Vai al contenuto

~Gray Føx™

Moderatore
  • Numero contenuti

    71288
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni Vinti

    2
  • Feedback

    N/A

L'ultima giornata che ~Gray Føx™ ha vinto risale al 4 Novembre

~Gray Føx™ ha ottenuto più reazioni positive in un giorno nei suoi contenuti!

Reputazione Comunità

1215 Excellent

Su ~Gray Føx™

  • Rango
    Divinità

Informazioni personali

  • Genere
    maschio
  • Interessi
    Donne,Calcio,Praticare Sport,Amici,Film,Videogames

Visite recenti

73830 visite nel profilo
  1. ~Gray Føx™

    topic ufficiale Paris Saint-Germain

    Brasile-Uruguay, scintille tra Cavani e Neymar: fallaccio e scuse respinte L'amichevole è stata decisa da un rigore del brasiliano, tensione tra i due compagni al Psg Entrambi hanno sempre negato pubblicamente che esistano problemi tra loro, ma quanto si è visto in campo sembra confermare che tra loro il rapporto sia quantomeno difficile: nel finale infatti l'uruguaiano interviene duro e in ritardo sul brasiliano, protesta con l'arbitro beccandosi anche il cartellino giallo, e poi cerca di aiutare Neymar a rialzarsi, ma il numero 10, evidentemente stizzito, ritira la sua mano e rifiuta le scuse. Seguono alcuni secondi di sguardi non esattamente amichevoli tra i due, un episodio che in poche ora ha fatto il giro del mondo e che conferma che il clima nello spogliatoio del Psg non è il migliore possibile. CAVANI: "CLIMA CALDO IN PARTITA, POI TUTTO TRANQUILLO" "E' sempre bello giocare contro una Nazionale di prestigio come il Brasile - ha commentato a fine partita Cavani - e affrontare campioni come Neymar e gli altri. A nessuno piace perdere, nessuno vuole perdere. Non si può parlare di partita amichevole. Per questo alcuni si sono arrabbiati in campo. Faceva caldo sul terreno di gioco, ma quando la gara è finita, tutti erano di nuovo tranquilli". La fighetta è Neymar,Cavani si è anche andato a scusare dai
  2. I difensori svincolati per un Milan in emergenza: da Burdisso a Huth fino al fratello di Pogba Ma per risolvere i problemi rossoneri il mercato dei "liberi" non propone soluzioni davvero sicure Anche volendo, in giro non c'è molto da raccattare. Il mercato degli svincolati offre davvero poco per chi cerca un difensore centrale in emergenza. Il primo nome che viene in mente e il più verosimile è quello di Burdisso, che ha giocato una stagione da titolare nel Torino e teoricamente potrebbe essere pronto quasi subito, pur avendo annunciato il suo addio al calcio. Sotto la linea di Burdisso diventa difficile trovare altro. Leonardo Blanchard ha appena 30 anni ma dopo l'esperienza in serie A con il Frosinone e il gol segnato alla Juventus, ora vuole fare il sarto dopo aver giocato con l'Alessandria. Non si è teoricamente arreso Cristian Zaccardo, che ha trascorso qualche mese nel campionato maltese con la maglia degli Hamrun Spartans. Tra quelli che hanno giocato in Italia, è libero e ancora relativamente giovane l'uruguayano Diego Polenta. Fuori da questo gruppo esistono dei nomi esotici ma accompagnati da un enorme punto di domanda. Robert Huth è stato tra i protagonisti della favolosa cavalcata del Leicester di Ranieri ma ha vissuto una carriera costellata di infortuni quasi tutti seri. Il brasiliano con passaporto portoghese Xandao qualche anno fa è stato vicino alla Lazio e l'ano scorso ha raccolto un ingaggio in Belgio nella seconda squadra di Bruges, il Cercle. Il tedesco-turco Serdar Tasci in passato è stato accostato alla Juve e in fondo non è fermo da tanto: l'anno scorso era allo Spartak Mosca. E se poi si vuole andare su qualcosa di veramente spettacolare, c'è sempre Florentin Pogba, fratello di Paul: nella passata stagione ha giocato con i turchi del Genclerbirligi e non è nemmeno così vecchio: ha 28 anni. qui siamo di fronte ad un bivio; credere in un giovane come Simic fino al rientro degli infortunati o puntare con un contratto di 2-3 mesi su uno di questi (si può fare un contratto cosi?) anche perchè se si fa male Zapata,e ciò capita spesso,siamo fott.uti. A quei nomi svincolati comunque mancano un ex Borussia Dortmund ed un ex Liverpool. Felipe Santana Glen Jonshon ----------------------- Personalmente se si potesse fare un contratto di pochi mesi prenderei in ordine; Tasci,Huth o Santana. Non si può andare avanti con Abate e R.Rodriguez adattati a centrali per 9 partite importanti che ci aspettano. Ogni anno si buttano stipendi a caxxo,ora abbiamo necessità,prendi 1 milione o 1,5 e fai un contratto di 3-6 mesi ad un giocatore di ruolo che ti da il suo nell'immediato e sa che un giorno se ne andrà o fara panchina quando tornano gli altri.
  3. ~Gray Føx™

    topic ufficiale Alessio Romagnoli

    Siete convinti proprio che centri Gattuso con questi infortuni Strinic 5 Luglio (si fa i mondiali tranquillo,ma da noi arriva co la sindrome di Julian Ross) Conti settembre 2017 (che ve lo dico fare?) Caldara 27 ottobre (rotto in nazionale,ma gia quando è arrivato dalla Juve aveva problemi e non giocava) Bonaventura 27 ottobre (Ogni anno salta molte partte per infortuni ed è fragile) Calabria 28 ottobre (come Bonaventura) Biglia 30 ottobre (Naingolaan fa il macellaio nel derby e si fa male) Calhanoglu 2 novembre (problemi psicologici prima,fisici poi,manco sa lui di cosa soffre) Higuain 5 novembre (Problema alla schiena dopo una botta in una partita,lo stesso che aveva alla Juve) Musacchio 8 novembre (Kessiè fa del wrestling contro di lui in EL) R.Rodriguez 14 novembre (si fa male in nazionale) Romagnoli 16 novembre (si fa male in nazionale) Kessiè e Cutrone acciaccati visto che non riposano mai Poi ci sono Halilovic-Reina-Montolivo-Bertolacci-Mauri che hanno problemi fisici ogni 3x2 da sempre senza motivo la verità è che siamo uno spizio,in 9 partite che ci aspettano arriveremo a schierarne 11 ad ogni partita? no perchè qui basta che si fa male un Suso,un Cutrone o chiunque altro,dobbiamo addatare calciatori in ruoli a casa,cambiare moduli,etc... ehhhh ma è colpa di Gattusoooo,che schifoooo,blabla la verità? è che abbiamo una rosa fatta di cristallo,siamo un spizio per vecchi e casi cronici detto ciò,Alessio torna presto,che abbiamo bisogno di te.
  4. ~Gray Føx™

    topic ufficiale SS Lazio

    come minimo,ma minimo proprio,vincete 3-0 per noi gia un pareggino sarebbe un SUPER miracolo vista la nostra carneficina in rosa
  5. ~Gray Føx™

    topic ufficiale Bar di sezione (in allestimento)

    Ma chissene della Lazio,nel senso,si sa già che sarà uno scempio e la perdiamo vista la situazione,sono più preoccupato di fare figuracce con squadre come Dudelange,Frosinone e Bologna per dire. Detto ciò,Abate e RR adattati a centrali insieme all'unico pippone di ruolo (Zapata) è una situazione assurda,sto rimpiangendo Paletta ed Alex giuro ma non si può prendere uno svincolato (i nomi li ho gia fatti settimane fa...) con un contratto di 2-3 mesi? giusto il tempo che rientrano i Romagnoli,Musacchio,etc... non vorrei essere nei panni di Gattusino che tra terzini e centrali deve inventarsi una difesa scandalosa,perchè si,come la giri e rigiri,a 3 o 4 gli uomini son sempre quelli e fanno cagare a priori. Laxalt per dire,ieri ha regalato il gol vittoria a Neymar in nazionale in difesa non è rimasto nessuno di affidabile tra centrali e terzini,un pelo R.Rodriguez,ma sappiamo che non èil massimo neppure lui che schifo
  6. ~Gray Føx™

    topic ufficiale Bar di sezione (in allestimento)

    Davide Calabria, terzino rossonero, ha lasciato pochi istanti fa il ritiro dell'Italia Under 21 di Di Biagio. Secondo quanto appreso da MilanNews.it, il classe '96 non avrebbe subito nessun infortunio ma un semplice reiterarsi dei fastidi alla caviglia avuti recentemente. Anche nel match di ieri, infatti, non è stato schierato precauzionalmente. ------------------ Peppe Di Stefano, intervenuto a Sky Sport 24, ha parlato della situazione della retroguardia rossonera: "Il Milan ha due difensori centrali a disposizione. O prendi subito uno come Rodrigo Caio dal Brasile per averlo a disposizione già a dicembre, oppure provare ad adattare Rodriguez come centrale, sfruttando a sinistra la coppia Laxalt-Strinic". ------------- Il problema accusato da Romagnoli in Nazionale, una contrattura muscolare, è l'ultimo di una lunga serie che ha colpito i giocatori rossoneri negli ultimi 20 giorni. In questo lasso di tempo ci sono stati ben otto infortuni, a cui vanno aggiunti anche gli acciacchi dei vari Kessie e Cutrone. Di seguito la lista completa: Caldara 27 ottobre Bonaventura 27 ottobre Calabria 28 ottobre Biglia 30 ottobre Calhanoglu 2 novembre Higuain 5 novembre Musacchio 8 novembre Romagnoli 16 novembre -------------- DA KESSIE A SIMIC: LE POSSIBILI SOLUZIONI - Ecco dunque i possibili modi per ovviare a una situazione che ha sicuramente dell'increscioso, oltre che una dose di sfortuna non indifferente: la più semplice è schierare il ceco ex Crotone, ancora a zero presenze stagionali, a fianco di Zapata, ma potrebbe essere un rischio dinnanzi ad attaccanti come Ciro Immobile e Felipe Caicedo. Un'altra soluzione potrebbe essere quella di schierare Ricardo Rodriguez tra i due centrali di difesa: le controindicazioni sono che lo svizzero è abituato a svolgere il ruolo in una difesa a tre e non a quattro, visto che non l'ha quasi mai fatto, e che anche il numero 69 non è al momento in ottime condizioni fisiche, come dimostra l'amichevole non disputata contro il Qatar. Un'altra ipotesi è quella di arretrare Franck Kessie al ruolo di difensore centrale, sacrificando però un'ulteriore pedina di un centrocampo già spolpato: l'ivoriano, che arriverà dopo due gare transoceaniche con la nazionale, nasce proprio in quel ruolo sotto l'egida di Drago a Cesena, prima di diventare centrocampista a Bergamo con Gasperini. Insomma, la coperta, comunque la si tiri, è corta: proprio adesso che arrivano i primi freddi e che il decisivo mese di dicembre si accinge a cominciare, non il massimo per un Milan che vuole rimanere attaccato al quarto posto.
  7. ~Gray Føx™

    José Manuel Reina (in pause)

    Il Milan si è allenato questa mattina a Milanello, dove c'è stato spazio anche per un torneo di calcio-tennis, al quale hanno partecipato anche Rino Gattuso e il suo vice Gigi Riccio. Durante una delle sfide, Pepe Reina, che era in squadra con Higuain e José Mauri, ha messa a segno un punto con una spettacolare rovesciata. Ecco il video pubblicato su Twitter da Milan TV: /MilanTV/status/106 3447309407657986
  8. ~Gray Føx™

    Alen Halilovic

    ambio campo 40 metri per avviare l'azione, poi accompagna e si inserisce per chiuderla con un tap-in vincente. Halilovic leader assoluto della Croazia U21, da noi non riesce proprio a trovare spazio. lo venderemo almeno per 7 milioni?
  9. ~Gray Føx™

    topic ufficiale BAR Naplez (Titolo provvisorio)

    sta pagina di fb vi hya prso di mira
  10. Lovren-Ramos, duello infinito: "Gli ho dato una bella gomitata" Il croato, dopo la partita con la Spagna, su Instagram si vanta di aver colpito il madridista e attacca gli iberici: "Branco di fighette" Croazia-Spagna di giovedì sera è stata l'occasione per alimentare una diatriba, quella tra Lovren e Sergio Ramos, iniziata dopo l'ultima finale di Champions tra Liverpool e Real Madrid e proseguita poi a distanza. Al difensore dei Reds non è mai andato giù il fallo dello spagnolo su Salah e qualche giorno fa non aveva risparmiato l'ennesima frecciatina al rivale: "Ramos commette più errori di me, ma gioca nel Real...". Una stoccata a cui il madridista ha replicato proprio alla vigilia del match di Nations League: "Lovren? In giro ci sono molti frustrati". Un botta e risposta che, come prevedibile, ha avuto conseguenze anche in campo dove i due giocatori si sono appunto affrontati durante la partita tra Croazia e Spagna, vinta dai vice campioni del mondo per 3-2. Al termine del match, Lovren su Instagram si è scatenato con diverse prese in giro nei confronti dei rivali (definiti "un branco di fighette"), fino a rivelare un dettaglio che ha immediatamente fatto il giro del mondo: "Gli ho dato una bella gomitata (riferito a Ramos, ndr), ora parla amico". E l'immagine pubblicata dallo stesso croato - certamente poco educativa - non lascia spazio a troppe interpretazioni. https://www.instagram.com/p/BqO_rAdlOXP/?utm_source=ig_web_copy_link
  11. Beh Higuain non è ancora nostro,alla fine se dovesse andare via l'anno prossimo (torna alla Juve?) e come se l'avessimo pagato 25 milioni tra prestito ed ingaggio per un anno ma ne abbiamo risparmiati però 60 tra riscatto e ingaggio nei prossimi anni. Quindi boh, non so che pensare... .................... Il nuovo anno si avvicina e le occasioni di mercato cominciano a prendere corpo. I dirigenti dei maggiori club italiani - e non solo, ovviamente - da settimane stanno studiando attentamente le situazioni dei giocatori in giro per l'Europa, molti dei quali sono in scadenza contrattuale col rispettivo club nel giugno 2019. Un'occasione a costo zero per l'estate, ma soprattutto - viste le regole - la possibilità di trattare l'ingaggio col diretto interessato già da gennaio. La Juventus nel recente passato ci ha costruito dei grandi colpi, come Khedira e Emre Can, ma anche Andrea Pirlo. In passato a turno è toccato a Milan e Inter, ma la ruota gira per tutti. Occasioni da prendere al volo per convincere i giocatori e il loro staff, ma anche per anticipare la concorrenza o perché no, in alcuni casi anticipare di qualche mese l'arrivo con una piccola indennità al club di appartenenza per risolvere un problema in rosa. Piuttosto che niente. La lista dei giocatori in scadenza a giugno 2019 è piuttosto ricca, particolare ma succulenta in tutti i ruoli anche se ogni situazione andrebbe analizzata caso per caso per comprendere la effettiva fattibilità. Vertonghen e Alderweireld del Tottenham, per esempio, sarebbero ottimi colpi in difesa per diversi club italiani, ma visti i continui acciacchi fisici sarebbero allo stesso tempo una scommessa piuttosto costosa in termini di ingaggio. Sempre restando in Premier League è da monitorare la situazione di Smalling del Manchester United e Giroud del Chelsea, così come Sturridge e Welbeck che a fine stagione potrebbero cambiare aria volentieri. Poi ci sono i giocatori in scadenza di fatto, ma non nella realtà. Tra questi figura Anthony Martial del Manchester United, in scadenza nel 2019 ma sul quale i Red Devils vantano un'opzione di rinnovo che eserciteranno sicuramente. In più ci sono talenti indiscutibili che a giugno saranno senza contratto con molta probabilità, ma che al tempo stesso costeranno un occhio della testa tra ingaggio al giocatore e commissioni agli agenti, soprattutto perché saranno protagonisti di aste internazionali tra i club più potenti d'Europa: stiamo parlando di Rabiot, che potrebbe rinnovare col Psg ma che in realtà sta parlando più o meno con tutti, ma anche di Fabregas (accostato al Milan) e Ramsey che dirà addio sicuramente all'Arsenal ma chiede 10 milioni di euro di ingaggio. Oppure De Gea, spiazzato dal Real Madrid ma destinato alla Spagna o David Luiz. Missioni impossibili per tutti in Italia, forse solo la Juventus potrebbe entrare in gioco in qualche asta di questo tipo. Le altre big del nostro calcio dovranno spulciare meglio negli archivi per trovare l'affare. Ce ne sono su cui scommettere e uno dei più gettonati sull'asse Inter-Napoli, nonostante lo status da extracomunitario, è Hector Herrera del Porto, così come Brahimi. Poi c'è un altro Herrera, l'ex Athletic Bilbao Ander, regista con poco spazio nello United che a 29 anni può ancora dare molto alla causa di diversi club in giro per l'Europa. Matteo Darmian è destinato a tornare in Serie A tra Inter e Roma e attenzione a Iker Muniain: la stella dell'Athletic ha diversi estimatori, ma potrebbe essere un colpo "alla Monchi" per la Roma o una scommessa per il Napoli. Per chiudere il cerchio, infine, guardiamo al nostro campionato. Zapata e Ranocchia possono lasciare le rispettive sponde di Milano e accordarsi già da gennaio per cambiare aria, così come Abate, Montolivo, Bertolacci e José Mauri. Caceres e Basta della Lazio possono fare altrettanto. E in attacco? Beh, la scommessa con la maiuscola ha un nome e cognome: Mario Balotelli.
  12. ~Gray Føx™

    topic ufficiale Gonzalo "Il Pipita" Higuaín

    s Massimo Brambati, operatore di mercato, ha parlato a DerbyDerbyDerby.it delle voci sull'umore di Gonzalo Higuain e la risposta social di suo fratello Nicolas: "È stato un mio caro amico procuratore a farmi questa confidenza sulla sua volontà di andar via. La notizia arriva da Dubai, da un contatto avvenuto a Dubai con Nicola come protagonista, durante una partita di calcio. Oggi sono stato riportato male. Domenica farò le mie precisazioni in tv. Nicola Higuain deve essere più cauto e prudente quando parla del fratello. Gonzalo va gestito con cura e attenzione". E' solo una voce, ma circola e allarma. Il volume si è fra l'altro alzato, risuona ancor di più dopo l'espulsione di domenica scorsa, si alimenta di suggestioni e illazioni, spaventa. E allora è opportuno intervenire per fare chiarezza. A questo deve aver pensato Nicolas Higuain quando attraverso il suo profilo twitter ha inteso rispondere in maniera diretta a chi ha apertamente parlato di un mal di pancia milanista del fratello Gonzalo. No, non è vero che il Pipita non sta bene al Milan - il pensiero del fratello-agente del centravanti rossonero - non è vero che si è pentito della scelta compiuta ed è falso che sta studiando una exit-strategy. Sono solo "bugie", scrive Nicolas nel tentativo di normalizzare la situazione. Parole sicuramente attese dal popolo milanista: Higuain, squalificato, salterà la sfida Champions con la Lazio ma sarà da qui a fine maggio l'uomo cui aggrapparsi nella rincorsa all'Europa che conta. Con o senza Ibrahimovic, dato in arrivo a gennaio: perché Zlatan è un'opzione, il Pipita - ha voluto ribadire il fratello Nicolas - una certezza.
  13. ~Gray Føx™

    topic ufficiale Bar di sezione (in allestimento)

    Gattuso deve già fare i conti con i lunghi infortuni di Caldara e Musacchio, se il problema di Romagnoli dovesse rivelarsi di entità importante i rossoneri si ritroverebbero con i soli Zapata e Simic di ruolo alla ripresa contro la Lazio. manco il tempo di scriverlo,ma la cosa non mi sorprende,il prossimo è uno fra Suso e Cutrone. Detto ciò contro la Lanzie inedita coppia Simic-Zapata Anzi speriamo che il colombiano mantenga,che questo è un altro rottame di suo,cioè dobbiamo sperare anche che sta pippa non si faccia,a che livello siamo ahah c'è chi ha le alternative decenti e chi no comunque se speravo in un pareggio con la Lanzie,direi che ora è quasi impossibile uscire indenni fra 9 giorni dall'Olimpico. ---------------- Autunno da dimenticare, fin qui, per il Milan in chiave infortunati. L'ultimo KO è di poche ore fa: Alessio Romagnoli è stato costretto a lasciare il ritiro dell'Italia per una contrattura muscolare, al suo posto ritrova l'azzurro Francesco Acerbi. I tempi di recuopero del capitano rossonero, ovviamente, non sono ancora noti e aspettiamo i dovuti accertamenti per saperne di più. Però, anche se si trattasse di un problema secondario, si tratta dell'ennesima brutta notizia per Gattuso da questo punto di vista. Al termine, appunto, di un autunno già da dimenticare. Le novità positive, per ora, si fermano ad Andrea Conti e Ivan Strinic: il primo è tornato in campo con la Primavera, rimediando una squalifica che non ne inficierà i tempi del ritorno tra i grandi. Il secondo ha raccontato la paura per i problemi cardiaci rilevati in estate, che però sono superati. Rientrerà a breve anche Davide Calabria, smaltiti i problemi alla caviglia. Più tempo, servirà, a una lunga lista di infortunati degli ultimi tempi: il primo a farsi male, e forse l'ultimo a rientrare, è stato e dovrebbe essere Giacomo Bonaventura. Vittima di un'infiammazione ai legamenti del ginocchio, nuovo stop che lo terrà fuori probabilmente fino ad aprile. Si può parlare di lungodegenza nel caso di Mattia Caldra, lui davvero alle prese con una serie infinita di guai fisici dal suo arrivo dalla Juventus. Da due italiani a due argentini: prima si è fatto male Lucas Biglia, atteso per febbraio. Poi Mateo Musacchio, che cercherà di tornare alla ripresa del campionato dopo la sosta invernale. È tra i buoni propositi del Milan per il 2019, quello di recuperare i guai di questo autunno disgraziato.
  14. ~Gray Føx™

    topic ufficiale Lucas Paquetà

    Lucas Paquetà è il primo acquisto del mercato di gennaio e in attesa di vederlo a Milanello, Rino Gattuso sta studiando attraverso alcuni film dove può utilizzarlo in campo. Secondo il Corriere dello Sport, in base al modulo, ci sarebbero due soluzioni: con il 4-4-2, il brasiliano potrebbe essere schierato alle spalle della prima punta, mentre in un 4-3-3 potrebbe essere impiegato come mezzala. Si vabbè,un altro giocatore ibrido che non sappiamo dove schierare??? siamo pieni di sti giocatori,basta eh spero che siano caxxate e sappiano gia dove usarlo al meglio che poi se fa la preparazione per bene tutto il mese di dicembre,già a gennaio potrebbe essere utile in coppa italia il 13 e in supercoppa 16,prima dell'inizio del girone di ritorno in campionato.
×

Informazione Importante

Abbiamo inserito cookie sul tuo dispositivo per contribuire a migliorare questo sito web. Puoi modificare le impostazioni dei cookie, altrimenti supponiamo che tu possa continuare.