Vai al contenuto

Mr. Green Genes

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    2304
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Feedback

    N/A

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disattivato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. ma che via era su cubo, suvvia? False esclusive limitate e spin off di serie mastodontiche che uscivano su altre console (vizietto che mi sembra continui ancora adesso tra l'altro)? MS non è da prendere in esempio, visto che la prima Xbox non fu esattamente un successo e non è che le software house si lanciassero a capofitto a sviluppare per Microsoft. Lavorava come Nintendo, con delle forti esclusive di team acquisiti e porting di terze parti, ma con minore fanbase e importanza storica rispetto alla prima. Comunque assolutamente corretto quel che dici sull'aspetto economico, non ci piove che sia stata una strategia vincente ma partivo dalla frase "perché percorrendo la strada tradizionale le cose non è che andassero granché bene", che sembra nascondere l'ineluttabilità di virare verso il mercato generalista con un prodotto che doveva essere, prima di una console, uno status symbol. Fortissimi in Nintendo, eh. Più forti di sempre nel mercato home console dal Wii in poi (con una piccola sbavatura in mezzo) rispetto a prima ma poteva esserci un altro modo di rimanere a galla nel mercato. Posto che i se e i ma non abbiano alcuna utilità, io penso sempre che ad ogni nuova generazione siano ancora in tempo a tornare a competere sull'hardware. E invece non lo fanno, e si arrovellano sul trovare un modo per replicare la fuffa e l'ubriacatura del wii, o con risultati disastrosi come WIIU o con ulteriori successi, tipo Switch. Ora, Switch funziona principalmente perché nelle portatili sono sempre stati i campioni assoluti e unire i due target era la cosa più intelligente da fare, senza indispettire tra l'altro i cosiddetti "hardcore gamers" ma in futuro? Quanto ancora reggeranno i trucchetti magici di fronte a dei concorrenti sempre più agguerriti? Ma me ne sono andato da un'altra parte, quello che intendi tu è chiaro e io sto andando OT.
  2. Io a questa storia del wii come unica via necessaria per riprendersi ci ho sempre creduto ben poco. è stata una via astuta ma il vero problema di Nintendo (da sempre) è stato ed è quello di impuntarsi su delle cose spesso incomprensibili e di chiudersi a riccio. Nintendo è sempre stata la principale causa dei suoi mali. Nintendo ha creato il suo nemico numero 1. Nintendo ha creato la playstation, no per dire... Cosa poteva fare per riprendersi dopo l'insuccesso di vendite del cubo? Poteva proseguire sulla via più classica e concentrarsi sulle terze parti, ottenendo finalmente delle esclusive imprescindibili oltre alla marmorea scuderia di titoli first party che la caratterizzano da sempre, sviluppare delle console più accessibili agli sviluppatori, dei formati meno strampalati. Insomma va, di strade ce n'erano ma si è optato per una console fotocopia della precedente con delle feature che andassero a pescare in un oceano per nulla battuto: quello dei non giocatori, degli acquirenti occasionali. Ottima strategia per carità, vincente come dimostrano i fatti ma mai si potrà pensare che l'alternativa a quella robaccia fosse il fallimento. E anzi, le tossine di quella scelta hanno pervaso e pervadono ogni nuova generazione di console.
  3. quello che non capisco è il bisogno di sottolineare ogni minima cosa che non funziona nella resa visiva, come se ogni stortura fosse una scoperta. La grafica è visibilmente un'immondizia, lo è anche se l'acqua fa gli schizzi
  4. Mr. Green Genes

    Il Grande Topic dei Rumors

    ah allora è la notizia a non avere senso non lo so non conosco la saga. Probabilmente quella finestra è un tributo e basta
  5. Mr. Green Genes

    Il Grande Topic dei Rumors

    beh il simbolo è inequivocabile. Qualcosa dovrà esserci per forza e non c'è manco una donnina ancora tra i DLC. Secondo me la faccenda degli spiriti è un non problema.
  6. ah sì sì figurati io ho perso le speranze in Nintendo ormai da tempo. Il confronto sarà sempre impietoso ma senza ombra di dubbio nintendo non può rimanere nella situazione attuale, con switch tra le mani così com'è mentre gli altri sganciano le bombe. Per questo dico che strategicamente ha decisamente più senso tirarla fuori in quella occasione. Anche solo per fare brodo, per vendere un po' di fumo che pur non capendo niente di strategie di marketing, mi sembra comunque meglio di restare a guardare. O il modello pro si assesta su caratteristiche comunque competitive o si tratta di un successore vero e proprio con qualche nuova feature (ne dubito, troppo presto e la console va a gonfie vele). Propendo per la prima, con il classico netto distacco che separa e separerà credo ormai per sempre Nintendo dalle concorrenti ma con una certa marcia in più magari.
  7. non aveva senso mostrarla ora. Ora serve la lite per accompagnare quella fetenzia di pokemon scudo (non vi arrabbiate ve prego me lo rimangio). Strategia impeccabile e lamentele abbastanza inutili a mio parere. Una pro ha più senso quando arriverà la cavalleria sony+microsoft e presenterà una nuova console. Liscio come l'olio.
  8. ma esattamente che torto fa questa versione pezzotta a chi ha già la console o ha intenzione di prendere la versione standard?
  9. Switch pro con Metroid prime 4. Il resto non importa
  10. Non so, rosicherei un botto se uscisse una versione potenziata tipo l'estate prossima. E non è in discussione un riacquisto della console. E siccome i rumor di lite e pro camminavano insieme, credo proprio che infine uscirà. Ci penso, forse se la trovo a 250 euro max faccio la pazzia
  11. Se ora siamo davvero in aria di switch pro, attendo ancora. Mi ero quasi convinto a prendere la console mannaggia
  12. sì alcune produzioni riescono ad essere comunque intelligenti, carismatiche, fresche e prive del fastidioso paternalismo che caratterizzava molti cartoni degli anni ottanta e novanta (basta citare Adventure Time) ma il punto è che Cuphead nasce come tributo ai cartoni anni trenta, dove il tono era completamente diverso per il momento storico. Quindi è questa la peculiarità di Cuphead, abbiamo discusso pagine e pagine su quanto sia la cosa principale anche nel videogioco, se me la togli nel cartone animato che cosa hai fatto? Che cosa aggiungerà Cuphead cartone animato? In cosa sarà diverso da mille altre serie a cartoni moderne? Insomma curiosità a mille ma mille dubbi sul senso dell'operazione, così come sembra. L'unica cosa che mi rassicura è che i Moldenhauer si sono fatti il culo dietro a questa creatura e non credo avranno il cuore di snaturarla eccessivamente.
  13. mh e invece no sai. ISecondo me i bambini lo guarderanno ma solo se esteticamente attuale. O se non solo, comunque la maggioranza del pubblico giovanissimo non sarebbe interessata. Nel caso che dici tu e che io appoggerei, avrebbero accontentato gli amanti dello stile anni'30, mente se sei Netflix e decidi di investire su una cosa devi avere un obiettivo più ampio. Io da piccolo guardavo le silly symphonies e i cartoni animati dei primi anni del secolo scorso, come tanti più o meno della mia età ma credo che ormai il divario tra l'animazione attuale e quella del secolo passato sia molto grande e che non renda più così appetibili i cartoni animati vecchia scuola. Ma è un'ipotesi la mia, magari quelle produzioni riescono ancora ad abbattere le barriere del tempo e i bambini non si fanno così tanti scrupoli davanti a un bel cartone animato. Non so, non ho esempi. Ma comunque ragazzi, il vero problema (stile a parte che tanto non abbiamo visto niente) sarebbe la totale assenza di quel meraviglioso cinismo figlio dei tempi che caratterizzava i vecchi cartoni animati e che in Cuphead videogioco è ben trasposto. Cioè nzomma, per me il boss sigaro ad esempio è già saltato. Questo sarebbe sì demoralizzante.
  14. ma chi glielo doveva dire a quei due stanno sbancando. Detto ciò, dall'immagine sembra che adotteranno uno stile simile ai nuovi cartoni di Topolino, moderni ma che richiamano quelli degli anni trenta. Probabile unica via per fare uscire una serie su Cuphead su Netflix ma insomma forse sarebbe stato più interessante utilizzare esattamente lo stile del videogioco e creare dei falsi cartoni anni trenta. Oppure no, vedremo.
×
×
  • Crea Nuovo...

Informazione Importante

Abbiamo inserito cookie sul tuo dispositivo per contribuire a migliorare questo sito web. Puoi modificare le impostazioni dei cookie, altrimenti supponiamo che tu possa continuare.