Vai al contenuto

~Gray Føx™

Capomoderatore
  • Numero contenuti

    77177
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Feedback

    N/A

Su ~Gray Føx™

Informazioni personali

  • Genere
    maschio
  • Interessi
    Donne,Calcio,Praticare Sport,Amici,Film,Videogames

User ID Videogames

  • Playstation Network
    gray_fox222kk

Visite recenti

75541 visite nel profilo
  1. ~Gray Føx™

    Il Gol più bello di sempre

    Qui trovate il sondaggio https://www.gamesforum.it/topic/24977-il-gol-più-bello-di-sempre/ Chiudon
  2. Siccome fuori piove e mi ritrovo un po' di tempo libero,ho pensato di aprire questa discussione per sapere,capire e discutere sul miglior gol secondo voi,ovviamente tenendo anche conto dei vostri pareri soggettivi. Cosa dovete fare? niente di complicato,postare due video e due gif (sotto spoiler) su quelli che considerate i gol più belli che abbiate mai visto,magari per gesto tecnico,per un' azione di squadra,per importanza,etc. Alla fine di questa raccolta verrà creato un sondaggio in merito,per stabilire il gol più bello di tutti. ~Gray Føx™; Chris³ ; Heinrich; Vabbeh visto che ormai sta diventando un listone ne aggiungo anch'io qualcuno: Questo è talmente bello che ve lo metto anche in slow motion. Ma giusto 4 giorni dopo Juanfer si è voluto regalare un altro gol bruttino: E per motivi affettivi non posso non aggiungere anche questo: Magico;Grandissimo gol, a livello estetico forse il più bello che abbia mai visto Valvet90; Stilisticamente il gol di Bressan al Barcellona ha pochi rivali.; Flarezero; Y2Valian; yonkers86; Calvinator2; senza pensarci 2 volte Marion Cobretti; Totti VS Sampdoria Flarezero; Due punizioni leggendarie. diennea2; Eric Cantona Poi ci sarebbe pure questo di Roberto Carlos, inumano. Ancora non riesco a capire come ha fatto. JohnM940 Gravissima mancanza di un po' di joga bonito E un pizzico di Inghilterra
  3. ~Gray Føx™

    Calciomercato Rossonero

    Classe 2001, 18 anni compiuti da poco. Daniel ha rinnovato fino al 2024 il proprio contratto con i rossoneri, tutto sotto lo sguardo orgoglioso di papà Paolo. E' il primo trequartista della famiglia Maldini, leader della Primavera
  4. ~Gray Føx™

    Jack Bonaventura

    Siamo una clinica riabilitativa tutti da noi
  5. ~Gray Føx™

    Calciomercato Rossonero

    Di oggi; Il Milan vorrebbe vendere Piatek,Rodriguez,Kessiè e Borini per incassare 70-80 milioni e prendere Ibra a 0 e Kean a 30 milioni o in prestito biennale,entrambi di Raiola. UN DIFENSORE E UN TERZINO DESTRO - Questi gli altri ruoli in cui Maldini e Boban vorrebbero intervenire. Per quanto riguarda il primo, resta caldissimo il nome di Merih Demiral, con cui va trovata però l'intesa con la Juventus. Sul secondo, detto che Davide Calabria potrebbe partire a gennaio, i soldi derivanti dalla sua cessione potrebbero essere reinvestiti su Mehmet Celik del Lille. Vice ds Dinamo Zagabria: "Dani Olmo sulla lista del Milan" Ag. Deulofeu: "Un giorno potrebbe tornare al Milan" Benatia svela: "In estate sono stato molto vicino al Milan" Milan – PSG,Thiago Silva non rinnova: chance per il Milan I giornalai oggi molto attivi
  6. ~Gray Føx™

    Jack Bonaventura

    A me dis A me dispiace,ma è da non rinnovare. è un Marchisio bis per cercare un paragone recente ci ha messo sempre l'anima,sempre decisivo,ma non è più cosa.... Caldara non saprei,Conti forse si può ancora riprendere,con la Juve ha giocato davvero bene.
  7. ~Gray Føx™

    Calciomercato Rossonero

    8 anni dopo; ripartire da T.Silva e Ibra Non so se sembra una barzelletta,la trama di un horror o cosa...
  8. ~Gray Føx™

    Calciomercato Rossonero

    Ufficiale l'addio ai Galaxy https://www.instagram.com/p/B40dgXfHJfH/?utm_source=ig_embed&utm_campaign=loading
  9. prossimo ruolo? DS del Milan? In questo momento Keisuke Honda è (contemporaneamente): 🇰🇭 Allenatore della Cambogia 🇦🇹 Presidente del SV Horn 🇳🇱 Giocatore del Vitesse
  10. Ha detto quello che conveniva a lui Intervista a Riccardo Montolivo «Gattuso? Mai una risposta. Lo saluterei: siamo diversi» Annuncia l’addio al calcio e racconta il suo tormentato finale col Milan: «Gattuso non mi ha mai spiegato l’esclusione. Ora basta, ma non si dica che ho rifiutato di trasferirmi» MILANO «Io mi fermo qui». Pomeriggio pioggia, Riccardo Montolivo dice che del calcio come professione ne ha abbastanza. Giocherà con la figlia Mariam e il piccolo Mathias. Riccardo è nato il 18 gennaio 1985, a Milano, dove lavorava papà, medico anestesista. «E qui resto a vivere, con la mia famiglia, cosa farò adesso non lo so, devo pensarci». Eppure un po’ di tempo lo ha avuto. Perché ci sono numeri che riempiono la sua carriera di calciatore: 2 anni all’Atalanta, 7 alla Fiorentina dove al braccio portava la fascia di capitano. Altrettanti al Milan, dove ha ricoperto pure lo stesso ruolo. 66 presenze e 2 reti in azzurro, con i c.t. Lippi, Donadoni, Prandelli, Conte e Ventura. Poi c’è un finale che sembra non trovare risposte: smetto, ma non so perché, non capisco cosa sia successo. Niente, neppure una partita per spiegare se Montolivo fosse al capolinea oppure no. Come se il suo calcio fosse stato anestetizzato il 13 maggio 2018, Atalanta-Milan. Resterà la sua ultima partita da professionista? «Sì. In quello stadio, avevo esordito in A con l’Atalanta, contro il Lecce, nel 2004». Sono passati più di 15 anni. Ricorda come dormì la notte prima? «Poco, soprattutto perché all’epoca il mio compagno di stanza in ritiro era Gautieri. E con lui si dormiva poco». Altre notti, date, partite e spartiacque: sabato 22 dicembre, 2018. Milan-Fiorentina finisce 0-1, Gattuso preferisce avanzare un terzino davanti alla difesa (Calabria) piuttosto che far giocare lei. Quella notte lei non ha dormito per la rabbia? «No, a quel punto mi sembrava palese il problema non fossi io. E che le risposte alle mie domande non sarebbero mai più arrivate». Non ha fatto niente? «Ho parlato con il tecnico. Mi ha detto che i miei dati nei test non erano al livello dei miei compagni. Come sarebbe stato impossibile visto che fino a metà novembre non mi è mai stato concesso di allenarmi con il gruppo. Per giustificare la mia chiamata, poi, Gattuso fece riferimento all’indisponibilità di Brescianini e Torrasi, due Primavera. Quasi dovesse scusarsi». Che succedeva quando lei arrivava all’allenamento? «Dopo il “torello” con la squadra, venivo invitato ad allenarmi, spesso solo, altre volte con Halilovic, o con i giovani della Primavera». Cos’è successo con Gattuso? «Per me nulla, ma non sono riuscito a spiegarmi questa situazione e non ho mai avuto risposte». Un avvio difficile quello del vostro rapporto? «No, anzi. Nel novembre 2017, quando sostituì Montella, Gattuso chiamò me e qualche altro giocatore più esperto per chiedere e ottenere il giusto sostegno». Lei da qualche mese non era più il capitano del Milan. «Dall’estate precedente, allenatore Montella, d.s. Mirabelli. Sono loro che dopo l’arrivo di Bonucci mi dicono che avrei dovuto cedergli la fascia di capitano. Rispondo che non mi sembrava una buona idea, perché il Milan era un grande club, aveva equilibri delicati, altri compagni come Bonaventura avrebbero svolto meglio quel ruolo e comunque la decisione doveva essere presa nello spogliato». Loro che risposero? «Che non c’era discussione, era la scelta dell’allora presidente Yonghong Li. Stessa risposta che ebbi da Bonucci». Quindi non fu lei ad andare a consegnarli la fascia? «No». Nel 2017 uno dei colpi di Mirabelli è l’arrivo di Biglia. Finisce per questo la carriera milanista di Montolivo? «Se così fosse stato, nessuno me lo ha mai detto. Biglia era un acquisto importante». Ha solo un anno meno di lei... «Non discuto di questo. Poteva starci un cambio delle gerarchie, lui titolare e io a giocarmi il posto». Altro strappo, fine luglio 2018: perché non parte con i compagni per gli Usa? «Non mi venne mai spiegato. I dati di Milan Lab confermarono la mia ottima condizione, ma evidentemente non era questo il problema. La decisione mi venne comunicata dal team manager, con un sms il giorno prima della partenza». Ne parlò anche con la nuova dirigenza? «Ne ho parlato anche con Leonardo e Maldini, tutti mi dissero che ero diventato la terza scelta, che dovevo capire. Ma era un senso di ignavia, la cosa che più mi deprimeva. Poi, dopo l’episodio di Milan-Fiorentina, mi è sembrato chiaro che non fossi più la terza scelta. Forse ero diventato la nona». Altra data chiave: 9 maggio 2018, finale di Coppa Italia con la Juve. Lei entra sul 4-0. Che ha pensato? «Non era certo una manifestazione di stima e affetto». Però lei è rimasto, ha capito. (Sorriso, amaro) «Sono rimasto per motivi diversi. A fine luglio, dopo la non convocazione per la tournée, mancavano una manciata di giorni alla fine del calciomercato, che quell’estate chiudeva a Ferragosto». Nel gennaio successivo? «Era iniziato uno stillicidio di voci. Io stavo bene, sto bene, ma qualcuno iniziava a non crederci: come se non si volesse contraddire il Milan e puntare su di me. Comunque sia chiaro: non ho mai rifiutato un trasferimento». È arrivato nel posto giusto al momento sbagliato, diventando il capitano-simbolo della decadenza milanista? «Forse, dieci giorni dopo vennero ceduti Ibra e Thiago Silva. E poi ripenso al gol nel primo derby: bello, davvero, ma annullato, per un fallo inesistente. Magari era un segnale». Quando incontrerà Gattuso cosa gli dirà? «Credo nulla, magari lo saluterò. Però ricordo che lui mi disse, “io non avrei reagito come te a questa situazione”. Evidentemente siamo diversi».
  11. ~Gray Føx™

    Calcio Internazionale

    "Pensi di essere un grande ora?". Con queste parole, Raheem Sterling avrebbe attaccato Joe Gomez, nella litigata che sta infuocando il ritiro dell'Inghilterra in vista delle gare contro Montenegro e Kosovo. Secondo la ricostruzione di Sky Sport, l'attaccante del Manchester City avrebbe preso al collo il compagno di nazionale, la cui reazione rabbiosa avrebbe poi scatenato la faida. Il veterano media. Per risolvere la questione, sarebbe intervenuto Jordan Henderson, capitano di Gomez al Liverpool e tra i leader dell'Inghilterra. Pur non essendo ancora arrivato in ritiro, li avrebbe fatti riunire in camera da letto per una chiamata a tre, durata all'incirca 25 minuti, in cui Sterling avrebbe chiesto scusa a Gomez. Punizione contro il Montenegro. A seguito della risoluzione amichevole della vicenda, Gomez avrebbe chiesto a Southgate di non escludere Sterling dalla nazionale. Il ct ha così deciso di escluderlo soltanto dalla gara contro il Montenegro, in programma giovedì.
  12. ~Gray Føx™

    Il Gol più bello di sempre

    Tra sabato e domenica apro il sondaggione finale,avete ancora qualche giorno

Powered by Invision Community

AdBlock Rilevato!

GamesForum può continuare ad esistere e ad aggiornarsi solo grazie a dei piccoli supporti, quali inserti pubblicitari ed annunci. Limitiamo al minimo l'invasività di questi banner, ciononostante diventano fondamentali per garantire il futuro di questa Comunità.

Ti chiediamo la cortesia di disattivare AdBlock, in modo da poter navigare liberamente sul forum ed al contempo aiutandoci a migliorare giorno dopo giorno. 
GRAZIE!

×
  • Crea Nuovo...

Informazione Importante

Abbiamo inserito cookie sul tuo dispositivo per contribuire a migliorare questo sito web. Puoi modificare le impostazioni dei cookie, altrimenti supponiamo che tu possa continuare.