Jump to content
I problemi tecnici relativi agli aggiornamenti dei contenuti sono stati risolti! Grazie per la pazienza! ×

NeuralProxy

Moderatore
  • Content Count

    3,443
  • Points

  • Joined

  • Last visited

  • Feedback

    N/A

About NeuralProxy

Informazioni personali

  • Genere
    maschio

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. O sulla qualità del proprio futuro. Non facciamo certi discorsi faciloni: uno può credere quanto vuoi nel proprio prodotto ma ci sono mille variabili che potrebbero non portarlo al successo, con conseguenti ripercussioni sulla vita di gente che sicuramente non ha il conto in banca del Peter Moore di turno che ha lasciato EA e si è comprato il Liverpool. È facile capire perché si possa optare per una sicurezza maggiore sotto quel piano. Anche perché se il prodotto è valido o meno lo si vede comunque quando arriva su Steam. Poi ognuno è libero di acquistare o non acquistare ciò che vuole, sia chiaro.
  2. Parli conoscendo la realtà dei fatti quando si tratta di accordi con Epic o semplicemente riporti il funzionamento comune? Per quanto ne sappiamo, gli accordi di Epic potrebbero semplicemente comprendere un numero indeterminato di licenze attivabili in un definito arco di tempo. Anche perché gran parte dei titoli regalati non sono neanche acquistabili sul loro store.
  3. Questi, detto chiaro e semplice, son problemi loro e non nostri. La situazione che si è creata con Epic è solo l'ultima di una serie di mosse di singoli che rischiano di nuocere all'intero mondo indie. È scontato che il numero di titoli figli di campagne crowdfunding che passa ad Epic è esiguo rispetto ai titoli che effettivamente escono sulle piattaforme che avevano dichiarato in fase di raccolta fondi, come sono una minoranza estrema le campagne crowdfunding che finiscono con i devs che scappano con la cassa o il cui progetto non viene pubblicato perché non hanno saputo gestire i soldi raccolti, come è anche relativamente limitato il numero di publisher (su tutti Devolver, Tinybuild, Raw Fury e Plug In Digital/Dear Villagers) che abitualmente aderiscano ai bundle che fanno svalutare terribilmente i giochi offerti. Tutti comportamenti che vanno a nuocere all'intera categoria (la gente smette di supportare perché teme di non vedere mai quel gioco o non compra più giochi a prezzo pieno o con sconti normali perché aspetta il bundle, quando gran parte di quei titoli in bundle non ci arriverà mai) ma che sono in realtà tenuti da pochissimi elementi di quella categoria. Però, come detto all'inizio, problemi loro.
  4. Io boicotto Epic, non gli studi indipendenti che siglano accordi di esclusività (escludendo casi particolari come Ooblets, perché si son dimostrati dei cialtroni). Non c'è un rapporto di forze paragonabile, da un lato c'è un'azienda miliardaria che sparge denaro a destra e a manca per supportare una strategia di assalto al mercato terribilmente disonesta, dall'altro un mucchio di gente che fatica a portare il pane sulla tavola (estremizzando) e che si vede offrire dal nulla la possibilità di una sicurezza economica che fino a quel momento si sognava. È una posizione non condivisibile ma del tutto comprensibile e verso la quale non mi sento di essere più di tanto severo, personalmente. Discorso diverso per gli studi e i publisher tripla e doppia A e per quegli sviluppatori indie per cui i problemi economici sono solo un lontano ricordo grazie ai precedenti successi su Steam. Per il resto non ho neanche un account per i titoli gratis, anche perché, a parte pochissimi casi, hanno tendenzialmente dato robetta (a livello di valore monetario) che si trova a pochi euro. Questa bulimia che di colpo ti spinge a volere un gioco per il quale fino ad un attimo prima non avresti speso una manciata di euro non la comprendo.
  5. Se sei abbonato al Choice vai su humble avendo il 20% di sconto aggiuntivo. Un trader non ti farebbe di meglio e dubito lo scontino su Steam più di quanto lo sia attualmente su Humble. Al massimo potrebbe scapparci un coupon come lo scorso anno, ma visti i vincoli dei saldi natalizi, non ne sarei poi così sicuro.
  6. Tu ci scherzi, io l'avrei davvero comprato al lancio perché lo attendevo. Adesso non lo attiverei neanche se mi capitasse in bundle. In compenso attendo questo.
  7. Quindi anche ipotizzando non ci fossero contratti di esclusività e per i titoli gratis (che invece esistono) e che quei 251 milioni fossero di ricavato reale, se loro trattengono un 12% dalle vendite diventano circa 30 milioni... di cui 23 spesi solo su sconti e coupon. Se poi consideriamo che i contratti di esclusività esistono e hanno anche costi di gestione e di mantenimento dell'infrastruttura... garantito che son andati in perdita, e neanche di poco. Se Fortnite collassa si tira dietro tutto. Faccio il tifo per Tarkov.
  8. Nonostante i toni da addetti marketing di Epic delle varie testate giornalistiche, si parla di 251 milioni sui giochi terze parti, escludendo Fortnite. Se si considera che hanno una novantina di esclusive, di cui alcune piuttosto grandi, delle quali hanno pagato l'esclusività in anticipo (senza contare gli accordi per dare i giochi gratis)... direi che potrebbero facilmente essere andati in perdita per quanto riguarda l'Epic Store.
  9. DEUS EX SERIES Deus Ex è una serie di videogiochi cyberpunk sviluppati inizialmente da Ion Storm, la software house di Warren Spector, e passati in seguito in mano ad Eidos Montreal. I titoli della saga rientrano nella categoria degli Immersive Sim, genere essenzialmente creato dalla stessa Ion Storm, ed offrono una totale libertà di azione e numerosissime possibilità e modalità differenti per portare a termine le missioni proposte. ll primo capitolo è universalmente riconosciuto come una delle pietre miliari della storia dei videogiochi. "Nel periodo di Underworld, System Shock e Deus Ex, sviluppai un particolare interesse per gli ambienti ristretti ma profondamente simulati. Preferirei sempre fare qualcosa che sia largo un centimetro ma profondo un chilometro piuttosto che largo un chilometro ma profondo un centimetro. Voglio creare mondi, ma con la parola "mondo" mi riferisco ad un ambiente dove sia possibile interagire con ogni singolo oggetto. In cui gli NPC abbiano una ragione di esistere oltre a volerti ammazzare. In cui si possa aprire ogni porta e ci sia una motivazione per farlo. Per me creare un mondo significa questo. Non si tratta di grandezza ed estensione, ma di profondità ed interattività." - Warren Spector Sviluppatore: Ion Storm Distributore: Eidos Interactive Piattaforme: PC Windows, Mac OS, Playstation 2 Data di uscita: 17 giugno 2000 Deus Ex, generato da un'idea del 1994 di Warren Spector, sviluppato da Ion Storm e pubblicato nel 2000 da Eidos Interactive, è il primo titolo della saga nonché una delle pietre miliari dei videogiochi su PC e del genere degli Immersive Sim. Nel titolo, il giocatore veste i panni di JC Denton, un agente speciale della UNATCO (United Nations Anti-Terrorist Coalition), una forza speciale impegnata nella lotta al terrorismo internazionale che, nel 2052, anno in cui il gioco è ambientato, si vede impegnata nella lotta all'epidemia di una malattia chiamata "Morte Grigi, per la quale esiste un vaccino che è però disponibile in quantità limitate. Durante le sue indagini, JC Denton si vedrà coinvolto in un enorme complotto internazionale che coinvolge molteplici organizzazioni come gli Illuminati o le triadi di Hong Kong. A livello meccanico, il titolo impernia meccaniche action su una profonda struttura RPG, offrendo infinite possibilità di approccio alle missioni proposte e numerosi potenziamenti possibili, sia attraverso punti abilità sia attraverso gli innesti cibernetici installabili sul protagonista (col limite di uno per parte del corpo). Inoltre, ogni azione intrapresa dal giocatore, sia a livello fisico sia durante i dialoghi, crea un effetto a catena che va a modificare gli altri eventi del gioco, offrendo così al giocatore un'avventura estremamente dinamica. Deus Ex è stato un titolo rivoluzionario per l'epoca e ha modificato, insieme gli altri titoli prodotti da Ion Storm, il modo stesso di concepire i videogiochi. Il titolo è stato più volte definito il gioco PC più importante di sempre, tra cui PC Gamer. Il gioco, pubblicato per PC e in seguito per PS2, è ora disponibile sugli store digitali nella sua versione Game of the Year. Sviluppatore: Ion Storm Distributore: Eidos Interactive Piattaforme: PC Windows, XBOX Data di uscita: 2 dicembre 2003 Deus Ex Invisibile War è il secondo titolo della saga Deus Ex e vede la riconferma al timone di Ion Storm. Il gioco è stato pubblicato da Eidos Interactive nel 2003. Invisibile War è ambientato 20 anni dopo il suo predecessore e presenta un mondo in fase di ricostruzione dopo un evento catastrofico definito come il Collasso. Il giocatore veste i panin di Alex D, un membro dell'Accademia Tarsus che, in seguito ad un attacco terroristico avvenuto nella città di Chicago, si trova costretto a fuggire a Seattle con gli altri membri dell'organizzazione. Da qui, il titolo si apre a diverse strade possibili, permettendo al giocatore di scegliere con quale delle numerose associazioni disponibili collaborare. A livello meccanico, il titolo mantiene l'ossatura del suo predecessore presentando, però, un'impostazione virata verso il free roaming, che permette di completare gli obiettivi in qualsiasi ordine e di cercarne di nuovi nel mondo di gioco. Nel gioco è anche possibile personalizzare maggiormente il protagonista, scegliendone il sesso e l'aspetto. Invisibile War viene spesso ritenuto come l'esponente più debole della saga, presentando una storia più breve e meccaniche RPG meno sviluppate rispetto al capitolo originario. Sarà anche l'ultimo Deus Ex sviluppato da Ion Storm, prima della sua chiusura. Sviluppatore: Eidos Montreal Distributore: Square Enix Piattaforme: PC Windows, Mac OS X, Playstation 3, XBOX 360, WII U Data di uscita: 23 agosto 2011 Pubblicato nel 2011, quasi 10 anni dopo l'ultimo capitolo, Deus Ex Human Revolution è il primo capitolo del nuovo ciclo di vita della serie, i cui diritti sono ora in mano a Square Enix, che ne ha affidato lo sviluppo ad Eidos Montreal. Human Revolution è a tutti gli effetti un prequel del primo capitolo, essendo ambientato nel 2027. A livello tematico, il gioco si basa estensivamente sul tema del transumanesimo e ci presenta una società in cui gli innesti cibernetici hanno ormai preso piede nella vita quotidiana dei cittadini e sono il fulcro del mercato e delle campagne pubblicitarie del periodo. Tale diffusione è andata però a generare un forte sconvolgimento della struttura sociale, che vede prosperare chi, in cima, può permettersi di far sfoggio di un gran numero di innesti, relegando invece in uno stato di incertezza e costante povertà chiunque, per scelta etica o per impossibilità economica, non ne possiede. Il giocatore vestirà i panni di Adam Jensen, un impiegato delle Industrie Sarif, che viene incaricato di proteggere un laboratorio di ricerca di Detroit. Durante un incontro tra Adam e David Sarif, il CEO dell'azienda, il centro viene attaccato da uomini armati e, durante le colluttazioni, Jensen perde coscienza mentre cerca di salvare Megan Reed, la sua ex-ragazza che lavora proprio in quello stesso centro. Da questa premessa, il gioco porterà il protagonista in diversi angoli del mondo, dalla stessa Detroit a Hengsha, in cina, passando per Montreal e Singapore. A livello meccanico il gioco offre una vasta scelta di approcci disponibili, permettendo di potenziare il personaggio attraverso innesti meccanici acquisibili utilizzando i punti Praxis, i quali si trovano nel mondo di gioco o si ottengono completando missioni. A seconda della build del personaggio, il titolo può essere giocato in modi molto diversi, da quello più action, armi in pugno, a quello stealth, evitando di farsi vedere dai nemici, da quello incentrato sull'hacking a quello che sfrutta le abilità sociali, che permette di farsi strada attraverso i dialoghi. Il titolo è stato pubblicato in tre versioni, l'originale del 2011, la Ultimate Edition del 2012, rilasciata unicamente su Mac, e la Director's Cut, che ha introdotto diversi cambiamenti all'engine di gioco, andando anche a ridurre l'effetto del tanto polarizzante filtro giallo che contraddistingue il gioco, e ha fatto numerose modifiche all'intelligenza artificiale nemica, andando a migliorare significativamente le boss fight che, in precedenza, permettevano una scarsa libertà di approccio. Sviluppatore: Eidos Montreal Distributore: Square Enix Piattaforme: PC Windows, Mac OS, Linux, Playstation 4, XBOX One Data di uscita: 23 agosto 2016 Pubblicato nel 2016 da Square Enix e sviluppato ancora da Eidos Montreal, Deus Ex Mankind Divided è il secondo capitolo della pianificata trilogia di Adam Jensen. Il gioco è il diretto seguito di Human Revolution ed è ambientato nel 2029. Dopo le vicende del capitolo precedente, il clima di folle consumismo legato ai potenziamenti cibernetici si è trasformata in una guerra tra fazioni, e le mirabolanti promesse di benessere sono state sostituite da una realtà in cui i potenziati sono visti con diffidenza ed aggressività e sono spesso costretti a vivere separati dal resto dei cittadini. Le avventure di Jensen si svolgono quasi interamente in una visione distopica della città di Praga e, a livello meccanico, offrono un'esplorazione della mappa più improntata all'open-world rispetto a Human Revolution. Come da tradizione della saga, resta possibile potenziare ciberneticamente il nostro protagonista, con l'opzione aggiuntiva di utilizzare potenziamenti sperimentali, i quali vanno però gestiti con cautela per non creare instabilità nel sistema. Anche le meccaniche di shooting sono state riviste ed affinate, così da rendere possibile e gradevole seguire una via più action. Mankind Divided offre anche una modalità aggiuntiva, chiamata Breach, la quale è stata successivamente rilasciata in versione standalone ed è successivamente stato arricchito da tre DLC storia: Misure Disperate, originariamente offerto come bonus pre-ordine e poi rilasciato gratuitamente, Frattura Interna e Passato Criminale. Spin-off Sviluppatore: Eidos Montreal, N-Fusion Distributore: Square Enix Piattaforme: PC Windows, Android, iOS Data di uscita: 11 luglio 2013 (iOS), 22 gennaio 2014 (Android), 18 marzo 2014 (PC) Deus Ex: The Fall è un titolo sviluppato da Eidos Montreal e N-Fusion e pubblicato da Square Enix. Il gioco nasce come titolo mobile e funge da seguito diretto del romanzo Deus Ex: Icarus Effect. Il gioco utilizza un nuovo protagonista, Ben Saxon, un ex soldato britannico che si trova impegnato in una missione con un doppio obiettivo: riuscire a recuperare delle scorte di neuropozina, fondamentali per far sì che il corpo umano non rigetti i potenziamenti che egli stesso utilizza, e cercare di sventare una pericolosa macchinazione ordita dalle multinazionali farmaceutiche. Il titolo, ambientato tra Panama e Mosca, cerca di riproporre in salsa semplificata le meccaniche dei capitoli principali, cercando di adattarle ai dispositivi mobile. L'avventura, che già non aveva fatto esaltare pubblico e critica, è stata in seguito riproposta su PC, con un port criticato da molti a causa della pedissequa riproposizione dei controlli mobile su PC. Sviluppatore: Square Enix Montreal Distributore: Square Enix Piattaforme: Android, iOS, Windows 10 Data di uscita: 18 agosto 2016 Deus Ex GO è uno spin-off sviluppato da Square Enix Montreal e pubblicato da Square Enix e pubblicato inizialmente su dispositivi Android e iOS e che, successivamente, ha visto una versione PC scaricabile dallo store di Windows 10. Il titolo, accanto ai suoi cugini Lara Croft Go e Hitman Go, fa parte della serie Go creata da Square Enix e si tratta a tutti gli effetti di un puzzle game a turni in cui il compito del giocatore è quello di completare i vari livelli proposti nel minor numero possibile di mosse e trovando i collezionabili nascosti per ottenere un punteggio maggiore. In ogni livello sono presenti nemici da evitare che si muovono soltanto quando si muove anche il giocatore stesso.
  10. *Anche noto come In seguito ai ben tre annunci di Google, Ubisoft e Microsoft dei rispettivi abbonamenti in arrivo su PC nei prossimi mesi, i quali si andranno ad aggiungere ai non pochi servizi analoghi già esistenti, abbiamo pensato di farvi cosa gradita creando un thread completamente dedicato a questa nuova realtà della piattaforma PC. Tutte le discussioni che riguardano questi servizi come i problemi tecnici, le segnalazioni di offerte e promozioni, nuove aggiunte o giochi che stanno per abbandonare uno dei cataloghi, ed ogni altro aspetto che riguarda gli abbonamenti. Le discussioni sui singoli titoli, come sempre, rimarranno nei rispettivi thread dedicati. Al primo post potrete sempre trovare tutte le info che vi servono per destreggiarvi senza problemi nel contorto mondo degli abbonamenti. Buona navigazione! Origin Access è il servizio in abbonamento di Electronic Arts che permette di usufruire di una libreria di titoli sempre disponibili, di periodi di prova esclusivi per i nuovi titoli EA e di un 10% di sconto sullo store. Il servizio esiste in due varianti, una più economica chiamata Access Basic ed una più costosa e completa chiamata Access Premier. Il servizio richiede l'installazione sul proprio PC di Origin, il launcher proprietario di Electronics Arts. Origin Access Basic Prezzo €3,99 al mese o €24,99 all'anno. Caratteristiche: Catalogo di giochi disponibili 10 ore di prova per i nuovi titoli EA, prima della loro data di lancio 10% di sconto sugli acquisti in Origin Store Giochi disponibili Origin Access Premier Prezzo €14,99 al mese o €99,99 all'anno Caratteristiche: Catalogo Basic di giochi disponibili + giochi extra Versione completa dei nuovi titoli EA, prima della data di lancio Contenuti extra per i nuovi giochi EA (come DLC o contenuti bonus) 10% di sconto sugli acquisti in Origin Store Giochi disponibili Link Utili Pagina ufficiale di Origin Access sul sito di Origin Gamepass PC è l'estensione del già esistente XBOX Gamepass disponibile su console, presentato ufficialmente da Microsoft su palco dell'E3 2019. Il servizio è acquistabile sia singolarmente, come Gamepass PC, sia combinato alla sua versione console, con il nome di XBOX Gamepass Ultimate. Gamepass PC dà accesso ad una libreria di giochi in costante aggiornamento, di cui fanno parte tutte le esclusive first-party Microsoft, sin dalla loro pubblicazione. Il servizio richiede l'installazione sul proprio PC dell'app XBOX, disponibile sul Microsoft Store. Prezzo €4,99 al mese durante la beta, poi €9,99 Attualmente in promozione a €1 Giochi disponibili Link utili Sito ufficiale App XBOX Playstation NOW è il servizio in abbonamento di casa Sony ed offre la possibilità di giocare sul proprio PC ad un ricco catalogo di titoli proveniente dalle varie generazioni PlayStation. A differenza di altri servizi citati in questo thread, PlayStation Now non permette di scaricare i giochi in locale sul proprio computer ma solo di giocarli in streaming a 720p. Richiede quindi una buona connessione ad internet sempre attiva. Prezzo €14,99 al mese oppure €99,99 all'anno Giochi PS4 disponibili Giochi PS3 disponibili Link Utili Sito Ufficiale App PS Now PC UPlay Plus è il nuovo servizio in abbonamento di Ubisoft che sarà disponibile dal 3 settembre 2019. UPlay Plus offrirà, analogamente ai servizi simili, un catalogo di giochi sempre disponibili, sconti esclusivi, versioni di prova e tanto altro. Attendiamo di conoscere maggiori dettagli da Ubisoft. In arrivo il 3 settembre 2019 €14,99 al mese Un mese di prova gratuito iscrivendosi entro il 15 agosto Giochi disponibili Link Utili Sito Ufficiale Google Stadia è il nuovo servizio in streaming di Google che farà il suo debutto durante il 2019. Stando alle dichiarazioni, Stadia dovrebbe offrire un abbonamento premium contenente una selezione di titoli, oltre ad abbonamenti aggiuntivi dedicati ai singoli publisher. In attesa di saperne di più, se volete, potete diventare early adopters comprando il pacchetto Founder's Edition sul sito ufficiale di Google Stadia. Prezzo TBA Giochi disponibili Link Utili Sito Ufficiale Discord Nitro è un abbonamento offerto da Discord che, oltre a tutti i vari servizi legati alla comunicazione e all'aspetto social dell'applicazione disponibili con Discord Classic, offre una libreria di titoli sempre disponibili. Prezzo 9,99$ al mese o 99,99$ all'anno Giochi disponibili Link utili Sito ufficiale Humble Trove è un servizio aggiuntivo venduto in abbinamento all'Humble Monthly che permette di accedere ad un catalogo di titoli DRM-Free, sempre disponibili da scaricare e giocare sul proprio computer. Prezzo $12 al mese, $35 ogni tre mesi, $67 ogni sei mesi, $132 ogni anno (in combinazione con Humble Monthly) Giochi disponibili Link Utili Sito Ufficiale

Powered by Invision Community

AdBlock Rilevato!

GamesForum può continuare a permanere online e fruibile grazie anche alle campagne pubblicitarie inserite. Cerchiamo sempre di renderle il meno invasive possibile, quindi ti chiediamo la cortesia di disattivare il blocco delle pubblicità, in modo da sostenerci attivamente. Grazie!

.

×
  • Create New...