PDA

Visualizza Versione Completa : Ultimo film visto | I commenti sono graditi!



Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 [79] 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142

Togg
02-08-12, 01:23:03
Perché non la fai tu la traduzione scusa? Forse non ti sei accorto che Lynch dice "LOOKING BACK ON IT". Me lo traduci per piacere? A me sembra voglia dire che guardando indietro si sia reso conto di essersi svenduto GIA' DALL'INIZIO. Conoscendo le persone con cui lavorava ha iniziato a sentire come loro volevano che il film fosse e sapendo quanto poteva allontanarsi per fare il film come lo voleva lui ha iniziato a essere una sorta di compromesso. E non funzionò.
E' stato un compromesso DALL'INIZIO. E LUI LO HA CAPITO DOPO.
Adesso è più chiaro? Hai una traduzione diversa? Perché ti ostini? Non ce la fai a dire che ti piace il film senza blaterare di Lynch al 300%, Lynch che adora alla follia il lavoro che ha fatto, ecc?

Darton
02-08-12, 02:11:01
Kops - 7
ma da dove è uscito sto film? raga, ve lo consiglio, io mi sono fatto un sacco di risate.

Gargaros
02-08-12, 03:26:14
Scusa, Togg, ma le dichiarazioni di Lynch a me sembrano interpretabili variamente e in entrambi i casi hanno pari valore :asd:

Che ne dite di scrivergli una lettera e farci dire meglio cosa ne pensa?


No no,madre è figlia sono della stessa età :rickds:

Non direi :asd:

Laura Margolis (nata nel luglio 1977) stupenda
http://thumbnails73.imagebam.com/20417/f3045f204166708.jpg (http://www.imagebam.com/image/f3045f204166708)


Gemma Ward (nata nel novembre 1987)
http://thumbnails72.imagebam.com/20417/b33ddc204166701.jpg (http://www.imagebam.com/image/b33ddc204166701)


Insomma, nel film possono essere benissimo madre giovanissima e figliola sui 16 anni. Dove dicono che non sono mammuccia e figliola?


PS
In questa dissertazione di alta cultura cinematografica potrebbe essere derrminate scoprire l'età dell'uomo mascarato :sisi:

Legion
02-08-12, 11:01:14
Perché non la fai tu la traduzione scusa? Forse non ti sei accorto che Lynch dice "LOOKING BACK ON IT". Me lo traduci per piacere? A me sembra voglia dire che guardando indietro si sia reso conto di essersi svenduto GIA' DALL'INIZIO. Conoscendo le persone con cui lavorava ha iniziato a sentire come loro volevano che il film fosse e sapendo quanto poteva allontanarsi per fare il film come lo voleva lui ha iniziato a essere una sorta di compromesso. E non funzionò.
E' stato un compromesso DALL'INIZIO. E LUI LO HA CAPITO DOPO.
Adesso è più chiaro? Hai una traduzione diversa? Perché ti ostini? Non ce la fai a dire che ti piace il film senza blaterare di Lynch al 300%, Lynch che adora alla follia il lavoro che ha fatto, ecc?

Ancora non capisco dove vuoi andare a parare :asd:
Certo che si parla di un compromesso, ma - come lui ha detto - un compromesso dettato dalla lunghezza imposta (due ore e poco più) e dal montaggio che non poteva supervisionare. E' scritto proprio nelle dichiarazioni di Lynch che hai postato. Le persone "con cui stava lavorando" tu chi credi che fossero? Un cast tecnico e artistico su cui ha avuto TOTALE controllo (ha scelto tutti lui, dal cast, ai supervisori degli effetti speciali) oppure i produttori? Cioè, secondo te si stava lamentando di Kyle MacLachlan?
Insomma, tutto sembra conformarsi così totalmente alla mia opinione che non so come fai a rispondermi.
Forse bisogna scindere il girato di Lynch e il film che ci hanno montato sopra. Il film sicuramente non è quello che Lynch voleva montare, ma ciò che è stato montato è comunque il girato di Lynch realizzato esattamente come lui lo voleva fino al più minimo e insignificante dettaglio.

Togg
02-08-12, 11:28:24
Vabé, stendiamo il velo pietoso e amen.

Gargaros
02-08-12, 11:35:55
E' la classica frase fatta di chi vuole uscirsene perché non ha argomenti e cerca di dar da bere che lui sa e gli altri no.

PS
Indipendentemente che tu abbia ragione o no.


Ferro 3
L'ho beccato per metà su Rai4. Credo che nessuno meglio di questo film fa vedere la condizione di un essere umano emarginato, fuori dal sistema, fuori persino dall'umanità. La "sparizione" del protagonista non è un'idea fantastica come può sembrare...

knight96-1994
02-08-12, 13:53:32
Scusa, Togg, ma le dichiarazioni di Lynch a me sembrano interpretabili variamente e in entrambi i casi hanno pari valore :asd:

Che ne dite di scrivergli una lettera e farci dire meglio cosa ne pensa?



Non direi :asd:

Laura Margolis (nata nel luglio 1977) stupenda
http://thumbnails73.imagebam.com/20417/f3045f204166708.jpg (http://www.imagebam.com/image/f3045f204166708)


Gemma Ward (nata nel novembre 1987)
http://thumbnails72.imagebam.com/20417/b33ddc204166701.jpg (http://www.imagebam.com/image/b33ddc204166701)


Insomma, nel film possono essere benissimo madre giovanissima e figliola sui 16 anni. Dove dicono che non sono mammuccia e figliola?


PS
In questa dissertazione di alta cultura cinematografica potrebbe essere derrminate scoprire l'età dell'uomo mascarato :sisi:

Bello l'alieno biondo :asd:

knight96-1994
02-08-12, 13:54:04
visto ieri Pulp Fiction di Tarantino, beh è inutile che aggiungo altro :morris82:

Per la prima volta? :morristend:

TheMrGmk
02-08-12, 14:39:43
Effetto notte (1973 - Francois Truffaut). Un film nel film, per quanto mi riguarda un capolavoro :sasa:

Il Don
02-08-12, 14:57:46
lo straniero senza nome di clint eastwood, favoloso clint :bruniii:

medicine bottle
02-08-12, 15:09:59
Dato che mi manca freccia( :tragic:) rispondo con dei No sparsi.Poi metteteveli voi dove vi pare.

:asd: son vivo, son vivo, ma ho visto ben poco negli ultimi mesi. la maggior parte per l'esame di semiologia del cinema:
maria antonietta (s. coppola) - **+
donne sull'orlo di una crisi di nervi (almodovar) - ***
funny face (donen) - **+
è nata una stella (cukor) - ***
miracolo a milano (de sica) - ****
la magnifica preda (preminger) - **
dracula di bram stoker (f.f. coppola) - *+
a qualcuno piace caldo (wilder) - ****
il silenzio degli innocenti (demme) - ***
lezioni di piano (campion) - ***
la mano (kar-wai, episodio di eros) - ***
l'ultima risata (murnau) - ***+

Gouki
02-08-12, 15:45:31
Porco Rosso
Semplicemente magnifico.

Togg
02-08-12, 15:46:46
dracula di bram stoker (f.f. coppola) - *+
la mano (kar-wai, episodio di eros) - ***

oddio dracula :rickds: che filmaccio.
la mano invece non lo conosco, incuriosito.

Legion
02-08-12, 15:56:09
Dracula non è un gran film, forse neppure un bel film, però è un film simpatico :asd:
Poi inizia davvero benissimo...

Gouki
02-08-12, 16:00:49
oddio dracula :rickds: che filmaccio.
la mano invece non lo conosco, incuriosito.

Da quando? :mellow:

Togg
02-08-12, 16:04:32
Da quando? :mellow:

Da quando l'ha scritto freccia. Affido il mio pensiero totalmente nelle sue mani ;)

Legion
02-08-12, 16:04:59
Da quando? :mellow:

Beh, la seconda parte di Dracula accusa un calo di ritmo imperdonabile. Per me la prima parte rimane ottima (il prologo poi.. Gary Oldman :predicatore:), ma poi va scemando fino a diventare un film quasi insignificante.

Gouki
02-08-12, 16:06:57
Da quando l'ha scritto freccia. Affido il mio pensiero totalmente nelle sue mani ;)

Per me è un signor film, invece. :sisi:


Beh, la seconda parte di Dracula accusa un calo di ritmo imperdonabile. Per me la prima parte rimane ottima (il prologo poi.. Gary Oldman :predicatore:), ma poi va scemando fino a diventare un film quasi insignificante.

Mannò dai, ci stava che prendesse una piega diversa.
Poi io preferisco il libro, ma anche il film, pur essendo completamente diverso, è ottimo. Poi de gustibus eh. :sisi:

Legion
02-08-12, 16:08:25
Mannò dai, ci stava che prendesse una piega diversa.
Poi io preferisco il libro, ma anche il film, pur essendo completamente diverso, è ottimo. Poi de gustibus eh. :sisi:

Ma se non sbaglio il film è abbastanza fedele al libro, se non proprio pedissequo nello svolgimento. Ricordo male? :tristenev:
Certo che devo dirlo prima di venire equivocato: tecnicamente è un film pressapoco perfetto, e non è poco. Non mi azzarderei a chiamarlo filmaccio, però soffre davvero tanto un forte calo di ritmo e tensione nella seconda parte.

Gouki
02-08-12, 16:10:30
Ma se non sbaglio il film è abbastanza fedele al libro, se non proprio pedissequo nello svolgimento. Ricordo male? :tristenev:

E' completamente diverso.
Il Dracula di Coppola va a Londra per amore, per riavere la sua amata, nel libro, Dracula è cattivissimo e spietatissimo e non c'è nessuna storia d'amore.

Legion
02-08-12, 16:14:12
E' completamente diverso.
Il Dracula di Coppola va a Londra per amore, per riavere la sua amata, nel libro, Dracula è cattivissimo e spietatissimo e non c'è nessuna storia d'amore.

Prego notare che ho parlato di svolgimento però :sisi:
Io sapevo che nel libro (che non ho letto) non si fa alcun accenno a una "reincarnazione" della moglie del Conte in Mina. Forse questa scelta poteva giovare al film e dare spessore e un filo di umanità a Dracula (altrimenti diventava un horror tradizionale).

Gouki
02-08-12, 16:16:29
Prego notare che ho parlato di svolgimento però :sisi:
Io sapevo che nel libro (che non ho letto) non si fa alcun accenno a una "reincarnazione" della moglie del Conte in Mina. Forse questa scelta poteva giovare al film e dare spessore e un filo di umanità a Dracula (altrimenti diventava un horror tradizionale).

Ah lo svolgimento.
No, neppure quello, alcuni passaggi sono uguali, ovvio, però il libro va per i fatti suoi e il film prende una strada tutta sua.

Price
02-08-12, 16:26:12
rivistro District 9 dopo una prima visione all'uscita cinematografica
devo dire che il peso degli anni si sente abbastanza

Kal1m3r0
02-08-12, 17:45:16
rivistro District 9 dopo una prima visione all'uscita cinematografica
devo dire che il peso degli anni si sente abbastanza
Ma è del 2009! :morristend:

mickes2
02-08-12, 18:05:20
:asd: son vivo, son vivo, ma ho visto ben poco negli ultimi mesi. la maggior parte per l'esame di semiologia del cinema:
maria antonietta (s. coppola) - **+
donne sull'orlo di una crisi di nervi (almodovar) - ***
funny face (donen) - **+
è nata una stella (cukor) - ***
miracolo a milano (de sica) - ****
la magnifica preda (preminger) - **
dracula di bram stoker (f.f. coppola) - *+
a qualcuno piace caldo (wilder) - ****
il silenzio degli innocenti (demme) - ***
lezioni di piano (campion) - ***
la mano (kar-wai, episodio di eros) - ***
l'ultima risata (murnau) - ***+
sui ceci per Demme e Wilder (si parte da almeno un ****+) mentre concordo sul film di Coppola, anche a me non m'ha preso per un càzzo :nev:

quel Kar-wai lo rinvio da una vita, è ora di vederlo.

Lucignolo
02-08-12, 18:16:00
Ma è del 2009! :morristend:


:sisi::ahsisi::imfao:

Togg
02-08-12, 19:01:55
Ma è del 2009! :morristend:

è nato vecchio :rickds:




quel Kar-wai lo rinvio da una vita, è ora di vederlo.
fammi sapere :sisi:

Legion
02-08-12, 19:08:00
Cioè, mo sindacate su District 9?? Con quello che ci hanno speso quel film è un fottuto miracolo tecnico, senza se e senza ma. Esente da critiche da qui fino alla fine dei tempi.
La Sony era capace di spendere 120 milioni per District 9 per farlo uguale..

Price
02-08-12, 19:08:03
Ma è del 2009! :morristend:
si ma a tre anni di distanza risulta molto più pesante e meno godibile
imho

TheMrGmk
02-08-12, 19:26:43
si ma a tre anni di distanza risulta molto più pesante e meno godibile
imho

E 2001 allora cos'è ? Lammerda pura ?

knight96-1994
02-08-12, 21:14:48
si ma a tre anni di distanza risulta molto più pesante e meno godibile
imho

91556

Lucignolo
02-08-12, 21:37:11
Aguirre, furore di Dio (1972)

"Sono il furore di Dio, la terra che io calpesto mi vede e trema..."



Può sembrare esagerata l'affermazione di Werner Herzog che in un documentario del 99 dedicato a Klaus Kinski riferì:"Durante il periodo di riprese di Aguirre furore di Dio, Kinski palesò più e più volte l'idea di abbandonare il set, una volta per non farlo andar via fui costretto a minacciarlo di morte".
Eppure nell'esasperazione del regista, vittima dei continui sbalzi d'umore e attacchi d'ira del folle genio tedesco, non si può non provare una certa empatia. Nei panni del regista non avrei preso con leggerezza l'abbandono di Kinski da quel progetto. E non perchè si trattasse del protagonista del film e avrebbe comportato inevitabili rialzi del budget o perdita di tempo.

No, perchè la verità è che NESSUN attore al mondo avrebbe potuto interpretare il ruolo di Aguirre come ha fatto Klaus Kinski se non Herzog stesso, ma con risvolti inevitabilmente meno talentuosi e d'impatto. Ed è questo il motivo per il quale il sodalizio tra questi 2 folli amanti del cinema è durato anni: si assomigliavano pur svolgendo ruoli diversi, e forse anche per questo, compatibili fra loro. Kinski per Herzog era la "materia" da plasmare a seconda delle situazioni e dei compiti che il film richiedeva, il tramite che trasformava i suoi pensieri sul film in gesti e parole sul set. Viceversa, Herzog per Kinski era il maestro di vita prima ancora che di lavoro, l'unico uomo nella sua vita che sapeva gestirlo, che sapeva veicolare positivamente i suoi tremendi sfoghi rabbiosi, li provocava lo stesso regista volutamente a volte, perchè la rabbia di Kinski risvegliava l'intero set, spaventava le comparse indios, gente abituata a comunicare a gesti e bassa voce, ma svegliava gli altri attori principali, e dava una marcia in più a livello di patos.

La genialità dell'attore non si fermava di certo alla recitazione; più e più volte è stato riferito che non ci pensava due volte ad interrompere le riprese magari anche solo per un bisbiglio che avvertiva fra 2 membri della troupe, oppure perchè non si sentiva illuminato nel modo giusto. E puntualmente aveva sempre ragione. Come aveva ragione nel sostenere che se un attore entra nell'inquadratura spalle alla cinepresa e poi si gira, il momento perde l'effetto voluto; per questo inventò un personalissimo passo ("Spirale-Kinski") per entrare in scena di profilo da un lato dell'inquadratura e volgersi verso la camera senza però guardarla.

Passando più specificamente al film: più di una volta guardandolo ho avuto un deja-vu con "Apocalypse Now": il fiume e un viaggio dalle mille insidie verso qualcosa di fantomatico e comunque di incerta esistenza (sia Eldorado o Walter Kurtz), i vari membri dell'equipaggio che vengono meno a a mano a mano del protrarsi del film, alcune scene in particolare (quella della gabbia in legno in cui viene rinchiuso Ursuà è praticamente la stessa scena rivisitata 7 anni dopo che vede il dialogo tra Martin Sheen e Dennis Hopper). Sicuramente Coppola deve molto a questo film (e infatti dopo su wikipedia ho letto, con poca sorpresa, che questo film è stata sua fonte diretta d'ispirazione). Certamente il capolavoro di Werner Herzog, scritto in 2 giorni, girato in 5 settimane, destinato a lasciare un segno indelebile per sempre.


VOTO: 9+/10

Hushabye
03-08-12, 00:21:02
91600

Somewhere,2010- La conferma che la Coppola mi piace,anche se Lost in translation è di ben altro livello.. tematiche simili,ma non tutto qua è convincente..Il leone d'oro non me lo ricordavo. 6.5

Kal1m3r0
03-08-12, 00:25:06
La Zona Morta, David Cronenberg. Il meno personale che ho visto di Cronenberg, soffre un po' per la struttura episodica che, da quanto ho letto, è propria del romanzo di King. Tutto sommato godibile; molto bella la colonna sonora.

Led Zeppelin
03-08-12, 00:42:43
Cloverfield: Mi è piacuto parecchio, sarà che adoro i monster movie e J.J Abrams. 8.0

Togg
03-08-12, 01:23:11
Mister Lonely, Korine
come fare di debolezze pregi e di ingenuità sfondi trascurabili. un altro nome da aspettare a Venezia.

Blow Out, De Palma
bellissimo. seconda parte un po' più rilassata ma il finale riprende tutto alla grande. De Palma ha imparato dal maestro Hitchcock come si rende pulsante uno spazio, chapeau.

Legion
03-08-12, 01:35:36
91600

Somewhere,2010- La conferma che la Coppola mi piace,anche se Lost in translation è di ben altro livello.. tematiche simili,ma non tutto qua è convincente..Il leone d'oro non me lo ricordavo. 6.5

Tarantino ha implicitamente rinnegato il Leone d'oro che egli stesso ha destinato a Somewhere :sisi:

Gargaros
03-08-12, 01:55:07
Stasera prima puntata di 100 pallottole d'Argento

Si è preferito saggiamente partire coi due episodi argentiani di MHO:

Jennifer
Discreto. Se non ci fosse la scena con la piccola sbranata, le uniche emozioni che avrei avuto sarebbero state quelle dervianti dalle tette di Jenny. Ma è comunque troppo poco per farmelo apprezzare del tutto. Argento, comunque, ha avuto un bel coraggio.

Pelts
Ommioddiomaccheccosèèèè :rickds: Trascissimo, truculento; e queste sono le sole cose positive (a parte le tette della ballerina negra). Tutto il resto sguazza nella mediocrità e nella banalità. Però mi ha fatto ridere non poco. Purtroppo, però, non era nelle intenzioni di Argento far ridere, mi è sembrato di capire; e quindi definisco Pelts un comico involontario...



Il leone d'oro non me lo ricordavo. 6.5

Non se lo ricorda nessuno: c'era Tarantino :kep88:


Tarantino ha implicitamente rinnegato il Leone d'oro che egli stesso ha destinato a Somewhere :sisi:

:pffs:

Legion
03-08-12, 01:59:32
:pffs:

Eh, mi sembra giusto che se Lynch può rinnegare Dune pure Tarantino possa rinnegare Somewhere :asd:

Key Paradise
03-08-12, 02:07:22
io ieri ho (ri)visto la casa dei 1000 corpi, che avevo scoperto per caso a tipo 11 anni restando abbastanza shockato: bel clippone anche se alla fine la sostanza è poca e non c'è una scena che mi abbia fatto cagare sotto

e poi vabbè questo si candida ufficialmente per essere uno dei commenti meno interessanti del mese, ma ho tirato fuori eternal sunshine of the spotless mind per centesima volta, per farlo vedere alla mia ragazza, e se non altro ha apprezzato; quanto a me, mantiene quell'aura di magia per i tempi in cui mi raffiguravo in joel :asd:

Gouki
03-08-12, 03:06:29
Naked Blood
Interessante la trama e belle le scene splatter, tipo quella di una delle protagoniste che si taglia la vagina con forchetta e coltello e poi se la mangia.
Bello bello, m'è piaciuto.

Togg
03-08-12, 11:55:54
http://www.vulture.com/2011/01/quentin_tarantino_sofia_coppol.html

simple and clean.

Hushabye
03-08-12, 12:24:54
http://www.vulture.com/2011/01/quentin_tarantino_sofia_coppol.html

simple and clean.

sinceamente poi dei film che gli ho visto in lista,Somewhere sarebbe uno dei migliori... i tre moschettieri:facepalm:

knight96-1994
03-08-12, 12:49:19
Porco Rosso
Semplicemente magnifico.

Bellerrimo. La sequenza in cui Marco vede i suoi compagni caduti volare in cielo è spettacolo puro.

Gouki
03-08-12, 12:58:51
Bellerrimo. La sequenza in cui Marco vede i suoi compagni caduti volare in cielo è spettacolo puro.

Mi ha commosso un casino quel pezzo. :cry:

Lucignolo
03-08-12, 14:17:03
sinceamente poi dei film che gli ho visto in lista,Somewhere sarebbe uno dei migliori... i tre moschettieri:facepalm:


Dici sarebbe migliore di Jackass 3D? :trollface:

Togg
03-08-12, 14:44:20
Raising Cain, De Palma (doppia personalità in ita)
bello! politico!


Mi ha commosso un casino quel pezzo. :cry:

quoto. pianto anch'io tanto.


sinceamente poi dei film che gli ho visto in lista,Somewhere sarebbe uno dei migliori... i tre moschettieri:facepalm:

Ha sempre fatto le liste Pulp :sisi: Ci si diverte a leggerle e stop :sisi:

Pedro92
03-08-12, 16:32:42
Lo straniero, di orson welles. Molto bello, ha tenuto alto il mio interesse per tutto il film, però la conclusione mi ha lasciato spiazzato, come se l'avessero voluto finire di fretta oppure che se ne siano accorti all'ultimo che mancano delle riprese.

Legion
03-08-12, 17:03:20
Che poi "Three Musketeers" era molto, molto meno peggio di tanti altri. Per me è stato decisamente sottovalutato. Lo avesse diretto Campbell sarebbe piaciuto a tutta la critica.

Hushabye
03-08-12, 17:11:55
Che poi "Three Musketeers" era molto, molto meno peggio di tanti altri. Per me è stato decisamente sottovalutato. Lo avesse diretto Campbell sarebbe piaciuto a tutta la critica.

si in un universo alternativo in cui il trash diventa arte:pffs:

Legion
03-08-12, 17:13:08
si in un universo alternativo in cui il trash diventa arte:pffs:

Mah, il trash diventa arte in questo universo, non in quello alternativo.

Simix92
03-08-12, 17:40:10
L'invasione degli ultracorpi 1956
Interessante. Mi e' piaciuto abbastanza, anche grazie al significato che si puo' tirare fuori dalla trama.7,5

Gouki
03-08-12, 18:19:06
Two Sisters
Grande horror psicologico con una trama interessante e alcune scene veramente agghiaccianti.
Bello e mindfuck il risvolto che la storia prende più avanti.

TheMrGmk
03-08-12, 19:07:01
Visto False Verità. Mamma mia che gran filmone, bello davvero :sasa:
Poi c'è
:hype::hype::superhype::superhype::fapfap::fapfap: La scena lesbo :ivan::ivan::ivan::bruniii::bruniii:


Mah, il trash diventa arte in questo universo, non in quello alternativo.

Al limite c'è gente a cui piace (a me fa schifo :asd:), ma arte proprio no :pffs:

Togg
03-08-12, 21:11:19
Dressed to kill (meglio il titoli inglese a-genere), De Palma
bellissimo anche questo!

Legion
03-08-12, 22:09:43
Al limite c'è gente a cui piace (a me fa schifo :asd:), ma arte proprio no :pffs:

Quindi tutto il cinema di exploitation fa schifo?
Secondo me tu non sai cos'è il trash. Ti dico che "I tre moschettieri" non è neppure trash, è casomai camp. A mio modo di vedere è molto, molto meglio di tanti colleghi più blasonati (vedi Mission impossible ghost protocol), a volte diverte, a volte stufa. Il cast è comunque ottimo.

Hushabye
03-08-12, 22:51:17
Lost In Translation,2003- 8.5

Togg
03-08-12, 22:53:46
Non so che vedermi uffff. Urich Seidl l'hanno fatto sparire.


Lost In Translation,2003- 8.5

Te lo sei visto di nuovo :sisi:

Darton
03-08-12, 22:59:49
La terrazza sul lago 7,5
un ottimo Jackson che regge tutto il film

(ennesima vittima dei titoli italiani)

Hushabye
03-08-12, 23:02:58
Te lo sei visto di nuovo :sisi:

ispirato da ieri:sisi: lo avevo visto solo una volta

TheMrGmk
03-08-12, 23:05:20
Quindi tutto il cinema di exploitation fa schifo?
Secondo me tu non sai cos'è il trash. Ti dico che "I tre moschettieri" non è neppure trash, è casomai camp. A mio modo di vedere è molto, molto meglio di tanti colleghi più blasonati (vedi Mission impossible ghost protocol), a volte diverte, a volte stufa. Il cast è comunque ottimo.

Di solito per trash intendo i film volontariamente o non volontariamente scadenti :sisi:
Confonderò il termine, ma io l'ho sempre interpretato così.
Per esempio non ho mai racchiuso l'exploitation nel trash, mbho :asd:

James
03-08-12, 23:23:07
Il mistero del bosco by Lucky Mckee (2006)

91751

"Inghilterra, 1965: la giovane Heather, ragazza disturbata, viene spedita dalla famiglia in un collegio specializzato, diretto con pugno di ferro da miss Traverse. L’istituto è dominato da un’atmosfera di angoscia e di terrore, che si concretizza quando alcune compagne di classe di Heather scompaiono nel nulla."

Ammazza che minestrone che ha fatto Mckee.
Prende a piene mani dall Argento di "Suspiria" e "Phenomena",nenia infantile inclusa,da "La Casa"(c'è Bruce Campbell nel cast :gab:) e ad alcuni potrebbe ricordare causa location collegio quel fantastico film di Serrador che è "Gli orrori del liceo femminile".
Quindi vai di ragazze che spariscono nel collegio,vai di streghe che lo gestiscono e naturalmente vai di bosco con rami che possono ucciderti.
Regia impeccabile nulla da dire,fotografia bella pulita,Mckee forse poteva dare un tocco personale alla trama,si lascia andare nella parte finale dove un Argento del 2006 si sarebbe sognato di chiudere un film tipo "La terza madre" in questo modo.Non da buttare ma sicuramente poco personale meglio "May" sotto questo punto di vista.

Led Zeppelin
04-08-12, 00:00:05
Drive.

Bellissimo, il miglior film di quest'anno che ho visto (per ora). :sisi:


Voto: 9.0

Pedro92
04-08-12, 01:53:55
Drive.

Bellissimo, il miglior film di quest'anno che ho visto (per ora). :sisi:


Voto: 9.0

Drive ha un'atmosfera unica, magica. Lo adoro quel film.

Gargaros
04-08-12, 11:11:51
Il mistero del bosco by Lucky Mckee (2006)

91751

"Inghilterra, 1965: la giovane Heather, ragazza disturbata, viene spedita dalla famiglia in un collegio specializzato, diretto con pugno di ferro da miss Traverse. L’istituto è dominato da un’atmosfera di angoscia e di terrore, che si concretizza quando alcune compagne di classe di Heather scompaiono nel nulla."

Ammazza che minestrone che ha fatto Mckee.
Prende a piene mani dall Argento di "Suspiria" e "Phenomena",nenia infantile inclusa,da "La Casa"(c'è Bruce Campbell nel cast :gab:) e ad alcuni potrebbe ricordare causa location collegio quel fantastico film di Serrador che è "Gli orrori del liceo femminile".
Quindi vai di ragazze che spariscono nel collegio,vai di streghe che lo gestiscono e naturalmente vai di bosco con rami che possono ucciderti.
Regia impeccabile nulla da dire,fotografia bella pulita,Mckee forse poteva dare un tocco personale alla trama,si lascia andare nella parte finale dove un Argento del 2006 si sarebbe sognato di chiudere un film tipo "La terza madre" in questo modo.Non da buttare ma sicuramente poco personale meglio "May" sotto questo punto di vista.

Co-coosaaa?! Questo filmaccio è di MacKee??? :tristenev:

Non ci posso credere.

Kal1m3r0
04-08-12, 19:02:02
Rivisto Collateral di Michael Mann. Gran regia e fotografia, a tratti un po' artificioso ma nulla di grave. Bel film :sisi:

Legion
04-08-12, 20:28:07
Di solito per trash intendo i film volontariamente o non volontariamente scadenti :sisi:
Confonderò il termine, ma io l'ho sempre interpretato così.
Per esempio non ho mai racchiuso l'exploitation nel trash, mbho :asd:

Ma ti sembra che "I tre moschettieri" si prenda mai sul serio? Non lo fa neppure per mezzo fotogramma; e sicuramente meno di Pirati dei caraibi, che ha pretese di serietà super-sproporzionate (anche il primo capitolo).
Ribadisco: non è mica l'undicesimo più bel film del 2011. Questo no. Però tra i blockbuster cafoni dello scorso anno nella mia top 10 ci sta eccome, e sicuramente si è guadagnato il mio rispetto (Anderson erano 10 anni che ci provava).

Togg
04-08-12, 20:45:07
Canicola, Urich Seidl
oibò!
8

knight96-1994
04-08-12, 22:01:21
Rivisto Collateral di Michael Mann. Gran regia e fotografia, a tratti un po' artificioso ma nulla di grave. Bel film :sisi:

Io l'ho molto apprezzato. Nulla di particolare ma la regia è ottima, la sceneggiatura vanta bei dialoghi e la trama non si limita ad un semplice "uccidi tizio X, poi Y ecc". I discorsi "filosofici" di Vincent, per quanto inflazionati, reggevano bene il personaggio e davano una marcia in più al tutto.
Aggiungiamoci una grande recitazione e via, ecco un action bellerrimo, di quelli che riportano Die Hard :sisi:

Darton
04-08-12, 22:15:11
Dellamorte Dellamore
sinceramente non riesco a dare un voto. un film assurdo, ma nella sua anomalia riesce molto bene. da vedere!

Togg
05-08-12, 00:09:35
La condanna, Bellocchio
ecco, dispiace perché il soggetto è ottimo. Anche nelle sue articolazioni se vogliamo. Il problema è quando si arriva al livello base della sceneggiatura, nonostanti apprezzi molto il cinema teoretico qui ci sono delle spigolosità di troppo. Ma i veri danni sono fatti dal cast+doppiaggio, una serie di scelte sbagliate che portano il film sul binario della comicità involontaria. Come ho detto, dispiace.

Sithis
05-08-12, 00:24:37
Pirati dei Caraibi: La Maledizione della Prima Luna.
Qui tutti danno dei voti quindi così farò anch'io :asd:, premetto che i voti, anche dei film a seguire, saranno ovviamente abbastanza alti (gusto personale) in quanto qualvolta me ne vedo uno è sempre di mio gradimento...
Voto: 8,5

Togg
05-08-12, 02:32:04
Buongiorno, notte, Bellocchio
un po' troppo espresso e macchiettistico, però non male.

Gargaros
05-08-12, 03:50:08
Them (anche se non capisco il perché del titolo inglese)
Allora, similitudini con The strangers a tutto spiano e ok. Ma qui siamo realmente su un altro pianeta, daje! Se Strangers partiva da un pretesto risicatissimo di far vedere che il 100% dei delitti irrisolti ecc., e poi finiva con un film stupido e inutile, pieno di scene brutte e ridicole, Them non cade mai nella scemenza involontaria. L'unica cosa che ho trovato insolita è il posto dove abitano i due fidanzati; ma visto che si basa su fatti accaduti davvero, presumo che tutto sia andato (quasi) come il film mostra. In ogni caso, film decisamente carico di tensione e di brutali impressioni quando la storia sta per finire e bisogna arricchirla con qualcosa di appunto duro da mandar giù. In The strangers si sono inventati il volantino dei giovani cristiani. Them è una cosa che non si dimentica.
Oh, la morale è che i francesi sanno fare cinema. Gli americani si sforzano d'imitare, ma sono troppo ingenui e scontati.

Captivity
Manco a farlo apposta il serial killer si chiama Dexter. Film mediocre come tanti, si lascia vedere, ma non emoziona manco per sbaglio, né terrorizza; al massimo ti fa venire un leggero voltastomaco in una scena. Attori pessimi, a partire da Elisha Cuthbert. A propò, avevo capito chi fosse l'attore che intepreta il killer quando la telecamera ha indugiato sull'occhio tremolante.

13 Tzameti
Ancora i francesi. Stupendo film in B/N, mi ha preso fin da subito. Ma quando la storia parte davvero, ti prende ancora di più. La tensione che è riuscito a farmi provare in certe scene non la dimenticherò più, perché sono pochi i film come questo. Bello, bello e ancora bello. Vedetelo perché merita.
Noticina: gli artisti francesi devono avere qualche antipatia genetica per i ricchi.



Dellamorte Dellamore
sinceramente non riesco a dare un voto. un film assurdo, ma nella sua anomalia riesce molto bene. da vedere!

9. E' l'ultimo grande film horror italiano.

Se dopo di questo hanno fatto qualcosa di migliore o di pari livello, l'ignoro...

James
05-08-12, 10:42:54
Them (anche se non capisco il perché del titolo inglese)
Allora, similitudini con The strangers a tutto spiano e ok. Ma qui siamo realmente su un altro pianeta, daje! Se Strangers partiva da un pretesto risicatissimo di far vedere che il 100% dei delitti irrisolti ecc., e poi finiva con un film stupido e inutile, pieno di scene brutte e ridicole, Them non cade mai nella scemenza involontaria. L'unica cosa che ho trovato insolita è il posto dove abitano i due fidanzati; ma visto che si basa su fatti accaduti davvero, presumo che tutto sia andato (quasi) come il film mostra. In ogni caso, film decisamente carico di tensione e di brutali impressioni quando la storia sta per finire e bisogna arricchirla con qualcosa di appunto duro da mandar giù. In The strangers si sono inventati il volantino dei giovani cristiani. Them è una cosa che non si dimentica.
Oh, la morale è che i francesi sanno fare cinema. Gli americani si sforzano d'imitare, ma sono troppo ingenui e scontati.

L avevo detto;p Poi il finale mi piace troppo

con le sbarre che si vedono all ultimo momento,lei che strilla verso la strada e sparisce


13 Tzameti
Ancora i francesi. Stupendo film in B/N, mi ha preso fin da subito. Ma quando la storia parte davvero, ti prende ancora di più. La tensione che è riuscito a farmi provare in certe scene non la dimenticherò più, perché sono pochi i film come questo. Bello, bello e ancora bello. Vedetelo perché merita.
Noticina: gli artisti francesi devono avere qualche antipatia genetica per i ricchi.

Questo devo ancora guardarlo,l ho quà da vedere:sisi:


9. E' l'ultimo grande film horror italiano.

Se dopo di questo hanno fatto qualcosa di migliore o di pari livello, l'ignoro...

Quoto in parte,peccato per la seconda parte del film un po' troppa confusa.Resta il vero film sull indagatore dell incubo.

Togg
05-08-12, 19:21:59
Diavolo in corpo, Bellocchio
bah. Ribadisco, cast e doppiaggio usciti dal kinder sorpresa.

Darton
05-08-12, 19:37:01
Unstoppable - 7
un buon film che riesce a mantenere il ritmo per tutto il tempo. Denzel come sempre nella parte anche se non l'ho visto proprio brillare. il finale è un po' troppo scanzonato

The condemned - 4,5
la storia è la solita: condannati a morte che si uccidono per la libertà e la morte che diventa spettacolo ma si è visto di meglio anche in tempi recenti (Death race, Gamer ecc...). dialoghi pietosi e ancora peggio le battute: "che fai per vivere?" "l'arredatore d'interni" :facepalm:

Gargaros
05-08-12, 22:35:48
Chronicless
Tre stronzetti da scuole superiori si avventurano in una caverna e dopo aver visto una strana escrescenza minerale (o dio solo sa che è) acquisiscono il potere della telecinesi.
La trama richiama alla mente fin troppo un episodio di X-Files. A ben guardare, tutto sommato, potrebbe essere un remake di quella puntata, con la sola assenza di Mulder e Scully. Praticamente capitano le stesse cose: il ragazzo sfigato e depresso diventerà lo stronzone cattivo, mentre gli altri cercano di fermarlo. Ma uguale uguale. Quasi.
L'unica differenza è che qui si tratta di mokku. Il risultato è migliore? Direi proprio di no. Il genere mokku richiede il reliasmo massimo da scenario a comportamenti a regia. Se a un certo punto questo realismo viene meno, e ti accorgi per esempio che lo scenario è un'incollatura posticcia sul panno verde, allora non è più mokku. Se nel pantagruelico duello finale ti accorgi che il realismo che cercano di spacciare per realismo è in verità la solita esagerazione da film-videogiochi che tanto vanno di moda oggi, allora il genere crolla, le intenzioni fallano e il film mi scade nella qualità.
Ed è un peccato, perché messa da parte il plagio a X-Files e questa ridicola intenzione di voler fare un mokku, avrebbe potuto essere un film discreto.

Drive
Rivisto dopo qualche settimana. Bello, me piase. Un film che sa farsi notare, misurato, diretto con perizia e recitato degnamente. Il mito del cavaliere senza nome trapiantato ai nostri giorni con una spruzzata di supereroismo.


Quoto in parte,peccato per la seconda parte del film un po' troppa confusa.Resta il vero film sull indagatore dell incubo.

Non ricordo questa confusione. ma forse c'entra il fatto che avevo già letto il romanzo :sisi:

Darton
05-08-12, 22:40:25
Quoto in parte,peccato per la seconda parte del film un po' troppa confusa.Resta il vero film sull indagatore dell incubo.
ma non è Dylan Dog


La trama richiama alla mente fin troppo un episodio di X-Files.
mi pare che fosse quella dei ragazzi che diventano superveloci :ahsisi:

Gargaros
05-08-12, 23:28:26
ma non è Dylan Dog

E' più DyD quello che non quello col patatone Brandon :asd:


mi pare che fosse quella dei ragazzi che diventano superveloci :ahsisi:

Minutaglie, è la stessa cosa :sisi:

Darton
05-08-12, 23:59:49
E' più DyD quello che non quello col patatone Brandon :asd:
ah su questo non c'è dubbio :asd:



Minutaglie, è la stessa cosa :sisi:
sì, infatti stavo solo confermando

Scotaliano
06-08-12, 00:38:25
Battleship

Robottoni alieni invadono la terra e un ragazzo della marina americana si trova casualmente al centro della battaglia.

Non c'è molto altro da dire su Battleship, L'ennesimo film fantascientifico ispirato dall'immeritato borsello strapieno di Michael Bay dopo il successo finanziario di Transformers. Si tratta di un abominio cinematografico vuoto, noioso, banale, ripugnante. Gli effetti speciali esagerati e la trama penosa priva di qualsiasi straccio di originalità suggeriscono che questo film è stato indirizzato allo strato illetterato e scimunito della popolazione. La mera sceneggiatura di Battleship presuppone un livello molto basso di intelligenza fra il pubblico. Clichè che esistono dall'alba dei film penosi vengono riproposti in modo azzardato, e il finale si può intuire persino dal trailer. Purtroppo per Peter Berg esplosioni e gente che urla non bastano per fare un film decente, e sembra strano che io debba spiegare questi principi cinematografici fondamentali ad un regista hollywoodiano.

Chiunque abbia almeno un neurone ancora sano terrebbe la distanza da questo scempio.

Togg
06-08-12, 00:42:41
Import-export, Seidl
bellissimissimo.

Gargaros
06-08-12, 06:46:53
Body bags - Corpi estranei
Trash di alto livello. Tre episodi tre collegati da un narratore d'eccezione: un Carpenter che si muove nottetempo in un obitorio scherzando coi (e sui) cadaveri e frattaglie assortite. Assolutamente irresistibile, battutacce truculente e gag a profusione; mi ha ricordato molto il Keaton di Spritello porcello. I tre episodi sono abbastanza gustosi, ma devo dirlo: se a presentarli non ci fosse stato Carpenter, sarebbero stati davvero scarsini da soli.

Dimensione terrore
Ancora un trash riuscito. L'inizio è da cappottarsi dalle risate per la sua ingenuità. Ma qui è tutto voluto, si capisce dalla citazione che fa di Ed Wood a un certo punto. Il film è pieno di momenti memorabili, dalla lunga sequenza ambientata (in B/N) negli anni 50 che fa da secondo prologo agli eventi futuri all'invasione zombesca nel finale. Insomma un film trash e gustoso. Proprio perché non si prende sul serio, è pieno di gag(ate) e battutacce di dubbio gusto che strappano dei sorrisi. E proprio perché è trash il chiudere un occhio su un paio di cose assurde ci viene facile (come è possibile che abbiano ibernato il tizio prima che le uova schiudessero, e come fa un cadavere vecchio di 40 anni, che dovrebbe avere il cervello ormai inesistente, a muoversi ancora?). Buoni gli attori e gli effetti speciali: i vermetti sono animati così bene da risultare veri.

Il signore del male
Me lo ricordavo molto meglio. Oddio, è anche vero che non lo vedevo da quando avevo ancora la lanugine sul mento... Ieri come oggi, comunque, non lo capisco. I discorsi filosofici, a che servono? A confondere. Prima dicono che quello è il male. Poi dicono che il male era Gesù. Poi si ricambia. Non capisco quale è la morale del film, o meglio a che servono queste saggerie se poi sulla trama hanno poca o nessuna importanza. O sono limitato io, oggi come quando avevo la lanuggine sul mento, oppure è un film che si sforza di mettere una sostanza intellettuale dove non serve, e nello sforzo la fa fuori dal vaso. Comunque, la trama in sé è semplice, ma la storia del sogno mi è piaciuta. Bello come cerca di fondere religione e fantascienza.


Chiunque abbia almeno un neurone ancora sano terrebbe la distanza da questo scempio.

Dobbiamo fidarci, Klaser? :pffs:

Zeno
06-08-12, 13:02:14
Barton Fink, bellerrimo.

Fearless (Weir), piaciuto.

Togg
06-08-12, 13:45:30
L'ora di religione (il sorriso di mia madre), Bellocchio
molto bello. anche ben supportato dalla colonna sonora. Solito problema di recitazione (su tutt* la moglie di lui, orrida) ma ci si passa sopra.

Legion
06-08-12, 14:04:32
Battleship

Robottoni alieni invadono la terra e un ragazzo della marina americana si trova casualmente al centro della battaglia.

Non c'è molto altro da dire su Battleship, L'ennesimo film fantascientifico ispirato dall'immeritato borsello strapieno di Michael Bay dopo il successo finanziario di Transformers. Si tratta di un abominio cinematografico vuoto, noioso, banale, ripugnante. Gli effetti speciali esagerati e la trama penosa priva di qualsiasi straccio di originalità suggeriscono che questo film è stato indirizzato allo strato illetterato e scimunito della popolazione. La mera sceneggiatura di Battleship presuppone un livello molto basso di intelligenza fra il pubblico. Clichè che esistono dall'alba dei film penosi vengono riproposti in modo azzardato, e il finale si può intuire persino dal trailer. Purtroppo per Peter Berg esplosioni e gente che urla non bastano per fare un film decente, e sembra strano che io debba spiegare questi principi cinematografici fondamentali ad un regista hollywoodiano.

Chiunque abbia almeno un neurone ancora sano terrebbe la distanza da questo scempio.

Queste sono le classiche recensioni che non capisco :asd:
Insomma, esattamente cosa ti aspettavi da Battleship e sopratutto COME poteva Battleship piacerti se ti aspettavi un film colto?

TheNightflier
06-08-12, 15:32:04
Take Shelter

Film ottimo grandi interpreti,regia misurata, effetti speciali non invasivi e utili alla trama,voto 9

TheMrGmk
06-08-12, 16:12:35
L'isola dell'ingiustizia - Alcatraz. Filmone stupendo. David Bacon comunque entra ufficialmente nella lista dei miei attori preferiti :sasa:

Scotaliano
06-08-12, 16:16:57
Queste sono le classiche recensioni che non capisco :asd:
Insomma, esattamente cosa ti aspettavi da Battleship e sopratutto COME poteva Battleship piacerti se ti aspettavi un film colto?

no ma era proprio come me l'aspettavo. Con un concept del genere si poteva fare molto meglio.




Dobbiamo fidarci, Klaser? :pffs:

Non pensavo di essere così famoso :asd:

Hushabye
06-08-12, 16:28:24
Take Shelter

Film ottimo grandi interpreti,regia misurata, effetti speciali non invasivi e utili alla trama,voto 9

:gab::gab::gab::gab::gab::gab::gab::gab::gab::gab: :gab::gab::gab::gab::gab::gab:

Legion
06-08-12, 16:46:09
no ma era proprio come me l'aspettavo. Con un concept del genere si poteva fare molto meglio.

E allora se era proprio come te l'aspettavi le cose sono due: o sei masochista e guardi film che sai già che non ti piaceranno o in realtà ti apprezzi gli effetti speciali, i botti e le esplosioni e poi critichi il film noncurante del fatto che i botti e le esplosioni in questo caso SONO il film.
Io dico: so già che Boxoffice 3D mi farebbe cagare se lo guardassi. Ebbene io mica lo guardo. Perché tu hai guardato Battleship? E sopratutto in quale modo un film con questi presupposti poteva essere meglio di così?

Scotaliano
06-08-12, 16:58:05
E allora se era proprio come te l'aspettavi le cose sono due: o sei masochista e guardi film che sai già che non ti piaceranno o in realtà ti apprezzi gli effetti speciali, i botti e le esplosioni e poi critichi il film noncurante del fatto che i botti e le esplosioni in questo caso SONO il film.
Io dico: so già che Boxoffice 3D mi farebbe cagare se lo guardassi. Ebbene io mica lo guardo. Perché tu hai guardato Battleship? E sopratutto in quale modo un film con questi presupposti poteva essere meglio di così?

L'ho guardato perchè l'avevo sottomano, e volevo dargli una chance anche se le mie aspettative erano basse.
Tutto poteva essere fatto meglio. La trama poteva essere molto più elaborata e con meno clichè. Gli alieni erano troppo umanoidi e il loro motivo per invadere la terra era un po insensato. Basta guardare il vecchio "la Guerra dei Mondi" per capire quanto un film sugli alieni possa essere fatto bene ed avere una trama coinvolgente. Sei veramente convinto che era impossibile fare di meglio? Io no.

Legion
06-08-12, 17:45:36
L'ho guardato perchè l'avevo sottomano, e volevo dargli una chance anche se le mie aspettative erano basse.
Tutto poteva essere fatto meglio. La trama poteva essere molto più elaborata e con meno clichè. Gli alieni erano troppo umanoidi e il loro motivo per invadere la terra era un po insensato. Basta guardare il vecchio "la Guerra dei Mondi" per capire quanto un film sugli alieni possa essere fatto bene ed avere una trama coinvolgente. Sei veramente convinto che era impossibile fare di meglio? Io no.

Ma a me Battleship è piaciuto, ha tutto ciò che un blockbuster dovrebbe avere. E ti dirò di più: la complessità dello script danneggia questi film, li rende insostenibili, belli sì, ma impossibili da amare (vedi La guerra dei mondi). E' un fatto di adeguamento: in primis della sceneggiatura ai presupposti. Quando i presupposti sono così ridicoli (film basato su battaglia navale) la sceneggiatura deve adeguarsi alla leggerezza delle premesse. A che giova inserire in un film come questo personaggi tridimensionali, cupezze inutili alla Nolan, riflessioni sul consumismo che ci distrugge ecc ecc? A nulla. E' il grande equivoco, su cui tornerò in seguito.
Il secondo adeguamento è quello che lo spettatore deve operare sul film. Siamo sempre noi a doverci adeguare al film che guardiamo, mai il contrario. Se un film è chiaro che non ci piacerà - specialmente quando ovviamente il film è così indirizzato verso un certo binario (insomma, impossibile scambiare Battleship per quello che non è) la colpa non è del film scadente. La colpa per la delusione di chi l'ha guardato è del soggetto stesso, che deve egli colpevolizzarsi.
Torniamo al grande equivoco, che si può allargare anche al mondo dei videogiochi. "La grafica non conta", "Questo film è solo effetti speciali". Lo senti dire spesso, no? Ecco, qui sta l'equivoco. Un gioco può reggersi sulla sola grafica, non sarà un capolavoro certo, ma sarà ugualmente godibile. Un film può reggersi sulla sola azione e sui soli effetti speciali e con una sceneggiatura ridicola e accessoria? Sì, Sì e ancora Sì.
Un film che regge la sua esistenza solo sugli effetti speciali e sull'azione può e deve esistere; se una persona non si diverte con la sola azione senza cervello (dio abbia pietà di lui) questi film non li deve guardare. Non fanno per lui. Ma bisogna imparare ed ammettere che l'azione è fottutamente divertente, e che ci divertiamo da morire al cinema quando le cose ci esplodono in faccia e non ce ne frega una sega della sceneggiatura. E questa non è morte del cinema, anzi, è una delle sue più alte celebrazioni, la celebrazione della pura forma.
Quindi è ora di smetterla con questa critica borghese e ignorante del blockbuster. Il blockbuster deve essere valutato come un blockbuster, ergo in relazione agli altri blockbuster. Quindi i parametri non sono "scrittura", "recitazione" e le altre menate con cui valuteresti un "Dogtooth" o un "Happiness". I parametri devono essere "effetti speciali", "ritmo delle scene d'azione", "frequenza e fragorosità delle esplosioni", "tecnica cinematografica digitale", "colonna sonora grottesca spaccatimpani", "trama più stupida" (perché nessuno ha ancora capito che la trama in questi casi più stupida è e meglio è, vedi Avengers).
Io a Battleship do un sonoro 8. Perché mi ha divertito moltissimo, perché è realizzato divinamente ed ha un ritmo incredibilmente superiore a quello di Transformers 3.

Vall77
06-08-12, 21:21:38
Mah, spari un po' altino ("la piu' alta celebrazione"... de che?) pero' nel complesso e' un discorso condivisibile.
A me e' un tipo di cinema (minuscola voluta) che fa ampiamente cagare e che non considero minimamente, d'altronde di Battleship mi sono bastati i primi 5 secondi del trailer per sapere che non l'avrei mai visto neanche sotto tortura. Dopo quelli, ho skippato anche il trailer e ciao :asd:

Legion
06-08-12, 21:41:27
Mah, spari un po' altino ("la piu' alta celebrazione"... de che?) pero' nel complesso e' un discorso condivisibile.
A me e' un tipo di cinema (minuscola voluta) che fa ampiamente cagare e che non considero minimamente, d'altronde di Battleship mi sono bastati i primi 5 secondi del trailer per sapere che non l'avrei mai visto neanche sotto tortura. Dopo quelli, ho skippato anche il trailer e ciao :asd:

Ma secondo me non riuscire a divertirsi con quel certo tipo di film non è un vanto. Non è un vantaggio. E' un limite.

Io ho una mia teoria su cui credo fortemente. Credo che il 90% dei critici che hanno visto Battleship si siano divertiti come bambini, poi usciti dal cinema hanno scritto una recensione negativa su presupposti che non stanno né in cielo né in terra, dimenticandosi di quanto si sono divertiti. D'altronde è inspiegabile - ad esempio - la differenza che passa tra un Battleship e un Avengers (o in generale un qualsiasi film Marvel) per la critica. Avengers ha davvero poco in più di Battleship, eppure ha una media Rotten da capolavoro.

Vall77
06-08-12, 22:00:17
Ma secondo me non riuscire a divertirsi con quel certo tipo di film non è un vanto. Non è un vantaggio. E' un limite.

Io ho una mia teoria su cui credo fortemente. Credo che il 90% dei critici che hanno visto Battleship si siano divertiti come bambini, poi usciti dal cinema hanno scritto una recensione negativa su presupposti che non stanno né in cielo né in terra, dimenticandosi di quanto si sono divertiti. D'altronde è inspiegabile - ad esempio - la differenza che passa tra un Battleship e un Avengers (o in generale un qualsiasi film Marvel) per la critica. Avengers ha davvero poco in più di Battleship, eppure ha una media Rotten da capolavoro.

Sara'... certo e' uno di quei limiti che accetto molto ma molto serenamente ^^

OrientalDog
06-08-12, 22:04:42
ieri è stata la seconda sera che ho cercato di guardare memento senza addormentarmi, ma purtroppo causa post-lavoro, ho fallito, ed è un peccato perchè il film sembra meritare, stasera ci riprovo:sisi:

Hushabye
06-08-12, 22:44:26
Return,2011-Indie interessante,7

Basil,L'investigatopo-<3

Leroy
06-08-12, 22:55:37
Forrest Gump. Bellissimo, ve lo consiglio.

voto: 9

Scotaliano
06-08-12, 23:24:07
Ma a me Battleship è piaciuto, ha tutto ciò che un blockbuster dovrebbe avere. E ti dirò di più: la complessità dello script danneggia questi film, li rende insostenibili, belli sì, ma impossibili da amare (vedi La guerra dei mondi). E' un fatto di adeguamento: in primis della sceneggiatura ai presupposti. Quando i presupposti sono così ridicoli (film basato su battaglia navale) la sceneggiatura deve adeguarsi alla leggerezza delle premesse. A che giova inserire in un film come questo personaggi tridimensionali, cupezze inutili alla Nolan, riflessioni sul consumismo che ci distrugge ecc ecc? A nulla. E' il grande equivoco, su cui tornerò in seguito.
Il secondo adeguamento è quello che lo spettatore deve operare sul film. Siamo sempre noi a doverci adeguare al film che guardiamo, mai il contrario. Se un film è chiaro che non ci piacerà - specialmente quando ovviamente il film è così indirizzato verso un certo binario (insomma, impossibile scambiare Battleship per quello che non è) la colpa non è del film scadente. La colpa per la delusione di chi l'ha guardato è del soggetto stesso, che deve egli colpevolizzarsi.
Torniamo al grande equivoco, che si può allargare anche al mondo dei videogiochi. "La grafica non conta", "Questo film è solo effetti speciali". Lo senti dire spesso, no? Ecco, qui sta l'equivoco. Un gioco può reggersi sulla sola grafica, non sarà un capolavoro certo, ma sarà ugualmente godibile. Un film può reggersi sulla sola azione e sui soli effetti speciali e con una sceneggiatura ridicola e accessoria? Sì, Sì e ancora Sì.
Un film che regge la sua esistenza solo sugli effetti speciali e sull'azione può e deve esistere; se una persona non si diverte con la sola azione senza cervello (dio abbia pietà di lui) questi film non li deve guardare. Non fanno per lui. Ma bisogna imparare ed ammettere che l'azione è fottutamente divertente, e che ci divertiamo da morire al cinema quando le cose ci esplodono in faccia e non ce ne frega una sega della sceneggiatura. E questa non è morte del cinema, anzi, è una delle sue più alte celebrazioni, la celebrazione della pura forma.
Quindi è ora di smetterla con questa critica borghese e ignorante del blockbuster. Il blockbuster deve essere valutato come un blockbuster, ergo in relazione agli altri blockbuster. Quindi i parametri non sono "scrittura", "recitazione" e le altre menate con cui valuteresti un "Dogtooth" o un "Happiness". I parametri devono essere "effetti speciali", "ritmo delle scene d'azione", "frequenza e fragorosità delle esplosioni", "tecnica cinematografica digitale", "colonna sonora grottesca spaccatimpani", "trama più stupida" (perché nessuno ha ancora capito che la trama in questi casi più stupida è e meglio è, vedi Avengers).
Io a Battleship do un sonoro 8. Perché mi ha divertito moltissimo, perché è realizzato divinamente ed ha un ritmo incredibilmente superiore a quello di Transformers 3.

Ok, allora sarà solo un caso che abbia preso voti bassissimi su ogni sito decente che l'ha recensito.

in pratica il tuo argomento è "la premessa è stupida e poco interessante quindi il film non ha colpe se fa schifo". Se la premessa è scadente il film non va fatto. Non mi aspetto sempre film alla Nolan, ma deve almeno tenermi sveglio, intrigato. Battleship mi ha fatto cadere le palle anche più di transformers. Film più banale e generico non esiste.

Mi hanno fatto orrore anche gli altri parametri che hai citato (esplosioni, azione etc.), il pacing è scadente e ho trovato noiosi tutti i combattimenti. Dallo stupidissimo pezzo in cui sembra di giocare al gioco da tavolo fino al palloso combattimento finale che mi ha fatto quasi addormentare. Se ti è piaciuto bene, ma non dire che la colpa è mia se mi ha fatto schifo perchè questo film ha evidenti problemi sia di script che di tutto, e l'hai anche ammesso.

Hai anche detto che La guerra dei Mondi è impossibile da amare. Quello già è fra i film più belli della storia, Battleship si trova nell'altra lista.


Ma secondo me non riuscire a divertirsi con quel certo tipo di film non è un vanto. Non è un vantaggio. E' un limite.

Io ho una mia teoria su cui credo fortemente. Credo che il 90% dei critici che hanno visto Battleship si siano divertiti come bambini, poi usciti dal cinema hanno scritto una recensione negativa su presupposti che non stanno né in cielo né in terra, dimenticandosi di quanto si sono divertiti. D'altronde è inspiegabile - ad esempio - la differenza che passa tra un Battleship e un Avengers (o in generale un qualsiasi film Marvel) per la critica. Avengers ha davvero poco in più di Battleship, eppure ha una media Rotten da capolavoro.

Ti dico la verità, Avengers non mi è piaciuto più di altri film della Marvel usciti di recente. Il fatto che abbia un voto più alto di film d'azione come Battleship e Transformers è per altri motivi come il pacing, gli attori, la fotografia, la trama (infinitamente migliore di Battleship anche se semplice) e la spettacolarità in generale dei supereroi. Non dimentichiamoci che si tratta della prima volta che vediamo combattere insieme diversi eroi dei fumetti. Anche lo script era ben fatto, i discorsi fra i personaggi erano interessanti e facevano anche ridere. Battleship era piatto e generico. Avengers no.

Togg
06-08-12, 23:59:15
Hotel, Jessica Hausner
l'avesse sviluppato un po' di più! comunque ben girato, ma troppo già visto ed embrionale.

Darton
07-08-12, 00:39:16
Death Race 2 - 7
chi ha gradito il primo gradirà anche questo. contenutisticamente e formalmente sono uguali. action su 4 ruote abbastanza godibile e senza tante pretese. devo ammettere però che vedere le origini di Frankenstein mi ha gasato.

Legion
07-08-12, 00:53:44
Ok, allora sarà solo un caso che abbia preso voti bassissimi su ogni sito decente che l'ha recensito.

No, è semplicemente frutto del grande equivoco. Le recensioni in questi casi lasciano il tempo che trovano, ci sono generi che non hanno speranze di essere ben recensiti (non film, GENERI!). La prova è evidente e sono io stesso. Io infatti riesco a prevedere, ben prima che esca il trailer (a volte in anticipo addirittura di anni con pochissime informazioni) pressapoco quale sarà la percentuale Rottentomatoes. E' facilissimo, basta conoscere la prevenzione e la chiusura mentale dei critici. Che poi corrisponde pressapoco alla chiusura mentale dei riccardoni di cui i forum traboccano.



in pratica il tuo argomento è "la premessa è stupida e poco interessante quindi il film non ha colpe se fa schifo". Se la premessa è scadente il film non va fatto. Non mi aspetto sempre film alla Nolan, ma deve almeno tenermi sveglio, intrigato. Battleship mi ha fatto cadere le palle anche più di transformers. Film più banale e generico non esiste.

Mamma mia BASTA con questi film alla Nolan. Ma sul serio Nolan è diventato il parametro qualitativo del buon cinema? Ma ne guardate altri film oltre a quelli di Nolan?
Comunque no, non ho mai detto ciò che mi attribuisci, ho detto che quando le premesse sono quelle di un film di puro INTRATTENIMENTO questo ci si deve aspettare. Se hai visto Battleship ignaro di ciò che ti avrebbe potuto dare allora sei tu che non sai discernere un film da un altro. O sei masochista. Semplice.



Mi hanno fatto orrore anche gli altri parametri che hai citato (esplosioni, azione etc.), il pacing è scadente e ho trovato noiosi tutti i combattimenti. Dallo stupidissimo pezzo in cui sembra di giocare al gioco da tavolo fino al palloso combattimento finale che mi ha fatto quasi addormentare. Se ti è piaciuto bene, ma non dire che la colpa è mia se mi ha fatto schifo perchè questo film ha evidenti problemi sia di script che di tutto, e l'hai anche ammesso.

Ma se sono assolutamente IRREPRENSIBILI. Berg è un bravissimo regista d'azione e questo film si mangia Transformers 3 in un sol boccone (forse Revenge of the fallen no).
Vedi, il problema non sono i problemi di script (comunque non esageratissimi eh), il problema è che in questi casi A PRIORI si sbaglia ad aspettarsi un script all'altezza. Un buono script è deleterio per questo tipo di cinema. Non capisci? E' come dicevo: l'errore è tuo che non adegui le tue aspettative al genere. E' come se andassi a vedere un horror e ti aspettassi un porno, non sai approcciarti al genere.



Hai anche detto che La guerra dei Mondi è impossibile da amare. Quello già è fra i film più belli della storia, Battleship si trova nell'altra lista.

Io ho detto che è un film bello, ma impossibile da amare e lo confermo. E' un po' come "Rocky" e "Toro scatenato". Lo sappiamo quale dei due è il film migliore, ma sappiamo anche che è impossibile amare Toro Scatenato più di Rocky; impossibile per chiunque non abbia un cuore di ghiaccio. Ci sono film brutti impossibili da non amare, ma questo è un altro discorso.
War of the Worlds e Battleship non hanno comunque nulla da spartire e mi stupisce vedere che non te ne accorgi. Appartengono proprio a due generi diversi, è come dire "Il tempo delle mele" e "Pulp Fiction", due film imparagonabili nelle ambizioni, nell'approccio alla materia, nel mood.. in tutto..



Ti dico la verità, Avengers non mi è piaciuto più di altri film della Marvel usciti di recente. Il fatto che abbia un voto più alto di film d'azione come Battleship e Transformers è per altri motivi come il pacing, gli attori, la fotografia, la trama (infinitamente migliore di Battleship anche se semplice) e la spettacolarità in generale dei supereroi. Non dimentichiamoci che si tratta della prima volta che vediamo combattere insieme diversi eroi dei fumetti. Anche lo script era ben fatto, i discorsi fra i personaggi erano interessanti e facevano anche ridere. Battleship era piatto e generico. Avengers no.

Avengers è il miglior film della Marvel sotto tutti i punti di vista. Non era così difficile esserlo perché tutti i precedenti film Marvel erano insufficienti (anche il primo Iron Man secondo me). Avengers ha comunque voti più alti di Battleship perché i film Marvel sono protetti dalla critica per qualche motivo insondabile, tanto che su RT una ciofeca inguardabile come Thor ha lo stesso voto di Requiem for a Dream.
Poi sul serio.. la scrittura di Avengers che è? Nello svolgimento non ha nulla in più di quella di Battleship, solo dei dialoghi più brillanti che d'altronde hanno fatto gongolare tutti facendogli credere di andare al cinema a sentire questi fantasmagorici dialoghi quando invece ci andavano per l'azione. Certo è vero, Avengers intrattiene nei punti morti ben più di Battleship grazie a una buona scrittura, ma per quanto concerne il succo (e il succo in questi film sono le esplosioni) siamo proprio lì, su quel livello. Avengers è comunque un ottimo, ottimo film. Perché? Perché è un blockbuster esattamente come lo vedo io: non si perde in derive cerebrali inutili, da al pubblico esattamente ciò per cui ha pagato (trattandolo da persona intelligente ben più di quanto non faccia Nolan, pure). Battleship è generico? certo. Ma l'hai scoperto guardandolo? Non ti sei accorto dal trailer?

Rimane un fatto: in Battleship va considerata l'azione che, al contrario di molti altri blockbuster, è estremamente divertente e ben fatta. Questo lo troverai scritto in qualunque recensione leggerai, salvo poi chiederti, guardando il voto finale, perché non sia sufficiente.

Hushabye
07-08-12, 01:41:35
The Addams Family-Addams Family Values,1991-1993- ormai ad agosto me li ribecco sempre:D 7

Brother's Killer
07-08-12, 12:21:13
Ho visto per caso a casa di un amico Ferris Bueller's day off, aspettandomi la solita teen comedy. La visione ha rivelato però un film eccezionale, divertente e intelligente allo stesso tempo, con alcune scene (tipo quella del museo) che sicuramente mi rimarranno impresse per molto tempo. Ho scoperto solo dopo la visione cercando su internet che questo film è considerato un cult:asd:
Voto 8,5

Togg
07-08-12, 12:36:32
Sorelle mai, Bellocchio
concentrato italico (nel senso di ripresa di motivi e temporalità socio-culturali peculiari del nostro paese) che parte con un piglio più spiccatamente documentaristico per allargarsi (sempre con le cesure degli anni che ho scoperto dopo essere dovute/volute al laboratorio di cinema curato da Bellocchio da cui proviene gran parte del girato) a storia familiare e poi ancora qualcosa in più nello splendido finale. L'inserto anti-disciplinare è la convincente ripresa di un tema già visto in Bellocchio, e c'è pure la Rohrwacher quindi tanto di cappello.
da vedere.

James
07-08-12, 13:38:29
Ho visto per caso a casa di un amico Ferris Bueller's day off, aspettandomi la solita teen comedy. La visione ha rivelato però un film eccezionale, divertente e intelligente allo stesso tempo, con alcune scene (tipo quella del museo) che sicuramente mi rimarranno impresse per molto tempo. Ho scoperto solo dopo la visione cercando su internet che questo film è considerato un cult:asd:
Voto 8,5

E te credo,è una commedia di John Hughes(:tragic:).Non una delle sue migliori(per me)

Kent93
07-08-12, 13:46:12
La città incantata di Hayao Miyazaki

Veramente bello. I primi 30-40 minuti possono risultare esageratamente strani agli occhi di un occidentale, poi la trama diventa man mano sempre più appassionante fino a giungere ad un finale semplice ma bello ed emozionante. :tragic: Ve lo consiglio!

Adam ~
07-08-12, 14:34:34
Avendo un film sullo scaffale da piu' di un anno e mai visto ieri sera ho deciso di fare cio'.

Si tratta di King Arthur con Clive Owen.

Il film e' abbastanza noioso per la prima ora e i combattimenti non sono neanche poi tanto epici, l'unica cosa che mi fa salvare il film e' il peronsaggio con l'aquila.

Leroy
07-08-12, 14:46:55
Death Race 2 - 7
chi ha gradito il primo gradirà anche questo. contenutisticamente e formalmente sono uguali. action su 4 ruote abbastanza godibile e senza tante pretese. devo ammettere però che vedere le origini di Frankenstein mi ha gasato.

Il primo è più bello, ma anche questo è carino.

Togg
07-08-12, 16:56:09
Carlito's Way, De Palma
Olalà. Saluta con la manina Scarface e Gli intoccabili.
9

Gouki
07-08-12, 20:05:57
Long Dream
Molto bello, parecchio fedele alla storia di Junji Ito su tante cose, anche se poi va per una strada sua con un finale tutto suo.
Promosso, decisamente.

Simix92
07-08-12, 22:10:15
Dogma
Esilarante. :asd: Anche se il finale secondo me e' un po troppo veloce e sempliciotto. Anyway, sta volta ho beccato tutti i collegamenti a Clerks :ahsisi: 7+

The Thing from another world
Non male, secondo me anche meglio dell'ultimo uscito ma non meglio di quello di Carpenter. 7

Togg
07-08-12, 22:23:18
I pugni in tasca, Bellocchio
b/n <3

Zio Name
08-08-12, 01:18:16
Equilibrium (http://en.wikipedia.org/wiki/Equilibrium_%28film%29)

M'è piaciuto parecchio, un po' caciarone le scene d'azione nella parte finale, e m'ha anche fatto un po' riflettere

Immancabile Sean Bean che Dura 18 minuti e po schiatta, a tal proposito io lo onorerei con questa:


http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=zEhtsgu6bJg

Gargaros
08-08-12, 01:57:46
Austin Power 3 - Goldmember
L'inizio più esilarante di sempre: quando lo vidi la prima volta mi fece capottare. Oggi un po meno, ma la risata la strappa sempre. Parodia delle spy story, il 3 pare essere pure una parodia delle soap opera, visti i colpi di scena tipici di questa bassa produzione. Impareggiabile Caine che fa il babbo di Austin. Demenziale e assurdo ai massimi livelli, chiude degnamente la trilogia. L'unica cosa che me lo fa apprezzare meno degli altri è che le volgarità ora sono troppo scoperte, con parolacce e gag sessuali che poco si confanno a un pubblico di giovinetti. Altra cosa che ho apprezzato poco è che il doppiaggio di Austin cambia di nuovo e ora lo fa Roberto Pedicini, che apprezzo da sempre ma che è incapace di donare alla parlata del dottor male quell'inflessione omosessuale e quella strascicatura da pazzo che sapeva dargli Lopez.

L'apprendista stregone
Boff, roba per adolescenti/ragazzini. Non saprei neanche giudicarlo, ma lo considero scontato e sufficiente. O mediocre.

Cape fear
L'originale. L'ha dato il Darione nella seconda puntata delle sue Pallottole. L'ho visto per la prima volta. Bel film, anche se visto il B/N e i metodi di quegli anni non lo considero molto realistico, né mi ha fatto provare tensione. Però è curioso che la figlia dell'avvocarto sia realmente quasi una bambina. Mi ha impressionato solo vedere Cogiacco coi capelli. Ah, il remake è decisamente superiore, dal mio punto di vista.

Kal1m3r0
08-08-12, 02:17:55
Rientrato da un anfiteatro dove ho avuto il piacere di vedere The Vagabond di Charlie Chaplin e One Week di Buster Keaton con musiche eseguite dal vivo da La Piccola Orchestra Lumière. Atmosfera meravigliosa, film divertenti e genuini come pochi.
Qui uno spezzone della versione registrata.

http://www.youtube.com/watch?v=7j9koDmx7tw

Legion
08-08-12, 09:10:17
Equilibrium (http://en.wikipedia.org/wiki/Equilibrium_%28film%29)

M'è piaciuto parecchio, un po' caciarone le scene d'azione nella parte finale, e m'ha anche fatto un po' riflettere

Immancabile Sean Bean che Dura 18 minuti e po schiatta, a tal proposito io lo onorerei con questa:


http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=zEhtsgu6bJg

Ma un motivo c'è, per cui Sean Bean muore sempre. In tutta Hollywood non c'è UN solo attore che muore bene come Sean Bean.

Vall77
08-08-12, 09:12:34
Tornato dalla Norvegia (sigh) sto pensando a qualche film che mi riporti almeno in senso lato in quei posti. Bah, l'unico che mi viene in mente è Trollhunter :asd:

James
08-08-12, 09:37:47
Carlito's Way, De Palma
Olalà. Saluta con la manina Scarface e Gli intoccabili.
9

Per una volta la penso come te:kep88: Gran Film "Carlito's Way" e che Sean Penn!

naxel
08-08-12, 12:20:41
Carlito's Way, De Palma
Olalà. Saluta con la manina Scarface e Gli intoccabili.
9

Anche a me è piaciuto più de Gli Intoccabili, però più di Scarface forse no, li metto alla pari :sisi:

Zio Name
08-08-12, 13:51:34
Ma un motivo c'è, per cui Sean Bean muore sempre. In tutta Hollywood non c'è UN solo attore che muore bene come Sean Bean.

Secondo me quando lo assumono per qualche film le trattative vanno così:

Produttore: "Ci serve qualcuno che muoia che non sia ne di colore, ne asiatico."
Sean Bean: "Ok, ci sto."

Lucignolo
08-08-12, 14:37:40
Carlito's Way, De Palma
Olalà. Saluta con la manina Scarface e Gli intoccabili.
9


Grandissimo film...:gab:...Sean Penn immenso e un finale serratissimo...ma cmq un pelino al di sotto dei suoi film che hai citato IMO:ahsisi:



Cape fear
L'originale. L'ha dato il Darione nella seconda puntata delle sue Pallottole. L'ho visto per la prima volta. Bel film, anche se visto il B/N e i metodi di quegli anni non lo considero molto realistico, né mi ha fatto provare tensione. Però è curioso che la figlia dell'avvocarto sia realmente quasi una bambina. Mi ha impressionato solo vedere Cogiacco coi capelli. Ah, il remake è decisamente superiore, dal mio punto di vista.


Anche per me il remake è migliore:ahsisi:ma anche questo merita....però De Niro nel remake è qualcosa di trascinante e così esplosivamente perverso e folle che è realmente disturbante:morristend:



Tra l'altro facevo caso....Gregory Peck nei suoi film ha interpretato più e più volte il ruolo di avvocato difensore....lo fà sia in questo film...sia nel remake (in un breve cameo), ma anche ne "Il caso Paradine" (1947) di Hitchcock e pure ne "Il buio oltre la siepe" (1962)...curiosità:nev:

Kal1m3r0
08-08-12, 15:18:41
Ma un motivo c'è, per cui Sean Bean muore sempre. In tutta Hollywood non c'è UN solo attore che muore bene come Sean Bean.

Leonardo Di Caprio. Credo si facciano una bella concorrenza :ahsisi:

Zio Name
08-08-12, 16:23:19
Leonardo Di Caprio. Credo si facciano una bella concorrenza :ahsisi:

Vogliamo mettere una qualsiasi scena di S.B. contro quella di Di Caprio in Titanic o Romeo+Juliet? Perfavore.

Kal1m3r0
08-08-12, 16:40:29
Vogliamo mettere una qualsiasi scena di S.B. contro quella di Di Caprio in Titanic o Romeo+Juliet? Perfavore. Non volevo fare un paragone tra chi muore meglio, volevo solo sottolineare quanto anche Di Caprio sia sventurato nei suoi film.;p

Gargaros
08-08-12, 18:17:00
Tra l'altro facevo caso....Gregory Peck nei suoi film ha interpretato più e più volte il ruolo di avvocato difensore....lo fà sia in questo film...sia nel remake (in un breve cameo), ma anche ne "Il caso Paradine" (1947) di Hitchcock e pure ne "Il buio oltre la siepe" (1962)...curiosità:nev:

E' perché aveva la faccia da avvocato :sisi:

James
08-08-12, 20:01:19
Bitch Slap - Le superdotate by Rick Jacobson (2011)

92331
"Trixie, Camero e Hel, una più sexy dell’altra e con tanti scheletri nell’armadio, giungono in uno sperduto posto nel deserto per provare a recuperare i diamanti che il viscido Gage, preso da loro in ostaggio, ha sottratto al leggendario boss Pinky, mai incontrato da nessuno"

Ok.Che sia stato fatto in pieno delirio Tarantiniano e Rodrigueziano non ci sono dubbi.Ma sti sfondi in Green Screen potevano essere usati decisamente meglio,risultano finti alla prima occhiata e non regge(per me) la storia di rendere il tutto fumettoso.Messo in chiaro questo ci troviamo di fronte ad un film con un unica location(il deserto) dove queste 3 Fihe(Julia Voth da infarto) se la spassano tutto il tempo.90 Minuti nel deserto dove capita di tutto.Tra copiare scene a destra e manca e prendere il finale da "I soliti sospetti"(copiato e male) potrei anche dire che il vero film da Grindhouse è questo.Stupido,con tette e pelle,dialoghi approsimativi,sangue e girato da cani.Peccato non ci sia la pellicola rovinata.Degni di nota,oltre ai seni delle protagoniste,i titoli di testa composti da vari fotogrammi delle pellicole (ec)"citate".


Kalevet by Aharon Keshales, Navot Papushado (2010)

92334

"Un fratello e una sorella, scappati di casa, trovano rifugio in una riserva naturale deserta. Quando la sorella cade nella trappola di un killer psicopatico, il fratello corre contro il tempo per trovare aiuto. Per lo strano gioco del destino, il soccorso alla sorella si intreccia involontariamente con le vite di un gruppo di giovani tennisti, un ranger e il suo cane e una squadra di poliziotti."

A quanto pare in Israele non si comunica,ci si ammazza e basta presi dalla rabbia(kalevet eh eh che aggancio:rickds:).
Questo è quello che salta fuori da questo pluripremiato Horror Israeliano che pur partendo come tanti film decide di andare sul grottesco(alla Severance) regalando allo spettatore 80 minuti spassosi con rapporti assurdi e morti assurde pure loro.Non si salva nessuno.Spassosa l ultima telefonata del poliziotto:rickds: e particolarmente bona Yael Grobglas(vedi foto).Dai divertente e non la solita roba.

Bed Time by Jaume Balaguerò (2012)

92338

"César lavora come portinaio di un condominio. Nonostante il suo sia un lavoro noioso e di routine, ha trovato il modo di renderlo esaltante: di nascosto spia i movimenti e le abitudini dei residenti, ne carpisce segreti e debolezze e fa di tutto per controllarne i destini, provocando loro danni e dolori in modo da renderli infelici e tormentati"


Bel Thriller questo di Balaguerò,che forse,gira il suo film più maturo muovendosi con disinvoltura nei corridoi e nelle stanze del condominio facendolo quasi vivere.
Luis Tosar è perfetto per questo ruolo,è uno stronzio di prima categoria(memorabile come smonta la signora anzianotta nel pre finale) e da povero infelice cerca la felicità con l infelicità altrui ma il suo sogno è quello di vedere infelice quella signorina col sorriso sempre stampato in faccia..
Purtroppo negli ultimi 30 minuti succedono delle cose ai limiti della realtà che smontano un po' il tutto ma il finale è veramente cattivo e merita decisamente. Bravo(come quasi sempre) Jaume.

Hushabye
08-08-12, 20:14:01
[B]Bitch Slap - Le superdotate by Rick Jacobson (2011)



lammerda:asd:

James
08-08-12, 20:36:26
lammerda:asd:

Vero,ci vuole pazienza per arrivare alla fine.le tette non bastano.

Gargaros
08-08-12, 22:06:50
[B]Scarlatti,il thriller di Frank LaLoggia.
Riuscito thriller del poliedrico Frank LaLoggia (sue sceneggiatura,regia,colonna sonora e produzione),il quale ambienta con una certa perizia questa vicenda di abusi e soprusi sui minori negli anni sessanta,usando però uno stile inequivocabilmente ottantiano (a cominciare dall'uso delle luci),passando per diversi generi (dall'horror al fantastico,dal dramma al thriller),con buona disinvoltura e soddisfacente incisività.Il cast messo insieme per l'occasione funziona a dovere,con un piccolo protagonista convincente e meritevole.

Che bello, sto film. Saranno 20 anni che non lo vedo.

Ctekcop
08-08-12, 22:17:18
http://speed-cover.net/wp-content/uploads/2012/05/Lesperimento-del-dottor-K-cover-dvd-1024x690.jpg


Devo essere sincero: bel film :sisi: Ci ha tenuto svegli col fiato sospeso quell'ora e mezza ieri sera/mattina a orari improbi. Bello bello.

Darton
08-08-12, 23:31:18
Le tre sepolture

non ho capito come mai Melquiades ha raccontato quelle balle a Pete. chi mi chiarisce la cosa?

Bic Black
08-08-12, 23:35:35
Ultimo film rivisto: Blade Runner

Pedro92
08-08-12, 23:43:31
Prima mi guardavo un po' di lie to me su sky... che dire, mi dispiace un sacco che l'abbiano cancellato...

tarantula
08-08-12, 23:59:42
The Girl with the Dragon Tattoo, fincher
bel thriller, mi è piaciuto, inoltre non avendo letto il libro ne visto la versione svedese mi sono goduto a pieno la storia ed i colpi di scena. Recitazione ottima, soprattutto della ragazza.
Unico appunto forse è un po troppo lungo e avrei gestito diversamente le varie fasi
meno tempo nel finale post soluzione caso e più tempo nelle indagini vere e proprie, o meno tempo e basta, secondo me poteva comodamente stare in 2 ore.

IL GURU
09-08-12, 00:05:47
Drive Angry,carino ma certe animazioni :asd:
L'unica cosa che mi è veramente piaciuta è la trama :ahsisi:

Togg
09-08-12, 00:48:51
meno tempo nel finale post soluzione caso e più tempo nelle indagini vere e proprie, o meno tempo e basta, secondo me poteva comodamente stare in 2 ore.

ma è già ultra condensato quel pezzo! Saranno in tutto quanto, 10 minuti?

Rabbida
09-08-12, 00:49:13
A History of Violence

Bello, nulla da dire. Peccato per la trama che poteva essere un po' più ricca ed elaborata ma vabbè, va benissimo così.

Darton
09-08-12, 01:27:36
Fahrenheit 451 - 8
gli uomini libro sono una delle cose più geniali che ho visto!

Togg
09-08-12, 01:48:27
La vita è un sogno, Linklater
bello! Ma American Graffiti di più.

Hushabye
09-08-12, 11:54:03
Aeon Flux,2005-4.5

Lupin III,Il Castello Di Cagliostro-9

Thanatos
09-08-12, 14:06:09
Le regole dell'attrazione
Questo è il tipo di satira che mi piace.
Van Der Beek nel ruolo dello sfigato, si sa, ci sta a pennello e devo ammettere che stavolta non mi è per niente dispiaciuto, al contrario delle parti che ha interpretato in altri film suoi.
Ma i libri di Ellis sono tutti così belli?

P.S. Ingenerosissimo Rotten su questo film, 43% :asd: Mi dispiace ma stavolta la critica ha cannato e di brutto.

Quattro
09-08-12, 14:21:25
___

Niente da dichiarare?, di Dany Boon. Molto meno divertente di Giù al nord, l'ho mollato prima della fine. Qualche scena carina, ma nulla per cui strapparsi i capelli. - 5.5

A Scanner Darkly, un'interessante distropia ambientata in uno scenario futuro in l'umanità è in gran parte dipendente da una potente droga chiamata M. Particolarissimo lo stile grafico, dialoghi fra gli amici tossicodipendenti del protagonista completamente fuori di testa. Merita di essere visto, ma mi aspettavo qualcosa di più. Bello il messaggio che precede i titoli di coda.

Licenza di matrimonio, classica commedia romantica, nulla di trascendentale ma comunque molto piacevole da vedere. Robin Williams adorabile come sempre. :asd: - 7.0
___


The Dark Knight
Rivisto in attesa dell'ultimo capitolo della Trilogia.
Capolavoro.


Il cavaliere oscuro, così mi tengo preparato per il 29 ;p

:sisi:


In "A proposito di Schmidt" Nicholson regala probabilmente la miglior performance insiema a quella di "The Departed" dei film che interpretato dal 2000 a oggi:ahsisi: (vittoria golden globe)

L'interpretazione di Nicholson non si discute, ma il film in sé mi è parso un po' moscio.


Porco Rosso
Semplicemente magnifico.

Che film, e che protagonista.


rivistro District 9 dopo una prima visione all'uscita cinematografica
devo dire che il peso degli anni si sente abbastanza

Azz tre anni. :asd:


Cloverfield: Mi è piacuto parecchio, sarà che adoro i monster movie e J.J Abrams. 8.0

Forse il mio monster movie preferito, la camera a mano si è rivelata perfetta per questo genere di film. Finale fantastico, poi.


Battleship

Robottoni alieni invadono la terra e un ragazzo della marina americana si trova casualmente al centro della battaglia.

[CUT]

Chiunque abbia almeno un neurone ancora sano terrebbe la distanza da questo scempio.

Ma tu non l'hai fatto! :phraengo:


Queste sono le classiche recensioni che non capisco :asd:
Insomma, esattamente cosa ti aspettavi da Battleship e sopratutto COME poteva Battleship piacerti se ti aspettavi un film colto?

Azz sento puzza di Frusciante vs. Michael Bay nell'aria. :asd:


Forrest Gump. Bellissimo, ve lo consiglio.

voto: 9

Fra i miei film preferiti in assoluto, perfetto.


Bitch Slap - Le superdotate by Rick Jacobson (2011)

92331
"Trixie, Camero e Hel, una più sexy dell’altra e con tanti scheletri nell’armadio, giungono in uno sperduto posto nel deserto per provare a recuperare i diamanti che il viscido Gage, preso da loro in ostaggio, ha sottratto al leggendario boss Pinky, mai incontrato da nessuno"

Ok.Che sia stato fatto in pieno delirio Tarantiniano e Rodrigueziano non ci sono dubbi.Ma sti sfondi in Green Screen potevano essere usati decisamente meglio,risultano finti alla prima occhiata e non regge(per me) la storia di rendere il tutto fumettoso.Messo in chiaro questo ci troviamo di fronte ad un film con un unica location(il deserto) dove queste 3 Fihe(Julia Voth da infarto) se la spassano tutto il tempo.90 Minuti nel deserto dove capita di tutto.Tra copiare scene a destra e manca e prendere il finale da "I soliti sospetti"(copiato e male) potrei anche dire che il vero film da Grindhouse è questo.Stupido,con tette e pelle,dialoghi approsimativi,sangue e girato da cani.Peccato non ci sia la pellicola rovinata.Degni di nota,oltre ai seni delle protagoniste,i titoli di testa composti da vari fotogrammi delle pellicole (ec)"citate".

A me è bastato guardare il trailer, in pratica è uno spot per le tette delle protagoniste. :asd:

Che poi non si vedono neanche. :sad:

Togg
09-08-12, 19:06:41
L'eau froide, Assayas
ecco, preferisco la gioventù francese a quella americana. Non so quanti sono quei minuti in cui si susseguono una serie di canzoni spettacolari. Gran bel film.

mickes2
09-08-12, 19:42:04
Carlito's Way, De Palma
Olalà. Saluta con la manina Scarface e Gli intoccabili.
9
'sta ceppa ;p per Gli intoccabili concordo :kappe:


I pugni in tasca, Bellocchio
b/n <3
si, bellissimo b/n (tra l'altro dvd 01 strepitoso) e straordinario il film :kappe:

mickes2
09-08-12, 19:48:24
Kalevet by Aharon Keshales, Navot Papushado (2010)

92334


sisi gran gnocca Yael :kappe:



[B]Bed Time by Jaume Balaguerò (2012)

92338

te l'avevo detto che era valido :kappe:

TheMrGmk
09-08-12, 21:21:06
Fahreneith 451 (Francois Truffaut-1966).

knight96-1994
09-08-12, 21:30:27
Jackie Brown di Quentin Tarantino

Oh Jackie Brown, che dire di Jackie Brown? Questo era il quarto (e oramai anche ultimo tentativo) di visionarlo. Presto detto il motivo: le altre tre volte mi sono letteralmente addormentato durante il film, svegliandomi coi titoli di coda.
Questo per via di una lentezza "anormale" per Tarantino. Nonostante il suo sia il cinema dei dialoghi, è anche vero che gli eventi improvvisi e folli sono sempre sparsi per tutto il film. Dall'headshot in Pulp Fiction al dialogo tra Shoshanna e Lanza in Bastardi Senza Gloria, gli avvenimenti impensabili ci sono sempre stati, mentre in Jackie Brown questi sono fondamentalmente condensati nell'atto finale.
Tutto ciò che lo anticipa sono dialoghi che non possono vantare quella particolarità vista nei due precedenti film del buon Quentin ma che penso siano i più realistici di tutta la sua produzione.
Per essere più dettagliati, i dialoghi dei personaggi di Tarantino sono splendidi proprio perché sono esuli da ciò che sta avvenendo, non si parla degli avvenimenti del film, si parla come si parlerebbero due persone nella vita reale.
Ma mentre in Reservoir Dogs e Pulp Fiction gli argomenti trattati erano piuttosto "particolari" (Like A Virgin, massaggi ai piedi) qui i personaggi parlano di cose molto più comuni, ma non per questo meno interessanti.
Tuttavia resta un esperimento riuscito a metà: salvo qualche scena, Jackie Brown ottiene maggior spessore nel finale, ma non per questo è un film da bocciare anzi.
Resta sempre un Tarantino, con tutte le sue caratteristiche, e come tutti gli altri film merita molto.

E finalmente il dvd che avevo sulla mensola ha ottenuto giustizia.

VOTO: 8

Togg
09-08-12, 21:49:05
'sta ceppa ;p per Gli intoccabili concordo :kappe:


si, bellissimo b/n (tra l'altro dvd 01 strepitoso) e straordinario il film :kappe:

Bello duro Bellocchio.
Daje sì, meglio scarface che i poliziotti.

tarantula
09-08-12, 21:49:36
ma è già ultra condensato quel pezzo! Saranno in tutto quanto, 10 minuti?

hai ragione in effetti, è che vedendolo mi era parso più lungo, per non parlare del fatto che ho capito solo dopo un bel po' che in teoria è il primo film di una trilogia, quindi ritiro tutte le critiche sul finale.
A questo punto avrei scorciato la presentazione dei due protagonisti.

Punch-Drunk Love, anderson
Beccato oggi per caso su sky, che dire, mi è piaciuto un sacco!
Bel ritmo, belle scene da commedia agrodolce, situazioni folli e girate magistralmente in cui anche io da spettatore stavo per schizzare come il protagonista, e di solito non riesco a farmi coinvolgere così a fondo.
E soprattutto un Adam Sandler che recita da dio, e dire che fino ad oggi non lo consideravo un gran che, dopo questo film lo devo decisamente rivalutare. A questo punto non capisco perché non si dedichi a qualche film un po' più impegnativo ogni tanto visto che le potenzialità le avrebbe.
Consigliato a tutti senza distinsioni.
Gli altri film dello stesso regista valgono, me li consigliate?

James
09-08-12, 22:14:24
Gli altri film dello stesso regista valgono, me li consigliate?
Ovvio.PT Anderson fino ad ora non ha sbagliato ancora niente.

Quattro
09-08-12, 22:52:11
Jackie Brown di Quentin Tarantino

Oh Jackie Brown, che dire di Jackie Brown? Questo era il quarto (e oramai anche ultimo tentativo) di visionarlo. Presto detto il motivo: le altre tre volte mi sono letteralmente addormentato durante il film, svegliandomi coi titoli di coda.
Questo per via di una lentezza "anormale" per Tarantino. Nonostante il suo sia il cinema dei dialoghi, è anche vero che gli eventi improvvisi e folli sono sempre sparsi per tutto il film. Dall'headshot in Pulp Fiction al dialogo tra Shoshanna e Lanza in Bastardi Senza Gloria, gli avvenimenti impensabili ci sono sempre stati, mentre in Jackie Brown questi sono fondamentalmente condensati nell'atto finale.
Tutto ciò che lo anticipa sono dialoghi che non possono vantare quella particolarità vista nei due precedenti film del buon Quentin ma che penso siano i più realistici di tutta la sua produzione.
Per essere più dettagliati, i dialoghi dei personaggi di Tarantino sono splendidi proprio perché sono esuli da ciò che sta avvenendo, non si parla degli avvenimenti del film, si parla come si parlerebbero due persone nella vita reale.
Ma mentre in Reservoir Dogs e Pulp Fiction gli argomenti trattati erano piuttosto "particolari" (Like A Virgin, massaggi ai piedi) qui i personaggi parlano di cose molto più comuni, ma non per questo meno interessanti.
Tuttavia resta un esperimento riuscito a metà: salvo qualche scena, Jackie Brown ottiene maggior spessore nel finale, ma non per questo è un film da bocciare anzi.
Resta sempre un Tarantino, con tutte le sue caratteristiche, e come tutti gli altri film merita molto.

E finalmente il dvd che avevo sulla mensola ha ottenuto giustizia.

VOTO: 8

D'accordo con te, anche se io lo valuto meno di 8.

Il Don
09-08-12, 23:02:22
gli spietati
quanto sergio leone c'è dentro?

voto 9, capolavoro, clint non sbaglia mai

Togg
10-08-12, 00:14:43
Irma Vep, Assayas
Grande cinema. Dai così.



gli spietati
quanto sergio leone c'è dentro?


quanto Eastwood! Capolavoro, sì.

Lucignolo
10-08-12, 02:12:27
Cmq Anderson è chiaramente destinato a vincere l'oscar come miglior regista; ha una conoscenza enciclopedica del cinema e sa muovere la camera con una sicurezza e un ingegno degne di uno che che ha 20 anni di carriera in più. E' solo questione di tempo: ha 42 anni e 5 nomination. Al prossimo grande film che tira fuori becca la statuetta, Garantito. (E lo dice uno che ha apprezzato 4 dei suoi 5 film, e quello che non mi è piaciuto come Boogie Nights l'ho detto, argomentando il perchè che tra l'altro non tocca Anderson ma il protagonista che ai miei occhi rovina metà film)



Adam Sandler che recita da dio, e dire che fino ad oggi non lo consideravo un gran che, dopo questo film lo devo decisamente rivalutare. A questo punto non capisco perché non si dedichi a qualche film un po' più impegnativo ogni tanto visto che le potenzialità le avrebbe.


Già fatto (Reign Over Me esempio), con buoni ma non straordinari risultati, in Ubriaco d'amore da il suo meglio :ahsisi:


gli spietati
quanto sergio leone c'è dentro?


Poco, è uno dei film western più personali di Eastwood. Se vuoi un suo film di influenza Leoniana devi ripescare "Lo straniero senza nome" o "Il texano dagli occhi di ghiaccio"

Gargaros
10-08-12, 02:17:21
L'uccello dalle piume di cristallo, dato da Argento come terza Pallottola.
Rai Movie mer*da: per quasi tutta la prima metà c'è stato un fastidioso rumore di fondo; quando poi è ripartito il film dopo una pausa pubblicitaria, bum, un'intera scena è rimasta tagliata (probabilmente non avevano interrotto il film per la pausa, così mentre scorrevano gli spot, scorreva pure il film).
Questa serie lo dicevo che sarebbe stata ricca di aneddoti curiosi. Per l'Uccello Argento ha dichiarato che lui e Musante litigarono dall'inizio alla fine. Poi, chiuso il film, una notte Musante andò a casa del regista e bussò per minuti alla porta urlando che voleva fraccarlo di botte :rickds: Argento è rimasto lì a farlo sbraitare (tanto che poteva fare?)...
Bel film, comunque. Ma Profondo rosso è superiore di dieci tacche. Mi gusta pure di più Hemmings nei panni di un indagatore improvvisato, molto più umano e credibile con le sue manie e le sue paure; Musante invece sembra non avere la minima coscienza del pericolo, a causa di una monoespressività imbarazzante. Forse la manifestazione dei litigi con Argento? Chissà!

Lucignolo
10-08-12, 02:24:15
:ahsisi:Il primo "film davvero rilevante" di Argento cmq...i tempi del film molto azzeccati, scene clou al momento giusto del film, il finale ben pensato e ben girato...direi che a parte gli inarrivabili Profondo Rosso e Suspiria se la gioca tranquillamente per un posto nel gradino basso del podio tra i suoi film più riusciti:ahsisi:

James
10-08-12, 12:11:38
Ma Profondo rosso è superiore di dieci tacche. Mi gusta pure di più Hemmings nei panni di un indagatore improvvisato, molto più umano e credibile con le sue manie e le sue paure

In una mia ipotetica Hit Parade Argentiana tutta la trilogia degli animali starebbe giù dal podio:sisi:

Suspiria
Profondo Rosso
Tenebre


Nel vedere l'immagine che hai messo,con ragazze poppute e paesaggi desertici,il film sembra andare (si fa per dire...ad esempio il colore rovina tutto) nella direzione del cinema esondante e sopra le righe del bosomane Russ Meyer

:sisi: la citazione più grande è quella del Meyer di "Faster,Pussycat! Kill! Kill!"

Grosso modo confermo le tue impressioni: grande protagonista,ottima cura formale e buona tensione dove serivaCome te ho chiuso diversi occhi per le inverosimiglianze,ma a differenza tua non ho trovato così convincete (o siddisfacente) il finale

Boh,a me il finale è piaciuto,chiude il cerchio e tutto il discorso dell infelicità.


Dopo commento "Ammazzavampiri" remake e l originale che mi sono rivisto ieri sera per colpa del remake.

Il Don
10-08-12, 12:29:44
Cmq Anderson è chiaramente destinato a vincere l'oscar come miglior regista; ha una conoscenza enciclopedica del cinema e sa muovere la camera con una sicurezza e un ingegno degne di uno che che ha 20 anni di carriera in più. E' solo questione di tempo: ha 42 anni e 5 nomination. Al prossimo grande film che tira fuori becca la statuetta, Garantito. (E lo dice uno che ha apprezzato 4 dei suoi 5 film, e quello che non mi è piaciuto come Boogie Nights l'ho detto, argomentando il perchè che tra l'altro non tocca Anderson ma il protagonista che ai miei occhi rovina metà film)





Già fatto (Reign Over Me esempio), con buoni ma non straordinari risultati, in Ubriaco d'amore da il suo meglio :ahsisi:




Poco, è uno dei film western più personali di Eastwood. Se vuoi un suo film di influenza Leoniana devi ripescare "Lo straniero senza nome" o "Il texano dagli occhi di ghiaccio"
in realtà non era una domanda, mi riferivo alla regia proprio, non alla storia, come in quadrature e altro ricorda i film di sergio leone, per il resto sono d'accordo

Atmosphere
10-08-12, 13:26:55
Umberto D. Gran film, uno dei più tristi che abbia mai visto. Per di più ha un finale stupendo.

A woman under the influence. Gena Rowlands è semplicemente magnifica nel suo ruolo, davvero da lasciare a bocca aperta. Il bello è che riesci a capire perfettamente quello che provano i personaggi, vivere con loro. Molto simile a Scene da un matrimonio.

Lucignolo
10-08-12, 13:38:01
Umberto D. Gran film, uno dei più tristi che abbia mai visto. Per di più ha un finale stupendo.



Per di più il film preferito dallo stesso De Sica, come più volte ha ribadito, tanto che conservava la copia originale in casa e la proiettava agli amici nelle visioni private.


E non posso dargli torto, anche per me, più di Ladri di Biciclette, è il suo capolavoro assoluto, oltre a uno dei migliori film nella storia del cinema:ahsisi::ahsisi::ahsisi:

Atmosphere
10-08-12, 13:43:42
Per di più il film preferito dallo stesso De Sica, come più volte ha ribadito, tanto che conservava la copia originale in casa e la proiettava agli amici nelle visioni private.


E non posso dargli torto, anche per me, più di Ladri di Biciclette, è il suo capolavoro assoluto, oltre a uno dei migliori film nella storia del cinema:ahsisi::ahsisi::ahsisi:

Anch'io l'ho preferito a Ladri di biciclette, anche quello triste triste:sisi:

Bic Black
10-08-12, 13:45:43
Ho visto Soldier (in lingua originale) di Anderson. Che mi dite a proposito?

Non mi sembra un capolavoro e i dialoghi sono poveri, soprattutto quelli del protagonista, Todd (anche perchè è lo stesso ruolo che gli impedisce di comunicare), però la strategia di battaglia è ben congegnata e la morale giustificata.
Molto è detto in silenzio - vedi per esempio la comunanza che ha Todd con il bambino muto della coppia che lo ospita -, e la psicologia dei personaggi è semplificata al limite; ma non mi è dispiaciuto, tutto sommato.
Che mi proponete di fantascienfico, per favore? :morristend:

Albert Wesker 92
10-08-12, 14:04:57
Totò, Peppino e la Malafemmina ahahahahaha che ridere, grandissimo Totò XD

James
10-08-12, 16:07:52
Fright Night - Il vampiro della porta accanto by Craig Gillespie (2011)

92574

"Una sera il giovane Charley assiste involontariamente a qualcosa di orribile che avviene nell’abitazione di Jerry, sospettoso vicino di casa da poco trasferitosi nel quartiere. Il ragazzo si convince che il nuovo residente sia un pericoloso vampiro, assetato di sangue di giovani ragazze"

Ovvero come prendere un classico degli anni 80,facendo un remake,svuotandolo di tutta l altmosfera.
Se il film di Holland giocava molto sul riportare l atmosfera dei vecchi Horror in un film anni 80,in questo marchiato Disney e girato da Gillespie non riporta un bel niente,anzi stanca col voler essere fighetto usando come struttura sti vampiri fighetti. Confronto tra Farrell e Sarandon impari: Farrell sembra uno scemo tamarro capitato lì per caso Sarandon(che appare anche in questo remake)aveva la classe,il fascino del Vampiro.
Peter(Cushing) Vincent(Price): Nel 1985 icona dei film,e presentatore di "Ore di Orrore",guardati da Charlie mentre cerca di fare sesso con Amy,in questo Rockstar al limite del ridicolo.
Il pregio di questo film è quello di far venir voglia di mettere su l originale ed è tutto un altro vedere.

Gargaros
10-08-12, 16:08:09
Avevo dimenticato di dire che ho visto pure

Derailed
C'è il Van, e merita la visione. Sì, anche malgrado sia una copia action di Cassandra Crossing; sì, anche malgrado che pur essendo del 2002, ha degli effetti speciali risibili da primi anni 60 (il trenino giocattolo con l'elicotterino giocattolo che gli vola sopra non mancherà di far sganasciare dalle
risate :asd: ). Che il film sia una mezza trasciata involontaria lo testimonia anche la curiosa scritta Vienne, Austria, che appare su una veduta panoramica di Firenze! :rickds:
Ma il Van è l'unica nota di qualità in questa cosa. Come recita, le scazzottate; daje, il Van sa fare l'attore e il suo genere. Lo considero fra i machi più professionali e bravi del cinema macho.
Nel cast anche il figlio, che ha la stessa faccia caparbia.

Se mi lasci ti can... No, non ce la faccio... Eternal Sunshine of the Spotless Mind
Ogni pretesto è buono per vederlo; questa volta il fatto che avevo tra le mani una versione HD.
Che magia, che sentimento, che sogno. E che morale, quella che l'amore vero non è un fatto meramente di memoria e di ricordi...


In una mia ipotetica Hit Parade Argentiana tutta la trilogia degli animali starebbe giù dal podio:sisi:

Io metto fra le cose migliori anche Il gatto a nove code, ma più per un fatto personale che altro.

Curioso di sapere cosa ne pensi di Ammazzavampiri remake :predicatore:

Quattro
10-08-12, 18:39:30
La Sottile Linea Rossa. Non sono un amante di film di guerra, ma a questo ho dato una possibilità. Che dire, un po' di Salvate il soldato Ryan, un po' di Niente di nuovo sul fronte occidentale e tanto The Tree Of Life, con cui condivide gran parte della riflessione di fondo seppur contestualizzata in ambito bellico e non in quello quotidiano. Una cosa che mi ha parzialmente deluso è proprio questa, con i quasi quindici anni di differenza fra i due film mi aspettavo qualcosa di un po' diverso. E' solo il secondo film di Malick che vedo ma il suo stile è inconfondibile: immagini visivamente potentissime, in cui domina la natura, che con i suoi silenzi ricopre forse un ruolo ancora più importante della trama stessa nell'economia del film; la cura maniacale dei dettagli, i dialoghi mai fini a sé stessi e pieni di significato, anche se un po' scontati in certi frangenti. Attori tutti ottimi, come auspicabile visto il cast stellare del film. Forse un po' troppo lungo, e ridondante in certi passaggi, rimane comunque uno dei pochi film bellici che mi abbiano lasciato qualcosa.

Kasmol
10-08-12, 19:36:46
Ho visto le idi di marzo, gran bel film :sisi:

knight96-1994
10-08-12, 20:54:01
X-Men: L'inizio

Ci sono tante cose che mi fanno storcere il naso in questo film e se ve lo state chiedendo, no, non ci sono molte altre che però sono in grado di compensare tali difetti.
Una sceneggiatura bacata, il cliché interminabile della guerra fredda e del cattivocheohmammamiaorausoirussiperfarelabbbbomba, una regia che ha dei momenti di vuoto cosmico (la sequenza degli allenamenti alla casa del novello Dr X è una cosa atroce), incomprensioni a non finire e tanti effetti speciali buttati a casaccio.
Se volete riempire le vostre ore di tedio con un'ora e mezza di ignoranza made in USA, questo film è azzeccato, la sequela di pùttanate non annoia.
Inoltre gli attori che interpretano Magneto e Dr X hanno motivo di esistere.
Per il resto, non gli riesco nemmeno ad abbozzare una sufficienza.

PS: mettere Huge Jackman nel ruolo di Wolverine per la durata di circa 10 secondi è davvero ridicolo, una presa per il cùlo bella e buona.

Lucignolo
10-08-12, 20:54:35
Il giocatore - Rounders (1998)

7,5

Buon film, molto godibile, non solo dagli amanti del poker, sorretto da una storia frizzante e a tratti un pò esasperata, ma che fà riflettere molto su come un gioco può diventare una droga e rovinare una vita o risollevartela, se sei abbastanza bravo con la mente perchè come dice McDermott, il protagonista "Il poker non è fortuna, è un gioco di abilità, altrimenti a giocarsi il titolo mondiale ogni anno non sarebbero sempre i soliti 5".
Non bastasse la descrizione sopra per convincervi cito il cast: Matt Damon, Edward Norton, John Malkovich, John Turturro, Martin Landau.



Inoltre vorrei segnalare anche il regista: John Dahl, MOLTO sottovalutato a mio avviso...un regista dalla carriera ventennale che ha sbagliato poco o nulla finora ed ha ricevuto i complimenti anche da Francis Ford Coppola.



Dei suoi segnalo in particolare (Oltre al sopra citato) :


-Red Rock West (1993)
-L'ultima seduzione (1994)
-Un pugno di eroi (2005)
-You kill me (2007)

James
10-08-12, 21:00:16
"Il poker non è fortuna, è un gioco di abilità, altrimenti a giocarsi il titolo mondiale ogni anno non sarebbero sempre i soliti 5".

Frase che aveva un senso negli anni 90,prima dell effetto Moneymaker.Se segui le Wsop dell ultimo decennio sai benissimo che non sono i soliti 5 a giocarsi il titolo.Prova ad arrivare in fondo su un field di 7000 persone.:rickds:

E' il miglior film sul poker,senza dubbio.Il personaggio di Norton mi fà impazzire.

Lucignolo
10-08-12, 21:08:37
:rickds:D'altronde uno che di cognome fà Moneymaker e vince 2-3 mln di dollari dal nulla è uno che merita solo elogi:rickds::rickds:

James
10-08-12, 21:13:54
:rickds:D'altronde uno che di cognome fà Moneymaker e vince 2-3 mln di dollari dal nulla è uno che merita solo elogi:rickds::rickds:

Moneymaker ha vinto solo un misero "milione" di dollari:rickds:
Negli anni seguenti con l aumento delle iscrizioni il primo classificato si beccava 8 milioni:sisi:
Non capire male però,"Rounders" per me è il miglior film sul Poker che ci sia.E' l unico che affronta l aspetto mentale dietro ad una mano e ti mostra la vita dei giocatori,quelli veri.

Ctekcop
10-08-12, 21:19:08
Fahrenheit 451 - 8
gli uomini libro sono una delle cose più geniali che ho visto!
avevamo iniziato a vederlo subito dopo il dottor K ma l'ora mattutina era ormai improba e dopo pochi minuti onde evitare di finire addormentati abbiamo inziato a bere, mangiare e chiaccherare e il film è andato in mona. :sisi: :ahsisi:

Kal1m3r0
10-08-12, 23:42:23
Persona di Ingmar Bergman.
Ora una domanda veramente difficile: perché non l'ho visto prima? :speed:

Togg
10-08-12, 23:58:54
Il principe di Homburg, Bellocchio
facciamo che ci teniamo orizzonti di gloria e questo lo dimentichiamo.


Persona di Ingmar Bergman.
Ora una domanda veramente difficile: perché non l'ho visto prima? :speed:

perché non l'ho ancora visto:tristenev:

Lucignolo
11-08-12, 00:21:29
Io devo rivedere quel capolavorissssimo di "Fanny & Alexander", roba che nonostante avessi solo 14 anni quando lo vidi e il film durasse un'eternità.....L'hO ADORATO....cioè, davvero un film del genere devi SOLO GUARDARLO e lasciarti trasportare da esso (tra l'altro Oscar al miglior film straniero se non erro):ahsisi:

Hushabye
11-08-12, 00:24:31
Cmq Anderson è chiaramente destinato a vincere l'oscar come miglior regista; ha una conoscenza enciclopedica del cinema e sa muovere la camera con una sicurezza e un ingegno degne di uno che che ha 20 anni di carriera in più. E' solo questione di tempo: ha 42 anni e 5 nomination. Al prossimo grande film che tira fuori becca la statuetta, Garantito. (E lo dice uno

The master può essere la risposta..



That beautiful Somewhere,2006-Lo rivedrò,parti convincenti con altre un po' meno.. 6

Jennifer's Body,2009- Rimango di parte per la scrittura di Diablo, 6-

David Fuckin' Rose
11-08-12, 02:04:31
Se mi lasci ti can... No, non ce la faccio... Eternal Sunshine of the Spotless Mind
Ogni pretesto è buono per vederlo; questa volta il fatto che avevo tra le mani una versione HD.
Che magia, che sentimento, che sogno. E che morale, quella che l'amore vero non è un fatto meramente di memoria e di ricordi...

Visto pure io, ieri. :sisi: Stupendo

Zeno
11-08-12, 02:58:45
Take Shelter
Gran bel film, mi ha tenuto incollato allo schermo dall'inizio alla fine. Shannon è una bestia.

Key Paradise
11-08-12, 03:22:42
visto the artist
***** è vuoto forte, a metà film la sensazione che stessi guardando qualcosa che avrei dimenticato in fretta ha preso il largo e non mi ha più lasciato. esercizione di stile.

Gargaros
11-08-12, 05:29:55
Invaders from Mars
Questo remake di un classicone me lo ricordavo veramente meglio. La rivisione, avvenuta dopo due decenni, ammazza completamente il giudizio del giovane Gargarozzo. E' un film mediocre in tutto (tranne che negli effetti speciali, anche se ci sono alti e bassi), e trova nel montaggio un paio di zoppicature imbarazzanti, così disastrose che si stenta a credere di aver visto giusto. Tobe Hooper forse agli inizi, forse una produzione arzigogolata, forse il tedio esistenziale di qualcuno del cast, chissà cosa può spiegare l'imperfetta riuscita del film? Io posso dire solo che le ingenuità, che una volta mi erano invisibili perché ero ingenuo a mia volta, oggi saltano dallo schermo e mordono. Vorrei dire che per fortuna è solo un sogno di bambino, e così spiegherei le ingenuità, ma invece è solo un sogno premonitore, che per giunta scaraventa in una realtà che, viste le premesse (come minchia fanno gli alieni ad arrivare nella stanza dei genitori se l'astronave è atterrata cinque secondi fa dietro la collina?), appare fin da subito ancora più stupida e illogica.

Il tredicesimo piano
Orpo, che bel film di SF. L'unico guaio è che ho capito come sarebbe andato a finire già verso la metà. Ma lo credo bene: il film risale al 1999, e per quel tempo il tema poteva essere parzialmente nuovo. Ma da Matrix in poi non si contano le produzioni ad alto tasso virtuale/reale, e quindi io spettatore sono ormai rodato a queste idee, che finiscono tutte immancabilmente "là".
Detto questo, nulla ha valenza materiale nel penalizzare quest'opera, che è scritta bene, diretta meglio e recitata pure a un livello più alto (la scena clou con Dougkas e Jane mi ha fatto versare qualche lacrima). Tra l'altro l'essere del 99 mi fa cascare la mascella per gli effetti speciali; se non ci sono, hanno curato maniacalmente la ricostruzione della NY degli anni 30, ma se ci sono ed è tutta postproduzione in CGI, allora hanno fatto un miracolo!
Che dire di più? Ecco, ho detto mene della sceneggiatura, ma alcune cose non mi tornano:
1) quando Douglas lascia Jane al letto per andare al laboratorio, jane chiama il poliziotto. Ma perché? Dopo dirà che aveva capito che Douglas l'avrebbe uccisa perché aveva deciso di "immergersi". Ma non è vero: Douglas non aveva detto niente a riguardo, e stava andando al laboratorio perché il collega era impazzito. Oppure jane si riferiva al marito reale? Ok, potrebbe essere, ma allora perché si sorprende di scoprire che il marito si è effettivamente immerso? Cioè, se sapeva che l'avrebbe fatto, perché quella faccia meravigliata?
2) Il finale, con Douglas che si sveglia nel mondo reale. Ecco, questo mi sembra mooolto forzato. La cosa era spiegabile nella realtà simulata, perché due realtà simulate non impediscono che menti di diverse simulazioni sconfinano qua e là. Ma che una mente simulata si risvegli nella mente reale, non me lo spiego. A meno che anche la realtà vera in cui si sveglia Douglas non sia a sua volta un'altra realtà simulata...
3) Ho un gran mal di testa.
Ah, giuro che la scoperta dell'età del film mi ha lasciato basito, perché non posso credere di essermelo perso in questo modo assurdo. Ma mi dicono dalla regia che il film è stato del tutto eclissato da Matrix, e quindi è tutto normale.
A propò, chi l'ha visto, ha notato lo sfuggente esordio di Alison Lohman? Io sì, subitissimo :pffs:



Fright Night - Il vampiro della porta accanto by Craig Gillespie (2011)

92574

"Una sera il giovane Charley assiste involontariamente a qualcosa di orribile che avviene nell’abitazione di Jerry, sospettoso vicino di casa da poco trasferitosi nel quartiere. Il ragazzo si convince che il nuovo residente sia un pericoloso vampiro, assetato di sangue di giovani ragazze"

Ovvero come prendere un classico degli anni 80,facendo un remake,svuotandolo di tutta l altmosfera.
Se il film di Holland giocava molto sul riportare l atmosfera dei vecchi Horror in un film anni 80,in questo marchiato Disney e girato da Gillespie non riporta un bel niente,anzi stanca col voler essere fighetto usando come struttura sti vampiri fighetti. Confronto tra Farrell e Sarandon impari: Farrell sembra uno scemo tamarro capitato lì per caso Sarandon(che appare anche in questo remake)aveva la classe,il fascino del Vampiro.
Peter(Cushing) Vincent(Price): Nel 1985 icona dei film,e presentatore di "Ore di Orrore",guardati da Charlie mentre cerca di fare sesso con Amy,in questo Rockstar al limite del ridicolo.
Il pregio di questo film è quello di far venir voglia di mettere su l originale ed è tutto un altro vedere.

Non lo so, vecchio mio, a me qualcosa è piaciuto. Per esempio i due ragazzi, gli scambi di battute (che fanno molto "anni 80"). Ma nel complesso concordo con te. David Tennan è la prova del tentativo disperato di svecchiare un'idea. E intensi, può essere pure che sia riuscito: i tempi sono cambiati, e i giovani non sono più come quelli di una volta. Oggi forse le figure paterne vanno in giro con tatuaggi e calzoni in pelle strizzapalle...


EDIT
http://forum.spaziogames.it/board/showthread.php?t=168443&p=15260039&viewfull=1#post15260039

Lego³
11-08-12, 06:53:04
Visto oggi The Bourne Legacy... Pur da grande amante della trilogia di Greengrass e di Renner al momento riesco solo a pensare... meh. :(

Devo rifletterci un po' su, ma a conti fatti...

Togg
11-08-12, 08:01:25
Demonlover, Assayas
mamma mia che nottata con questo film. Una cosa magnifica. Volevo s-venire. Connie Nielsen divina, il film è praticamente un atto di puro desiderio nei suoi confronti. Il resto viene dopo.

Darton
11-08-12, 11:36:02
Se mi lasci ti can... No, non ce la faccio... Eternal Sunshine of the Spotless Mind
Ogni pretesto è buono per vederlo; questa volta il fatto che avevo tra le mani una versione HD.
Che magia, che sentimento, che sogno. E che morale, quella che l'amore vero non è un fatto meramente di memoria e di ricordi...
semplicemente il mio film preferito :cry:


Il giocatore - Rounders (1998)

7,5

Buon film, molto godibile, non solo dagli amanti del poker, sorretto da una storia frizzante e a tratti un pò esasperata, ma che fà riflettere molto su come un gioco può diventare una droga e rovinare una vita o risollevartela, se sei abbastanza bravo con la mente perchè come dice McDermott, il protagonista "Il poker non è fortuna, è un gioco di abilità, altrimenti a giocarsi il titolo mondiale ogni anno non sarebbero sempre i soliti 5".
Non bastasse la descrizione sopra per convincervi cito il cast: Matt Damon, Edward Norton, John Malkovich, John Turturro, Martin Landau.



Inoltre vorrei segnalare anche il regista: John Dahl, MOLTO sottovalutato a mio avviso...un regista dalla carriera ventennale che ha sbagliato poco o nulla finora ed ha ricevuto i complimenti anche da Francis Ford Coppola.
io però non ho ben capito dove va a parare il film. in pratica lui si ritrova dove era all'inizio, non ha imparato niente da quella vicenda.


PS: mettere Huge Jackman nel ruolo di Wolverine per la durata di circa 10 secondi è davvero ridicolo, una presa per il cùlo bella e buona.
dicesi cameo :morristend:

Hushabye
11-08-12, 11:56:58
Take Shelter
Gran bel film, mi ha tenuto incollato allo schermo dall'inizio alla fine. Shannon è una bestia.

bene bene,la pubblicità si diffonde:sisi:

Vall77
11-08-12, 12:00:04
Ce l'ho lì e me lo vedo oggi, spero di non partire troppo hyppato dai vostri commenti e da Shannon, che poco poco già considero tra i migliori attori delle ultime generazioni.

tarantula
11-08-12, 14:45:02
Kung fu panda 2: si lascia guardare, ma niente di che. Bella realizzazione tecnica, ma oltre quella c'è ben poco a partire dalla storia scontatissima. E poi nutro un odio profondo nei confronti di fabio volo...

Laputa il castello nel cielo, myiazaky:
Qui siamo su tutto un altro livello, daltronde miyazaky è un maestro che ha sbagliato veramente poco nella sua carriera. Un film che si fa apprezzare a tutte le età, lo avevo visto da bambino e mi ero innamorato dell'atmosfera e dei paesaggi, lo rivedo ora e se possibile sono ancora più innamorato. Personalmente lo reputo uno dei migliori di miyazaky, dietro solo alla "citta incantata" e a "principessa mononoke".

Ma io mi chiedo è possibile che in 20 e passa anni l'animazione, non 3d, dal punto di vista prettamente tecnico abbia fatto solo passi indietro?
O meglio secondo me l'avvento dei pc ha modificato in peggio tutto il settore dell'animazione: perchè non si fanno più film con la stessa cura con cui sono stati fatti akira, i primi myiazaky o quelli disney pre pixar?
Tutti i film o anime che ho visto di recente usano massicciamente la computer grafica per realizzare più o meno tutto, con il risultato che, almeno per me, l'atmosfera se ne va a farsi benedire e tutto assume un aspetto falsato stile animazione in flash o poco più. Mentre l'opening di akira, fatto tutta a mano o quasi, rimane tutt'oggi una delle migliori se non la miglior scena di animazione per minuziosità di dettagli e impatto visivo; la computer grafica rende tutto plasticoso e alla fin fine falso. Lo stesso miyazaky e studio ghibli hanno perso un po' del loro carisma, "ponyo", almeno per me, non ha assolutamente lo stesso impatto o potenza espressiva dei suoi precedenti film, eccetto la scena della tempesta.

Hushabye
11-08-12, 14:50:39
Ma io mi chiedo è possibile che in 20 e passa anni l'animazione, non 3d, dal punto di vista prettamente tecnico abbia fatto solo passi indietro?
O meglio secondo me l'avvento dei pc ha modificato in peggio tutto il settore dell'animazione: perchè non si fanno più film con la stessa cura con cui sono stati fatti akira, i primi myiazaky o quelli disney pre pixar?
Tutti i film o anime che ho visto di recente usano massicciamente la computer grafica per realizzare più o meno tutto, con il risultato che, almeno per me, l'atmosfera se ne va a farsi benedire e tutto assume un aspetto falsato stile animazione in flash o poco più. Mentre l'opening di akira, fatto tutta a mano o quasi, rimane tutt'oggi una delle migliori se non la miglior scena di animazione per minuziosità di dettagli e impatto visivo; la computer grafica rende tutto plasticoso e alla fin fine falso. Lo stesso miyazaky e studio ghibli hanno perso un po' del loro carisma, "ponyo", almeno per me, non ha assolutamente lo stesso impatto o potenza espressiva dei suoi precedenti film, eccetto la scena della tempesta.

Gli anime ai giorni d'oggi fanno più o meno tutti cagare,manco perdo tempo a guardarli..L'atmosfera è imbarazzante per quello che cerco io

Togg
11-08-12, 15:30:05
Proprio Ponyo che è fatto tutto a mano :) Arrietty l'hai visto? Come ti è sembrato?

TheMrGmk
11-08-12, 18:24:30
Bon Appetit- Il gusto dell'amore (David Pinillos-2010). Bello bello bello :sasa:

David Fuckin' Rose
11-08-12, 19:04:27
Io ed Annie....bhè 8,5

Lucignolo
11-08-12, 19:06:40
:trollface: Ok nei prossimi giorni darò un commento su questa "vasta" opera di Lav Diaz "Heremias: primo libro"


Certo, sono 9 ore, ma dopo Satantango nulla mi spaventa:predicatore::predicatore::predicatore:



Magari lo vedrò diviso in parti e farò una recensione divisa (Leggo che sono 5 "capitoli"):ahsisi:

Quattro
11-08-12, 19:16:01
:trollface: Ok nei prossimi giorni darò un commento su questa "vasta" opera di Lav Diaz "Heremias: primo libro"


Certo, sono 9 ore, ma dopo Satantango nulla mi spaventa:predicatore::predicatore::predicatore:



Magari lo vedrò diviso in parti e farò una recensione divisa (Leggo che sono 5 "capitoli"):ahsisi:

Che coraggio. :dsax:

Vabbon magari intanto me lo registro, ma prima di azzardarmi a guardarlo aspetto commenti entusiasici che gridino al più grande capolavoro della storia. :asd:

p a n z e r
11-08-12, 19:18:23
chi è in vena di filmoni che non finiscono più provi a recuperare il Napoleon di Abel Gance. la lunghezza dipende dalla versione, che può avere più o meno tagli, ma in media siamo sulle 5 ore

Togg
11-08-12, 19:56:34
:trollface: Ok nei prossimi giorni darò un commento su questa "vasta" opera di Lav Diaz "Heremias: primo libro"


Certo, sono 9 ore, ma dopo Satantango nulla mi spaventa:predicatore::predicatore::predicatore:



Magari lo vedrò diviso in parti e farò una recensione divisa (Leggo che sono 5 "capitoli"):ahsisi:

Io sto andando a dormire e mi sveglierò all'una. Ce la si fa :sisi:

Gargaros
11-08-12, 21:04:49
Ma io mi chiedo è possibile che in 20 e passa anni l'animazione, non 3d, dal punto di vista prettamente tecnico abbia fatto solo passi indietro?
O meglio secondo me l'avvento dei pc ha modificato in peggio tutto il settore dell'animazione: perchè non si fanno più film con la stessa cura con cui sono stati fatti akira, i primi myiazaky o quelli disney pre pixar?
Tutti i film o anime che ho visto di recente usano massicciamente la computer grafica per realizzare più o meno tutto, con il risultato che, almeno per me, l'atmosfera se ne va a farsi benedire e tutto assume un aspetto falsato stile animazione in flash o poco più.

E' molto semplice: col PC tutto è diventato più facile, si spende meno, e quindi lo usano. Poco importa che l'estetica va farsi dare l'estrema unzione.

E' curioso che alcune produzioni in CG cercano di emulare i difetti di tecniche artigianali come il passo uno, per esempio...


Lo stesso miyazaky e studio ghibli hanno perso un po' del loro carisma, "ponyo", almeno per me, non ha assolutamente lo stesso impatto o potenza espressiva dei suoi precedenti film, eccetto la scena della tempesta.

Ponyo non mi pare che usi CG. Forse intendi dire altro? Ti sembra un "disegno" più semplificato, forse?

knight96-1994
11-08-12, 21:11:53
dicesi cameo :morristend:

Lo so perfettamente, ma l'ho schifato :asd:

Quattro
12-08-12, 14:27:23
Son in attesa di commenti su Heremias! :asd:


E' molto semplice: col PC tutto è diventato più facile, si spende meno, e quindi lo usano. Poco importa che l'estetica va farsi dare l'estrema unzione.

E' curioso che alcune produzioni in CG cercano di emulare i difetti di tecniche artigianali come il passo uno, per esempio...

Ponyo non mi pare che usi CG. Forse intendi dire altro? Ti sembra un "disegno" più semplificato, forse?

Guarda che chiamo Legion. :mah:

Gargaros
12-08-12, 15:29:13
Battleship
Ho seguito la discussione di Legion e Klaser su questo film. Purtroppo non mi trovo d'accordo con Legion. Evidentemente lui parla di incomprensione sul genere, ma trascura la sua di incomprensione sulla qualità che dovrebbe avere un blockbuster. Ne abbiamo già discusso, e pure con toni accesi, quando lui se ne uscì dicendo che i blockbuster sono stati sempre stupidi. Non è vero, caro Legion, torno a ridirtelo: i blockbuster di una volta erano scritti con dovizia, nella trama le cause si legavano a effetti sostanziosi, e non c'erano personaggi che agivano stupidamente o situazioni tirate per i capelli. Purtroppo Battleship è il solito blockbuster moderno, pieno di effetti e scarsa sostanza tecnica in fase di scrittura e trama. Le motivazioni degli alieni sono assolutamente assurde, come le loro azioni; se fossero una civiltà pari alla nostra, potrei passarci sopra, ma più di una volta nel film ci viene detto che sono superiori (e basta vedere la tecnologia per avere una prova). Semplicemente arrivano qua in numero limitato col solo scopo di poter dare agli umani la possibilità d'imbastire una battaglia spettacolare per il pubblico. Se fossero più avanzati arriverebbero qua a frotte, e c'invaderebbero in una loffa. Invece mandano un piccolo gruppo col solo scopo di contattare il loro pianeta e far arrivare il resto dell'esercito (WTF?!). Daje, ma davvero, che scemenza è mai questa? I blockbuster di una volta non erano così privi di motiazioni interne; non erano spettacoliti scritti coi piedi. A parte gli alieni, poi, c'è tutta una serie di sciocchezze fisiche e scientifiche su cui quasi quasi stenderei un velo pietoso... La verità è che Battleship come tante altre cose per il volgo attuali non chiede solamente una sospensione dell'incredulità, ma l'uccisione totale. Solo così puoi passare sopra a questi evidenti difetti logici e apprezzarlo. I blockbuster di una volta, invece, ti chiedevano solo di crderci per un po, perché erano più solidi nella logica.
L'unico pregio reale del film è che mi ha fatto scoprire quant'è carina Rianna in abiti marinareschi.


Guarda che chiamo Legion. :mah:

:paura:

tarantula
12-08-12, 15:41:14
Proprio Ponyo che è fatto tutto a mano :) Arrietty l'hai visto? Come ti è sembrato?


Ponyo non mi pare che usi CG. Forse intendi dire altro? Ti sembra un "disegno" più semplificato, forse?
Si forse rileggendo non mi ero espresso un gran che bene: secondo me ponyo è uno dei film meno riusciti di miyazaky, sia a livello di storia e atmosfera, sia soprattutto a livello artistico.
Questo perchè è andato a ricercare uno stile ultra semplificato e minimale, non so bene come spiegarlo, ma mi è sembrato molto meno curato rispetto ad altre sue opere.
Poi magari nella realtà si sono impegnati molto più su questo che non sui precedenti proprio per ottenere questo stile quasi impalpabile, che va a braccetto con la leggerezza generale, intesa in senso positivo, della trama e del film.
Ma il risultato complessivo non mi è piaciuto, sembra quasi che si siano dimenticati come si disegna o che non si siano voluti impegnare. L'unica scena che secondo me guadagna da questo stile essenziale è quella dello tsunami/tempesta, principalmente perchè l'elemento acqua è per sua natura essenziale e pura e dinamica, propio per questo non ha bisogno di grandi particolari, alla fine viene rappresentato più tramite "macchie" di colore che non tramite disegno vero e proprio. Quindi le onde/pesci riescono ad amalgamarsi alla perfezione per loro stessa natura con lo stile scelto e anzi ne escono esaltate; ma in molte altre scene si sente una mancanza di dettagli nel disegno. Probabilmente se lo avessi visto da bambino lo avrei amato alla follia, proprio per la storia semplice e diretta e per l'atmosfera candida e immacolata, ma ora come ora preferisco altro.

Arrietty mi manca, prima voglio finire la filmografia di miyazaky, di cui devo ancora vedere "kiki consegne a domicilio", poi mi dedico al resto delle opere dello studio ghibli.


E' molto semplice: col PC tutto è diventato più facile, si spende meno, e quindi lo usano. Poco importa che l'estetica va farsi dare l'estrema unzione.

E' curioso che alcune produzioni in CG cercano di emulare i difetti di tecniche artigianali come il passo uno, per esempio..
Non credo sia così semplice, il pc e la cg sono solo uno strumento, la colpa è di chi le usa senza ritegno creando roba immonda che sembra uscita fuori dai peggiori episodi dei power ranger come credibilità e atmosfera. Non voglio credere che non esista una via di mezzo fra cg e disegno classico o che non ci possa essere un modo per unire i pro dell'uno e dell'altro. Spero che sia solo un problema di tempo, come se per il momento buona parte dell'industria dell'animazione stia vivendo una "sbornia" da cg che garantisce risultati rapidi con poco sforzo, spero che un giorno questa fase sia superata e si cerchino delle alternative valide.

Se non sbaglio in "la Città Incantata" c'è un po di cg, ma non invasiva, ecco secondo me quello è l'esempio da seguire.

Lucignolo
12-08-12, 16:07:22
A me Ponyo è piaciuto motissimo....non è allo stesso livello dei suoi lavori precedenti ma sempre al di sopra della stragrande maggioranza degli anime in circolazione...poi sono di parte perchè adoro il mare anche nelle sue rappresentazioni (per lo stesso motivo adoro i film di Kitano, spesso ambientati su spiagge) e a proposito Kitano e Miyazaki hanno lo stesso grandissimo compositore che è Joe Hisaishi che quando tira fuori musiche come quella a inizio video vado in tilt ehehe:


http://www.youtube.com/watch?v=T5dH1PmMvD8



Visto "Indagine su di un cittadino al di sopra di ogni sospetto" (1970) di Elio Petri


Mamma mia che film, che Gian Maria Volontè, uno dei vertici del cinema italiano anni 70...

-Premio oscar al miglior film straniero
-Nomination oscar per miglior sceneggiatura
-Golden Globe miglior film straniero
-Gran Prix della giuria a Cannes
-David di Donatello come miglior film italiano e miglior attore a Volontè



Tanto per gradire: un must see, un poliziesco dalla matrice politica diversa dal solito, che si interroga sull'immunità della quale le autorità hanno goduto e godono, un'opera grottesca e intricata con un finale sospeso, orchestrata magistralmente, kafkiana come citazione finale suggerisce, esaltata dall'ancor più enigmatica colonna sonora di Ennio Morricone.

Pulse
12-08-12, 17:54:46
Il punto è che i blockbuster per definirsi tali , dovrebbero durare almeno tre ore :asd: Secondo me eh.

Gargaros
12-08-12, 19:27:55
SNon credo sia così semplice, il pc e la cg sono solo uno strumento, la colpa è di chi le usa senza ritegno

Va beh, lo sanno tutti che la colpa è della mano, non del coltello.


Se non sbaglio in "la Città Incantata" c'è un po di cg, ma non invasiva, ecco secondo me quello è l'esempio da seguire.

C'è un po' di CG anche in Il castello errante di Howl.

Fosse per me cercherei di non michiare due tecniche e tecnologie distinte. Con Laputa si è dimostrato che animazioni complesse e raffinate sono fattibili anche a mano. Basta solo impegnarsi, essere professionali, puntigliosi. Insomma, è necessario fare un lavoro di fino, lungo e faticoso. Per questo oggi si preferisce usare il PC per le cose più complicate.

coski
12-08-12, 21:08:31
Io vi troverò e il Miglio verde. Quest'ultimo ahi ahi quante lacrime :asd:

Togg
12-08-12, 22:19:39
Son in attesa di commenti su Heremias! :asd:


Non lo vedere, è troppo spinto. Lento, infinitamente di più di Satantango o del suo stesso Century of Birthing che ho visto l'anno scorso a Venezia. Minimale ed immenso contemporaneamente.
Stanotte la fine :gab:


prima voglio finire la filmografia di miyazaky, di cui devo ancora vedere "kiki consegne a domicilio", poi mi dedico al resto delle opere dello studio ghibli.



che è bellissimo. Ed è stato *devastato* dai rimaneggiamenti occidentali.

David Fuckin' Rose
12-08-12, 23:02:55
"Mulholland Dr."...è il mio primo film di Lynch. Fantastico, davvero bello. 9

mickes2
12-08-12, 23:06:41
"Mulholland Dr."...è il mio primo film di Lynch. Fantastico, davvero bello. 9

dicci di più, quale aspetto hai gradito più di tutti? cosa ti ha colpito in particolare?

Quattro
12-08-12, 23:33:45
Non lo vedere, è troppo spinto. Lento, infinitamente di più di Satantango o del suo stesso Century of Birthing che ho visto l'anno scorso a Venezia. Minimale ed immenso contemporaneamente.
Stanotte la fine :gab:

Ma non ho capito, è bello o no? Mi aspetto un mega-commento per domani, eh! :asd:

Key Paradise
13-08-12, 00:16:26
texas killing fields - ami canaan mann
la figlia del DIO. storia convenzionale, approccio meno. sostanzialmente un poliziesco privo di carisma.

silent souls - aleksei fedorchenko
racconta cose già dette, e meglio, da altri. manca di focalizzazione. ha giusto il fascino della russia.

Lucignolo
13-08-12, 00:27:27
Ma non ho capito, è bello o no? Mi aspetto un mega-commento per domani, eh! :asd:



Da quello che dice si....fà notare però che è dilatato al massimo ancor più di Satantango e quindi davvero pochi lo posson reggere...io stesso ho intravisto qualche scena nel dopo registrazione e mi pare davvero un film dalle inquadrature interminabili...



Cmq ho registrato la prima parte (5 ore e 40) e stasera il resto....




Dopo averlo visto darò anch'io un mio commento...(Senza leggere prima quello eventuale di Togg perchè voglio dare un parere senza influenze)

James
13-08-12, 01:58:43
"Mulholland Dr."...è il mio primo film di Lynch. Fantastico, davvero bello. 9


Alla prima visione? complimenti!


Ma non ho capito, è bello o no? Mi aspetto un mega-commento per domani, eh! :asd:

Già,chissà che commentone in stile : Bello! Politico!

David Fuckin' Rose
13-08-12, 02:09:58
dicci di più, quale aspetto hai gradito più di tutti? cosa ti ha colpito in particolare?
Mah, mi è piaciuto più o meno tutto. :asd: L'atmosfera dio santo...perfetta. La trama è malata, ma vabbè, me l'aspettavo e tutto sommato credo di averla compresa per bene. Ho apprezzato molto l'interpretazioni di Naomi Watts e mi è rimasta impressa la sequenza a teatro :sisi:


Alla prima visione? complimenti!

Sìsì, primo film di Lynch e prima visione :D

Togg
13-08-12, 07:56:32
Ma non ho capito, è bello o no? Mi aspetto un mega-commento per domani, eh! :asd:


Da quello che dice si....fà notare però che è dilatato al massimo ancor più di Satantango e quindi davvero pochi lo posson reggere...io stesso ho intravisto qualche scena nel dopo registrazione e mi pare davvero un film dalle inquadrature interminabili...

Cmq ho registrato la prima parte (5 ore e 40) e stasera il resto....

Dopo averlo visto darò anch'io un mio commento...(Senza leggere prima quello eventuale di Togg perchè voglio dare un parere senza influenze)




Già,chissà che commentone in stile : Bello! Politico!
Heremias: Primo libro - La leggenda della principessa lucertola. [spoiler stilistici e di plot, se qualcuno volesse vedere il film imho meglio che non legga]
Per Satantango avevamo parlato di dilatato o meno, anche qui scarterei questa parola. Semplicemente "dilatato" non mi significa nulla. Su "lento" invece si può discutere. Se Satantango era straripante di temporalità e si veniva a creare un effetto da "ne voglio ancora di più" qui la posta in gioco è totalmente diversa. C'è da dire che in Satantango non è che ci fossero poi che scene lunghissime, il massimo dovrebbe essere la scena del tango che dura 12 minuti, limite forse dovuto anche alla pellicola o forse no (io credo di no). Con Heremias dicevo che cambia tutto. Il film è lento. E lo è da subito. In modo quasi didascalico Lav Diaz si annuncia nell'incedere estenuante della carovana, il confronto con le macchine è palese. Il raffronto non serve però a restituire una dimensione sociale (almeno non principalmente), quanto piuttosto esistenziale. Non per nulla il film dura nove ore e una singola scena tocca i sessanta minuti. Anche il titolo lo rende chiaro, Heremias, il nome, il nome prima di tutto. Poi il tempo (libro uno). Poi la leggenda, il racconto, l'incantamento.
L'uso che Diaz fa del supporto digitale b/n è magistrale, riprese a luminosità infime, dettaglio spesso insufficiente (lo stesso Heremias è difficile da scorgere, bisognerà aspettare uno dei rarissimi primi piani). La videocamera resta immobile nei primi 105 minuti, solo cavalletto, la rottura avviene (ed era intuibile che così sarebbe stato) quando Heremias si separa dal gruppo, una camera a mano irrompe con spaventosa potenza. E' la prima soggettiva di Heremias. Guarda il carabao che lo porta in un mondo che non ri-conosce ancora.
L'amore dichiarato tra uomo e natura della scena fluviale sarà presto rotto. Prima l'uomo misterioso, poi due stranieri, poi un altro. Il ladro resterà sempre indefinito anche se le indagini preliminari qualcosa già ci dicono. Per Heremias si spalanca l'abisso, un dolore così vivido come quello del suo risveglio è raro a vedersi. L'ultima parte arriverà con il bosco e la pioggia. Stavolta non c'è il riparo del conosciuto (il carro), al contrario un luogo vissuto si riempie di entità ignote e già "di un altro mondo". A caccia della verità Heremias pone le basi per il proprio annientamento. L'interminabile, incomprensibile, sequenza dei quattro giovani porta con se Helena, la folle morte inarrestabile, la sozzura dell'animale uomo.
Con la sequenza finale il capolavoro di Lav Diaz conclude il suo respiro. E sul nero aggiunge anche qualcosa che preferisco non citare.
Immenso. 10.

-c'è ancora molto altro da dire, la principessa lucertola, il generale, la famiglia, [...] Ma a questo punto tanto vale vederlo...

Mah, mi è piaciuto più o meno tutto. :asd: L'atmosfera dio santo...perfetta. La trama è malata, ma vabbè, me l'aspettavo e tutto sommato credo di averla compresa per bene. Ho apprezzato molto l'interpretazioni di Naomi Watts e mi è rimasta impressa la sequenza a teatro :sisi:

Sìsì, primo film di Lynch e prima visione :D

Ottimissimo, te li puoi godere tutti adesso!

quasi dimenticavo, Obsession, De Palma. Più bello Vertigo :asd: questo decisamente più schiacciato sul plot, che poi non è nemmeno un granché.

Binigi
13-08-12, 10:24:39
Midnignit in Paris abbastanza deludente come storia che non tiene e soprattutto come finale....di certo non il miglior Allen

Quattro
13-08-12, 10:48:31
Heremias: Primo libro - La leggenda della principessa lucertola. [spoiler stilistici e di plot, se qualcuno volesse vedere il film imho meglio che non legga]
Per Satantango avevamo parlato di dilatato o meno, anche qui scarterei questa parola. Semplicemente "dilatato" non mi significa nulla. Su "lento" invece si può discutere. Se Satantango era straripante di temporalità e si veniva a creare un effetto da "ne voglio ancora di più" qui la posta in gioco è totalmente diversa. C'è da dire che in Satantango non è che ci fossero poi che scene lunghissime, il massimo dovrebbe essere la scena del tango che dura 12 minuti, limite forse dovuto anche alla pellicola o forse no (io credo di no). Con Heremias dicevo che cambia tutto. Il film è lento. E lo è da subito. In modo quasi didascalico Lav Diaz si annuncia nell'incedere estenuante della carovana, il confronto con le macchine è palese. Il raffronto non serve però a restituire una dimensione sociale (almeno non principalmente), quanto piuttosto esistenziale. Non per nulla il film dura nove ore e una singola scena tocca i sessanta minuti. Anche il titolo lo rende chiaro, Heremias, il nome, il nome prima di tutto. Poi il tempo (libro uno). Poi la leggenda, il racconto, l'incantamento.
L'uso che Diaz fa del supporto digitale b/n è magistrale, riprese a luminosità infime, dettaglio spesso insufficiente (lo stesso Heremias è difficile da scorgere, bisognerà aspettare uno dei rarissimi primi piani). La videocamera resta immobile nei primi 105 minuti, solo cavalletto, la rottura avviene (ed era intuibile che così sarebbe stato) quando Heremias si separa dal gruppo, una camera a mano irrompe con spaventosa potenza. E' la prima soggettiva di Heremias. Guarda il carabao che lo porta in un mondo che non ri-conosce ancora.
L'amore dichiarato tra uomo e natura della scena fluviale sarà presto rotto. Prima l'uomo misterioso, poi due stranieri, poi un altro. Il ladro resterà sempre indefinito anche se le indagini preliminari qualcosa già ci dicono. Per Heremias si spalanca l'abisso, un dolore così vivido come quello del suo risveglio è raro a vedersi. L'ultima parte arriverà con il bosco e la pioggia. Stavolta non c'è il riparo del conosciuto (il carro), al contrario un luogo vissuto si riempie di entità ignote e già "di un altro mondo". A caccia della verità Heremias pone le basi per il proprio annientamento. L'interminabile, incomprensibile, sequenza dei quattro giovani porta con se Helena, la folle morte inarrestabile, la sozzura dell'animale uomo.
Con la sequenza finale il capolavoro di Lav Diaz conclude il suo respiro. E sul nero aggiunge anche qualcosa che preferisco non citare.
Immenso. 10.

-c'è ancora molto altro da dire, la principessa lucertola, il generale, la famiglia, [...] Ma a questo punto tanto vale vederlo...


WTF!? 10!? Oddio mi stai quasi facendo venire voglia di vederlo! :rickds:

Gargaros
13-08-12, 11:13:19
Mi sono rivisto Hanna...
... e purtroppo il mio parere non è cambiato: la trama è una delle cose più stupide e artificiose che mi sia mai capitato di vedere/leggere. In pratica non esiste logica nelle azioni dei personaggi, ma sono costretti ad agire così perché dal punto A devono arrivare al punto B e per farlo sono necessarie quelle azioni. La trama è la struttura portante di una storia: se questa struttura è assurda e illogica, allora la storia non sta in piedi, mi dispiace. Poco m'importa che la regia è sublime, che le musiche sono cazzute, che Hanna è la ragazzina che vorrei avere per figlia ecc. Perché se lo scopo del film è raccontare una storia, pretendo che sia seria, e non un mero strumentucolo secondario con cui fare sfoggio di tecnica.

Hushabye
13-08-12, 11:47:27
The Dictator,2012-Davvero pessimo,non fa nemmeno ridere. 4


texas killing fields - ami canaan mann
la figlia del DIO. storia convenzionale, approccio meno. sostanzialmente un poliziesco privo di carisma.


Fiacco..peccato,la storia a disposizione non lo era

Kal1m3r0
13-08-12, 12:32:22
Il Settimo Sigillo.
Sto scoprendo Bergaman e mi sta piacendo parecchio. :sisi: Troppo facile, vero?:morris82:

mickes2
13-08-12, 12:34:48
Mah, mi è piaciuto più o meno tutto. :asd: L'atmosfera dio santo...perfetta. La trama è malata, ma vabbè, me l'aspettavo e tutto sommato credo di averla compresa per bene. Ho apprezzato molto l'interpretazioni di Naomi Watts e mi è rimasta impressa la sequenza a teatro :sisi:

yep! Naomi watts stupenda, così come la Harring. la scena a teatro assolutamente una delle migliori, sia nell'economia della storia che nella messiscena. iea.


Heremias: Primo libro - La leggenda della principessa lucertola. [spoiler stilistici e di plot, se qualcuno volesse vedere il film imho meglio che non legga]
Per Satantango avevamo parlato di dilatato o meno, anche qui scarterei questa parola. Semplicemente "dilatato" non mi significa nulla. Su "lento" invece si può discutere. Se Satantango era straripante di temporalità e si veniva a creare un effetto da "ne voglio ancora di più" qui la posta in gioco è totalmente diversa. C'è da dire che in Satantango non è che ci fossero poi che scene lunghissime, il massimo dovrebbe essere la scena del tango che dura 12 minuti, limite forse dovuto anche alla pellicola o forse no (io credo di no). Con Heremias dicevo che cambia tutto. Il film è lento. E lo è da subito. In modo quasi didascalico Lav Diaz si annuncia nell'incedere estenuante della carovana, il confronto con le macchine è palese. Il raffronto non serve però a restituire una dimensione sociale (almeno non principalmente), quanto piuttosto esistenziale. Non per nulla il film dura nove ore e una singola scena tocca i sessanta minuti. Anche il titolo lo rende chiaro, Heremias, il nome, il nome prima di tutto. Poi il tempo (libro uno). Poi la leggenda, il racconto, l'incantamento.
L'uso che Diaz fa del supporto digitale b/n è magistrale, riprese a luminosità infime, dettaglio spesso insufficiente (lo stesso Heremias è difficile da scorgere, bisognerà aspettare uno dei rarissimi primi piani). La videocamera resta immobile nei primi 105 minuti, solo cavalletto, la rottura avviene (ed era intuibile che così sarebbe stato) quando Heremias si separa dal gruppo, una camera a mano irrompe con spaventosa potenza. E' la prima soggettiva di Heremias. Guarda il carabao che lo porta in un mondo che non ri-conosce ancora.
L'amore dichiarato tra uomo e natura della scena fluviale sarà presto rotto. Prima l'uomo misterioso, poi due stranieri, poi un altro. Il ladro resterà sempre indefinito anche se le indagini preliminari qualcosa già ci dicono. Per Heremias si spalanca l'abisso, un dolore così vivido come quello del suo risveglio è raro a vedersi. L'ultima parte arriverà con il bosco e la pioggia. Stavolta non c'è il riparo del conosciuto (il carro), al contrario un luogo vissuto si riempie di entità ignote e già "di un altro mondo". A caccia della verità Heremias pone le basi per il proprio annientamento. L'interminabile, incomprensibile, sequenza dei quattro giovani porta con se Helena, la folle morte inarrestabile, la sozzura dell'animale uomo.
Con la sequenza finale il capolavoro di Lav Diaz conclude il suo respiro. E sul nero aggiunge anche qualcosa che preferisco non citare.
Immenso. 10.

-c'è ancora molto altro da dire, la principessa lucertola, il generale, la famiglia, [...] Ma a questo punto tanto vale vederlo...
interessante :sisi: a 'sto punto spero che qualche anima pia metta a disposizione una registrazione :sisi:

p.s. 105 minuti di camera fissa credo sia un record.

mickes2
13-08-12, 12:39:13
Il Settimo Sigillo.
Sto scoprendo Bergaman e mi sta piacendo parecchio. :sisi: Troppo facile, vero?:morris82:

no, anzi, Bergman non è autore facile. cmq Il settimo sigillo pur piacendomi molto non lo metto tra i primi posti della filmografia Bergmaniana (tra quelli che ho visto, s'intende -- circa una decina se non erro)

Key Paradise
13-08-12, 12:49:52
tra l'altro da segnalare la presenza di sheryl lee nel cast

Lucignolo
13-08-12, 13:16:53
Tra l'altro Ghezzi sta provando (non sono tutti facilmente reperibili) a mandare in onda tutte le opere di Diaz..


Io invece Il settimo sigillo lo metto ai vertici del cinema mondiale...ma comprendo anche chi preferisce altri lavori dello svedese.....per esempio ha senso paragonare Il Settimo Sigillo (1957) con Fanny & Alexander (1982), tutti e due capolavori immortali? Dai primi film agli ultimi ci sono 40 anni e passa in mezzo e Bergman è autore troppo vivace per poter essere imbrigliato alla rappresentazione di un unico tema o vicenda: dalla morte alla vita, dal matrimonio al divorzio, dalla vergogna e chiusura che sfocia nell'incomunicabilità alla passione senza freni, tutto però perennemente e costantemente accompagnato da una dimensione onirica che è presente in tutti i suoi film e sembra accompagnare le sorti dei suoi personaggi, palesandosi appena a volte, nei sogni, perfino in forma di persone altre volte, anche se un certo pessimismo è tangibile nelle sue ultime opere: tanto che il regista ha chiuso anzitempo la sua carriera di lungometraggi e si è ritirato a vita privata sino alla morte.


"Tutto può accadere, tutto è possibile e verosimile. Il,tempo e lo spazio non esistono. Su una base insignificante di realtà, l'immaginazione fila e tesse nuovi disegni" (Fanny & Alexander)



Credo riassuma bene l'universalità delle idee di questo regista.

David Fuckin' Rose
13-08-12, 13:25:31
yep! Naomi watts stupenda, così come la Harring. la scena a teatro assolutamente una delle migliori, sia nell'economia della storia che nella messiscena. iea.

:sisi:
Come prossimo film di Lynch cosa mi consigli(ate) di vedere?

Togg
13-08-12, 14:09:40
WTF!? 10!? Oddio mi stai quasi facendo venire voglia di vederlo! :rickds:

non lo vedere :asd: Non credo riusciresti a finirlo.



interessante :sisi: a 'sto punto spero che qualche anima pia metta a disposizione una registrazione :sisi:

p.s. 105 minuti di camera fissa credo sia un record.

una registrazione già c'è, sub eng ma c'è. Per quella sub ita ci stiamo adoperando :cat:
occhio, intendevo camera fissa ma diverse sequenze. tipo i misteri del giardino di compton house, che ha quella lunghezza lì.


Tra l'altro Ghezzi sta provando (non sono tutti facilmente reperibili) di mandare in onda tutte le opere di Diaz..


Cazz. Mi ero dimenticato di dirlo. Lo sta corteggiando per avere sia i primi capolavori che gli ultimi (Century of birthing omg)


:sisi:
Come prossimo film di Lynch cosa mi consigli(ate) di vedere?

Semplicemente vai in ordine cronologico, spostando Dune alla fine, aggiungendo Twin Peaks in mezzo e The Short Films of David Lynch dove preferisci:



Eraserhead - La mente che cancella (1977)
The Elephant Man (1980)
Velluto blu (Blue Velvet) (1986)
Cuore selvaggio (Wild at Heart) (1990)
Twin Peaks
Fuoco cammina con me (Twin Peaks: Fire Walk with Me) (1992)
Strade perdute (Lost Highway) (1997)
Una storia vera (The Straight Story) (1999)
Inland Empire - L'impero della mente (2006)
* The Short Films of David Lynch:
Dune (1984)

Gargaros
13-08-12, 14:19:05
spostando Dune alla fine

Giusto, bravo. Il meglio deve venire per ultimo :sisi:

:stema2:

Togg
13-08-12, 14:28:31
Giusto, bravo. Il meglio deve venire per ultimo :sisi:

:stema2:

ceeerto :)

tarantula
13-08-12, 14:33:32
Stano tutti bene, kirk jones:
Non mi ha colpito ne in positivo ne in negativo, si lascia guardare. Ottimo De Niro come al solito.

Killer Klown From Outer Space, Chiodo bros:
Grande esponente della categoria "So bad so good": recitazione orripilante, doppiaggio da brividi, trama inesistente, ma vi farà fare tante di quelle risate!
Breve sunto della trama: un'astronave circo atterra in un paese in mezzo al nulla e un gruppo di pagliacci assassini si aggira per la città per trasformare gli abitanti della ridente cittadina in zucchero filato.
Se riuscite a mantenere i nervi saldi e a vederlo senza sbroccare e spengere tutto potrete assistere a scene di follia pura che non voglio spoilerare, ma sono coinvolte torte in faccia, marionette, ombre cinesi e chi più ne ha più ne metta. Menzione d'onore per gli effetti speciali decenti e la colonna sonora carichissima.
Da vedere rigorosamente in una serata fra amici, possibilmente con una birretta tattica in mano.

Lucignolo
13-08-12, 14:51:30
Uno dei primi che ha provato riprese lunghe di un unica sequenza fu Hitchcock con Rope (1948) (anche se la camera è mobile e segue i personaggi il film intero è un UNICO piano sequenza di 90 minuti circa...infatti il film si svolge interamente in un appartamento)

Darton
13-08-12, 14:55:36
Uno dei primi che ha provato riprese lunghe di un unica sequenza fu Hitchcock con Rope (1948) (anche se la camera è mobile e segue i personaggi il film intero è un UNICO piano sequenza di 90 minuti circa...infatti il film si svolge interamente in un appartamento)

in realtà sono 11 piani sequenza uniti tra loro

da wikipedia

Per il regista è una doppia sfida tecnica: questo è il suo primo film a colori ed è composto da undici piani-sequenza, alcuni dei quali collegati tra loro in modo da apparire come un'unica ripresa. «...l'idea un po' folle di girare un film costituito da una sola inquadratura» (Hitchcock a Truffaut)[8]
Tutte le riprese durano 10 minuti ciascuna, il tempo di durata di proiezione di un rullo, 300 metri di pellicola (TMT, Ten Minutes Take): gli stacchi necessari per cambiare bobina sono camuffati in modo da non spezzare la sensazione di continuità nel tempo e nello spazio.[9]
La macchina da presa si trasforma in «...un uomo invisibile che gironzola per casa (il palco) e vede e sente tutto» (Patrick Hamilton) e che spesso traballa su queata nuova apparecchiatura, la crab dolly(obiettivo che abbraccia un campo visivo di 180 gradi)

Lucignolo
13-08-12, 15:00:36
Bhe si ovviamente doveva utilizzare un espediente tecnico perchè una bobina di pellicola durerà al massimo 12-13 minuti, questo è chiaro, ma ti assicuro che se guardi il film è impossibile notarlo...visivamente appare come un unico piano sequenza ..ecco....il cosiddetto REAL TIME...

Darton
13-08-12, 15:05:40
Bhe si ovviamente doveva utilizzare un espediente tecnico perchè una bobina di pellicola durerà al massimo 12-13 minuti, questo è chiaro, ma ti assicuro che se guardi il film è impossibile notarlo...visivamente appare come un unico piano sequenza ..ecco....il cosiddetto REAL TIME...

il film l'ho visto e hai ragione, non si nota proprio. era giusto per precisare perchè a conti fatti, volente o nolente, sono piani sequenza diversi.

mickes2
13-08-12, 16:09:16
una registrazione già c'è, sub eng ma c'è. Per quella sub ita ci stiamo adoperando :cat:
occhio, intendevo camera fissa ma diverse sequenze. tipo i misteri del giardino di compton house, che ha quella lunghezza lì.

aaah ok, allora come Ozu :sisi:

Kal1m3r0
13-08-12, 16:28:25
no, anzi, Bergman non è autore facile. cmq Il settimo sigillo pur piacendomi molto non lo metto tra i primi posti della filmografia Bergmaniana (tra quelli che ho visto, s'intende -- circa una decina se non erro)

A tal proposito, che altro mi consigliate di Bergman? Ero orientato su Smiles of a Summer Night :sisi:

Lucignolo
13-08-12, 16:41:10
Bello...forse il suo primo film di grande spessore...


PS: E aaiungerei anche "Monica e il Desiderio" di 2 anni prima che però non ho visto e leggo che è ancora semi-sperimentale...

Gargaros
13-08-12, 16:51:30
in realtà sono 11 piani sequenza uniti tra loro

da wikipedia

Per il regista è una doppia sfida tecnica: questo è il suo primo film a colori ed è composto da undici piani-sequenza, alcuni dei quali collegati tra loro in modo da apparire come un'unica ripresa. «...l'idea un po' folle di girare un film costituito da una sola inquadratura» (Hitchcock a Truffaut)[8]
Tutte le riprese durano 10 minuti ciascuna, il tempo di durata di proiezione di un rullo, 300 metri di pellicola (TMT, Ten Minutes Take): gli stacchi necessari per cambiare bobina sono camuffati in modo da non spezzare la sensazione di continuità nel tempo e nello spazio.[9]
La macchina da presa si trasforma in «...un uomo invisibile che gironzola per casa (il palco) e vede e sente tutto» (Patrick Hamilton) e che spesso traballa su queata nuova apparecchiatura, la crab dolly(obiettivo che abbraccia un campo visivo di 180 gradi)

Allora sono 11 long take :sisi:

Lucignolo
13-08-12, 17:25:34
E ovviamente poi tutto è cambiato con l'arrivo del digitale: l'ottimo Russian Ark di Sokurov è realmente un unico piano sequenza, praticamente il montaggio è assente, è tutto registrato per intero su Hard Disk di speciali camere.

Blade Runner 80
13-08-12, 17:32:44
Ieri ho visto Alice non abita più qui di M. Scorsese, un film veramente bello con invenzioni registiche ispirate dalla nuvelle vague e una storia molto umana, che fa riflettere, alleggerita dai toni concilianti della commedia.

Darton
13-08-12, 17:42:14
Allora sono 11 long take :sisi:

onestamente non sapevo cosa fosse il long take. sono andato a leggere e non mi sembra questo il caso.. magari sbaglio

Lucignolo
13-08-12, 18:10:41
Cmq concordo su una cosa che ho letta prima su Satantango (si ci torniamo, è un film che è destinato inevitabilmente a far parlare per anni), sul fatto che le riprese (scena del ballo a parte) non sono cosi MOSTRUOSAMENTE lunghe....certo, sopra la media..ma anch'io mi aspettavo roba da stato catatonico dopo mezz'ora, invece scorre tutto che è un piacere...Tutta roba da 4-5 minuti massimo....in più è tutto ulteriormento più leggero per l'occhio anche grazie all'uso della camera in continuo movimento (Guardare per esempio anche la scena iniziale di "L'uomo di Londra" e come fà lentamente da spola la camera da una vetrata all'altra, seguendo lo sguardo del protagonista)


Ecco, una delle poche altre scene di lunga durata continua è quella iniziale (straordinariamente suggestiva e che inizia dopo 1:30) che dura 7-8 minuti...non di più..



http://www.youtube.com/watch?v=CXJtsEKUkN0



Quella carrellata....ahhhh...asd

Key Paradise
13-08-12, 18:21:39
ho visto miracolo a le havre di kaurismaki e mi ha lasciato totalmente freddo per l'intera durata
sono un mostro :sad:

Quattro
13-08-12, 19:04:06
Vista parte di Coco Avant Chanel, bel fatto ma nulla di imperdibile per quanto ho potuto vedere io.


non lo vedere :asd: Non credo riusciresti a finirlo.

Almeno un pezzo lo devo vedere, ormai mi hai messo troppa curiosità. :asd:


Stano tutti bene, kirk jones:
Non mi ha colpito ne in positivo ne in negativo, si lascia guardare. Ottimo De Niro come al solito.

Killer Klown From Outer Space, Chiodo bros:
Grande esponente della categoria "So bad so good": recitazione orripilante, doppiaggio da brividi, trama inesistente, ma vi farà fare tante di quelle risate!
Breve sunto della trama: un'astronave circo atterra in un paese in mezzo al nulla e un gruppo di pagliacci assassini si aggira per la città per trasformare gli abitanti della ridente cittadina in zucchero filato.
Se riuscite a mantenere i nervi saldi e a vederlo senza sbroccare e spengere tutto potrete assistere a scene di follia pura che non voglio spoilerare, ma sono coinvolte torte in faccia, marionette, ombre cinesi e chi più ne ha più ne metta. Menzione d'onore per gli effetti speciali decenti e la colonna sonora carichissima.
Da vedere rigorosamente in una serata fra amici, possibilmente con una birretta tattica in mano.

:rickds:

Togg
13-08-12, 19:22:13
Ecco, in Lav Diaz sono mostruosamente lunghe :D




Almeno un pezzo lo devo vedere, ormai mi hai messo troppa curiosità. :asd:


Secondo me arrivi massimo a vedere le prime tre scene (che sono le più "lente" in assoluto) :P A proposito,


http://www.youtube.com/watch?v=ym748Pe9EpU


ho visto miracolo a le havre di kaurismaki e mi ha lasciato totalmente freddo per l'intera durata
sono un mostro :sad:

MOSTRO! MOSTRO! MOSTRO!
io non l'ho ancora visto

Gargaros
13-08-12, 22:58:53
onestamente non sapevo cosa fosse il long take. sono andato a leggere e non mi sembra questo il caso.. magari sbaglio

Il piano sequenza riguarda una singola scena ripresa senza interruzione. Il long take invece è una lunga ripresa all'interno di una scena, che quindi conosce più riprese poi legate nel montaggio.

Hitchcok deve aver ripreso più scene in un solo piano sequenza (che sono 11, mi dite), quindi la definizione di "piano sequenza" non si adatta a questo caso. Quindi devono essere più long take che includono varie scene, anche spezzettate dove la pellicola non arrivava.

Boh, pure io ci capisco poco :asd:

Togg
14-08-12, 01:13:01
La cina è vicina, Bellocchio
beeello! Ma perché all'inizio si sceglieva gli attori bravi e poi ha smesso? :tristenev:

Quattro
14-08-12, 15:18:58
___

Coco Avant Chanel: L'Amore Prima del Mito, biografico, incentrato più sulle (non) storie d'amore giovanili della protagonista che sulla sua carriera, solamente accennata. Si lascia guardare ma nulla di memorabile.- 6.0

Lilo & Stitch, non l'avevo ancora visto e non mi è parso granché. Molto meno ispirato rispetto agli standard Disney. - 5.0

Apocalypse Now, fra i film di guerra che ho visto il migliore dopo La Sottile Linea Rossa. La prima parte di film mi è piaciuta più della seconda.
___


Il piano sequenza riguarda una singola scena ripresa senza interruzione. Il long take invece è una lunga ripresa all'interno di una scena, che quindi conosce più riprese poi legate nel montaggio.

Hitchcok deve aver ripreso più scene in un solo piano sequenza (che sono 11, mi dite), quindi la definizione di "piano sequenza" non si adatta a questo caso. Quindi devono essere più long take che includono varie scene, anche spezzettate dove la pellicola non arrivava.

Boh, pure io ci capisco poco :asd:

Non ho capito quasi nulla. :dsax:

In pratica, un piano sequenza è una scena continua ma che può essere costituita da più riprese, mentre il long take è semplicemente una ripresa molto lunga?

Quattro
14-08-12, 15:39:50
edit: doppio post

Gargaros
14-08-12, 15:41:22
Non ho capito quasi nulla. :dsax:

A dire il vero manco io :asd:


In pratica, un piano sequenza è una scena continua ma che può essere costituita da più riprese, mentre il long take è semplicemente una ripresa molto lunga?

No, il piano sequenza è tutta una scena ripresa di continuo. Ti faccio un esempio, una scena che ho rivisto in Hanna di recentissimo:

Eric Bana scende dal treno, si guarda intorno, esce dalla stazione, scende nella metro e qui viene affrontato da cinque agenti della CIA (o di vattelapesca organizzazione segreta, non ho capito bene) e li affronta, poi messi KO i nemici risponde al telefono di un nemico, e si allontana dalla scena correndo. Lo stacco successivo cambia scena e passa ad Hanna.

La scena di Bana, da quando comincia con lui che scende dal treno a quando si allontana, è tutta una sequenza in pellicola, senza montaggio e quindi altre riprese: la telecamera lo segue sempre, dall'inizio alla fine della scena, senza spegnersi mai o cambiando PDV (punto di vista/visuale).

Quindi è un piano sequenza.

Il long take invece è solo una lunga sequenza filmata senza stacchi all'interno della scena. Per esempio, se arrivati in metropolitana la telecamera, per volere della scena action, si fosse "spezzettata" in un montaggio frenetico, allora il piano sequenza iniziale sarebbe diventato long take perché tutta la scena non è continua. Quindi sarebbe stata una scena formata da un long take (Bana che scende dal treno, si guarda attorno, esce dalla stazione e scende nella metro) più una parte finale con un montaggio frenetico (tutto il combattimento coi nemici con bana che poi si allontana correndo).

Per ritornare al film di Hitchcock, se per definizione il piano sequenza riguarda una singola scena, lui ne ha incluse molte (a meno che tutto il film non sia una sola scena continua, ambientata in un solo posto, con un solo personaggio principale che svolge l'azione ecc.) e quindi presumo che la definizione non si adatti al suo caso. Anche perché, come dicevate, il film ha 11 sequenze filmate montate tra loro, e per forza di cose alcune scene devono essere state riprese su due pellicole poi montate fra loro di modo che sembrano senza interruzioni.

Devo vedererlo 'sto film, mi avete incuriosito :sisi: