro la copertina del dvd :asd:

charlesjudges
04-01-11, 18:45:09
è quello che c'è scritto dietro la copertina del dvd :asd:

***** hai ragione, ma chi diavolo li sceglie i redattori di Newsweek?

p a n z e r
04-01-11, 18:45:19
Jack Kroll, NEWSWEEK :sisi:


Orca l'oca anticipato di 10 secondi

medicine bottle
04-01-11, 18:48:30
nel frattempo l'ho letto pure io nel retro del dvd. rimane comunque una definizione ad cazzum :asd:

Togg
04-01-11, 20:38:30
Fish tank,

non c'è niente da rimproverargli, bellissimo il modo in cui focheggia

7,3

mickes2
04-01-11, 20:42:11
Fish tank,

non c'è niente da rimproverargli, bellissimo il modo in cui focheggia

7,3

proprio caruccio eh :sisi:

Price
04-01-11, 20:43:52
Stavolta a Ron Howard bisogna fare tanto di cappello: un episodio storico poco conosciuto e poco raccontato trasposto su grande schermo in forma magistrale, con due grandi interpretazioni attorali e una semplicità che rasenta la perfezione. Bellissimo film.
film che avrebbe meritato molto di più IMHO.

JT26
04-01-11, 21:17:43
500 days of summer <3^2

p a n z e r
04-01-11, 21:29:56
Chissà cosa sta cercando di dirci JT26

charlesjudges
04-01-11, 21:35:04
Chissà cosa sta cercando di dirci JT26

500 days of summer è minore di 9.

p a n z e r
04-01-11, 21:38:39
Quindi il voto di 500 days of summer oscilla tra 0 e 8,9 (8 con 9 spunti).

Figo, però JT non puoi essere così criptico.

Togg
04-01-11, 21:46:46
Quindi il voto di 500 days of summer oscilla tra 0 e 8,9 (8 con 9 spunti).

Figo, però JT non puoi essere così criptico.

ma lo vedi che non hai capito niente ! 8,9 è 9 con uno spunto negativo

p a n z e r
04-01-11, 21:47:30
Togg è la stessa cosaaaaaaaaaaaaaaa


Sei pignolo

charlesjudges
04-01-11, 21:48:58
8,5 è 8 con 5 spunti o 9 con 5 spunti negativi?

http://www.blogscienze.com/wp-content/uploads/2009/02/bicchiere-mezzo-pieno-o-mezzo-vuoto-la-risposta-sta-nei-nostri-geni.jpg

mickes2
04-01-11, 22:08:42
:rickds: :rickds:

Rullo
04-01-11, 22:27:19
8,5 è 8 con 5 spunti o 9 con 5 spunti negativi?

http://www.blogscienze.com/wp-content/uploads/2009/02/bicchiere-mezzo-pieno-o-mezzo-vuoto-la-risposta-sta-nei-nostri-geni.jpg

ti giuro che ci stavo pensando anche io oggi

Saruman
05-01-11, 00:45:36
film che avrebbe meritato molto di più IMHO.

Sì, pienamente d'accordo.

Togg
05-01-11, 00:54:31
The town, Ben Affleck

senza infamia e senza lode

7,4


8,5 è 8 con 5 spunti o 9 con 5 spunti negativi?


mi induci in tentazione

Hushabye
05-01-11, 11:48:17
Garden State..

Vigo
05-01-11, 13:10:19
Ieri sera a casa di un amico:

Fino all'ultimo respiro di J.L. Godard
Mi è piaciuto veramente, veramente tanto. Particolarissime le riprese, atipico il montaggio, divertente la vicenda e soprattutto il personaggio interpretato da Belmondo (il mio amico sostiene tra l'altro che io assomigli molto a lui). Da quanto mi è stato spiegato, questo è il manifesto della Nouvelle Vague: penso che approfondirò molto la Nouvelle Vague :asd:

Pickpocket di Bresson
Interessante anche questo, anche se mi è piaciuto un po' meno: le sequenze con le tecniche di borseggio e simili sono semplicemente fantastiche, tuttavia ho avuto qualche difficoltà a seguire l'aspetto della trama che interessava la relazione amorosa, ed è per questo che voglio rivederlo. La recitazione era parecchio inespressiva, ma era talmente palese che immagino sia stata una scelta registica.

JT26
05-01-11, 13:17:01
Cuoreallaseconda.

Non mi sento di valutarlo ancora, ma mi ha lasciato una sensazione stupenda che mi è rimasta per tutta la serata e credo duri ancora.

Superquadro
05-01-11, 13:23:02
Tron: Legacy

una perla per i fan. Un film di azione discreto per chi c'è andato con l'idea stile "Daft Punk tamarriximi e azione tamarroide".

Azure Grimoire
05-01-11, 14:09:03
Tron: Legacy

una perla per i fan. Un film di azione discreto per chi c'è andato con l'idea stile "Daft Punk tamarriximi e azione tamarroide".

a me è sembrato toalmente il contrario ma vabbè :rickds:

Odarius
05-01-11, 14:48:09
Sto guardando Nightmare II, ho tutta la saga che guardo sempre quando sto male come in questi giorni, da vedere tutti anche se l'ultimo ( non quello uscito al cinema ) si puo' tranquillamente lasciar perdere. :unsisi:

Togg
05-01-11, 18:50:23
la prima cosa bella

l'asse passato presente funziona abbastanza bene, la crescita del protagonista regge concettualmente e riesce in un certo qual modo a fare da perno alla vicenda. però non mi ha minimamente emozionato, ne commosso nei momenti drammatici ne divertito in quelli comici, proprio zero. Se questo è il meglio che c'è per ora in Italia allora o io non sono ancora pronto per apprezzarlo oppure devono impegnarsi un po' di più.

6,3

dom87
05-01-11, 19:34:40
Dispiace interrompre ma io l'ho rivisto...
Into the wild non è un film ma dio. Questa pellicola ti tocca il cuore.
La colonna sonora è splendida come tutto il film.

Ho dato 10 ma questo film non merita un voto. E' qualcosa di incredibile e indescrivibili.
Mi viene quasi la voglia di partire e lasciare tutto.

Vigo
05-01-11, 19:37:58
Dispiace interrompre ma io l'ho rivisto...
Into the wild non è un film ma dio. Questa pellicola ti tocca il cuore.
La colonna sonora è splendida come tutto il film.

Ho dato 10 ma questo film non merita un voto. E' qualcosa di incredibile e indescrivibili.
Mi viene quasi la voglia di partire e lasciare tutto.

Non so gli altri come hanno interpretato il film, ma per come la penso io il messaggio del film è completamente diverso :ahsisi:


la prima cosa bella

l'asse passato presente funziona abbastanza bene, la crescita del protagonista regge concettualmente e riesce in un certo qual modo a fare da perno alla vicenda. però non mi ha minimamente emozionato, ne commosso nei momenti drammatici ne divertito in quelli comici, proprio zero. Se questo è il meglio che c'è per ora in Italia allora o io non sono ancora pronto per apprezzarlo oppure devono impegnarsi un po' di più.

6,3

nè correlativo è con l'accento

Togg
05-01-11, 19:51:51
Dispiace interrompre ma io l'ho rivisto...
Into the wild non è un film ma dio. Questa pellicola ti tocca il cuore.
La colonna sonora è splendida come tutto il film.

Ho dato 10 ma questo film non merita un voto. E' qualcosa di incredibile e indescrivibili.
Mi viene quasi la voglia di partire e lasciare tutto.

capisco benissimo :sisi:

però per onestà intellettuale ti posto questa rece che condivido che critica lo stile e non il messaggio del film
Avete mai provato quella sensazione di lacerazione interiore che si sperimenta quando si vede un film che parla di temi assoluti, imprescindibili, che voi percepite come fondamentali ma lo fa nel modo sbagliato, o meglio nel modo meno adatto a “comunicare” con il vostro cuore di spettatori? Sensazione tremenda, di rabbia mista a delusione. E’ esattamente la sensazione che mi è capitato di provare uscendo dalla sala dopo aver visto “Into the wild”. Si tratta di un mio problema, me ne rendo conto. Purtroppo quando guardo un film, un qualsiasi film, non riesco a prescindere dalle impressioni su quello che vedo, da quell’insieme di immagini che scorrono veloci sullo schermo bianco e che da sole valgono comunque più di mille parole o riflessioni. Chiarisco: non riesco, in poche parole, a considerare la forma meno importante del contenuto nel veicolare certe sensazioni ed emozioni, non riesco a non fondere un giudizio sul “cosa” con un giudizio sul “come”. E tendo a dare notevole importanza al “come” proprio perché nel mio personale processo di empatizzazione con un film (oggetto per definizione multimediale) le modalità formali con cui il film stesso mi viene raccontato condizionano pesantemente il coinvolgimento emotivo che esso è in grado di darmi. Spero di essermi spiegato. E così accade che quando mi trovo davanti registi che puntano sull’enfasi psico-emozionale e sull’iperbole visiva per guadagnarsi il mio sostegno, lì mi irrigidisco e inconsciamente mi oppongo a questa specie di grimaldello che cerca di forzare il lucchetto delle mie emozioni con la chiave dell’effettismo registico. E allo stesso modo purtroppo può accadere anche che una pellicola intensissima e meravigliosa sul piano dei contenuti come quella di Penn, possa lasciarmi decisamente perplesso (se non proprio irritato) per numerose sue scelte stilistiche.



Troppo. Troppo di tutto. Troppo lunga la durata (stranamente oramai in sala non compaiono più film che durino meno di due ore e mezza: che ci sia abbondanza di pellicola in giro?). Troppo esagitato, iperbolico, roboante, enfatico lo stile di regia, almeno per i miei gusti. Overdose di rallenty, inutilissimi split-screen, abuso di sovraimpressioni. Troppo fastidiosa la dolciastra voce fuori campo che ogni tanto fa capolino nella narrazione: non se ne avvertiva la necessità. Troppo anche il commento musicale, e per dirlo uno che senza la musica probabilmente morirebbe significa che la cosa deve avermi veramente infastidito. Sulla totale durata del film, ad occhio e croce ci saranno al massimo 20 minuti privi di accompagnamento musicale. Nessuno mette in dubbio la bellezza delle composizioni per il film scritte da Eddie Vedder, ma quello che guasta è sempre l’eccesso: in un film che si chiama “Into the wild”, mi sarei aspettato di sentire di più il silenzio della natura e magari meno il suono/rumore prodotto dall’uomo. E’ poi secondo me complessivamente troppo anche il parlato/scritto, il detto, l’espresso in questo film (trattasi sempre di mie opinioni, soggettivissime e opinabilissime sia ben chiaro). Tra citazioni varie (bellissime ma un pochino affastellate una sull’altra) che spaziano da Thoreau a Lord Byron, voce fuori campo, diari e viva voce dei protagonisti ho avuto la sensazione come di una tracimazione di parole e pensieri: validissimi per carità, ma forse sarebbe stato meglio lavorare di sottrazione, elidere qualcosina e lasciare almeno qualcosa di “inespresso” per intensificare la forza del messaggio lanciato. Qualche difetto anche nella sceneggiatura, che si perde un pochino in quell’abbozzo di love-story (decisamente dimenticabile) del protagonista e non brilla neppure nella delineazione caratteriale di alcuni personaggi (i genitori e la sorella di Christopher in primis, ridotti un po’ a stereotipi).

Considero questi degli errori ancora più gravi dal momento che stiamo parlando di un film che mira (o che voleva mirare) in alto raccontando la storia straordinaria (perchè vera) di un ragazzo ordinario, storia che ricostruisce la vita di un essere umano che ha avuto il coraggio di rinunciare a tutto il superfluo e di incamminarsi su un sentiero strettissimo di appropriazione identitaria che lo avrebbe condotto alla morte (riconciliazione/catarsi definitiva ed ultima, porto di luce). Vita davanti alla quale si possono solo provare un profondo rispetto e una sconfinata ammirazione. La vicenda di Cristopher McCandless (che ancora conosco poco, ma che ho voglia di approfondire al più presto magari leggendo il libro di Krakauer) è la vicenda emblematica di una intera generazione di giovani, generazione di cui bene o male fanno parte molti di noi. Generazione che conosce il disorientamento e il senso di vuoto che possono esploderti dentro quando scopri che l’intero mondo di “certezze” che ti sei costruito intorno comincia a sgretolarsi pezzo dopo pezzo. Generazione incapace di amare e di ricevere amore. Generazione di figli senza padri, di mariti senza mogli, di viandanti senza guida, di famiglie sfasciate, di violenze domestiche, di stupidi perbenismi e vergognose ipocrisie, di trampolieri alla ricerca di senso e di felicità. Alla ricerca di quell’unico Dio che si nasconde negli occhi delle persone che si amano, nella bellezza e nella pericolosità dei luoghi ancora non raggiunti dai fucili della civilizzazione, nei libri di Dostoevskij, nella preghiera laica ed universale di una canzone, dietro le nuvole e nelle pagine del Nuovo Testamento, nel deserto e in mezzo alle rapide di un fiume. Una storia quindi che per emozionare e per coinvolgere non avrebbe certamente avuto bisogno dei rallenty e degli split-screen di Sean Penn. E invece no: il regista ha voluto strafare, peccando di egocentrismo. In preda al più classico dei deliri di onnipotenza e probabilmente stordito da una libertà creativa a cui non era abituato. Quel che più fa arrabbiare è che Penn abbia confezionato un film che si presuppone essere intimista ed esistenziale usando un linguaggio registico a mio avviso del tutto inadatto alla storia raccontata e che anzi va nella esatta direzione opposta. Volendo usare una metafora, è come se vi regalassero un oggetto di artigianato africano incartato in una confezione griffata: qualcosa non quadra. Evidentemente la ricerca della essenzialità e della purezza/Alaska tanto cara a McCandless non è un tema che interessa fino in fondo Sean Penn. Il buon Sean forse con la testa era già sul trono della presidenza della giuria del prossimo Festival di Cannes (alla faccia dell’elogio dell’outsider e del rifiuto delle convenzioni). C’era da capirlo. E tuttavia: il pezzo di bravura di Penn possiamo anche lasciarlo perdere, la lezione di McCandless no. Snobbare la lezione di McCandless è un lusso che non possiamo permetterci.




nè correlativo è con l'accento

uu grazie ^^ è che già non riesco a capacitarmi nella mia mente di quello che voglio esprimere figuriamoci la grammatica :asd:

Armin
05-01-11, 20:27:53
Non so gli altri come hanno interpretato il film, ma per come la penso io il messaggio del film è completamente diverso :ahsisi:

La felicità è reale solo quando è condivisa [cit.] ;)

Togg
05-01-11, 23:41:07
I Tenenbaum, Wes Anderson

non scatta la scintilla necessaria, gran lavoro di regia e montaggio e bella pure la sceneggiatura scarnificata, ma la narrazione non ha presa

6,8

Key Paradise
06-01-11, 00:20:28
I Tenenbaum, Wes Anderson

non scatta la scintilla necessaria, gran lavoro di regia e montaggio e bella pure la sceneggiatura scarnificata, ma la narrazione non ha presa

6,8

scrivi "insultatemi" piuttosto che usare questi mezzucci per raggiungere lo scopo

Legion
06-01-11, 00:38:47
Dispiace interrompre ma io l'ho rivisto...
Into the wild non è un film ma dio. Questa pellicola ti tocca il cuore.
La colonna sonora è splendida come tutto il film.

Ho dato 10 ma questo film non merita un voto. E' qualcosa di incredibile e indescrivibili.
Mi viene quasi la voglia di partire e lasciare tutto.

Quindi il messaggio del protagonista morente per intossicazione immagino non abbia fatto presa :asd:

Rob917
06-01-11, 00:54:41
I Tenenbaum, Wes Anderson

non scatta la scintilla necessaria, gran lavoro di regia e montaggio e bella pure la sceneggiatura scarnificata, ma la narrazione non ha presa

6,8non me lo ricordo moltissimo ma non era malaccio, anche se concordo che c'era qualcosa che mancava

JT26
06-01-11, 02:17:16
capisco benissimo :sisi:

però per onestà intellettuale ti posto questa rece che condivido che critica lo stile e non il messaggio del film
Avete mai provato quella sensazione di lacerazione interiore che si sperimenta quando si vede un film che parla di temi assoluti, imprescindibili, che voi percepite come fondamentali ma lo fa nel modo sbagliato, o meglio nel modo meno adatto a “comunicare” con il vostro cuore di spettatori? Sensazione tremenda, di rabbia mista a delusione. E’ esattamente la sensazione che mi è capitato di provare uscendo dalla sala dopo aver visto “Into the wild”. Si tratta di un mio problema, me ne rendo conto. Purtroppo quando guardo un film, un qualsiasi film, non riesco a prescindere dalle impressioni su quello che vedo, da quell’insieme di immagini che scorrono veloci sullo schermo bianco e che da sole valgono comunque più di mille parole o riflessioni. Chiarisco: non riesco, in poche parole, a considerare la forma meno importante del contenuto nel veicolare certe sensazioni ed emozioni, non riesco a non fondere un giudizio sul “cosa” con un giudizio sul “come”. E tendo a dare notevole importanza al “come” proprio perché nel mio personale processo di empatizzazione con un film (oggetto per definizione multimediale) le modalità formali con cui il film stesso mi viene raccontato condizionano pesantemente il coinvolgimento emotivo che esso è in grado di darmi. Spero di essermi spiegato. E così accade che quando mi trovo davanti registi che puntano sull’enfasi psico-emozionale e sull’iperbole visiva per guadagnarsi il mio sostegno, lì mi irrigidisco e inconsciamente mi oppongo a questa specie di grimaldello che cerca di forzare il lucchetto delle mie emozioni con la chiave dell’effettismo registico. E allo stesso modo purtroppo può accadere anche che una pellicola intensissima e meravigliosa sul piano dei contenuti come quella di Penn, possa lasciarmi decisamente perplesso (se non proprio irritato) per numerose sue scelte stilistiche.



Troppo. Troppo di tutto. Troppo lunga la durata (stranamente oramai in sala non compaiono più film che durino meno di due ore e mezza: che ci sia abbondanza di pellicola in giro?). Troppo esagitato, iperbolico, roboante, enfatico lo stile di regia, almeno per i miei gusti. Overdose di rallenty, inutilissimi split-screen, abuso di sovraimpressioni. Troppo fastidiosa la dolciastra voce fuori campo che ogni tanto fa capolino nella narrazione: non se ne avvertiva la necessità. Troppo anche il commento musicale, e per dirlo uno che senza la musica probabilmente morirebbe significa che la cosa deve avermi veramente infastidito. Sulla totale durata del film, ad occhio e croce ci saranno al massimo 20 minuti privi di accompagnamento musicale. Nessuno mette in dubbio la bellezza delle composizioni per il film scritte da Eddie Vedder, ma quello che guasta è sempre l’eccesso: in un film che si chiama “Into the wild”, mi sarei aspettato di sentire di più il silenzio della natura e magari meno il suono/rumore prodotto dall’uomo. E’ poi secondo me complessivamente troppo anche il parlato/scritto, il detto, l’espresso in questo film (trattasi sempre di mie opinioni, soggettivissime e opinabilissime sia ben chiaro). Tra citazioni varie (bellissime ma un pochino affastellate una sull’altra) che spaziano da Thoreau a Lord Byron, voce fuori campo, diari e viva voce dei protagonisti ho avuto la sensazione come di una tracimazione di parole e pensieri: validissimi per carità, ma forse sarebbe stato meglio lavorare di sottrazione, elidere qualcosina e lasciare almeno qualcosa di “inespresso” per intensificare la forza del messaggio lanciato. Qualche difetto anche nella sceneggiatura, che si perde un pochino in quell’abbozzo di love-story (decisamente dimenticabile) del protagonista e non brilla neppure nella delineazione caratteriale di alcuni personaggi (i genitori e la sorella di Christopher in primis, ridotti un po’ a stereotipi).

Considero questi degli errori ancora più gravi dal momento che stiamo parlando di un film che mira (o che voleva mirare) in alto raccontando la storia straordinaria (perchè vera) di un ragazzo ordinario, storia che ricostruisce la vita di un essere umano che ha avuto il coraggio di rinunciare a tutto il superfluo e di incamminarsi su un sentiero strettissimo di appropriazione identitaria che lo avrebbe condotto alla morte (riconciliazione/catarsi definitiva ed ultima, porto di luce). Vita davanti alla quale si possono solo provare un profondo rispetto e una sconfinata ammirazione. La vicenda di Cristopher McCandless (che ancora conosco poco, ma che ho voglia di approfondire al più presto magari leggendo il libro di Krakauer) è la vicenda emblematica di una intera generazione di giovani, generazione di cui bene o male fanno parte molti di noi. Generazione che conosce il disorientamento e il senso di vuoto che possono esploderti dentro quando scopri che l’intero mondo di “certezze” che ti sei costruito intorno comincia a sgretolarsi pezzo dopo pezzo. Generazione incapace di amare e di ricevere amore. Generazione di figli senza padri, di mariti senza mogli, di viandanti senza guida, di famiglie sfasciate, di violenze domestiche, di stupidi perbenismi e vergognose ipocrisie, di trampolieri alla ricerca di senso e di felicità. Alla ricerca di quell’unico Dio che si nasconde negli occhi delle persone che si amano, nella bellezza e nella pericolosità dei luoghi ancora non raggiunti dai fucili della civilizzazione, nei libri di Dostoevskij, nella preghiera laica ed universale di una canzone, dietro le nuvole e nelle pagine del Nuovo Testamento, nel deserto e in mezzo alle rapide di un fiume. Una storia quindi che per emozionare e per coinvolgere non avrebbe certamente avuto bisogno dei rallenty e degli split-screen di Sean Penn. E invece no: il regista ha voluto strafare, peccando di egocentrismo. In preda al più classico dei deliri di onnipotenza e probabilmente stordito da una libertà creativa a cui non era abituato. Quel che più fa arrabbiare è che Penn abbia confezionato un film che si presuppone essere intimista ed esistenziale usando un linguaggio registico a mio avviso del tutto inadatto alla storia raccontata e che anzi va nella esatta direzione opposta. Volendo usare una metafora, è come se vi regalassero un oggetto di artigianato africano incartato in una confezione griffata: qualcosa non quadra. Evidentemente la ricerca della essenzialità e della purezza/Alaska tanto cara a McCandless non è un tema che interessa fino in fondo Sean Penn. Il buon Sean forse con la testa era già sul trono della presidenza della giuria del prossimo Festival di Cannes (alla faccia dell’elogio dell’outsider e del rifiuto delle convenzioni). C’era da capirlo. E tuttavia: il pezzo di bravura di Penn possiamo anche lasciarlo perdere, la lezione di McCandless no. Snobbare la lezione di McCandless è un lusso che non possiamo permetterci.


tl ; dr.

Comunque quoto Vigo :asd:

---------- Post added at 02:17:16 ---------- Previous post was at 02:13:58 ----------


I Tenenbaum, Wes Anderson

non scatta la scintilla necessaria, gran lavoro di regia e montaggio e bella pure la sceneggiatura scarnificata, ma la narrazione non ha presa

6,8

A me Wes Anderson attizza un casino solo per il pezzo dei Cani.

Vorrei l'amore dei film di Wes Anderson, vederti in rallenty, mentre scendi dal treno. I personaggi dei film di Wes Anderson, idiosincratici, più simpatici di me.

Per il resto scarsa voglia di darmi alla grande cinematografia del passato, mi accontento pigramente di quello che passa da SkyCinema, vorrei essere più costante -.-

Ah sì, stasera ho visto 28 giorni dopo. Patetico. 3,5.

Che vuol dire 4 con dieci spunti negativi più 0,5 per Londra vuota realizzata abbastanza bene. ^^

Vigo
06-01-11, 02:24:26
tl ; dr.

Comunque quoto Vigo :asd:

---------- Post added at 02:17:16 ---------- Previous post was at 02:13:58 ----------



A me Wes Anderson attizza un casino solo per il pezzo dei Cani.

Vorrei l'amore dei film di Wes Anderson, vederti in rallenty, mentre scendi dal treno. I personaggi dei film di Wes Anderson, idiosincratici, più simpatici di me.

Per il resto scarsa voglia di darmi alla grande cinematografia del passato, mi accontento pigramente di quello che passa da SkyCinema, vorrei essere più costante -.-

Ah sì, stasera ho visto 28 giorni dopo. Patetico. 3,5.

Che vuol dire 4 con dieci spunti negativi più 0,5 per Londra vuota realizzata abbastanza bene. ^^

Io 28 giorni dopo non l'ho visto, ma me ne hanno parlato abbastanza bene... inoltre il regista, Danny Boyle, non è certo uno incapace (per quanto non sia forse neppure un grande genio)

p a n z e r
06-01-11, 02:32:54
6,8 a I Tenenbaum e 3,5 a 28 giorni dopo, mi sento male.

JT26
06-01-11, 03:14:45
io due film piú o meno horror ho visto, tutti e 2 con la stessa compagnia, la terza madre, credo che votai 5 o meno, e questo di oggi che mi è sembrato davvero patetico, nonsense e con una sceneggiatura che al confronto Inception è immacolato. Dalla ps3 non ho modo di argomentare ma domani lo faccio volentieri.

Ah si poi vidi paranormal activity ma con l'horror c'entra pochissimo. Magari è il genere che non capisco, per me essere oggettivi è impossibile.

p a n z e r
06-01-11, 03:18:12
Ma che 28 giorni dopo abbai dei problemi è chiaro come il sole, si schianta verso un muro di banalità e noia nella seconda metà. La prima invece io l'ho trovata eccezionale, davvero un incredibile senso di solitudine. Il prodotto bello e finito è ben lontano quindi dall'essere gravemente insufficiente, almeno per me.

Poi certo, se quei tre titoli sono tutto ciò che hai visto di horror tranquillo che non sei tu a non capire il genere, è che semplicemente qualcosa di veramente horror ancora lo devi vedere :asd:

Price
06-01-11, 04:07:11
I Tenenbaum, Wes Anderson

non scatta la scintilla necessaria, gran lavoro di regia e montaggio e bella pure la sceneggiatura scarnificata, ma la narrazione non ha presa

6,8

http://www.youtube.com/watch?v=1pWLeDL1__k&feature=related
manifestazione spontanea sotto casa di Togg

Togg
06-01-11, 09:58:12
manifestazione spontanea sotto casa di Togg

senza di me nemmeno riescono a organizzarle le manifestazioni :ahsisi:


tl ; dr.


peggio per te :sisi:


6,8 a I Tenenbaum e 3,5 a 28 giorni dopo, mi sento male.

a fantastic mr fox ho dato 8,9

Vall77
06-01-11, 11:47:57
I Tenenbaum non ha fatto impazzire neanche me, però nel film c'è Needle in the hay di Elliott Smith, quindi il voto non può che andare dal 9 in su :sisi:



Rescue Dawn

Sottotitolo: Anche i maestri, ogni tanto, devono far cassa.
Intendiamoci, il film non è per niente male e si lascia guardare, manca però completamente il tocco del mestro, in primis nel protagonista che di herzoghiano non ha assolutamente niente. Storia di un aviatore americano (Bale) che precipita nella giungla del Laos in missione segreta nel 1965. Catturato dai Vietcong, riesce a fuggire. Buoni i personaggi, discreto il ritmo, finale patriottico molto poco riuscito.

Voto al film: dignitosamente sufficiente.
Voto a Herzog: perdonato.

Togg
06-01-11, 12:03:01
I Tenenbaum non ha fatto impazzire neanche me, però nel film c'è Needle in the hay di Elliott Smith, quindi il voto non può che andare dal 9 in su :sisi:



ma infatti la colonna sonora è bellissima, nessun dubbio in proposito. semplicemente Anderson si stava ancora raffinando, spero di vedere al più presto Steve Zissou

p a n z e r
06-01-11, 12:06:46
A me Steve Zissou è piaciuto anche più de I Tenenbaum, che comunque è bellissimo :sisi: Fra poco li commento, insieme a Fantastic Mr Fox che ho visto stanotte. Non appena mi viene l'ispirazione.

Togg
06-01-11, 12:10:34
si ma ammettilo che fantastic mr fox è troppo meglio

Armin
06-01-11, 12:16:36
Ma che 28 giorni dopo abbai dei problemi è chiaro come il sole, si schianta verso un muro di banalità e noia nella seconda metà. La prima invece io l'ho trovata eccezionale, davvero un incredibile senso di solitudine. Il prodotto bello e finito è ben lontano quindi dall'essere gravemente insufficiente, almeno per me.

Poi certo, se quei tre titoli sono tutto ciò che hai visto di horror tranquillo che non sei tu a non capire il genere, è che semplicemente qualcosa di veramente horror ancora lo devi vedere :asd:

Nella seconda parte cala parecchio di intensità, ma complessivamente è un gran film :sisi:

mickes2
06-01-11, 14:14:40
si cala 28 giorni dopo, ma non tantissimo secondo me. Ricordiamoci che c'è sempre il fattore attacco/difesa e quindi la componente psicologica non "muore" praticamente mai. Comunque è un grande horror io sto sul 7.5/8 :sisi:

Armin
06-01-11, 14:16:52
si cala 28 giorni dopo, ma non tantissimo secondo me. Ricordiamoci che c'è sempre il fattore attacco/difesa e quindi la componente psicologica non "muore" praticamente mai. Comunque è un grande horror io sto sul 7.5/8 :sisi:

Io direi 8 :sisi:

Jarhead91
06-01-11, 14:51:26
Visto:
Benvenuti a Zombieland
Divertente, se la gioca alla pari con "Shaun of the Dead".
La prima parte è eccezionale, nella seconda mi sembra cali un po'...meno battute, meno situazioni assurde, meno tutto.
Poi purtroppo hanno inserito la solita storia d'amore...era davvero necessaria? Bah...
7/8 Ma sarebbe potuto essere molto di più.

S3phiroth
06-01-11, 15:42:23
Mamma mia, sto guardando La storia infinita dopo anni, ed è molto ma molto peggio di quanto mi ricordassi :asd:
Sembra un riassunto di un film molto più lungo, tagli allucinanti

Carnage
06-01-11, 20:58:41
Oggi mi sono visto Iron Man 2 Spettacolo...:gab:

Altair2
06-01-11, 21:29:45
"Mission" in BD capolavoro ottima fotografia e colonna sonora da brividi,il BD dal lato video risulta buono sia dal lato video che audio extra non visionati.
FILM:8.8
VIDEO:8
AUDIO:8
EXTRA:n.v

mickes2
06-01-11, 21:30:29
Il Deserto Rosso (1964) di Michelangelo Antonioni

http://img266.imageshack.us/img266/489/391vittireddesert.jpg

Primo film di Antonioni che guardo e ne sono rimasto in grossa parte deluso. Il film risulta troppo prolisso in molte sequenze, ma alterna anche scene in cui si rimane piacevolmente colpiti anche grazie alla buonissima prova di Monica Vitti. Ed è proprio l'aspetto più importante de film secondo me: il fattore psicologico di questa donna, Giuliana, che rimane scioccata in seguito ad un incidente in automobile. Purtroppo però questo fattore non viene sviluppato a dovere, ed una trama piuttosto evanescente tendono ad appiattire un po' troppo la pellicola, che a tratti risulta anche un po' noiosa. Le scenografie sono davvero particolari ed è molto interessante il contrasto che ha usato Antonioni: l'aridità meccanica e industriale viene rappresentata, infatti, con colori brillanti e soluzioni suggestive mentre la genuinità viene proposta come una spiaggia incantata e deserta. Infine, la regia seppur non mi abbia entusiasmato, l'ho trovata davvero solidissima.

7-

Togg
07-01-11, 00:51:06
Il profeta

devo dire che la crescita del piccolo carcerato funziona bene (a parte quelle maledette allucinazioni che ormai non sopporto più), solo che le dinamiche del carcere sono già state troppo utilizzate e qua non c'è nessuna idea da renderlo migliore di una puntata random della prima serie di prison break. in ogni caso sono due ore e mezza e sicuramente vengono ben gestite

7,6


Le avventure acquatiche di Steve Zissou, Wes Anderson

la stilizzazione è precisa a quella dei Tenenbaum, qua però mi è sembrato che il rapporto padre figlio funzionasse molto meno. la malinconia del protagonista cineasta almeno riesce a prendere. in definitiva nello stop motion Anderson si esprime con molta più efficacia

6,9

Saruman
07-01-11, 03:42:01
Il Deserto Rosso (1964) di Michelangelo Antonioni

http://img266.imageshack.us/img266/489/391vittireddesert.jpg

Primo film di Antonioni che guardo e ne sono rimasto in grossa parte deluso. Il film risulta troppo prolisso in molte sequenze, ma alterna anche scene in cui si rimane piacevolmente colpiti anche grazie alla buonissima prova di Monica Vitti. Ed è proprio l'aspetto più importante de film secondo me: il fattore psicologico di questa donna, Giuliana, che rimane scioccata in seguito ad un incidente in automobile. Purtroppo però questo fattore non viene sviluppato a dovere, ed una trama piuttosto evanescente tendono ad appiattire un po' troppo la pellicola, che a tratti risulta anche un po' noiosa. Le scenografie sono davvero particolari ed è molto interessante il contrasto che ha usato Antonioni: l'aridità meccanica e industriale viene rappresentata, infatti, con colori brillanti e soluzioni suggestive mentre la genuinità viene proposta come una spiaggia incantata e deserta. Infine, la regia seppur non mi abbia entusiasmato, l'ho trovata davvero solidissima.

7-

Ti consiglio caldamente Blow up. E, permettetemi, Monica Vitti stupenda!

Samurai
07-01-11, 08:51:49
Ri-visti ... Slevin Patto criminale e The Departed - Il bene e il male.
Parecchio bello il primo sia come dinamiche che per la caratterizzazione dei personaggi (certe frasi del rabbino o del boss fanno rotolare :asd: ); il secondo mi ha un pò deluso ma, non è certo da buttare.

Azure Grimoire
07-01-11, 09:27:47
http://cineocchio.altervista.org/wordpress/wp-content/uploads/2009/06/blow-locandina.jpg

Una mia amica mi aveva fatto due ******** enormi con sto film e ieri sera ha colto l'occasione per farmelo vedere...niente da dire, Depp vero e mai forzato, storia che mi ha preso davvero parecchio per due ore che mi son volate e con un finale davvero fantastico... la Cruz è risultata invece innaturale in più di un occasione e con troppo fottutissimo trucco in faccia...

Non male davvero

7.5

Sebaryu
07-01-11, 10:01:44
Dopo una vita ho rivisto Muholland Drive...è normale che nemmeno questa volta non ci abbia capito una mazza?

Zweick
07-01-11, 11:29:35
Dopo una vita ho rivisto Muholland Drive...è normale che nemmeno questa volta non ci abbia capito una mazza?

No hay banda :unsisi:

Sebaryu
07-01-11, 11:33:15
No hay banda :unsisi:

:mariofp:

Speravo dopo 4/5 anni di comprenderlo...boh. Ci riprovo nel 2016.

mickes2
07-01-11, 13:46:12
Ti consiglio caldamente Blow up. E, permettetemi, Monica Vitti stupenda!

grazie del consiglio :sisi: i prossimi saranno Blow up, l'eclisse, Il grido, Cronaca di un amore

Monica Vitti bellissima!

medicine bottle
07-01-11, 14:00:01
http://www.youtube.com/watch?v=eulBpDTstwc

Price
07-01-11, 15:07:29
Le avventure acquatiche di Steve Zissou, Wes Anderson

la stilizzazione è precisa a quella dei Tenenbaum, qua però mi è sembrato che il rapporto padre figlio funzionasse molto meno. la malinconia del protagonista cineasta almeno riesce a prendere. in definitiva nello stop motion Anderson si esprime con molta più efficacia

6,9

Steve Zissou è forse l'Anderson che mi piace meno quindi posso ben capire le tue perplessita, ti invito a vedere Rushmore e Bottle Rocket comunque.

p a n z e r
07-01-11, 15:19:33
Tra quelli che ho visto Steve Zissou è l'Anderson che più mi è piaciuto :rickds:

Price
07-01-11, 15:27:44
Tra quelli che ho visto Steve Zissou è l'Anderson che più mi è piaciuto :rickds:
io da mega-fan di Wes ritengo Steve Zissou il "meno peggio", non brutto eh.

p a n z e r
07-01-11, 15:36:00
io da mega-fan di Wes ritengo Steve Zissou il "meno peggio", non brutto eh.

Ebbè, ci mancherebbe. Per ritenere brutto Steve Zissou bisogna essere persone proprio cattive :sisi: In ogni caso bene o male durante la visione mi stava piacendo quanto I Tenenbaum, ma arrivata la scena finale con i Sigur Ròs mi sono davvero commosso.

Woody
07-01-11, 15:49:26
anche Il treno per il darjeeling non è male, anzi, a me piacque molto, però è in pieno stile Anderson, quindi se non è piaciuto I tenenbaum...

Saruman
07-01-11, 16:56:21
anche Il treno per il darjeeling non è male, anzi, a me piacque molto, però è in pieno stile Anderson, quindi se non è piaciuto I tenenbaum...

Ti dirò che invece a me I Tenenbaum non era piaciuto per niente, mentre Il treno per il Darjeeling l'ho adorato! Sarà che il primo l'ho visto che ero troppo piccolo...

Robo@nte
07-01-11, 16:58:50
anche Il treno per il darjeeling non è male, anzi, a me piacque molto, però è in pieno stile Anderson, quindi se non è piaciuto I tenenbaum...

Darjeeling per quanto mi riguarda resta il miglior film di Anderson:unsisi:
I tenenbaum mi è piaciuto, ma forse l'ho trovato un pelino sopravvalutato...

BlackWizard
07-01-11, 17:08:31
Prendi i soldi e scappa
Non male ma non mi ha preso : 6

Togg
07-01-11, 17:45:35
Prendi i soldi e scappa
Non male ma non mi ha preso : 6

:rickds:


Tra quelli che ho visto Steve Zissou è l'Anderson che più mi è piaciuto :rickds:

e la volpe ?!?


Steve Zissou è forse l'Anderson che mi piace meno quindi posso ben capire le tue perplessita, ti invito a vedere Rushmore e Bottle Rocket comunque.

:sisi:

Tyrann
07-01-11, 17:58:22
Visto "Le Ali della libertá" (con Morgan Freeman)
molto bello, consigliato
voto: 8/8,5

Jumper
7,5
buon film, ma niente di eccezionale

mickes2
07-01-11, 18:01:04
Basta che funzioni di Woody Allen

Commedia molto bella, dialoghi frizzanti in pieno stile Allen. Molto bravi Larry David ed Evan Rachel Wood.

8-


Quel maledetto treno blindato (1978) di Enzo G. Castellari

Non male questo b-movie, bello trash e con una regia scialba, ma divertente; splendia citazione al Ponte sul fiume Kwai tra l'altro :kappe:

7-


Grosso Guaio a Chinatown (1986) di John Carpenter

Come al solito ottimi personaggi, belle battute e situazioni molto divertenti.

7+

Profetz
07-01-11, 20:51:03
oggi pomeriggio ho trovato casualmente questo film su premium e lho visto.. " Amore,Bugie e calcetto " un film italiano con claudio bisio,claudia pandolfi ed altri.
L'ho trovato molto carino e adesso mi vado a vedere " Sherlock Holmes " e in seguito " shutter island ".. buona serata

SCOTTISH lover
07-01-11, 20:58:41
visti:

the millionaire
mi è piaciuto molto, poi voglio bene all'attore protagonista fin dai tempi di skins (forse qualcuno l'avrà vista la serie tv su mtv)

roma città aperta
molto bello, bravissimo secondo me aldo fabrizi nella parte del prete. il tutto ancora piu' notevole quando poi sono venuto a sapere delle condizioni disastrate in cui hanno girato il film

black swan
dopo tutto il chiacchierare che se n'era fatto qui, anche io ero in grossa attesa per l'ultimo di DA, anche per il fatto che ho visto tutti i suoi film (tranne the wrestler, non l'ho ancora trovato in lingua originale)
bene, anche questo lo reputo un grosso film: mi è sicuramente piaciuto piu' dell'albero della vita - che comunque devo riguardare una seconda volta -
bravissima natalie portman e brava anche la sua antagonista , di cui ora non mi viene il nome.. non lo so guardandolo mi sembrava un puzzle dove tutto è al posto giusto, cassel secondo me perfetto per il ruolo. inattesa la "sfumatura horror" che condisce il film, e, per quanto riguarda il finale
mi piace pensare che non sia morta, ma che abbia solo perso i sensi.
il fatto che abbia lasciato questa cosa all'immaginazione ha fatto sì che il film non mi perdesse un buon 30%, avrei odiato un finale in quella maniera

i soliti sospetti
anche questo grande film, sono un fan di spacey e penso che i due oscar che questo film ha vinto (attore non protagonista - spacey e sceneggiatura originale) siano meritati.
l'unico peccato è che me lo sono dovuto guardare in italiano.

Saruman
07-01-11, 22:41:15
Appena finito di vedere Il riccio su Scài; premetto che non ho letto il tanto acclamato libro, ma confesso che il film non mi ha detto nulla. Tipico manierismo francese di quella corrente cinematografica che proprio non sopporto. Attori discreti, buona fotografia, regia a tratti apprezzabile, ma nel complesso nulla di entusiasmante, soprattutto per quanto riguarda la storia (e la colpa, ovviamente, è del libro). Ridicolo il finale, del tutto evitabile.

Key Paradise
07-01-11, 23:19:06
Appena finito di vedere Il riccio su Scài; premetto che non ho letto il tanto acclamato libro, ma confesso che il film non mi ha detto nulla. Tipico manierismo francese di quella corrente cinematografica che proprio non sopporto. Attori discreti, buona fotografia, regia a tratti apprezzabile, ma nel complesso nulla di entusiasmante, soprattutto per quanto riguarda la storia (e la colpa, ovviamente, è del libro). Ridicolo il finale, del tutto evitabile.

quoto potentemente

Vall77
07-01-11, 23:37:28
Hereafter


Clit confeziona un film che si fa guardare, ma anche facilmente dimenticabile. Un assunto sovrannaturale trattato con tocco abbastanza leggero, delicata retorica a go-go, qualche caduta di sceneggiatura, qualcosa di buono qua e là. Il massimo dei commenti in sala erano del tipo "Bè dai, magari il Dopo fosse proprio così.." con risatina di conforto. Viene un pò il sospetto che lo stesso Clint (non proprio un giovanotto) avesse più o meno gli stessi pensieri in mente mentre girava.

Devo però riconoscere un merito al film. La più grossa domanda che mi sono posto all'uscita dalla sala è stata: è così brutto che potrebbe essere un film di Shyamalan?

No, non è così brutto. Missione compiuta Clint!

Lego³
07-01-11, 23:43:51
The Bourne Supremacy.
Molto bello, adoro il genere mi ha preso davvero.

Key Paradise
08-01-11, 00:18:54
http://www.sentieriselvaggi.it/public/articoli/36202/Images/bokassa.jpg

echi da un regno oscuro - werner herzog
documentario lineare e ben strutturato, figura interessante. non semplice stabilire dove sia la grandezza di jean-bedel bokassa: despota instabile e violento che governò l'impero-repubblica del centrafica per circa 13 anni. non semplice perchè si tratta di un criminale che, tra le tante, è stato accusato anche di cannibalismo, realmente praticato. dove risiede la grandezza di un uomo del genere? nella sua pazzia probabilmente, e nella capacità di averla portata al governo di un paese per un quindicennio quasi. episodio drammatico raccontato però con sincera ed ambigua ilarità da tutti, vittime comprese: un po' come quando a scuola, per la prima volta, sentiamo di nerone e il suo cavallo.

http://images.artnet.com/images_US/magazine/features/saltz/saltz9-23-08-3.jpg

apocalisse nel deserto - werner herzog
altro documentario, sulle conseguenze della guerra del golfo in kuwait. concettualmente molto più vicino al vecchio "fata morgana": sulle immagini di una terra intrisa di petrolio, definitivamente corrotta, proclamazioni che s'associano per logica alle splendide panoramiche. voli di devastante bellezza, nonostante i soggetti. la sensazione è quella di non poter tornare indietro.

http://4.bp.blogspot.com/_EWY1PJsPzBA/SuSuQyhytxI/AAAAAAAAAWA/-ZPNhCKI4d0/s400/werner+herzog+-+the+white+diamond5.jpg

il diamante bianco - werner herzog
il tema dovrebbe essere la costruzione di un dirigibile superleggero che permetterà di sorvolare la foresta pluviale ad altezze minime, in teoria. nella pratica è documentario sulla curiosità umana, attratto da qualsiasi cosa lo circondi: dai rondoni che nidificano in una misteriosa caverna dietro la cascata, dalle reazioni della gente del posto alla visione del diamante bianco, dalla storia di marc anthony e dalla sue erbe medicinali, dal lavoro di dorrington, dalla sua determinazione, dal suo racconto della morte di dieter (che sarà oggetto di altre opere di herzog), da un giovane del luogo che balla il moonwalk su una roccia a strapiombo sulla cascata, da tutto.

Rullo
08-01-11, 00:22:33
http://www.showbiztime.com/wp-content/plugins/rss-poster/cache/e90e6_t1larg.true.grit.jpg

true grit - joel and ethan coen
molto bello il genere mi è piaciuto molto e grande matt damon molto bravo

Tonno Mattu
08-01-11, 00:26:00
Ultimo film visto: Donnie Darko.
Davvero bello, adoro i film che hanno molteplici interpretazioni.

Togg
08-01-11, 00:40:14
Bright Star, Jane Campion

La sceneggiatura basata in tante parti sui testi delle poesie non mi ha convinto per nulla, sarà stato il doppiaggio non so, proprio non riesco ad ascoltare dei versi così romantici recitati in un film.
Per fortuna c'è una fotografia bellissima a compensare il tutto, tra bokeh floreali a piè sospinto e interni in controluce di sicuro non ci si annoia.

6,6


Hereafter


Clit confeziona una film che si fa guardare, ma anche facilmente dimenticabile. Un assunto sovrannaturale trattato con tocco abbastanza leggero, delicata retorica a go-go, qualche caduta di sceneggiatura, qualcosa di buono qua e là. Il massimo dei commenti in sala erano del tipo "Bè dai, magari il Dopo fosse proprio così.." con risatina di conforto. Viene un pò il sospetto che lo stesso Clint (non proprio un giovanotto) avesse più o meno gli stessi pensieri in mente mentre girava.

Devo però riconoscere un merito al film. La più grossa domanda che mi sono posto all'uscita dalla sala è stata: è così brutto che potrebbe essere un film di Shyamalan?

No, non è così brutto. Missione compiuta Clint!

consolante

---------- Post added at 00:40:14 ---------- Previous post was at 00:39:25 ----------




apocalisse nel deserto - werner herzog
altro documentario, sulle conseguenze della guerra del golfo in kuwait. concettualmente molto più vicino al vecchio "fata morgana": sulle immagini di una terra intrisa di petrolio, definitivamente corrotta, proclamazioni che s'associano per logica alle splendide panoramiche. voli di devastante bellezza, nonostante i soggetti. la sensazione è quella di non poter tornare indietro.


questo lo voglio vedere :nev:

Key Paradise
08-01-11, 00:57:41
Bright Star, Jane Campion

La sceneggiatura basata in tante parti sui testi delle poesie non mi ha convinto per nulla, sarà stato il doppiaggio non so, proprio non riesco ad ascoltare dei versi così romantici recitati in un film.
Per fortuna c'è una fotografia bellissima a compensare il tutto, tra bokeh floreali a piè sospinto e interni in controluce di sicuro non ci si annoia.

le poesie erano tradotte?

medicine bottle
08-01-11, 01:58:34
Appena finito di vedere Il riccio su Scài; premetto che non ho letto il tanto acclamato libro, ma confesso che il film non mi ha detto nulla. Tipico manierismo francese di quella corrente cinematografica che proprio non sopporto. Attori discreti, buona fotografia, regia a tratti apprezzabile, ma nel complesso nulla di entusiasmante, soprattutto per quanto riguarda la storia (e la colpa, ovviamente, è del libro). Ridicolo il finale, del tutto evitabile.

libro e film sono abbastanza diversi. il primo è di un'insolenza che si tollera sempre meno col passare delle pagine, tanto che è un sollievo arrivare alla fine e lanciare il libro a terra. il secondo si lascia guardare, ma, giustamente, anche dimenticare in fretta.

pipigno
08-01-11, 03:57:22
Il mio ultimo film visto è "Hachiko il mio migliore amico" un film drammatico Usa 2009 con Richar Gere;p;p. La storia si basa su un fatto realmente accaduto in giappone verso la metà degli anni '20.... Non voglio raccontarvi nient'altro ma preparate i fazzoletti:tragic::tragic::tragic::ahsisi::ahsisi: :icebad::icebad:.

Vall77
08-01-11, 09:18:21
il diamante bianco - werner herzog
il tema dovrebbe essere la costruzione di un dirigibile superleggero che permetterà di sorvolare la foresta pluviale ad altezze minime, in teoria. nella pratica è documentario sulla curiosità umana, attratto da qualsiasi cosa lo circondi: dai rondoni che nidificano in una misteriosa caverna dietro la cascata, dalle reazioni della gente del posto alla visione del diamante bianco, dalla storia di marc anthony e dalla sue erbe medicinali, dal lavoro di dorrington, dalla sua determinazione, dal suo racconto della morte di dieter (che sarà oggetto di altre opere di herzog), da un giovane del luogo che balla il moonwalk su una roccia a strapiombo sulla cascata, da tutto.

Aspetta Key, il Dieter (Plage) di cui si parla in White Diamond era un documentarista tedesco, e non è lo stesso Dieter (Dengler) oggetto del documentario Little Dieter needs to fly e del mediocre Rescue Dawn del 2006. :sisi:

Little Dieter non l'ho visto, Rescue Dawn invece visto da poco. Se non fosse per il finale (pessimo) non mi sarei azzardato a definirlo mediocre.

Comunque, se stai andando in ordine cronologico nella filmografia di Herzog, adesso ti aspetta quel grandissimo capolavoro che è Grizzly Man, e il validissimo The Wild Blue Yonder, che nella sua atipicità è uno dei miei film di fantascienza preferiti.


consolante

Commento consolante per film consolatorio :sisi:

Togg
08-01-11, 09:26:15
Comunque, se stai andando in ordine cronologico nella filmografia di Herzog, adesso ti aspetta quel grandissimo capolavoro che è Grizzly Man, e il validissimo The Wild Blue Yonder, che nella sua atipicità è uno dei miei film di fantascienza preferiti.

entrambi meravigliosi


Gli spietati (Unforgiven) 1992 di Clint Eastwood.
A tratti sembra di trovasi di fronte ad un filmone,a tratti.

BUONO

:tragic:


le poesie erano tradotte?

purtroppo si, mi rendo conto che proprio questo può essere stato uno dei problemi principali

Key Paradise
08-01-11, 10:25:06
Aspetta Key, il Dieter (Plage) di cui si parla in White Diamond era un documentarista tedesco, e non è lo stesso Dieter (Dengler) oggetto del documentario Little Dieter needs to fly e del mediocre Rescue Dawn del 2006. :sisi:

Little Dieter non l'ho visto, Rescue Dawn invece visto da poco. Se non fosse per il finale (pessimo) non mi sarei azzardato a definirlo mediocre.

Comunque, se stai andando in ordine cronologico nella filmografia di Herzog, adesso ti aspetta quel grandissimo capolavoro che è Grizzly Man, e il validissimo The Wild Blue Yonder, che nella sua atipicità è uno dei miei film di fantascienza preferiti.



Commento consolante per film consolatorio :sisi:

ops errore mio, pensavo che little dieter fosse un'opera dedicata alla figura di plage


purtroppo si, mi rendo conto che proprio questo può essere stato uno dei problemi principali

hai buttato due ore mannaggia
tralaltro i due protagonisti, entrambi molto giovani, recitano da dio

Togg
08-01-11, 11:01:57
hai buttato due ore mannaggia
tralaltro i due protagonisti, entrambi molto giovani, recitano entrambi da dio

e che palleeeeeeeeeeeeee

Hushabye
08-01-11, 11:13:07
Balla coi lupi..

Togg
08-01-11, 11:25:07
Balla coi lupi..

è tipo un'esortazione ?

Jarhead91
08-01-11, 11:35:40
è tipo un'esortazione ?

Magari non gli è piaciuto :morris82:

Togg
08-01-11, 11:37:38
Magari non gli è piaciuto :morris82:

se non gli fosse piaciuto avrebbe messo tre puntini, invece ne ha messi due. secondo me gli vuole dare 6,7

Hushabye
08-01-11, 11:41:11
ah nn sapevo bisognava per forza dare il voto..

Togg
08-01-11, 11:59:49
ah nn sapevo bisognava per forza dare il voto..

ora mi diranno che corrompo i giovani :asd:

non importa il voto, ma almeno se ti è piaciuto o no !

Hushabye
08-01-11, 12:20:49
Bello, ma forse mi aspettavo qualcosa in più....è un peccato che Kevin Costner non si veda più... la scena intorno al fuoco è affascinante..

ah allora aggiorno:
Garden State, carinissimo

The Rocker, dai simpatico..

Neverwas, mi aspettavo tut'altro tipo di film,ma alla fine non era male..

Luis
08-01-11, 14:14:42
Resident Evil Afterlife: ORRIDO.
Nel marasma di porcate mi preme dire soprattutto che non c'entrava nulla inserire gli zombie "plagas" tipo Resident Evil 4-5 e soprattutto il boia del 5..mamma mia che ribrezzo. E poi basta questi finali per far presagire un sequel. Chiudiamola qui, per carità.

JT26
08-01-11, 15:40:46
Nella seconda parte cala parecchio di intensità, ma complessivamente è un gran film :sisi:

Cala completamente di senso, succedono cose assolutamente senza motivo, nulla di appassionante. Diciamo che

fino all'uccisione del padre della ragazza

è un buon film, noioso ma accettabile, da quel momento in poi entrano in scena i soldati e cresce il disgusto. Un eroismo fine a se stesso e ingiustificato del protagonista, e soprattutto neanche esaltante, contrapposto ad un maschilismo solo parzialmente giustificabile, e ad un finale stupido. Potrei anche salire a 4, ma è comunque grave insufficienza.

Piuttosto, ho visto il Riccio e mi è sembrato molto carino invece, il libro non l'ho letto quindi non posso giudicarne l'originalità, però la protagonista è davvero adorabile (e soprattutto una dodicenne credibile, pensavo al film di Moccia quando scrivevo questo) e riempie da sola la scena alla grande. Poi ognuno ci vede quello che vuole, il film non è frizzante ma neanche noioso, e come ho detto la ragazzina lo riempie perfettamente. Ah e poi ho fatto pochi giorni fa un party jappostyle quindi le atmosfere di casa Kakuro mi hanno ispirato molto. Non mi è piaciuto molto il finale, tanto per la trama quanto per la realizzazione. Ha un senso, in fondo, ma è gelido, tutto sommato inutile e un livello sotto un film secondo me godibile. 7.

Poi che devo valutare ancora? un 3 all'ultimo di Allen, se proprio devo scegliere un manuale d'amore mi tengo quello di Veronesi, meno elegante ma più caratteristico, inutile, un 9 a Forrest Gump, entertainment di raffinatissimo livello, e che altro? Boh, per ora basta così, senza troppi commenti.

Ho difficoltà a valutare I ponti di Madison County, che comunque apprezzo perchè mi ha fatto riflettere su un nuovo parametro di giudizio, il contesto in cui vedi un film. Penso che se l'avessi visto da solo al computer non l'avrei trovato così significativo, invece il contesto in cui era inserito me l'ha fatto valutare sotto molti più aspetti e ha trascinato la visione più sul piano dell'esperienza, che è quella che preferisco. Non so se capite, comunque voto 8, e 9 a Togg perchè era azzecatissimo.

Rullo
08-01-11, 15:42:04
http://t1.gstatic.com/images?q=tbn:yXgpsYBh1Ii1IM:http://img199.imageshack.us/img199/4874/bertha1.jpg&t=1

america 1929..


http://www.screentrek.com/images/once-upon-a-time-in-the-west1.jpg

c'era una volta il west..

charlesjudges
08-01-11, 15:43:26
http://www.screentrek.com/images/once-upon-a-time-in-the-west1.jpg

c'era una volta il west..

Dai, lascia almeno un commento tu che odi ingiustificatamente il cinema italiano. :asd:

JT26
08-01-11, 15:44:53
Dai, lascia almeno un commento tu che odi ingiustificatamente il cinema italiano. :asd:

Stando alla lettura di Togg, visti i 2 puntini è 6,7 :sisi:

Ah sì, sabato scorso, rimanendo tristemente a casa, vidi Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto, che sembra un pezzo di Uochi Toki e invece è un film della Wertmuller che finora conoscevo solo come ospite di Marzullo.

Mi chiedo ancora come regga le due ore, visto che alla fine la trama è basilare, però mi è piaciuto, fantastici i 2 attori secondo me, fantastici i colori, poi alla fine c'è questa lotta sociale e questo capovolgimento dei ruoli che confonde un po', al punto che il finale tutto sommato prevedibile spiazza perchè non capisci più a chi affezionarti. Tra i 2 attori principali, ovviamente, visto che in scena ci sono quasi sempre loro. Nulla di eccezionale ma è sorprendente perchè come ho già detto apparentemente è banale invece regge alla grande 2 ore piene con 2 soli attori.

Rullo
08-01-11, 15:49:32
Dai, lascia almeno un commento tu che odi ingiustificatamente il cinema italiano. :asd:

odio il cinema italiano odierno :asd:

Jarhead91
08-01-11, 15:59:09
odio il cinema italiano odierno :asd:

Come darti torto :sisi:

naxel
08-01-11, 15:59:19
http://krsjrproductions.com/eyeswideshut-2007dvd.jpg
Grandissimo film.

Saruman
08-01-11, 16:22:42
libro e film sono abbastanza diversi. il primo è di un'insolenza che si tollera sempre meno col passare delle pagine, tanto che è un sollievo arrivare alla fine e lanciare il libro a terra. il secondo si lascia guardare, ma, giustamente, anche dimenticare in fretta.

Pensa che ho diversi amici che mettono la copertina del libro come immagine del profilo Facebook e non fanno che parlarne... :asd: Ovviamente non lo leggerò.