Jump to content
Sign in to follow this  
Fiamma Bianca

Spaziocritic: le recensioni e i consigli da chi gioca per passione

Recommended Posts

28u1ylu.png

Ci sono decisioni troppo grandi per essere prese da un videogiocatore da solo: per affrontare tali minacce alla coerenza (ri)nasce Spazio Critic™ (Mortipher SPA).

Questa rubrica vuole essere un punto di incontro fra i giocatori per i giocatori, un'occasione di condivisione e discussione finalizzata soprattutto a

dirimere quei dubbi che spesso ci assalgono nella scelta di un gioco o di una piattaforma videoludica.

In questi anni stiamo assistendo ad un mutamento repentino del mondo dei videogiochi, con console che diventano sempre meno plug and play

in favore di hardware in continuo aggiornamento, pc che grazie alla compatibilità dei pad e software come big picture diventano più user friendly,

handled che con estensioni sono in grado di essere utilizzate seduti comodamente sul divano sfruttando il maxischermo...per non parlare della realtà

virtuale che oggi ha una concreta possibilità di dire la sua e spiccare il volo..

E in mezzo a tutto questo ci siamo noi, curiosi, critici, parsimoniosi, spendaccioni, laggente; ognuno con una propria storia, con le proprie opinioni,

con la voglia di condividerle per invitare altri dove ci si è trovati bene o per tenere alla larga i nostri compari da lidi poco accoglienti.

Spaziocritic è quindi il vostro posto, dove potrete condividere rapidi pensieri o recensioni complete (che andranno ad impreziosire la prima pagina di questa nuova "piazza" )

e dare il vostro parere a chi ne avrà bisogno.

Ti hanno appena regalato una console nuova e vuoi sapere quali titoli la valorizzano al massimo? Vuoi recuperare Tutti i titoli in esclusiva? Non sai cosa regalarti per le feste?

Sei nel posto giusto

Edited by Fiamma Bianca

ldW6aDG.png

Share this post


Link to post

In questo secondo post, curato e aggiornato dal sottoscritto, verranno inserite le vostre recensioni.

Non dovranno essere per forza lavori di stampo giornalistico, per cui inserite pure pareri condizionati da vostre precedenti esperienze, giudizi personali e quanto più vi aggrada.

In genere inseriremo tutto, salvo testi scritti in un italiano da sms o contenenti insulti variegati.

Ogni 4 mesi raccoglieremo le recensioni pubblicate e voteremo il best recensore,

Forza ragazzi!

 

D

Brother's Killer DooM - Voto 8 26/11/2016

 

I primi due Doom non sono stati semplicemente videogiochi rivoluzionari e fondatori di un genere, sono stati fenomeni culturali enormi, pienamente rappresentativi del loro tempo con il loro mix fra l'immaginario macho militare e fantascientifico della fine degli anni 80, D&D e il metal estremo. Profondamente iconoclasta senza però mai prendersi sul serio, nel loro piccolo un atto di ribellione giovanile vera e propria. Dieci anni dopo usciva Doom 3, 10 anni in cui il mondo degli FPS era stato cambiato da bombe come Goldeneye, Half-Life, System Shock, Halo, i mondi astratti e sopra le righe erano stati sostituiti da mondi che cercavano di replicare, nei loro limiti videoludici, luoghi reali e l'accento sulla narrazione si era fatto preponderante. Anche ID aveva tentato di seguire quella scia e rimodernare il suo franchise, generando un FPS che risultava un mix fra nuovo e vecchio che, a parere di chi scrive, non era riuscito in nessuno degli obiettivi che si poneva. Personalmente all'annuncio del nuovo DooM e di fronte alle promesse di ritorno al classico sono sempre rimasto ampiamente scettico, sono stati i primi video gameplay presi dal single che mi hanno convinto a giocare il titolo. Altri dieci anni dopo Doom 3 ID ha scelto di seguire la strada esattamente opposta: in un'epoca di shooter che si prendono tremendamente sul serio, l'unica possibile risposta per un franchise come Doom era un ritorno al classico, un ritorno al classico non tanto dal punto di vista del gameplay quanto piuttosto dello spirito, menefreghista, viscerale e catartico, modernizzando nel frattempo tutto ciò che doveva essere modernizzato.

 

Se si parla del puro combat è vera goduria dall'inizio alla fine, tutto quello che un FPS dovrebbe essere oggi. ID ha capito benissimo che riproporre il vecchio gameplay basato sul circle strafing nel 2016 non avrebbe avuto senso, sia perché si tratta di una formula ormai copiata dai centinaia di Doom clone all'epoca che riproposta dai vari franchise old school stile Painkiller e Serious Sam, che inoltre erano limitati da una struttura molto basata su arene in cui far spawnare nemici a ripetizione. Questa struttura viene ripresa da questo DooM, ma con arene multilivello e complesse, con risorse distribuite ovunque, nemici aggressivi capaci di seguirti ovunque ed incalzarti in ogni momento, cosa che in combinazione con l'estrema mobilità e le due idee geniali per la gestione delle risorse (finisher per la vita e motosega per le munizioni) costringe il giocatore a muoversi continuamente e a sfruttare al meglio le sue armi per avere la meglio sulle numerose orde nemiche. Mi è piaciuto pure come, soprattutto in combinazione con i colpi secondari, ogni arma avesse il proprio giusto utilizzo in ogni momento, c'è stato un grande lavoro per rendere più o meno tutte ugualmente valide per un motivo o per l'altro anche negli stage finali (ad eccezione della pistola che... vabbé, è la pistola). Restare attaccati ad una sola arma per tutto il gioco mi sembra difficile (almeno alla difficoltà in cui l'ho giocato), soprattutto considerando che i nemici sono assolutamente diversificati (come negli originali, praticamente senza sovrapposizioni) e vanno approcciati in modo diverso (ho adorato il modo in cui sono stati modificati i Pinky, quel loro caricare a testa basta ed essere maggiormente vulnerabili alle spalle aggiunge un elemento fondamentale agli elementi da tenere in considerazione in battaglia). Se a tutto ciò ci aggiungiamo un estetica gore fenomenale e una colonna sonora gasantissima, abbiamo semplicemente una delle esperienze più viscerali e catartiche che possano esistere in un FPS. Per inciso, almeno per come l'ho giocato io (cercando tutti i potenziamenti e i segreti) ho trovato il livello di difficoltà perfettamente graduale e crescente, con rarissimi difficulty spikes (ho letto nelle pagine precedenti criticare quello alla fine di Vega, secondo me è un modo per "insegnare" al giocatore ad usare di più ed in modo più efficace il BFG, che è fondamentale utilizzare nell'ultimo livello). Mi hanno sorpreso addirittura in positivo i boss, soprattutto il secondo, che stressa esattamente il gioco sui punti di forza del combat. Solo la prima parte del Cyberdemon è un po' meh.

 

Per quanto riguarda tutto ciò che non è combat, la prima metà del gioco mi ha stupito tantissimo da questo punto di vista. I livelli aperti e ricchi di segreti sono praticamente una versione moderna dei labirintici livelli degli originali. Non posso negare poi che rivedere una certa dinamica del salto + l'analisi della mappa tridimensionale per capire dove andare e dove trovare i segreti mi abbia riportato più di una volta alla mente Metroid Prime... E scusate se è poco. Nella seconda metà del gioco purtroppo c'è un netto calo della complessità e apertura del level design. Fondamentalmente il gioco diventa tutto una sequenza lineare di arene con qualche divagazione per i segreti. Quel vibe da Metroid Prime scompare. Ipotizzo che paradossalmente a qualcuno potrebbe far piacere avere meno dispersione e una concentrazione maggiore sul puro combat, ma la cosa può far sentire la ripetitività del gioco e causare un po' di stanca secondo me. Perché in quella parte iniziale in cui il gioco riesce a combinare così bene l'esplorazione di un mondo tridimensionale e la scoperta di segreti allo shooting più soddisfacente mai visto in un FPS sono tantissima roba.

Altre due cose che non mi sono piaciute: il fatto che il gioco sia basato sui checkpoint in combinazione con la presenza di punti di non ritorno interni ai livelli e la non linearità di certe mappe, soprattutto per i completisti (come il sottoscritto). La prima cosa rende i livelli meno unitari, a differenza degli originali (dove era SEMPRE possibile tornare al punto di partenza) e soprattutto pone il giocatore in un atteggiamento diverso verso i segreti, che diventa molto stressante, visto che non si sa mai chiaramente quando il gioco porrà nella posizione di non poter tornare indietro. Mi è capitato di ricominciare un livello un paio di volte per aver perso qualcosa. La seconda invece fa si che, nelle mappe in cui tornare al punto di partenza invece È possibile, può rendere tediosa la traversata. Magari si va in giro a cercare un segreto e si muore durante la ricerca, e il gioco ricomincia da un punto piuttosto lontano da dove è posizionato. Sarebbe bastato un sistema di save liberi/quicksave impedendo di salvare durante le ondate per evitare il save scumming, secondo me.

 

Il sistema di potenziamento del personaggio è pericolosamente vicina alla classica roba che non sopporto in molti giochi moderni, roba aggiunta più "perché sì" che non per aggiungere una vera profondità al tutto. Ho apprezzato parecchio quella più tradizionale e "metroidosa" per vita/armatura/munizioni, e anche lo sbloccaggio delle modalità secondarie delle armi, che unite al loro poter essere switchate a piacimento on the fly aggiunge serie possibilità tattiche al combattimento e soprattutto aiutano a rendere le armi iniziali utili anche più tardi. Tutto il resto mi è sembrato un po'... Superfluo. Sono i classici sistemi aggiunti per giustificare i segreti, soprattutto adesso che la gestione delle risorse non avrebbe reso il semplice "trovare vita e munizioni" qualcosa di così fondamentale, e quindi ci hanno infilato il sistema di upgrade per dare a questi un senso maggiore. Ma non trovo ancora questi sistemi soddisfacenti se integrati in questo modo. Non sono neanche rimasto particolarmente convinto dalle mini sfide inserite nei livelli, una serie di obiettivi assolutamente arbitrari e contestuali (una sorta di brutti achievement inseriti direttamente nel gioco) che sono più un fastidio per il giocatore piuttosto che delle sfide che spingono il giocatore a giocare in maniera interessante. Per fortuna ci sono le rune (praticamente la versione FPS degli Afheim di Bayonetta), che sono uno degli aspetti del gioco che ho gradito, ma da cui sono stato paradossalmente deluso proprio perché ce ne sono troppo poche e di queste poche effettivamente interessanti. Capisco che questo avrebbe necessitato di rune aggiuntive (che di per sé come concetto mi piacciono, per personalizzare lo stile di combattimento) difficili da bilanciare, ma ne avrei voluti di più. Anche qui, l'aver legato necessariamente il materiale opzionale con qualche aspetto legato al potenziamento del personaggio è stato più negativo che positivo.

 

Infine volevo parlare di ciò che secondo me distanzia più questo DooM dagli originali. Nei primi due Doom (e parlo avendo rigiocato proprio quest'anno il primissimo), lo shooting ed il level design andavano a braccetto. Questo significava che piccoli cambiamenti nel design del livello e nell'enemy placement davano un feel totalmente diverso allo scontro. Affrontare un'orda di Pinky in un'arena circolare o in un corridoio era diverso. Inoltre i nemici erano appunto posizionati accuratamente e singolarmente, ed il level design poteva anche posizionarli luoghi isolati, rendendo possibile agguati di varia natura. Questo, combinato con la gestione delle risorse "tradizionale", rendeva ogni nuovo livello ma anche lo stesso proseguire al suo interno eccitante, in quanto ogni angolo poteva nascondere una sorpresa. C'erano livelli dal feel quasi survival horror in cui le risorse scarseggiavano, c'erano livelli più focalizzati sull'esplorazione, insiemi di corridoi claustrofobici e articolati, momenti in cui ti buttavano addosso solo un tipo di nemici, altri in cui ti circondavano... Insomma, con lo stesso set di meccaniche, nemici e elementi per la creazione dei livelli il gioco permetteva di dar spazio ad una gran varietà di situazioni laddove solitamente un FPS potrebbe essere ripetitivo di per sé, dato il focus singolare sullo shooting. Che il motivo per cui ha generato un seguito enorme ed una quantità contenuti creati dagli utenti così elevato, la sua formula poteva allargarsi in tantissimo modi diversi. Il nuovo DooM semplicemente non è così, cerca di modernizzare la formula e riesce a farlo creando qualcosa che secondo me è unico sul panorama odierno. Perché nessuno shooter old school (stile Serious Sam) ha la mobilità estrema e verticalità del combat che possiede il nuovo DooM, né il modo in cui gestisce le risorse, che da al combattimento un ritmo così irresistibile. La formula da arena shooter trasferita nel singleplayer che ha questo DooM non ce l'ha semplicemente nessun altro FPS odierno, e questo è esemplare.

 

D'altra parte, questo comporta un problema non minore: sussiste una separazione netta fra le arene in cui si combatte e il "resto". Ed è qualcosa di paradossalmente implicito nello stesso eccellente combat che hanno creato. E quindi i segreti (e i pickup in generale) non potevano essere gestiti nello stesso modo in cui erano gestiti un tempo perché non avrebbero avuto semplicemente senso, e il comportamento dei nemici e la mobilità offerta al giocatore rende semplicemente poco sensato affrontarli in qualunque situazione che non comprenda un'arena. E questo lo dimostrano sia i momenti più lineari e meno verticali che le sezioni "classiche" dei livelli incluse come segreto, che fanno capire quanto poco situazioni del genere possano funzionare. Di conseguenza tutto ciò che non è combattimento (ovvero le complessità del level design non lineare e i segreti da trovare) diventa semplicemente una distrazione fra un'arena e l'altra e le arene stesse possono offrire varietà più nel modo in cui mescolano le ondate nemiche, piuttosto che nel loro level design in sé. Non penso mi ricorderò nel dettaglio il design di un livello o di un'arena, mentre, per farvi capire la differenza, riuscivo a comprendere solo dalla conformazione sulla mappa da che livello dei primi Doom fossero prese le parti segrete, e che nemici ci fossero al loro interno (o meglio non ci fossero, visto che spesso erano eliminati).

 

Insomma, più che i vecchi Doom, questo gioco mi sembra una versione shooter di certi action game orientali (ho già citato Bayonetta in precedenza?). Cosa che non costituisce necessariamente un difetto, ma fa assumere al modo in cui si percepisce il gioco una connotazione diversa. Ho visto gente lamentarsi della ripetitività, e secondo me è dovuto proprio a questo motivo. Anche se personalmente penso che, limitatamente alla durata del gioco, questo riesca a giocare con le ondate nemiche in modo da non dare una sensazione di somiglianza eccessiva fra un'arena e l'altra. Però ecco, sono curioso di vedere cosa combineranno con Snapmap. Sono abbastanza convinto che, proprio a causa dei limiti intrinseci elencati (oltre a quelli che da quanto ho capito ha la feature in sé) non si riuscirà mai a raggiungere un seguito paragonabile a quello dei primi Doom.

Nel complesso si tratta di un ottimo FPS, un degno erede moderno dello spirito degli originali, che dimostra di avere ancora qualcosa da dire in un panorama FPS così omologato, senza prendere dal passato ma anzi reinventando la formula classica in un modo che lo renda unico e diverso da qualunque altro shooter in circolazione. Segnalo che è stata da poco aggiunta una modalità arcade con punteggio che dovrebbe accentuare ancora di più lo stile di gameplay caratteristico e unico che il gioco ha saputo forgiarsi.

 

 

 

 

Q

 

Mad_Sound Quantum Break - Voto: 10 25/11/2016

 

I Remedy sono maledettamente geniali. E Quantum Break ne è la dimostrazione. Il titolo, come non succede spesso, ci lascia letteralmente attaccati al pad con la voglia di seguire la narrazione e scoprire cosa succede dopo. Gameplay eccezionale, narrativa eccelsa e grafica di alto livello sono i punti forza di questo titolo. Ma non solo. Assecondare al gioco una serie tv non solo aiuta a spezzare i ritmi di gioco ma diventa piacevole sotto l'aspetto interattivo: giocare ma allo stesso tempo vivere una storia con attori vero lascia un'esperienza unica e piacevole per tutto il tempo. Ottima anche la possibilità di scenari multipli in certe fasi con la possibilità di rigiocare il titolo assecondando una modalità più difficile. Unica nota dolente è la lunghezza di alcune note sparse per il gioco (sotto forma di collezionabili) che spesso rallentano troppo l'adrenalina.

Miglior gioco uscito su Xbox One

 

 

 

 

R

 

Mad_Sound Rainbow Six Siege voto: 8 17/02/2016

 

Nonostante un primo "rifiuto" verso questo fps tattico di casa Ubisoft, dettato principalmente dall'assenza di una vera campagna multiplayer sulla scia dei precedenti capitoli della serie, trovo opportuno segnalare e dire la mia a chi ama il genere.

Rainbow Six Siege ha principalmente 3 difetti: soffre dell'assenza della campagna, server Ubisoft orrendi, scarsa longevità per il single player.

Nel primo caso abbiamo di fronte, al posto della campagna, delle simulazioni, che non servono altro a far conoscere la mappa, gli operatori, e i diversi tipi di approccio con i quali possiamo affrontare lo scenario. Peccato perché l'assenza della campagna ski fa sentire e non poco.

I server Ubisoft, nonostante più di un anno di attività, continuano a soffrire di gravi problemi quali continue disconnessioni (non porterete a termine una sessione di gioco con almeno una disconnessione) freeze improvvisi, lag, bug sulle formazioni. Male, anzi malissimo.

Per chi non ha un gruppo di amici con i quali divertirsi il titolo può offrire una scarsa longevità, prima per i problemi succitati, secondo perché il gioco in se racchiude un range alto di età di giocatori il quale puà garantire sessioni estremamente piacevoli ma a discapito di (quasi) altrettante "inutili" per via di player infantili e poco interessati alla natura del titolo in se, dando modo ad alcuni di credere di giocare a cod quando qui siamo su di un altro pianeta.

Detto ciò passiamo ai pregi: se amate l'approccio tattico, avete un team con cui giocare, e vi piace la possibilità di "accedere" ogni volta in modo diverso allora avete trovato il gioco per voi. Diverse mappe, tanti operatori (ciascuno di essi con pregi e difetti ed un'abilità propria), ambiente di gioco distruttibile da garantire ogni volta un'irruzione diversa sono i punti forti del gioco. Tante ore di divertimento e pura adrenalina non mancheranno assolutamente, sia grazie alle tre modalità di gioco (presidio, artificieri, salvataggio) sia per la possibilità di partecipare a partite classificate dove solo i più forti avranno la meglio.

 

 

 

 

T

 

BadBoy25 The Legend of Zelda: A Link Between Worlds (3DS) - Voto: 7 27/11/2016

 

Il mio secondo Zelda, il primo con visuale top-down.

Partiamo dagli aspetti positivi: stile delizioso e tecnicamente pure impressiona per la qualità delle textures ed i 60 fps con un bell'effetto 3D attivo. La OST è splendida. Sul lato gameplay la trovata di Link affresco è geniale e l'introduzione del mondo di Lorule aggiunge ulteriore varietà, se non bastasse la già buona varietà di Hyrule. Mi è piaciuta anche l'idea dei mini dungeon extra.

E adesso cominciano le non poche note dolenti.

I dungeon, seppure in buon numero e ben diversificati tra loro, sono brevi ed eccessivamente semplici. Non c'è dungeon che non possa essere completato in meno di mezz'ora e nessun enigma mi ha piantato per più di un paio di minuti. La sola volta che mi sono bloccato è stata nel dungeon delle ombre, ma solo perché non sapevo come lanciare le bombe. Anche la difficoltà in battaglia è tarata verso il basso, peraltro quando sei in difficoltà aumenta incredibilmente il numero di cuori rilasciati dai nemici sconfitti e dagli oggetti distrutti. I boss mi sono sembrati anch'essi facili da battere, incluso il boss finale.

Il sistema di noleggio non funziona, praticamente si ottengono da subito, o quasi, tutti gli oggetti, facendo saltare quel senso di progressione dell'eroe (e dell'invenario) che avevo avuto quando giocai Skyward Sword. Inoltre, se sciaguratamente capitasse un game over, basta abbandonare la partita per non perdere gli oggetti noleggiati ed i soldi spesi per il noleggio.

Trama carina ma gestita malissimo, dopo gli eventi del castello di Hyrule al giocatore viene affidato l'incarico ci completare una sequenza di dungeon con 30 secondi di trama (anzi, di dialoghi semi-inutili, neanhce si possono definire trama) all'inizio ed alla fine di ognuno di essi. Praticamente non c'è alcuna progressione, la storia è spaccata in due: una prima parte all'inizio dle gioco ed una seconda alla fine, si poteva fare di meglio. Ad ogni modo è stato bello il plot twist nel finale.

Mini-giochi senza lode e senza infamia.

In definitiva un gioco buono, che vale la pena di provare, ma che rispetto la sua fama ho trovato un pò deludente. Lo metto sotto rispetto Skyward Sword, ma, tra l'altro, ha il pregio di avermi fatto scoprire che mi piace anche la formula top-down, quindi si allunga l'elenco degli Zelda che recupererò in futuro.

 

Edited by Fiamma Bianca

ldW6aDG.png

Share this post


Link to post

Parto io con un gioco finito di recente. Anche se ora sto facendo la seconda run per completare gli obiettivi e scoprire le scelte alternative:kappe:

 

Quantum Break - Voto: 10

 

I Remedy sono maledettamente geniali. E Quantum Break ne è la dimostrazione. Il titolo, come non succede spesso, ci lascia letteralmente attaccati al pad con la voglia di seguire la narrazione e scoprire cosa succede dopo. Gameplay eccezionale, narrativa eccelsa e grafica di alto livello sono i punti forza di questo titolo. Ma non solo. Assecondare al gioco una serie tv non solo aiuta a spezzare i ritmi di gioco ma diventa piacevole sotto l'aspetto interattivo: giocare ma allo stesso tempo vivere una storia con attori vero lascia un'esperienza unica e piacevole per tutto il tempo. Ottima anche la possibilità di scenari multipli in certe fasi con la possibilità di rigiocare il titolo assecondando una modalità più difficile. Unica nota dolente è la lunghezza di alcune note sparse per il gioco (sotto forma di collezionabili) che spesso rallentano troppo l'adrenalina.

 

Miglior gioco uscito su Xbox One


CapoModeratore Sezione

Microsoft Xbox | Partecipa al Conto in Rosso | Regolamento di Sezione

Hardware & Online FAQ 2.0 | Seguici su Twitch

 

mad_sound@spaziogames.it

vXIahU2.jpg

 

rUvMFbd.jpg

 

 

RESPONSABILE DEL CESTINO DI GAMESFORUM.IT

Share this post


Link to post

Quantum Break: 5

 

Leggete il parere sopra il mio post: è l'esatto opposto, in tutto.

Remedy worst fail.


Do you know the phrase "flower, sun and rain"?

 

The South Remembers.

??? Leon Kennedy©

emblem_195x195.png

 

 

 

Share this post


Link to post
Quantum Break: 5

 

Leggete il parere sopra il mio post: è l'esatto opposto, in tutto.

Remedy worst fail.

 

Se non mi scrivi una review è tutta aria fritta.

#nontigira

#pcarretta

#poraccio

:sasa:

 

- - - Aggiornato - - -

 

Parto io con un gioco finito di recente. Anche se ora sto facendo la seconda run per completare gli obiettivi e scoprire le scelte alternative:kappe:

 

Quantum Break - Voto: 10

 

I Remedy sono maledettamente geniali. E Quantum Break ne è la dimostrazione. Il titolo, come non succede spesso, ci lascia letteralmente attaccati al pad con la voglia di seguire la narrazione e scoprire cosa succede dopo. Gameplay eccezionale, narrativa eccelsa e grafica di alto livello sono i punti forza di questo titolo. Ma non solo. Assecondare al gioco una serie tv non solo aiuta a spezzare i ritmi di gioco ma diventa piacevole sotto l'aspetto interattivo: giocare ma allo stesso tempo vivere una storia con attori vero lascia un'esperienza unica e piacevole per tutto il tempo. Ottima anche la possibilità di scenari multipli in certe fasi con la possibilità di rigiocare il titolo assecondando una modalità più difficile. Unica nota dolente è la lunghezza di alcune note sparse per il gioco (sotto forma di collezionabili) che spesso rallentano troppo l'adrenalina.

 

Miglior gioco uscito su Xbox One

 

Messa nel secondo post!!! :nev:

Edited by Fiamma Bianca

ldW6aDG.png

Share this post


Link to post
Se non mi scrivi una review è tutta aria fritta.

#nontigira

#pcarretta

#poraccio

:sasa:

be', diceva l'opposto Mad_Sound, tipo:

I remedy sono terribilmente banali. E Quantum Break ne è la dimostrazione. Il titolo, come non succede spesso, ci priva letteralmente della voglia di tenere il pad e della curiosità di seguire la narrazione per scoprire cosa succede dopo. [...]

:kappe:

Share this post


Link to post
Quantum Break: 5

 

Leggete il parere sopra il mio post: è l'esatto opposto, in tutto.

Remedy worst fail.

 

Quoto Gambit, e rincaro la dose dicendo che se questa è la prima "recensione" tanto vale andare a leggere quelle di Spazio :trollface:

 

Quantum Break - Voto: 5

 

I remedy sono diventati terribilmente banali. E Quantum Break ne è la dimostrazione. Il titolo, come non succede spesso, ci priva letteralmente della voglia di tenere il pad e della curiosità di seguire la narrazione per scoprire cosa succede dopo. Gameplay mediocre, narrativa misera e grafica sì dettagliata ma poco pulità, sono i punti deboli di questo titolo. Ma non solo, purtroppo. Assecondare al gioco una serie tv non solo spezza i ritmi di gioco ma diventa spiacevole sotto l'aspetto interattivo: giocare ma allo stesso tempo vivere una storia con attori veri lascia un'esperienza unica ma noiosa per tutto il tempo. Pessima anche la possibilità di scenari multipli in certe fasi con l'impossibilità di rigiocare il titolo assecondando una modalità più difficile. Unica nota positiva è la lunghezza di alcune note sparse per il gioco (sotto forma di collezionabili) che spesso rallentano la poca l'adrenalina ma aumentano il fievole spessore narrativo.

 

Peggior gioco uscito su Xbox One, quasi ai livelli di The Order su PS4

 

:pffs:

Edited by The_BACH

hairottoilcazzoconstospamchenonesiste.pn

Share this post


Link to post

Copincollo modificando un post scritto un po' di tempo fa sull'ultimo gioco che ho giocato, spero possa valere come recensione :asd:

 

DooM - Voto 8

 

I primi due Doom non sono stati semplicemente videogiochi rivoluzionari e fondatori di un genere, sono stati fenomeni culturali enormi, pienamente rappresentativi del loro tempo con il loro mix fra l'immaginario macho militare e fantascientifico della fine degli anni 80, D&D e il metal estremo. Profondamente iconoclasta senza però mai prendersi sul serio, nel loro piccolo un atto di ribellione giovanile vera e propria. Dieci anni dopo usciva Doom 3, 10 anni in cui il mondo degli FPS era stato cambiato da bombe come Goldeneye, Half-Life, System Shock, Halo, i mondi astratti e sopra le righe erano stati sostituiti da mondi che cercavano di replicare, nei loro limiti videoludici, luoghi reali e l'accento sulla narrazione si era fatto preponderante. Anche ID aveva tentato di seguire quella scia e rimodernare il suo franchise, generando un FPS che risultava un mix fra nuovo e vecchio che, a parere di chi scrive, non era riuscito in nessuno degli obiettivi che si poneva. Personalmente all'annuncio del nuovo DooM e di fronte alle promesse di ritorno al classico sono sempre rimasto ampiamente scettico, sono stati i primi video gameplay presi dal single che mi hanno convinto a giocare il titolo. Altri dieci anni dopo Doom 3 ID ha scelto di seguire la strada esattamente opposta: in un'epoca di shooter che si prendono tremendamente sul serio, l'unica possibile risposta per un franchise come Doom era un ritorno al classico, un ritorno al classico non tanto dal punto di vista del gameplay quanto piuttosto dello spirito, menefreghista, viscerale e catartico, modernizzando nel frattempo tutto ciò che doveva essere modernizzato.

 

Se si parla del puro combat è vera goduria dall'inizio alla fine, tutto quello che un FPS dovrebbe essere oggi. ID ha capito benissimo che riproporre il vecchio gameplay basato sul circle strafing nel 2016 non avrebbe avuto senso, sia perché si tratta di una formula ormai copiata dai centinaia di Doom clone all'epoca che riproposta dai vari franchise old school stile Painkiller e Serious Sam, che inoltre erano limitati da una struttura molto basata su arene in cui far spawnare nemici a ripetizione. Questa struttura viene ripresa da questo DooM, ma con arene multilivello e complesse, con risorse distribuite ovunque, nemici aggressivi capaci di seguirti ovunque ed incalzarti in ogni momento, cosa che in combinazione con l'estrema mobilità e le due idee geniali per la gestione delle risorse (finisher per la vita e motosega per le munizioni) costringe il giocatore a muoversi continuamente e a sfruttare al meglio le sue armi per avere la meglio sulle numerose orde nemiche. Mi è piaciuto pure come, soprattutto in combinazione con i colpi secondari, ogni arma avesse il proprio giusto utilizzo in ogni momento, c'è stato un grande lavoro per rendere più o meno tutte ugualmente valide per un motivo o per l'altro anche negli stage finali (ad eccezione della pistola che... vabbé, è la pistola). Restare attaccati ad una sola arma per tutto il gioco mi sembra difficile (almeno alla difficoltà in cui l'ho giocato), soprattutto considerando che i nemici sono assolutamente diversificati (come negli originali, praticamente senza sovrapposizioni) e vanno approcciati in modo diverso (ho adorato il modo in cui sono stati modificati i Pinky, quel loro caricare a testa basta ed essere maggiormente vulnerabili alle spalle aggiunge un elemento fondamentale agli elementi da tenere in considerazione in battaglia). Se a tutto ciò ci aggiungiamo un estetica gore fenomenale e una colonna sonora gasantissima, abbiamo semplicemente una delle esperienze più viscerali e catartiche che possano esistere in un FPS. Per inciso, almeno per come l'ho giocato io (cercando tutti i potenziamenti e i segreti) ho trovato il livello di difficoltà perfettamente graduale e crescente, con rarissimi difficulty spikes (ho letto nelle pagine precedenti criticare quello alla fine di Vega, secondo me è un modo per "insegnare" al giocatore ad usare di più ed in modo più efficace il BFG, che è fondamentale utilizzare nell'ultimo livello). Mi hanno sorpreso addirittura in positivo i boss, soprattutto il secondo, che stressa esattamente il gioco sui punti di forza del combat. Solo la prima parte del Cyberdemon è un po' meh.

 

Per quanto riguarda tutto ciò che non è combat, la prima metà del gioco mi ha stupito tantissimo da questo punto di vista. I livelli aperti e ricchi di segreti sono praticamente una versione moderna dei labirintici livelli degli originali. Non posso negare poi che rivedere una certa dinamica del salto + l'analisi della mappa tridimensionale per capire dove andare e dove trovare i segreti mi abbia riportato più di una volta alla mente Metroid Prime... E scusate se è poco. Nella seconda metà del gioco purtroppo c'è un netto calo della complessità e apertura del level design. Fondamentalmente il gioco diventa tutto una sequenza lineare di arene con qualche divagazione per i segreti. Quel vibe da Metroid Prime scompare. Ipotizzo che paradossalmente a qualcuno potrebbe far piacere avere meno dispersione e una concentrazione maggiore sul puro combat, ma la cosa può far sentire la ripetitività del gioco e causare un po' di stanca secondo me. Perché in quella parte iniziale in cui il gioco riesce a combinare così bene l'esplorazione di un mondo tridimensionale e la scoperta di segreti allo shooting più soddisfacente mai visto in un FPS sono tantissima roba.

Altre due cose che non mi sono piaciute: il fatto che il gioco sia basato sui checkpoint in combinazione con la presenza di punti di non ritorno interni ai livelli e la non linearità di certe mappe, soprattutto per i completisti (come il sottoscritto). La prima cosa rende i livelli meno unitari, a differenza degli originali (dove era SEMPRE possibile tornare al punto di partenza) e soprattutto pone il giocatore in un atteggiamento diverso verso i segreti, che diventa molto stressante, visto che non si sa mai chiaramente quando il gioco porrà nella posizione di non poter tornare indietro. Mi è capitato di ricominciare un livello un paio di volte per aver perso qualcosa. La seconda invece fa si che, nelle mappe in cui tornare al punto di partenza invece È possibile, può rendere tediosa la traversata. Magari si va in giro a cercare un segreto e si muore durante la ricerca, e il gioco ricomincia da un punto piuttosto lontano da dove è posizionato. Sarebbe bastato un sistema di save liberi/quicksave impedendo di salvare durante le ondate per evitare il save scumming, secondo me.

 

Il sistema di potenziamento del personaggio è pericolosamente vicina alla classica roba che non sopporto in molti giochi moderni, roba aggiunta più "perché sì" che non per aggiungere una vera profondità al tutto. Ho apprezzato parecchio quella più tradizionale e "metroidosa" per vita/armatura/munizioni, e anche lo sbloccaggio delle modalità secondarie delle armi, che unite al loro poter essere switchate a piacimento on the fly aggiunge serie possibilità tattiche al combattimento e soprattutto aiutano a rendere le armi iniziali utili anche più tardi. Tutto il resto mi è sembrato un po'... Superfluo. Sono i classici sistemi aggiunti per giustificare i segreti, soprattutto adesso che la gestione delle risorse non avrebbe reso il semplice "trovare vita e munizioni" qualcosa di così fondamentale, e quindi ci hanno infilato il sistema di upgrade per dare a questi un senso maggiore. Ma non trovo ancora questi sistemi soddisfacenti se integrati in questo modo. Non sono neanche rimasto particolarmente convinto dalle mini sfide inserite nei livelli, una serie di obiettivi assolutamente arbitrari e contestuali (una sorta di brutti achievement inseriti direttamente nel gioco) che sono più un fastidio per il giocatore piuttosto che delle sfide che spingono il giocatore a giocare in maniera interessante. Per fortuna ci sono le rune (praticamente la versione FPS degli Afheim di Bayonetta), che sono uno degli aspetti del gioco che ho gradito, ma da cui sono stato paradossalmente deluso proprio perché ce ne sono troppo poche e di queste poche effettivamente interessanti. Capisco che questo avrebbe necessitato di rune aggiuntive (che di per sé come concetto mi piacciono, per personalizzare lo stile di combattimento) difficili da bilanciare, ma ne avrei voluti di più. Anche qui, l'aver legato necessariamente il materiale opzionale con qualche aspetto legato al potenziamento del personaggio è stato più negativo che positivo.

 

Infine volevo parlare di ciò che secondo me distanzia più questo DooM dagli originali. Nei primi due Doom (e parlo avendo rigiocato proprio quest'anno il primissimo), lo shooting ed il level design andavano a braccetto. Questo significava che piccoli cambiamenti nel design del livello e nell'enemy placement davano un feel totalmente diverso allo scontro. Affrontare un'orda di Pinky in un'arena circolare o in un corridoio era diverso. Inoltre i nemici erano appunto posizionati accuratamente e singolarmente, ed il level design poteva anche posizionarli luoghi isolati, rendendo possibile agguati di varia natura. Questo, combinato con la gestione delle risorse "tradizionale", rendeva ogni nuovo livello ma anche lo stesso proseguire al suo interno eccitante, in quanto ogni angolo poteva nascondere una sorpresa. C'erano livelli dal feel quasi survival horror in cui le risorse scarseggiavano, c'erano livelli più focalizzati sull'esplorazione, insiemi di corridoi claustrofobici e articolati, momenti in cui ti buttavano addosso solo un tipo di nemici, altri in cui ti circondavano... Insomma, con lo stesso set di meccaniche, nemici e elementi per la creazione dei livelli il gioco permetteva di dar spazio ad una gran varietà di situazioni laddove solitamente un FPS potrebbe essere ripetitivo di per sé, dato il focus singolare sullo shooting. Che il motivo per cui ha generato un seguito enorme ed una quantità contenuti creati dagli utenti così elevato, la sua formula poteva allargarsi in tantissimo modi diversi. Il nuovo DooM semplicemente non è così, cerca di modernizzare la formula e riesce a farlo creando qualcosa che secondo me è unico sul panorama odierno. Perché nessuno shooter old school (stile Serious Sam) ha la mobilità estrema e verticalità del combat che possiede il nuovo DooM, né il modo in cui gestisce le risorse, che da al combattimento un ritmo così irresistibile. La formula da arena shooter trasferita nel singleplayer che ha questo DooM non ce l'ha semplicemente nessun altro FPS odierno, e questo è esemplare.

 

D'altra parte, questo comporta un problema non minore: sussiste una separazione netta fra le arene in cui si combatte e il "resto". Ed è qualcosa di paradossalmente implicito nello stesso eccellente combat che hanno creato. E quindi i segreti (e i pickup in generale) non potevano essere gestiti nello stesso modo in cui erano gestiti un tempo perché non avrebbero avuto semplicemente senso, e il comportamento dei nemici e la mobilità offerta al giocatore rende semplicemente poco sensato affrontarli in qualunque situazione che non comprenda un'arena. E questo lo dimostrano sia i momenti più lineari e meno verticali che le sezioni "classiche" dei livelli incluse come segreto, che fanno capire quanto poco situazioni del genere possano funzionare. Di conseguenza tutto ciò che non è combattimento (ovvero le complessità del level design non lineare e i segreti da trovare) diventa semplicemente una distrazione fra un'arena e l'altra e le arene stesse possono offrire varietà più nel modo in cui mescolano le ondate nemiche, piuttosto che nel loro level design in sé. Non penso mi ricorderò nel dettaglio il design di un livello o di un'arena, mentre, per farvi capire la differenza, riuscivo a comprendere solo dalla conformazione sulla mappa da che livello dei primi Doom fossero prese le parti segrete, e che nemici ci fossero al loro interno (o meglio non ci fossero, visto che spesso erano eliminati).

 

Insomma, più che i vecchi Doom, questo gioco mi sembra una versione shooter di certi action game orientali (ho già citato Bayonetta in precedenza?). Cosa che non costituisce necessariamente un difetto, ma fa assumere al modo in cui si percepisce il gioco una connotazione diversa. Ho visto gente lamentarsi della ripetitività, e secondo me è dovuto proprio a questo motivo. Anche se personalmente penso che, limitatamente alla durata del gioco, questo riesca a giocare con le ondate nemiche in modo da non dare una sensazione di somiglianza eccessiva fra un'arena e l'altra. Però ecco, sono curioso di vedere cosa combineranno con Snapmap. Sono abbastanza convinto che, proprio a causa dei limiti intrinseci elencati (oltre a quelli che da quanto ho capito ha la feature in sé) non si riuscirà mai a raggiungere un seguito paragonabile a quello dei primi Doom.

Nel complesso si tratta di un ottimo FPS, un degno erede moderno dello spirito degli originali, che dimostra di avere ancora qualcosa da dire in un panorama FPS così omologato, senza prendere dal passato ma anzi reinventando la formula classica in un modo che lo renda unico e diverso da qualunque altro shooter in circolazione. Segnalo che è stata da poco aggiunta una modalità arcade con punteggio che dovrebbe accentuare ancora di più lo stile di gameplay caratteristico e unico che il gioco ha saputo forgiarsi.


I've been knocking and knocking and knocking and knocking
Pounding and knocking and knocking
Let me in

Share this post


Link to post
Quoto Gambit, e rincaro la dose dicendo che se questa è la prima "recensione" tanto vale andare a leggere quelle di Spazio :trollface:

 

 

 

:pffs:

 

è perfetta :rickds:


Do you know the phrase "flower, sun and rain"?

 

The South Remembers.

??? Leon Kennedy©

emblem_195x195.png

 

 

 

Share this post


Link to post

Non posto una recensione di Life is Strange solo perché ho giocato 30 min. Però direi che se la prima impressione è giusta, Life is Strange è la causa di ogni male nel mondo.

Share this post


Link to post
Non posto una recensione di Life is Strange solo perché ho giocato 30 min. Però direi che se la prima impressione è giusta, Life is Strange è la causa di ogni male nel mondo.

 

Stessa impressione l'ho avuta io. :asd:

La gente ne è però innamorata e non vorrei quindi che la colpa sia mia che i teen drama non li posso proprio più reggere. :asd:

Torno a leggere ragazzo da parete :kep88:


Do you know the phrase "flower, sun and rain"?

 

The South Remembers.

??? Leon Kennedy©

emblem_195x195.png

 

 

 

Share this post


Link to post

The Legend of Zelda: A Link Between Worlds (3DS) - Voto 7

 

Il mio secondo Zelda, il primo con visuale top-down.

Partiamo dagli aspetti positivi: stile delizioso e tecnicamente pure impressiona per la qualità delle textures ed i 60 fps con un bell'effetto 3D attivo. La OST è splendida. Sul lato gameplay la trovata di Link affresco è geniale e l'introduzione del mondo di Lorule aggiunge ulteriore varietà, se non bastasse la già buona varietà di Hyrule. Mi è piaciuta anche l'idea dei mini dungeon extra.

E adesso cominciano le non poche note dolenti.

I dungeon, seppure in buon numero e ben diversificati tra loro, sono brevi ed eccessivamente semplici. Non c'è dungeon che non possa essere completato in meno di mezz'ora e nessun enigma mi ha piantato per più di un paio di minuti. La sola volta che mi sono bloccato è stata nel dungeon delle ombre, ma solo perché non sapevo come lanciare le bombe. Anche la difficoltà in battaglia è tarata verso il basso, peraltro quando sei in difficoltà aumenta incredibilmente il numero di cuori rilasciati dai nemici sconfitti e dagli oggetti distrutti. I boss mi sono sembrati anch'essi facili da battere, incluso il boss finale.

Il sistema di noleggio non funziona, praticamente si ottengono da subito, o quasi, tutti gli oggetti, facendo saltare quel senso di progressione dell'eroe (e dell'invenario) che avevo avuto quando giocai Skyward Sword. Inoltre, se sciaguratamente capitasse un game over, basta abbandonare la partita per non perdere gli oggetti noleggiati ed i soldi spesi per il noleggio.

Trama carina ma gestita malissimo, dopo gli eventi del castello di Hyrule al giocatore viene affidato l'incarico ci completare una sequenza di dungeon con 30 secondi di trama (anzi, di dialoghi semi-inutili, neanhce si possono definire trama) all'inizio ed alla fine di ognuno di essi. Praticamente non c'è alcuna progressione, la storia è spaccata in due: una prima parte all'inizio dle gioco ed una seconda alla fine, si poteva fare di meglio. Ad ogni modo è stato bello il plot twist nel finale.

Mini-giochi senza lode e senza infamia.

In definitiva un gioco buono, che vale la pena di provare, ma che rispetto la sua fama ho trovato un pò deludente. Lo metto sotto rispetto Skyward Sword, ma, tra l'altro, ha il pregio di avermi fatto scoprire che mi piace anche la formula top-down, quindi si allunga l'elenco degli Zelda che recupererò in futuro.


 

Now playing: Death Stranding (PS4) - Pokémon Let's GO Pikachu (NSW) - Mario Kart 8 Deluxe (NSW)

 

per info e chiarimenti: badboy25@gamesforum.it

 

Share this post


Link to post
Guest TheMrGmk

Giocate minish cap bad

Share this post


Link to post
Stessa impressione l'ho avuta io. :asd:

La gente ne è però innamorata e non vorrei quindi che la colpa sia mia che i teen drama non li posso proprio più reggere. :asd:

Torno a leggere ragazzo da parete :kep88:

 

Madonna con la colonna sonora da Sundance Film festival, i dialoghi e temi new age hypster, vegan, gluten-free, il politically correct, la sottotrama homosex che sicuramente salterà fuori a una certa... se oggi siamo questo, meritiamo l'estinzione.

Edited by Happy Little Boozer

Share this post


Link to post
Madonna con la colonna sonora da Sundance Film festival, i dialoghi e temi new age hypster, vegan, gluten-free, il politically correct, la sottotrama homosex che sicuramente salterà fuori a una certa... se oggi siamo questo, meritiamo l'estinzione.

 

Non ce la posso fare, ti amo.

Ti prego fammi sapere se c'è veramente la sotto trama homo :rickds:

 

Questo post mi ha ricordato di quella volta che andai con un mio amico al cinema a vedere The New World (mi pare si chiamasse così) che pensavamo sarebbe stato un sanguinoso film sullo sterminio dei pellerossa americani, ed invece si dimostrò essere il film di Pocahontas.

 

Ricordo che sfottevamo a voce alta il film per la sua lentezza e pesantezza, perché era capace di sfrangiare i maroni superando i vecchi standard imposti dai giochi Bethesda.

E in sala tutti ridevano alle nostre battute, il film stava facendo schifo a tutti.

 

Ad un certo punto, poco prima del finale, ero così rotto di palle che esclamai:

 

"Adesso come minimo ci becchiamo un quarto d'ora di inquadratura finale su un albero."

 

E avvenne subito dopo le mie parole.

Tutta la sala esplode in fragorose risate e applaude, ovviamente me, non il film.

 

E niente, sti pipponi sull'arte much feels muh cojoni vegan fashion mi ha ricordato quello.


FINITI 2019

Uncharted 4: Fine di un Ladro (PS4) 7.9

Travis Strikes Again: No More Heroes (NSW) 8.2

Pokèmon Let’s Go Eevee (NSW) 8.1

Blade Strangers (NSW) 7.6

V-Rally 4 (NSW) 7.7

Legendary Eleven (NSW) 6.3

Share this post


Link to post

Confido in Vampyr comunque.

Basta che non me lo fanno diventare un Vampire Diaries 2.0 (ma senza Damon).


Do you know the phrase "flower, sun and rain"?

 

The South Remembers.

??? Leon Kennedy©

emblem_195x195.png

 

 

 

Share this post


Link to post

Di life is strange la trama homosex io l'ho vista giá dalle immagini, se non ci fosse per davvero ci rimarrei male. Voglio dire, se lo giocassi. Appena ho accesso da un pc aggiorno il post :morristend:


ldW6aDG.png

Share this post


Link to post
Guest TheMrGmk

Io se lo compro lo faccio solo per la sottotrama homosex

 

- - - Aggiornato - - -

 

Ma tanto non lo comprerò mai, a sto punto meglio fear effect

Share this post


Link to post
Guest TheMrGmk
in realtà è una cosa molto più soft di quello che sembra/appare:asd:

 

:sadfrog:

Share this post


Link to post

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...