Jump to content

~Gray Føx™

Capomoderatore
  • Content Count

    77,577
  • Joined

  • Feedback

    N/A

About ~Gray Føx™

Informazioni personali

  • Genere
    maschio
  • Interessi
    Donne,Calcio,Praticare Sport,Amici,Film,Videogames

User ID Videogames

  • Playstation Network
    gray_fox222kk

Recent Profile Visitors

75,740 profile views
  1. Il colpevole è Gigio che ha aperto il topic in anticipo
  2. Theo Hernández è il difensore che ha portato più punti alla propria squadra grazie ai suoi gol in questo campionato: cinque reti e otto punti in più per il Milan. contro il Brescia prima espulsione con il Milan
  3. Si come Bonucci che era migliore di Paletta come Caldara meglio di Bonucci nello scambio,come Higuain con il mestruo basta trovare scuse sui gobbi al Milan,manco CR7 vorrei e parliamo di CR7,arrivano qua senza stimoli e dimostrano di essere giocatori come altri,per loro è un downgrade il Milan,non hanno stimoli,non devono mettere piede a Milanello e besta.
  4. Luca Marchetti ha parlato di Lucas Paquetá a Sky: "I ragionamenti del Milan sono legittimi, con tutto il rispetto per le condizioni fisiche e psichiche del giocatore. A volte il rendimento del giocatore viene usato per forza il mercato, ma le società importanti come il Milan tendono comunque a tenere alto il livello del giocatore. Se poi aggiungiamo che uno dei pretendenti è Leonardo che solo 12 mesi fa lo pagò 35 milioni di euro e ora vorrebbe spendere meno. Ora c'è forse anche un problema di inserimento nel modulo 4-4-2. L'offerta deve soddisfare il Milan, non solo Paquetà. Una soluzione si può sempre trovare, ma il Milan non vuole perderci. Da ieri è tornata a girare la voce di uno scambio Bernardeschi-Paquetà ma sia Juventus che Milan smentiscono quest'operazione, perché anche in questo caso sarebbe difficile trovare un equazione coi numeri". basta gobbi vi prego
  5. Milan, i 21 convocati per il Brescia: Paquetà e Calabria out, tornano in tre Al termine dell'allenamento di rifinitura a Milanello, mister Pioli ha diramato la lista dei 21 rossoneri convocati per Brescia-Milan, 21° giornata della Serie A 2019/20 in programma venerdì 24 gennaio alle 20.45 allo stadio Rigamonti. Tornano a disposizione Çalhanoğlu, Musacchio e Rodríguez. Questo l'elenco completo: PORTIERI Begović, A. Donnarumma, G. Donnarumma. DIFENSORI Conti, Gabbia, Hernández, Kjær, Musacchio, Romagnoli, Rodríguez. CENTROCAMPISTI Bennacer, Bonaventura, Çalhanoğlu, Kessie, Krunić. ATTACCANTI Castillejo, Ibrahimović, Leão, Piątek, Rebić, Suso.
  6. Ha chiesto ufficialmente di non essere convocato e l'hanno accontentato. spero tribuna a vita,se non dovesse essere ceduto.
  7. Mirabelli: "Contrario al ritorno di Ibra. Non è più quello di un tempo" questo fa salire il nervoso cronico
  8. Ma che si fumano prima di scrivere ste robe C’è l’Inter di Lukaku, e Conte. C’è la Juventus di Ronaldo, e Sarri. C’è la Lazio di Immobile, e Inzaghi. C’è l’Atalanta più che mai di Gasperini. E poi c’è il Milan di Ibrahimovic, e basta. Stefano Pioli, infatti, figura soltanto nel tabellino delle formazioni e in qualche titolo dei giornali, ma soltanto perché parla in conferenza stampa. Colpa del suo carattere riservato che nel calcio di oggi è un gravissimo difetto. Pioli parla ma non urla, fa dichiarazioni e non proclami, una persona e non un personaggio, non sarà mai un tecnico mediatico e per questo è destinato a essere ovunque sottovalutato. Peccato, perché Pioli è un signor allenatore, oltre che un allenatore signore, che in passato ha avuto soltanto la sfortuna di trovarsi nel posto giusto al momento sbagliato. Così, dopo aver portato la Lazio al terzo posto, ha pagato colpe non sue quando era arrivato all’Inter sostituendo De Boer in autunno e lo stesso destino gli è capitato nell’ultima declinante Fiorentina dei Della Valle. Per questo in tanti hanno pensato che nel Milan in crisi, dopo l’infelice parentesi Giampaolo, fosse destinato al semplice ruolo di traghettatore. Il tempo, invece, sta lavorando per lui che una volta di più dimostra che gli allenatori non devono creare danni, perché in campo vanno i giocatori e sono loro a fare la differenza. Un lezione imparata quando era un semplice, ma prezioso, gregario nella Juventus di Trapattoni che vinse tutto, grazie alla classe di Platini, Boniek e agli azzurri campioni del mondo Cabrini, Scirea e Tardelli. Così oggi Pioli ha capito che Ibrahimovic doveva essere subito al centro del progetto, aiutato da compagni in grado di esaltarne le caratteristiche. I giocatori, quindi, e non l’allenatore con le sue idee al centro del progetto, con tanti saluti a Giampaolo che da buon “talebano” quale si definiva si era intestardito sul modulo con Suso trequartista, classico esempio di allenatore che fa danni. Lui, invece, appena è arrivato Ibrahimovic ha cambiato il modulo della squadra passando dal 4-3-3 al 4-4-2 con nuovi interpreti. Via gli intoccabili Piatek e Suso, sparito Paquetà, ecco Castillejo sulla fascia destra con Leao seconda punta. Decisioni prese da lui, guarda caso in linea con il pensiero di Boban che avrebbe ceduto Suso già l’estate scorsa, ma rimase spiazzato da Giampaolo che lo aveva definito ”un fuoriclasse intoccabile”. Aziendalista come Ancelotti, pacato come lui e con lo stesso suo buon senso, Pioli potrebbe diventare l’Ancelotti del nuovo decennio, ricordando che anche Ancelotti arrivò non all’inizio della stagione ma in autunno al posto di Terim. Ancelotti, come ha fatto ora Pioli con Ibrahimovic, aveva avuto il grande merito di ascoltare il suggerimento di Pirlo che gli chiese di arretrare davanti alla difesa, per non rischiare di fare la riserva a Rui Costa. Nessuno allora lo considerò un atto di debolezza, come adesso nessuno può accusare Pioli di avere ceduto ai desideri di Ibrahimovic, che fin dal primo giorno ha indicato in Leao la sua spalla ideale. Senza sottovalutare l’ultima mossa felice del tecnico rossonero, che ha saputo rilanciare Rebic all’intervallo, quando il Milan stava perdendo contro l’Udinese e proprio il croato, che sembrava in partenza, ha firmato la rete del prezioso 3-2. Un altro segnale delle sue capacità di leggere la partite e di conoscere i giocatori. E pazienza se i titoli saranno sempre per Ibrahimovic e compagni. A Pioli sta bene così. A Boban e Maldini anche, perché dopo aver sbagliato la scelta di Giampaolo, hanno capito di avere trovato il sostituto giusto in panchina. Con la speranza che diventi davvero il nuovo Ancelotti e non soltanto perché arriva dall’Emilia come lui.
  9. Secondo quanto riferito da ESPN, tra i tanti nomi presi in considerazione dal Manchester United per sistemare l'attacco dopo il ko di Rashford ci sarebbe clamorosamente anche quello di Carlos Tevez, attualmente al Boca Juniors e già stato tra i Red Devils dal 2007 al 2009 prima di vestire la maglia del Man City.
  10. Ad una settimana dalla fine del mercato; Milioni di incontri con miliardi di nomi nuovi a Casa Milan R.Rodriguez aspetta il via libera dalla Turchia,dalle forze dell'ordine e dall'esercito,manco fosse un terrorista,anzi forse per come gioca lo è Suso ha chiesto la cessione,ma nessuno si fa avanti. Leonardo ha offerto per Paquetà 2 noccioline e ci sta rimettendo Piatek richiestissimo nel Regno Unito ma nessuno se lo caga,colpa della Brexit Chalanoglu,Biglia e Kessiè ancora a piede libero a Milanello a far danni insomma,una bella situazione
  11. Porca eva,ma perchè Musacchio e Chalanoglu titolari? evidentemente Pioli vuole perdere punti
  12. stavo scrivendo la stessa cosa dopo aver appena visto le foto delle due

Powered by Invision Community

AdBlock Rilevato!

GamesForum può continuare a permanere online e fruibile grazie anche alle campagne pubblicitarie inserite. Cerchiamo sempre di renderle il meno invasive possibile, quindi ti chiediamo la cortesia di disattivare il blocco delle pubblicità, in modo da sostenerci attivamente. Grazie!

.

×
  • Create New...