Jump to content

Darton

Leader Zone
  • Content Count

    21,586
  • 284 
  • Joined

  • Last visited

  • Feedback

    0%

About Darton

Informazioni personali

  • Città
    Napoli

Recent Profile Visitors

29,885 profile views
  1. Assolutamente, Atomic Blonde è su tutto un altro livello, sotto ogni punto di vista. Qui la regia è mediocre, le scelte musicali sono orribili, la storia non decolla mai e, se vogliamo essere onesti, anche le interpretazioni non sono niente di memorabile (sia la Theron che Marinelli hanno fatto molto di meglio).
  2. Addirittura? Ma nel senso che hanno evoluto quello che c'era nel primo oppure le meccaniche di gioco sono proprio diverse?
  3. Il gameplay è uguale al primo o hanno cambiato qualcosa?
  4. https://www.agi.it/estero/news/2020-07-08/usa-intellettuali-floyd-9102663/?fbclid=IwAR1FJgEbnsqD6hx_U2UIa1W6TekopuYFel6RnM1b9phMGzGn0N8nsCUKbRM Un applauso.
  5. Ho letto che uscirà il sequel di Gallina in fuga. Il primo era un gran bel film d'animazione
  6. Disney+ è il servizio di streaming di The Walt Disney Company. Si tratta quindi di un servizio in abbonamento sulla falsa riga di Netflix, Amazon Prime Video e simili. Disney Plus può contare su un catalogo di contenuti appartenenti a Disney, Marvel, LucasFilm (Star Wars quindi), Pixar e non solo, visto l’accordo siglato tra 21st Century Fox e Disney. Disney+ si presenterà in modo molto simile proprio a Netflix, con una home ricca di contenuti e di pulsanti per consultare le varie sezioni dedicate ai già citati marchi, con un menu laterale di ricerca e di gestione dell’account e così via. Negli Stati Uniti, in Canada e in Olanda farà il suo debutto il 12 novembre 2019, ovvero tra qualche mese. Il 19 novembre debutterà in Australia e Nuova Zelanda. Ma arriverà anche in Italia? Da quanto confermato da Disney, il servizio farà il suo debutto in altri paesi d’Europa durante i primi due quarti del 2020, ovvero tra i mesi di gennaio e giugno. Si tratta quindi di aspettare anche più di un anno, ma l’Italia non è stata direttamente nominata durante la presentazione. Tranquilli però: la divisione italiana Disney ha già allestito la pagina ufficiale di Disney Plus Italia, comprensiva di pulsante per iscriversi alla mailing list per rimanere informati a riguardo. Al momento sono stati annunciati solo i prezzi per gli Stati Uniti, ma sono ben più bassi della media di servizi simili. -6,99$ al mese – 4 schermi, 10 dispositivi, 7 profili, 4K Ultra HD, HDR10, Dolby Vision, Dolby Atmos -69,99$ all’anno quindi 5,83$ al mese Non ha molto senso fare una conversione dollari-euro perché molto probabilmente in Europa sarà effettuato un cambio 1 a 1 (se non un leggero rincaro). Come accennato si tratta di un costo molto più contenuto rispetto a vari competitor: pensate che, sempre negli Stati Uniti, HBO Now viene a costare 14,99$ al mese; o ancora Netflix, che da maggio 2019 negli Stati Uniti costa 9 dollari per il piano base (un solo schermo, risoluzione HD). In Italia Disney+ potrebbe arrivare a costare 8,99/9,99€ al mese (sono mere speculazioni), ma si tratterebbe di un prezzo comunque simile al piano base di Netflix e ad altri servizi simili. Pagando 6,99$ al mese l’utente avrà a disposizione la possibilità di utilizzare l’account su quattro dispositivi in contemporanea (per un massimo di 10 dispositivi associabili) con risoluzione 4K Ultra HD in Dolby Vision. Non mancheranno HDR10 e Dolby Atmos. Per ogni account sarà possibile creare ben sette diversi profili che, sulla falsa riga di Netflix, si adatteranno ai gusti dell’utilizzatore. E ovviamente ci sarà anche la Kids Mode, una modalità pensata appositamente per i bambini con interfaccia e contenuti dedicati. Al lancio Disney+ potrà contare su un catalogo che comprende almeno 25 serie TV originali, 500 film (tra cui un centinaio tra le più recenti produzioni Disney), tutte le stagioni de I Simpson, oltre 250 ore di contenuti firmati NatGeo, 5.000 episodi tratti da Disney Channel e tanto altro. Disney ha già pronta la roadmap per i primi 5 anni del servizio: l’intenzione è quella di arrivare a oltre 50 serie TV originali, più di 10.000 episodi di serie e contenuti passati e molto altro. Ecco qualche esempio dei contenuti originali in arrivo: Ovviamente Disney+ potrà contare su un bel po’ di contenuti Marvel. Ci aspettiamo non solo i film facenti parte del Marvel Cinematic Universe (i vari film delle serie Avengers, Iron Man, Captain America, Thor, Ant-Man e così via), ma anche serie animate e tutto ciò che di televisivo ruota attorno agli universi di casa Marvel. Altrettanto ovviamente anche tutti (o quasi?) i contenuti dell’incredibile universo fantasy di Star Wars – Guerre Stellari faranno parte del catalogo di Disney+. Disney ha già confermato che nei primi mesi del servizio TUTTI i film di Star Wars arriveranno in catalogo, accompagnati anche da tante gustose novità. Vi state chiedendo quali? Catalogo al secondo post.
  7. Cast Peter Dinklage: Tyrion Lannister Emilia Clark: Daenerys Targaryen Kit Harington: Jon Snow Lena Headey: Cersei Lannister Sophie Turner: Sansa Stark Maisie Williams: Arya Stark Nikolaj Coter-Waldau: Jaime Lannister Sean Bean: Eddard Stark Mark Addy: Robert Baratheon Sinossi Eddard Stark, lord di Grande Inverno, viene incaricato dal suo re e amico Robert Baratheon di recarsi ad Approdo del Re per ricoprire la carica di Primo Cavaliere del Re. La guerra fra i Sette Regni è però alle porte a causa degli intrighi e delle mire al Trono di Spade dei membri della nobile Casa Lannister. Jon Snow, figlio illegittimo di Eddard Stark, si arruola invece nei Guardiani della notte e si reca alla Barriera, enorme muro di ghiaccio che separa il mondo degli uomini dalle ostili Terre dell'Eterno Inverno, da cui sta arrivando una minaccia terribile. Nel frattempo, Daenerys Targaryen e il suo crudele fratello Viserys, ultimi superstiti della nobile Casa Targaryen regnante prima della rivolta dei Baratheon, cercano di ricostruire l'antico potere nelle selvagge terre al di là del mare. Trailer
  8. Cast Claire Foy: Principessa Elizabeth Matt Smith: Philip Mountbatten John Lithgow: Winston Churchill Greg Wise: Louis Mountbatten Vanessa Kirby: Principessa Margaret Jared Harris: Giorgio VI Sinossi The Crown racconta la storia della regina Elisabetta II dal suo matrimonio nel 1947 ai giorni nostri. Nella prima stagione la giovane principessa Elizabeth si ritrova ad affrontare la prospettiva di diventare la futura regina d'Inghilterra in un'epoca di declino per l'Impero britannico e il mondo stesso. Link Guarda subito! Trailer
  9. Cast Joel McHale: Jeff Winger Gillian Jacobs: Britta Perry Danny Pudi: Abed Nadir Donald Glover: Troy Barnes Alison Brie: Annie Edison Yvette Nicole Brown: Shirley Bennett Chevy Chase: Pierce Hawthorne Jim Rash: Craig Pelton Ken Jeong: Ben Chang Sinossi Greendale Community College. Jeff Winger, un avvocato con la licenza sospesa, con lo scopo di sedurre l'ex attivista politica Britta Perry organizza un finto gruppo di studio di spagnolo a cui lei è stata invitata a partecipare. Tuttavia, Britta invita un altro studente, Abed Nadir, che a sua volta invita altri quattro membri della classe spagnolo, Troy Barnes, Shirley Bennett, Annie Edison e Pierce Hawthorne: il gruppo, così, diventa reale. Nonostante le loro diverse età, caratteri e personalità, il gruppo cresce insieme e tutti sviluppano una stretta amicizia gli uni con gli altri. Il gruppo, come entità, è abbastanza egocentrico ed è proprio questa la causa di competizioni, argomenti o faide che vanno creandosi. Questo comportamento è incoraggiato dal loro scoppiettante preside che li considera i suoi studenti preferiti, e che ha anche una cotta per Jeff. Trailer CHE COS'E' COMMUNITY? Community è una sitcom statunitense trasmessa negli Stati Uniti d'America a partire dall'17 settembre 2009 dal network NBC. In Italia la prima stagione è trasmessa in prima TV sul canale Comedy Central del pacchetto SKY a partire dal 13 aprile 2010. E manca un Thread sulla miglior comedy della TV? La sezione perde di credibilità. Siamo arrivati alla seconda stagione e il 17 Marzo è stata confermata la terza stagione da NBC. COSA SUCCEDE/ E' SUCCESSO IN COMMUNITY? Jeff, un avvocato che si ritrova la laurea invalidata perché ottenuta illegalmente, frequenta il fittizio Community College Greendale in Colorado. Questi si innamora di Britta Perry, una studentessa che cerca di riportare la sua vita sui giusti binari, e riceve particolari lezioni di vita da parte di Pierce Hawthorne, un anziano magnate che è stato sposato sette volte. Tra i membri del gruppo di studio troviamo Abed Nadir, uno studente di filmografia; Shirley Bennett, una madre recentemente divorziata che va al college per la prima volta; l'ex quarterback del liceo Troy Barnes; la nerd Annie Edison, che ha una cotta incoffessata per Troy sin dal liceo. Appaiono spesso anche lo squilibrato professore di spagnolo, il Señor Ben Chang, il professore di psicologia Ian Duncan, e il sopraffatto preside Pelton, che desidera disperatamente che il suo college assomigli di più ad una vera università e si sforza eccessivamente per apparire politicamente corretto. Nel corso della prima stagione abbiamo assistito alla crescita del gruppo, agli amori, ai triangoli e a varie avventure. Ma la trama non aspetta altro che i cenni dei personaggi per presentare ogni volta situazioni geniali. VUOI SAPERE ALTRE CURIOSITA' SU COMMUNITY? Casting Dan Harmon dichiarò in un'intervista l'importanza del casting, che sarebbe stato il 95% del lavoro sulla serie. Aveva già lavorato con molti membri del cast in passato: Joel McHale, John Oliver, e Chevy Chase apparirono in una serie di cortometraggi prodotti da Harmon per Channel 101. L'attore Chevy Chase è stato a lungo tempo il preferito di Harmon. Anche se non completamente affascinato dal lavorare in una sitcom, Chase è stato persuaso ad accettare il lavoro grazie alla qualità dei testi. Anche se Chase è stato spesso ridicolizzato per le scelte fatte durante la sua carriera, Harmon credeva che questo ruolo potesse essere redentore. Harmon ha dovuto avvisare Chase contro l'interpretare uno "stupido-intelligente" nel modo in cui spesso interpreta il suo ruolo, visto che il personaggio di Pierce è una figura piuttosto patetica che di norma è alla base della stessa presa in giro. McHale, conosciuto per il talk show commedia The Soup trasmesso su E!, è rimaso anch'egli (come Chase) impressionato dai testi di Harmon. Ha commentato che dopo aver letto i testi di Dan, questi sono diventati immediatamente la sua principale lettura. Per il ruolo di Annie, Harmon voleva qualcuno che somigliasse a Tracy Flick, il personaggio di Reese Witherspoon nel film del 1999 Election. Inizialmente i produttori cercavano una Tracy Flick asiatica o latino americana, per ampliare le differenze con il personaggio a cui si ispiravano, ma non ne riuscino a trovare. Quindi decisero di reclutare Alison Brie, conosciuta per il ruolo di Trudy Campbell sulla serie TV Mad Men. Sviluppo Le premesse di Community si basano sulla vera esperienza di vita di Dan Harmon. Nel tentativo di salvare la relazione con la sua fidanzata dell'epoca, si iscrisse presso il Glendale Community College a Nord di Los Angeles, dove avrebbero seguito le lezioni di spagnolo insieme. Harmon rimase coinvolto in un gruppo di studio e, in qualche modo contro il suo stesso instinto, rimase strettamente connesso ad un gruppo di persone con le quali aveva pochissimo in comune. «...Ero in questo gruppo con queste teste di cocco e cominciarono a piacermi,» spiega, «anche se non avevano nulla a che fare con l'industria cinematografica e io non avevo nulla da guadagnare da loro ne nulla da offrirgli». Con questo come sfondo, Harmon scrisse la serie con un protagonista per larga parte basato su se stesso. Era, come Jeff, egoista ed indipendente all'eccesso prima di realizzare il valore della coesione con le altre persone. Sul processo creativo che risiede dietro i testi, Harmon dice che doveva scrivere la serie come se fosse un film, non una serie televisiva. Essenzialmente, dice, il processo creativo non era diverso rispetto ai primi lavori che aveva sviluppato, eccetto per la lunghezza ed il target di spettatori. Riprese Durante le riprese dello show alcuni attori sono soliti improvvisare, in particolare Chevy Chase. Su Chase, Harmon ha dichiarato che «tende ad uscire con delle battute con le quali si può realmente finire le scene» Ha anche menzionato Joel McHale e Donald Glover, l'attore che interpreta Troy, come grandi improvvisatori.
×
×
  • Create New...