Vai al contenuto

makino

Network Mod
  • Numero contenuti

    46171
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Feedback

    N/A

Su makino

  • Compleanno 20/01/1986

Informazioni personali

  • Città
    Civita Castellana
  • Interessi
    Hip Hop Music, Hip Hop Dance, Breaking, skateboarding end snowboard

User ID Videogames

  • Playstation Network
    XmakinoX
  • Xbox Live
    XmakinoX

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disattivato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Quantum Break - Voto: 9.5 Quantum break nel raccontare la sua storia esprime il massimo in termini di narrativa, tutto ciò che compone il mondo di gioco ha qualcosa da dire, anche i dettagli, un semplice poster, un graffito su un muro in un angolo di città, una TV o una radio. Il tema del tempo è trattato in maniera coerente e mai banale, infatti trattasi di "autoconsistenza", il tempo che non può essere cambiato, dove tutto è già successo. Rappresenta un nuovo modo di raccontare una storia e se molti videogames dalle simili dinamiche si avvicinassero a tale metodo potremmo chiamarla quasi rivoluzione, infatti la serie TV che integra alla perfezione la fine dei capitoli è di ottima caratura grazie ad un cast d'eccezione che recita in maniera impeccabile con un effettistica da blockbuster. Ci si affeziona ad ogni singolo personaggio, chi più chi meno ovviamente, ma i personaggi hanno un carisma notevole che rapisce ed emoziona in diversi momenti della storia. Tecnicamente nulla da dire, il gioco è pulito, fluido, gli effetti particellari sono di una quantità a schermo impressionante e tutto risulta godibile e fascinoso, pieno si particolari e una cura maniacale per essi, citazioni degne di Sam Lake sparse qua e là a condire il tutto. Il gameplay fa il suo dovere, di certo non innova, ci ritroviamo delle meccaniche da action TPS che abbiamo già rivisto in altre produzioni, ma qui a fare la differenza ci sono i poteri del nostro alter ego che rendono le fasi shooter molto dinamiche e spingono il giocatore ad approcciare le battaglie in maniera molto diversa da un classico TPS, se in quest'ultimo siamo spinti a cercare le coperture in quantum break risultano "quasi inutili" (se non per appoggiarsi un attimo quando si è ai limiti vitali per recuperare energia) quello che faremo è usare totalmente il nostro arsenale di poteri che ci spinge a mixarli tra loro per ottenere "combo" letali per i nostri avversari, che del resto non stanno lì a guardare, ho notato una buona reattività dell'ia che proprio per questo motivo tende a chiuderci o aggirarci in più momenti, soprattutto quando in fasi avanzare dell'avventura appariranno nemici in grado di sfruttare i nostri stessi poteri grazie a degli armamenti particolari, rendendo questi combattimenti ancor più dinamici che con i nemici base. Per molti il punto dolente di quantum break potrebbe essere la quantità elevata di materiale da leggere, ma per chi come me ama i single player ed immergersi in toto in una storia questo passa in secondo piano, se si è poco pazienti nella lettura questo potrebbe risultare poco piacevole in fasi più avanzate del gioco, ma se lo spirito è quello di cogliere ogni sfumatura della trama tutto ciò servirà a creare un immersività che non ha eguali. Ma ripeto, potrebbe essere un punto sfavore, dipende dai punti di vista. In termini di rigiocabilità ovviamente una seconda run ci starebbe tutta, in quanto in più punti del gioco dovremmo prendere delle scelte che andranno ad incidere su alcuni avvenimenti presenti nella serie TV, quindi questo potrebbe spingere l'utente a tornare una seconda volta sul gioco oppure anche solo per raccogliere i collezionabili che si sono persi nella prima, ovviamente facendo molta attenzione potremmo recuperare tutto già nella prima run. Altro fattore criticato proprio questo, la rigiocabilità, mah, in un single player di questa portata è davvero richiesta questa rigiocabilità? Fate vobis. Quantum break è una perla della narrativa che tratta un tema si abusato ma mai in modo scontato, anzi, molte saranno le domande che vi attanaglieranno una volta completato il gioco, un seguito? Magari! Peccato solo che qui l'unica colpa che "ha quantum break" è quella di non essere stato pompato da Microsoft come si fa per le ruote di un grosso trattore e non essere stati capaci di tenere i Remedy sotto il tetto di casa proprio come si fa con una donna quando si è innamorati. Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
  2. Inside: -10 Giocato e finito questa sera insieme alla mia donna, lei ama questo genere, tant'è che settimane fa ha (abbiamo) finito limbo, approfittando dell'offerta Gamestop ho preso ieri il doble pack, vabbè che dire, questo gioco è un fottuto capolavoro, sotto tutti i punti vista, i temi che tratta sono di uno spessore pazzesco e lasciano libera interpretazione, per non parlare dell'atmosfera, design, musiche, effetti sonori..i puzzle sono molto belli è stimolanti, ma mai frustranti, una perla stop! Aggiungo che molti elementi presenti in limbo li ritroviamo anche qui, ma per me inside rimane un gradino sopra, al contrario di Limbo è riuscito a catturarmi in toto coinvolgendomi mentalmente e interiormente. Lo consiglio vivamente a tutti per vivere un esperienza singolare, ansiosa, malinconica, riflessiva, onirica. Voto 10, caso chiuso. Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
  3. ORI AND THE BLIND FOREST Voto 9.5 Questo gioco è un vero capolavoro assoluto sotto tutti i punti di vista! Soprattutto per l'elevato senso si sfida che propone, artisticamente vabbè! Eccelso! Terminato proprio ieri, le difficoltà trovate sono state tante, proprio quel genere old School che ti mette nella condizione di dover rifare tutto appena sbagli, anche grazie al metodo di salvataggio non automatico (cosa che apprezzo) che ti mette nella condizione di doverti ricordare, ma soprattutto gestirli perché non infiniti, di effettuare il salvataggio, molti lo hanno definito un difetto, per me è un pregio che alza l'asticella della difficoltà! Spezo una lancia a favore del comparto audio, una colonna sonora epica, emozionante, a tratti fa sognare. Una trama ben strutturata, semplice, ma un concetto di base molto forte, L'amore! una piccola perla di questa generazione videoludica che ha davvero molto poco da offrire in termini di qualità, un must have come si suol dire! Il gameplay è quello classico dei metroidvania, con delle cicche in termini di potenziamento e abilità davvero interessanti e divertenti da usare, bellissima l'interazione con gli ambienti per dover superare determinati punti, c'è anche il tempo di fare un po di back traking, insomma, non manca nulla..che ve lo dico a fa! Non per tutti cmq .. voto 9,5 altro che 8! Come direbbero a Roma, se..lallero!
×
×
  • Crea Nuovo...

Informazione Importante

Abbiamo inserito cookie sul tuo dispositivo per contribuire a migliorare questo sito web. Puoi modificare le impostazioni dei cookie, altrimenti supponiamo che tu possa continuare.