Vai al contenuto

Siero

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    2249
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Feedback

    N/A

Su Siero

  • Rango
    Signore
  • Compleanno 13/07/1989

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disattivato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. i dialoghi sono quel che sono... ma appunto i dialoghi sono l'ultima parte, dal punto di vista strutturale, della costruzione di una narrazione. inoltre c'è da considerare il medium, in X non vediamo personaggi parlare ma delle vignette con le immagini delle facce dei personaggi che compaiono sullo schermo. tra l'altro ricordo che ll'epoca mi dissero che era anceh dovuto alla traduzione amatoriale in italiano, ma mi pare che non cambi niente giocarlo in lingua inglese chissà la lingua originale giapponese... ad esempio le tre sorelle Dominia e co. che vengono affrontate spesso nel gioco, sembrano uscite da Sailor moon. e Chu chu? il bello di giocarlo su emulato su PC è che oltre a miglioramenti grafici puoi salvare dove e quando vuoi, quindi la parte della Torre di Babele l'ho fatta come niente, mentre 10 anni fa mi dannai i pregi di Xenogears sono 2 per me: l'aver creato un universo intrecciato in una trama con tante referenze culturali dai contenuti affascinanti. e poi prendere questa complessissimo gomitolo di storia e farla sciogliere piano piano da un un singolo filo. senza MAI perdersi nella complessità le vicende si sviluppano in modo esemplare. basti pensare a quante informazioni e riferimenti ci sono dall'intro, che appare bello ma incomprensibile all'inizio, ma che poi acquista senso una volta finito il gioco. tutte le informazioni che via via vanno ad aggiungersi alla trama non appaiono mai forzate. come può succedere quando si cerca di allungare una serie tv, un anime. non è l'unico gioco che riesce a farlo ovvio, ma difficile trovare un gioco con una trama tanto complessa (complessa intendo per i vari snodi non perché "difficile" o "matura") e piena di avvenimenti e salti temporali... indispensabile la lettura del perfect works dopo aver finito il gioco. le informazioni son davvero tante, e sfuggono (molte cose mi son sfuggite anche oggi), o per capire davvero bene le vicende. come ho detto il gioco comincia nel bel mezzo degli avvenimenti. salti temporali e personaggi. aggiungo un terzo pregio, l'importanza della storia d'amore dei protagonisti, che non è messa come incidente, è questione portante del gioco. si può dire viaggia nel tempo con la storia dell'umanità
×
×
  • Crea Nuovo...

Informazione Importante

Abbiamo inserito cookie sul tuo dispositivo per contribuire a migliorare questo sito web. Puoi modificare le impostazioni dei cookie, altrimenti supponiamo che tu possa continuare.