Jump to content
Rastrellin

Sid Meier’s Civilization VI | Cross-Save fra Switch e Steam | Disponibile

Recommended Posts

2 ore fa, MiaterM ha scritto:

sono tentatissimo

ho solo paura dell'assenza del mouse

Sono molto tentato anche io.. nessuno qui lo ha preso e può dare un parere ?


 

Hardware PC:- gpu Sapphire TRI-X AMD Radeon R9 290 - cpu Intel i5-4460 3,2GHz - madre Asrock H97 Pro4 - Case Midi Tower Enermax Ostrog- RAM Corsair Vengeance Blue LowProfile 1600MHz(2x4GB) - HD Seagate1TB (a marzo SSD da 500 gb :pffs:)

Share this post


Link to post

Arrivato, messo la cartuccia ed aggiornato. Ho provato subito a far partire una partita con mappa più grande possibile per vedere quanto ci vuole per creare la partita e se ci fossero problemi di frame rate dopo aver scoperto la maggior parte della mappa con il massimo numero di civiltà, unità ecc. ma l'interfaccia è molto poco chiara e fare una partita senza fare prima il tutorial è semi-impossibile (non dico giocare bene ma quantomeno sapere come terminare un turno, insomma le azioni basilari).

Inoltre quando si staziona su un'icona non esce il pop up che indica cosa fa quell'opzione rendendo il tutto un po' criptico sopratutto se non si è mai giocato ad un Civ o lo si è fatto tempo fa.

 

I controlli li ho trovati ok, non i più comodi del mondo e anni luce indietro ad un mouse e tastiera ma fanno il loro dovere (ma c'è da dire che ho giocato 30 minuti), si possono utilizzare contemporaneamente sia i controlli touch che quelli classici, ogni tasto dei joy con viene utilizzato appieno e apparentemente in modo intelligente (ripeto 30 minuti di gioco quindi non so come si comporteranno con decine di unità e azioni da compiere).

 

Nota "negativa" sono i caricamenti: per la creazione della partita/mappa se ne sono andati via 5 minuti scarsi e per un caricamento di una partita salvata sono 3 minuti abbondanti di schermata fissa. Personalmente non mi da fastidio perché lo giocherò a letto con tutta la calma del mondo e comunque la console la si lascia quasi sempre in stand by però dipende da persona a persona.

 

Un plauso al numero di opzioni che sono veramente tante e permettono di personalizzare il gioco a piacimento fra numero di autosave, ogni quanti turni fa un autosave, se implementare un ciclo giorno-notte ecc.

 

I miei dubbi sono:

 

1) Come sarà il frame rate nelle partite con mappe enormi e con tutte le unità/città/civiltà scoperte o comunque fuori dalla fog of war

2) Quanto tempo ci vorrà per calcolare i turni di tutte le civiltà della IA nei turni avanzati

 

Tutte considerazioni fatte in modalità portatile comunque.

  • Like 1
  • Letto! 1

V6OP2Uv.jpg

Share this post


Link to post

Anche se non ha tantissime recensioni ha la media del 91 su metacritic e un punteggio simile su gamerankings, mi sa che è venuta fuori una conversione con i fiocchi :sisi:

intanto hanno annunciato la nuova espansione su pc ma niente su switch, magari la vedremo in seguito :gamer:

Share this post


Link to post
Guest
Il 20/11/2018 Alle 15:43, Psyde ha scritto:

Arrivato, messo la cartuccia ed aggiornato. Ho provato subito a far partire una partita con mappa più grande possibile per vedere quanto ci vuole per creare la partita e se ci fossero problemi di frame rate dopo aver scoperto la maggior parte della mappa con il massimo numero di civiltà, unità ecc. ma l'interfaccia è molto poco chiara e fare una partita senza fare prima il tutorial è semi-impossibile (non dico giocare bene ma quantomeno sapere come terminare un turno, insomma le azioni basilari).

Inoltre quando si staziona su un'icona non esce il pop up che indica cosa fa quell'opzione rendendo il tutto un po' criptico sopratutto se non si è mai giocato ad un Civ o lo si è fatto tempo fa.

 

I controlli li ho trovati ok, non i più comodi del mondo e anni luce indietro ad un mouse e tastiera ma fanno il loro dovere (ma c'è da dire che ho giocato 30 minuti), si possono utilizzare contemporaneamente sia i controlli touch che quelli classici, ogni tasto dei joy con viene utilizzato appieno e apparentemente in modo intelligente (ripeto 30 minuti di gioco quindi non so come si comporteranno con decine di unità e azioni da compiere).

 

Nota "negativa" sono i caricamenti: per la creazione della partita/mappa se ne sono andati via 5 minuti scarsi e per un caricamento di una partita salvata sono 3 minuti abbondanti di schermata fissa. Personalmente non mi da fastidio perché lo giocherò a letto con tutta la calma del mondo e comunque la console la si lascia quasi sempre in stand by però dipende da persona a persona.

 

Un plauso al numero di opzioni che sono veramente tante e permettono di personalizzare il gioco a piacimento fra numero di autosave, ogni quanti turni fa un autosave, se implementare un ciclo giorno-notte ecc.

 

I miei dubbi sono:

 

1) Come sarà il frame rate nelle partite con mappe enormi e con tutte le unità/città/civiltà scoperte o comunque fuori dalla fog of war

2) Quanto tempo ci vorrà per calcolare i turni di tutte le civiltà della IA nei turni avanzati

 

Tutte considerazioni fatte in modalità portatile comunque.

Sei andato avanti con la partita? Sai dire qualcosa in più sui caricamenti? Io pensavo di prenderlo più avanti, magari approfittando di un calo di prezzo, però prima preferirei sapere quanto sia giocabile.

Share this post


Link to post
38 minuti fa, tommbars ha scritto:

Sei andato avanti con la partita? Sai dire qualcosa in più sui caricamenti? Io pensavo di prenderlo più avanti, magari approfittando di un calo di prezzo, però prima preferirei sapere quanto sia giocabile.

Si ho fatto il tutorial e poi cominciato una nuova partita con mappa che ricalca la Terra, per ora sono al 1800 d.c. ed ho scoperto tutta l'Asia, il Medio Oriente e parte del Sudafrica ("colpa" di civiltà ostili che non mi fanno passare e mi dichiarano guerra :asd:)

 

Per ora posso affermare che il gioco regge benissimo combattimenti su larga scala con decine di unità che combattono, si spostano, con città enormi ecc. il frame rate non scende mai sotto i 30 (o almeno non lo percepisco, anche perché è un gioco molto lento) e di solito fa su e giù dai 50 ai 30 sopratutto quando ci si sposta con la visuale sulla mappa.

I turni della cpu (a difficoltà capitano) sono sempre abbastanza corti, con un minimo di 5 secondi su turni tranquilli fino ad un massimo di 15/20 secondi nella guerra più grande fino ad ora (comprendente me, altre due civiltà e 3 città-stato, praticamente una 60ina di unità che combattevano più un altra 40ina unità che si muovevano come mercanti e lavoratori).

 

Il caricamento della partita salvata porta via sempre quei 2/3 minuti indipendentemente da com'è la situazione in partita (non ho notato un aumento per colpa delle città costruite o delle unità sulla mappa).

 

L'unica incognita resta da vedere come se la cava con tutto il mondo scoperto e magari con una mega guerra di proporzioni mastodontiche fra tutte le civiltà e città-stato ma non credo succederà nella mia attuale partita.

 

Questo tutto in modalità portatile.


V6OP2Uv.jpg

Share this post


Link to post
Guest
41 minuti fa, Psyde ha scritto:

Si ho fatto il tutorial e poi cominciato una nuova partita con mappa che ricalca la Terra, per ora sono al 1800 d.c. ed ho scoperto tutta l'Asia, il Medio Oriente e parte del Sudafrica ("colpa" di civiltà ostili che non mi fanno passare e mi dichiarano guerra :asd:)

 

Per ora posso affermare che il gioco regge benissimo combattimenti su larga scala con decine di unità che combattono, si spostano, con città enormi ecc. il frame rate non scende mai sotto i 30 (o almeno non lo percepisco, anche perché è un gioco molto lento) e di solito fa su e giù dai 50 ai 30 sopratutto quando ci si sposta con la visuale sulla mappa.

I turni della cpu (a difficoltà capitano) sono sempre abbastanza corti, con un minimo di 5 secondi su turni tranquilli fino ad un massimo di 15/20 secondi nella guerra più grande fino ad ora (comprendente me, altre due civiltà e 3 città-stato, praticamente una 60ina di unità che combattevano più un altra 40ina unità che si muovevano come mercanti e lavoratori).

 

Il caricamento della partita salvata porta via sempre quei 2/3 minuti indipendentemente da com'è la situazione in partita (non ho notato un aumento per colpa delle città costruite o delle unità sulla mappa).

 

L'unica incognita resta da vedere come se la cava con tutto il mondo scoperto e magari con una mega guerra di proporzioni mastodontiche fra tutte le civiltà e città-stato ma non credo succederà nella mia attuale partita.

 

Questo tutto in modalità portatile.

Sei stato chiarissimo, ti ringrazio. Se non ti pesa e ti ricordi, aggiorna le impressioni più avanti.

 

È chiaro che non mi aspetti una giocabilità da PC, ma se risultasse comunque un buon porting la versatilità dello Switch gli farebbe acquistare un sacco di punti.

 

Penso lo prenderò appena avrò del tempo da dedicargli e lo lascerò sempre nella custodia, per fare una partita di tanto in tanto.

Share this post


Link to post

Finita la mia prima partita, vinta tramite la cultura.

 

Ci sono un sacco di cose da dire su tanti argomenti sia del gameplay che nel comparto tecnico. Tenendo a mente che ho giocato solo in modalità portatile (wall of text incoming):

 

Nascondi Contenuto

- Ogni volta che si apre il gioco da console spenta o dopo aver cambiato gioco c'è da aspettare un minuto fra vari caricamenti e schermate di e sviluppatore, produttore ecc. Non l'avevo mai notato perché la prima volta avevo avviato e poi fatto altro e poi ho sempre usato lo stand by. 

 

- Con mappe grandi la creazione della partita dura 4/5 minuti ed il caricamento del salvataggio 2/3 minuti. Ho cominciato poi una partita su una mappa più piccola ed i caricamenti sono estremamente ridotti, tipo 1 minuto per la creazione della partita (non so il caricamento del salvataggio). Tutto questo indipendentemente dal quanto siano progredite le civiltà o quante unità ci siano in gioco.

 

- Nella mappa grande (formato Terra) il frame rate si mantiene sopra i 30 frame fino a che non si scopre circa metà o 2/3 di mappa con oscillazioni dai 50 ai 30 frame che non danno assolutamente fastidio. Dopo aver scoperto la metà della mappa le cose peggiorano con frequenti cali (imho con picchi in negativo di 15 fps circa). Niente freeze o crash e rimane comunque giocabile grazie alla natura estremamente lenta del gioco. Questa situazione influisce anche nell'esecuzione delle azioni nel turno del giocatore con comandi che ci mettono un paio di secondi a poter essere eseguiti. Niente che lo renda ingiocabile ma un po' seccante si, sopratutto se si vuole fare una partita mordi e fuggi di pochi turni.

 

- I turni delle civiltà della CPU fino ad un certo punto della partita sono molto rapidi (nell'ordine dei 5/6 secondi più o meno) e solo nei momenti importanti come grandi guerre con decine di unità le cose si allungano (15/20 secondi max). Tutto però rallenta con l'avanzare della partita e (credo) sopratutto per colpa delle Città-Stato (civiltà senza leader con singola città) che producono in massa unità di basso livello che riempiono la mappa. A questo punto i 20 secondi sono la normalità e non so fino a quanto si debba aspettare se scoppiasse una guerra di grandi proporzioni.

 

C'è da considerare che i problemi si sono creati con una mappa abbastanza grande (non la più grande a quanto ho capito) con 19 civiltà governate dalla CPU di cui 12 maledette Città-Stato sforna arcieri anche nel 1980 :asd: Sono molto fiducioso nel fatto che nella nuova partita in una mappa formato continente, con sole 3 civiltà e 6 Città-Stato della CPU le cose andranno meglio.

 

Per quanto riguarda il gameplay posso dire che chi ha giocato a Civ IV si troverà traumatizzato :asd: qualunque sia il passato con la serie è altamente consigliato fare il tutorial che però da solo un'infarinatura generale.

 

Il gioco pone grande enfasi sullo sviluppo della propria civiltà (o Nazione) tramite svariati modi: costruzione di città con il loro sviluppo, militarmente, tramite relazioni con altre civiltà, progresso politico ecc.

 

La parte più importante del gioco è indubbiamente quella della gestione delle risorse e delle caselle: la mappa di gioco è infatti suddivisa in esagoni di vari tipi di biomi (deserti, colline, montagne ecc.) ogni casella può contenere a sua volta risorse come riso, grano ecc. 

Fondando una città si acquisiscono automaticamente alcune caselle adiacenti alla casella della città e pian piano che la città cresce cresceranno i confini aumentando le caselle disponibili.

 

Se si è abituati a vecchi Civ (tipo il IV) saprete che ogni casella verrà sfruttata costruendo strutture per sfruttarne le risorse, peccato che in questo Civ le caselle non servano solo per raccogliere pietre o coltivare grano. Infatti in Civ VI le città sono formate dal centro (diciamo il nucleo creato dai coloni, unità adibite alla creazione delle città), da distretti e da meraviglie. I distretti sono parti della città adibite a compiti specifici: il campus è il distretto della scienza, lo snodo commerciale per il denaro ecc. ed ogni distretto può avere sia requisiti base da soddisfare che requisiti per ricevere bonus. Per esempio il campus non ha requisiti base ma ha quelli bonus: per ogni casella montagna o foresta pluviale si avrà un +1 punto scienza. Ma che succede se il posto perfetto è già occupato da una miniera di argento? Si capisce quindi che in base all'obiettivo scelto si debbano prendere decisioni ed è molto importante pianificare la costruzione e lo sviluppo di ogni singola città.

Stessa cosa le meraviglie, che sono edifici speciali che donano bonus molto importanti e hanno requisiti base molto particolari. Se si vogliono costruire certe meraviglie quindi è molto importante usare la civpedia, ossia una enciclopedia all'interno del gioco che spiega tutto sul gioco: unità, distretti, edifici, meraviglie, risorse ecc. non manca nulla. Credetemi, rendersi conto di aver bisogno di una meraviglia per superare un altra civiltà e non poterla fare perché si è costruito un campus sulla casella ideale fa male, sopratutto se il campus contiene vari edifici (i distretti possono accogliere infatti edifici specifici costruibili solo lì, come la biblioteca con il campus).

 

La parte militare ha più o meno importanza a seconda se si è scelta una civiltà guerrafondaia o meno o dalla posizione della propria civiltà e di quella delle altre, se si è circondati da barbari ecc. Diciamo che a bassi livelli è tutto molto blando e raramente ci saranno combattimenti se non con i barbari all'inizio del gioco. Ma già a normale (Principe) le cose cambiano: i barbari sono molti e con molte unità e le civiltà della CPU se in guerra attaccheranno in massa. Quindi è utile a medi/alti livelli avere quantomeno un solido esercito difensivo, costruire mura e cercare di capire come e quando dichiarare guerra (o se farlo, spesso non conviene imparato sulla mia pelle nella nuova partita :asd:). Importante ovviamente come si posizionano le unità perché ogni casella porta bonus o malus a seconda del tipo di terreno, di cosa ha sopra (un bosco favorisce chi si difende e penalizza la cavalleria) e di che tipo di unità si tratta. Per ora ho avuto poche opportunità di sfruttare l'esercito ma nella nuova partita credo farò molta esperienza, magari scriverò in un altro post qualcosa di più approfondito.

 

Le relazioni purtroppo non le ho sperimentate molto, nella prima partita è stato tutto fumoso perché ho scoperto la maggior parte delle civiltà molto tardi e le uniche due che avevo incontrato erano una guerrafondaia ed una apertamente amichevole. Quello che posso dire è che le opzioni al riguardo sono tante: si parte dal semplice mercanteggiare risorse e oro alla compravendita di intere città (solo fino ad un certo punto della storia, dopo chiunque si rifiuterà di venderle anche se sarete disposti a pagarle con l'equivalente del PIL di USA e Cina messi assieme) passando al dichiarare guerra, chiedere il diritto di passaggio, denunciare un dato leader per qualcosa (arretratezza tecnologica, belligeranza ecc.). La cosa interessante è che si può dichiarare guerra in molteplici modi per molteplici scopi: si può dichiarare una guerra santa, una guerra di ritorsione, una guerra di riconquista ecc. e tutte hanno un certo peso nell'opinione di altri leader: per esempio Ghandi non accetterà mai una guerra di conquista ma sarà favorevole ad una per riconquistare una propria città. C'è di più: ogni leader ha certe politiche preferite, un esempio che ho notato è il leader dei vichinghi che nella mia prima partita mi ha continuamente deriso per la mia totale mancanza di una flotta ma che si è congratulato con me dopo aver costruito un paio di corazzate.

Quindi è molto importante farsi amiche alcune civiltà, magari quelle limitrofe ad una civiltà che confina con noi così poi da dichiarare una guerra in linea con il pensiero dell'alleato e chiederne l'aiuto nella guerra contro il vicino.

 

Un discorso a parte per le Città-Stato che non possiedono un leader ma sono influenzate da emissari che le civiltà possono inviare. Praticamente ogni turno si raccolgono punti emissario (ottenibili in vari modi), ogni tot punti si crea un emissario che può essere spedito in una Città-Stato. Chi ha il maggior numero di emissari diventa "sovrano" e riceve vari bonus: per ogni emissario inviato si hanno vantaggi quali bonus di scienza/cultura ecc., oro e simili. Inoltre se si entrerà in guerra la Città-Stato sarà automaticamente alleata sia che ci si difende sia che si attacchi ed in più pagando una somma di denaro si potrà prendere il controllo delle sue unità.

 

Ci sarebbero tantissime altre cose da dire, alcune vitali (come la politica) ed altre "meno" (come il turismo, il fatto che per aumentare la popolazione delle città serva creare abitazioni, dei grandi personaggi che sono unità speciali atte a donare un boost a vari settori ecc.) ma dovessi spiegare il poco che so di tutto questo finirei alle 10 di domattina :asd: quindi chiudo qui.

 

Che dire? Per ora esperienza estremamente piacevole, si vede che è un gioco parecchio profondo e divertente se piace il genere, molto customizzabile (nelle mappe, nelle civiltà nemiche, numero Città-Stato, possibilità di cominciare nell'era antica o quella dell'informazione ecc.) e sopratutto adatto a tutti perché pieno di livelli di difficoltà. Controlli per ora ottimi, si possono usare sia comandi touch che classici o solo uno di questi e anche il suo essere criptico viene mitigato dall'enciclopedia in-game e dal tasto - che permette di avere una breve descrizione di qualsiasi cosa (azioni, risorse, unità, edifici ecc.).

Per chi è titubante consiglio di aspettare un calo di prezzo, magari nel frattempo miglioreranno framerate e caricamenti ma il gioco è giocabile ed esente da gravi bug (per quanto visto ora).

 


V6OP2Uv.jpg

Share this post


Link to post
Guest
16 ore fa, Psyde ha scritto:

Finita la mia prima partita, vinta tramite la cultura.

 

Ci sono un sacco di cose da dire su tanti argomenti sia del gameplay che nel comparto tecnico. Tenendo a mente che ho giocato solo in modalità portatile (wall of text incoming):

 

  Nascondi Contenuto

- Ogni volta che si apre il gioco da console spenta o dopo aver cambiato gioco c'è da aspettare un minuto fra vari caricamenti e schermate di e sviluppatore, produttore ecc. Non l'avevo mai notato perché la prima volta avevo avviato e poi fatto altro e poi ho sempre usato lo stand by. 

 

- Con mappe grandi la creazione della partita dura 4/5 minuti ed il caricamento del salvataggio 2/3 minuti. Ho cominciato poi una partita su una mappa più piccola ed i caricamenti sono estremamente ridotti, tipo 1 minuto per la creazione della partita (non so il caricamento del salvataggio). Tutto questo indipendentemente dal quanto siano progredite le civiltà o quante unità ci siano in gioco.

 

- Nella mappa grande (formato Terra) il frame rate si mantiene sopra i 30 frame fino a che non si scopre circa metà o 2/3 di mappa con oscillazioni dai 50 ai 30 frame che non danno assolutamente fastidio. Dopo aver scoperto la metà della mappa le cose peggiorano con frequenti cali (imho con picchi in negativo di 15 fps circa). Niente freeze o crash e rimane comunque giocabile grazie alla natura estremamente lenta del gioco. Questa situazione influisce anche nell'esecuzione delle azioni nel turno del giocatore con comandi che ci mettono un paio di secondi a poter essere eseguiti. Niente che lo renda ingiocabile ma un po' seccante si, sopratutto se si vuole fare una partita mordi e fuggi di pochi turni.

 

- I turni delle civiltà della CPU fino ad un certo punto della partita sono molto rapidi (nell'ordine dei 5/6 secondi più o meno) e solo nei momenti importanti come grandi guerre con decine di unità le cose si allungano (15/20 secondi max). Tutto però rallenta con l'avanzare della partita e (credo) sopratutto per colpa delle Città-Stato (civiltà senza leader con singola città) che producono in massa unità di basso livello che riempiono la mappa. A questo punto i 20 secondi sono la normalità e non so fino a quanto si debba aspettare se scoppiasse una guerra di grandi proporzioni.

 

C'è da considerare che i problemi si sono creati con una mappa abbastanza grande (non la più grande a quanto ho capito) con 19 civiltà governate dalla CPU di cui 12 maledette Città-Stato sforna arcieri anche nel 1980 :asd: Sono molto fiducioso nel fatto che nella nuova partita in una mappa formato continente, con sole 3 civiltà e 6 Città-Stato della CPU le cose andranno meglio.

 

Per quanto riguarda il gameplay posso dire che chi ha giocato a Civ IV si troverà traumatizzato :asd: qualunque sia il passato con la serie è altamente consigliato fare il tutorial che però da solo un'infarinatura generale.

 

Il gioco pone grande enfasi sullo sviluppo della propria civiltà (o Nazione) tramite svariati modi: costruzione di città con il loro sviluppo, militarmente, tramite relazioni con altre civiltà, progresso politico ecc.

 

La parte più importante del gioco è indubbiamente quella della gestione delle risorse e delle caselle: la mappa di gioco è infatti suddivisa in esagoni di vari tipi di biomi (deserti, colline, montagne ecc.) ogni casella può contenere a sua volta risorse come riso, grano ecc. 

Fondando una città si acquisiscono automaticamente alcune caselle adiacenti alla casella della città e pian piano che la città cresce cresceranno i confini aumentando le caselle disponibili.

 

Se si è abituati a vecchi Civ (tipo il IV) saprete che ogni casella verrà sfruttata costruendo strutture per sfruttarne le risorse, peccato che in questo Civ le caselle non servano solo per raccogliere pietre o coltivare grano. Infatti in Civ VI le città sono formate dal centro (diciamo il nucleo creato dai coloni, unità adibite alla creazione delle città), da distretti e da meraviglie. I distretti sono parti della città adibite a compiti specifici: il campus è il distretto della scienza, lo snodo commerciale per il denaro ecc. ed ogni distretto può avere sia requisiti base da soddisfare che requisiti per ricevere bonus. Per esempio il campus non ha requisiti base ma ha quelli bonus: per ogni casella montagna o foresta pluviale si avrà un +1 punto scienza. Ma che succede se il posto perfetto è già occupato da una miniera di argento? Si capisce quindi che in base all'obiettivo scelto si debbano prendere decisioni ed è molto importante pianificare la costruzione e lo sviluppo di ogni singola città.

Stessa cosa le meraviglie, che sono edifici speciali che donano bonus molto importanti e hanno requisiti base molto particolari. Se si vogliono costruire certe meraviglie quindi è molto importante usare la civpedia, ossia una enciclopedia all'interno del gioco che spiega tutto sul gioco: unità, distretti, edifici, meraviglie, risorse ecc. non manca nulla. Credetemi, rendersi conto di aver bisogno di una meraviglia per superare un altra civiltà e non poterla fare perché si è costruito un campus sulla casella ideale fa male, sopratutto se il campus contiene vari edifici (i distretti possono accogliere infatti edifici specifici costruibili solo lì, come la biblioteca con il campus).

 

La parte militare ha più o meno importanza a seconda se si è scelta una civiltà guerrafondaia o meno o dalla posizione della propria civiltà e di quella delle altre, se si è circondati da barbari ecc. Diciamo che a bassi livelli è tutto molto blando e raramente ci saranno combattimenti se non con i barbari all'inizio del gioco. Ma già a normale (Principe) le cose cambiano: i barbari sono molti e con molte unità e le civiltà della CPU se in guerra attaccheranno in massa. Quindi è utile a medi/alti livelli avere quantomeno un solido esercito difensivo, costruire mura e cercare di capire come e quando dichiarare guerra (o se farlo, spesso non conviene imparato sulla mia pelle nella nuova partita :asd:). Importante ovviamente come si posizionano le unità perché ogni casella porta bonus o malus a seconda del tipo di terreno, di cosa ha sopra (un bosco favorisce chi si difende e penalizza la cavalleria) e di che tipo di unità si tratta. Per ora ho avuto poche opportunità di sfruttare l'esercito ma nella nuova partita credo farò molta esperienza, magari scriverò in un altro post qualcosa di più approfondito.

 

Le relazioni purtroppo non le ho sperimentate molto, nella prima partita è stato tutto fumoso perché ho scoperto la maggior parte delle civiltà molto tardi e le uniche due che avevo incontrato erano una guerrafondaia ed una apertamente amichevole. Quello che posso dire è che le opzioni al riguardo sono tante: si parte dal semplice mercanteggiare risorse e oro alla compravendita di intere città (solo fino ad un certo punto della storia, dopo chiunque si rifiuterà di venderle anche se sarete disposti a pagarle con l'equivalente del PIL di USA e Cina messi assieme) passando al dichiarare guerra, chiedere il diritto di passaggio, denunciare un dato leader per qualcosa (arretratezza tecnologica, belligeranza ecc.). La cosa interessante è che si può dichiarare guerra in molteplici modi per molteplici scopi: si può dichiarare una guerra santa, una guerra di ritorsione, una guerra di riconquista ecc. e tutte hanno un certo peso nell'opinione di altri leader: per esempio Ghandi non accetterà mai una guerra di conquista ma sarà favorevole ad una per riconquistare una propria città. C'è di più: ogni leader ha certe politiche preferite, un esempio che ho notato è il leader dei vichinghi che nella mia prima partita mi ha continuamente deriso per la mia totale mancanza di una flotta ma che si è congratulato con me dopo aver costruito un paio di corazzate.

Quindi è molto importante farsi amiche alcune civiltà, magari quelle limitrofe ad una civiltà che confina con noi così poi da dichiarare una guerra in linea con il pensiero dell'alleato e chiederne l'aiuto nella guerra contro il vicino.

 

Un discorso a parte per le Città-Stato che non possiedono un leader ma sono influenzate da emissari che le civiltà possono inviare. Praticamente ogni turno si raccolgono punti emissario (ottenibili in vari modi), ogni tot punti si crea un emissario che può essere spedito in una Città-Stato. Chi ha il maggior numero di emissari diventa "sovrano" e riceve vari bonus: per ogni emissario inviato si hanno vantaggi quali bonus di scienza/cultura ecc., oro e simili. Inoltre se si entrerà in guerra la Città-Stato sarà automaticamente alleata sia che ci si difende sia che si attacchi ed in più pagando una somma di denaro si potrà prendere il controllo delle sue unità.

 

Ci sarebbero tantissime altre cose da dire, alcune vitali (come la politica) ed altre "meno" (come il turismo, il fatto che per aumentare la popolazione delle città serva creare abitazioni, dei grandi personaggi che sono unità speciali atte a donare un boost a vari settori ecc.) ma dovessi spiegare il poco che so di tutto questo finirei alle 10 di domattina :asd: quindi chiudo qui.

 

Che dire? Per ora esperienza estremamente piacevole, si vede che è un gioco parecchio profondo e divertente se piace il genere, molto customizzabile (nelle mappe, nelle civiltà nemiche, numero Città-Stato, possibilità di cominciare nell'era antica o quella dell'informazione ecc.) e sopratutto adatto a tutti perché pieno di livelli di difficoltà. Controlli per ora ottimi, si possono usare sia comandi touch che classici o solo uno di questi e anche il suo essere criptico viene mitigato dall'enciclopedia in-game e dal tasto - che permette di avere una breve descrizione di qualsiasi cosa (azioni, risorse, unità, edifici ecc.).

Per chi è titubante consiglio di aspettare un calo di prezzo, magari nel frattempo miglioreranno framerate e caricamenti ma il gioco è giocabile ed esente da gravi bug (per quanto visto ora).

 

Grazie di aver condiviso la tua esperienza. Peccato per i caricamenti e la lunghezza dei turni... però, come hai detto anche tu, la natura del gioco li rende meno fastidiosi.

 

Quando lo trovo in sconto, lo prendo. In digitale, magari.

Share this post


Link to post

C'è da dire che nei 4x i caricamenti lunghi sono la regola, certo non roba da 5 minuti ma neanche da 5 secondi, non me ne preoccuperei troppo sinceramente 

Share this post


Link to post

Non l'ho giocato su pc, adoro la serie e questa conversione su  Switch mi sembra una Manna dal cielo!!!!!! Eppure noto una scarsa partecipazione sul forum, e sg ancora nn l'ha nemmeno recensito!! Non lasciamoci scappare questo Capolavoro!!!

Share this post


Link to post
Finita la mia prima partita, vinta tramite la cultura.
 
Ci sono un sacco di cose da dire su tanti argomenti sia del gameplay che nel comparto tecnico. Tenendo a mente che ho giocato solo in modalità portatile (wall of text incoming):
 
Nascondi Contenuto - Ogni volta che si apre il gioco da console spenta o dopo aver cambiato gioco c'è da aspettare un minuto fra vari caricamenti e schermate di e sviluppatore, produttore ecc. Non l'avevo mai notato perché la prima volta avevo avviato e poi fatto altro e poi ho sempre usato lo stand by. 
 
- Con mappe grandi la creazione della partita dura 4/5 minuti ed il caricamento del salvataggio 2/3 minuti. Ho cominciato poi una partita su una mappa più piccola ed i caricamenti sono estremamente ridotti, tipo 1 minuto per la creazione della partita (non so il caricamento del salvataggio). Tutto questo indipendentemente dal quanto siano progredite le civiltà o quante unità ci siano in gioco.
 
- Nella mappa grande (formato Terra) il frame rate si mantiene sopra i 30 frame fino a che non si scopre circa metà o 2/3 di mappa con oscillazioni dai 50 ai 30 frame che non danno assolutamente fastidio. Dopo aver scoperto la metà della mappa le cose peggiorano con frequenti cali (imho con picchi in negativo di 15 fps circa). Niente freeze o crash e rimane comunque giocabile grazie alla natura estremamente lenta del gioco. Questa situazione influisce anche nell'esecuzione delle azioni nel turno del giocatore con comandi che ci mettono un paio di secondi a poter essere eseguiti. Niente che lo renda ingiocabile ma un po' seccante si, sopratutto se si vuole fare una partita mordi e fuggi di pochi turni.
 
- I turni delle civiltà della CPU fino ad un certo punto della partita sono molto rapidi (nell'ordine dei 5/6 secondi più o meno) e solo nei momenti importanti come grandi guerre con decine di unità le cose si allungano (15/20 secondi max). Tutto però rallenta con l'avanzare della partita e (credo) sopratutto per colpa delle Città-Stato (civiltà senza leader con singola città) che producono in massa unità di basso livello che riempiono la mappa. A questo punto i 20 secondi sono la normalità e non so fino a quanto si debba aspettare se scoppiasse una guerra di grandi proporzioni.
 
C'è da considerare che i problemi si sono creati con una mappa abbastanza grande (non la più grande a quanto ho capito) con 19 civiltà governate dalla CPU di cui 12 maledette Città-Stato sforna arcieri anche nel 1980 :asd: Sono molto fiducioso nel fatto che nella nuova partita in una mappa formato continente, con sole 3 civiltà e 6 Città-Stato della CPU le cose andranno meglio.
 
Per quanto riguarda il gameplay posso dire che chi ha giocato a Civ IV si troverà traumatizzato :asd: qualunque sia il passato con la serie è altamente consigliato fare il tutorial che però da solo un'infarinatura generale.
 
Il gioco pone grande enfasi sullo sviluppo della propria civiltà (o Nazione) tramite svariati modi: costruzione di città con il loro sviluppo, militarmente, tramite relazioni con altre civiltà, progresso politico ecc.
 
La parte più importante del gioco è indubbiamente quella della gestione delle risorse e delle caselle: la mappa di gioco è infatti suddivisa in esagoni di vari tipi di biomi (deserti, colline, montagne ecc.) ogni casella può contenere a sua volta risorse come riso, grano ecc. 
Fondando una città si acquisiscono automaticamente alcune caselle adiacenti alla casella della città e pian piano che la città cresce cresceranno i confini aumentando le caselle disponibili.
 
Se si è abituati a vecchi Civ (tipo il IV) saprete che ogni casella verrà sfruttata costruendo strutture per sfruttarne le risorse, peccato che in questo Civ le caselle non servano solo per raccogliere pietre o coltivare grano. Infatti in Civ VI le città sono formate dal centro (diciamo il nucleo creato dai coloni, unità adibite alla creazione delle città), da distretti e da meraviglie. I distretti sono parti della città adibite a compiti specifici: il campus è il distretto della scienza, lo snodo commerciale per il denaro ecc. ed ogni distretto può avere sia requisiti base da soddisfare che requisiti per ricevere bonus. Per esempio il campus non ha requisiti base ma ha quelli bonus: per ogni casella montagna o foresta pluviale si avrà un +1 punto scienza. Ma che succede se il posto perfetto è già occupato da una miniera di argento? Si capisce quindi che in base all'obiettivo scelto si debbano prendere decisioni ed è molto importante pianificare la costruzione e lo sviluppo di ogni singola città.
Stessa cosa le meraviglie, che sono edifici speciali che donano bonus molto importanti e hanno requisiti base molto particolari. Se si vogliono costruire certe meraviglie quindi è molto importante usare la civpedia, ossia una enciclopedia all'interno del gioco che spiega tutto sul gioco: unità, distretti, edifici, meraviglie, risorse ecc. non manca nulla. Credetemi, rendersi conto di aver bisogno di una meraviglia per superare un altra civiltà e non poterla fare perché si è costruito un campus sulla casella ideale fa male, sopratutto se il campus contiene vari edifici (i distretti possono accogliere infatti edifici specifici costruibili solo lì, come la biblioteca con il campus).
 
La parte militare ha più o meno importanza a seconda se si è scelta una civiltà guerrafondaia o meno o dalla posizione della propria civiltà e di quella delle altre, se si è circondati da barbari ecc. Diciamo che a bassi livelli è tutto molto blando e raramente ci saranno combattimenti se non con i barbari all'inizio del gioco. Ma già a normale (Principe) le cose cambiano: i barbari sono molti e con molte unità e le civiltà della CPU se in guerra attaccheranno in massa. Quindi è utile a medi/alti livelli avere quantomeno un solido esercito difensivo, costruire mura e cercare di capire come e quando dichiarare guerra (o se farlo, spesso non conviene imparato sulla mia pelle nella nuova partita :asd:). Importante ovviamente come si posizionano le unità perché ogni casella porta bonus o malus a seconda del tipo di terreno, di cosa ha sopra (un bosco favorisce chi si difende e penalizza la cavalleria) e di che tipo di unità si tratta. Per ora ho avuto poche opportunità di sfruttare l'esercito ma nella nuova partita credo farò molta esperienza, magari scriverò in un altro post qualcosa di più approfondito.
 
Le relazioni purtroppo non le ho sperimentate molto, nella prima partita è stato tutto fumoso perché ho scoperto la maggior parte delle civiltà molto tardi e le uniche due che avevo incontrato erano una guerrafondaia ed una apertamente amichevole. Quello che posso dire è che le opzioni al riguardo sono tante: si parte dal semplice mercanteggiare risorse e oro alla compravendita di intere città (solo fino ad un certo punto della storia, dopo chiunque si rifiuterà di venderle anche se sarete disposti a pagarle con l'equivalente del PIL di USA e Cina messi assieme) passando al dichiarare guerra, chiedere il diritto di passaggio, denunciare un dato leader per qualcosa (arretratezza tecnologica, belligeranza ecc.). La cosa interessante è che si può dichiarare guerra in molteplici modi per molteplici scopi: si può dichiarare una guerra santa, una guerra di ritorsione, una guerra di riconquista ecc. e tutte hanno un certo peso nell'opinione di altri leader: per esempio Ghandi non accetterà mai una guerra di conquista ma sarà favorevole ad una per riconquistare una propria città. C'è di più: ogni leader ha certe politiche preferite, un esempio che ho notato è il leader dei vichinghi che nella mia prima partita mi ha continuamente deriso per la mia totale mancanza di una flotta ma che si è congratulato con me dopo aver costruito un paio di corazzate.
Quindi è molto importante farsi amiche alcune civiltà, magari quelle limitrofe ad una civiltà che confina con noi così poi da dichiarare una guerra in linea con il pensiero dell'alleato e chiederne l'aiuto nella guerra contro il vicino.
 
Un discorso a parte per le Città-Stato che non possiedono un leader ma sono influenzate da emissari che le civiltà possono inviare. Praticamente ogni turno si raccolgono punti emissario (ottenibili in vari modi), ogni tot punti si crea un emissario che può essere spedito in una Città-Stato. Chi ha il maggior numero di emissari diventa "sovrano" e riceve vari bonus: per ogni emissario inviato si hanno vantaggi quali bonus di scienza/cultura ecc., oro e simili. Inoltre se si entrerà in guerra la Città-Stato sarà automaticamente alleata sia che ci si difende sia che si attacchi ed in più pagando una somma di denaro si potrà prendere il controllo delle sue unità.
 
Ci sarebbero tantissime altre cose da dire, alcune vitali (come la politica) ed altre "meno" (come il turismo, il fatto che per aumentare la popolazione delle città serva creare abitazioni, dei grandi personaggi che sono unità speciali atte a donare un boost a vari settori ecc.) ma dovessi spiegare il poco che so di tutto questo finirei alle 10 di domattina :asd: quindi chiudo qui.
 
Che dire? Per ora esperienza estremamente piacevole, si vede che è un gioco parecchio profondo e divertente se piace il genere, molto customizzabile (nelle mappe, nelle civiltà nemiche, numero Città-Stato, possibilità di cominciare nell'era antica o quella dell'informazione ecc.) e sopratutto adatto a tutti perché pieno di livelli di difficoltà. Controlli per ora ottimi, si possono usare sia comandi touch che classici o solo uno di questi e anche il suo essere criptico viene mitigato dall'enciclopedia in-game e dal tasto - che permette di avere una breve descrizione di qualsiasi cosa (azioni, risorse, unità, edifici ecc.).
Per chi è titubante consiglio di aspettare un calo di prezzo, magari nel frattempo miglioreranno framerate e caricamenti ma il gioco è giocabile ed esente da gravi bug (per quanto visto ora).
 
Ottima spiegazione per chi, come me, è un assoluto neofita della serie. Conto di recuperarlo al primo calo di prezzo

[sIGPIC][/sIGPIC]

Share this post


Link to post

Splendido. Non avrei mai pensato di giocare ad un Civilization su Switch e lavorare alla propria civiltà sotto le pezze, non ha p(r)ezzo. Nintendo ne sta sfornando

davvero per tutti i palati e un gioco di questo calibro dovrebbe essere acquistato da tutti.

Il problema è che mi ritrovo incastrato tra dark soul e questo civ 6 , praticamente conteso tra due dipendenze, dannati videogiochi!!

Share this post


Link to post

E' un vero peccato leggere che sto capitolo dopo qualcosa tipo 25 anni si porta dietro molti dei problemi presenti pure sulla versione Snes, peccato perché io adoro mappe grandi e tante civiltà, mi girerebbero non poco a dover giocare in mappe piccole con pochi avversari solo per non avere caricamenti eterni,  cali di frame ed attese troppo lunghe a fine turno

Share this post


Link to post

Veramente posso rincuorarti. Il gioco si comporta egregiamente anche su mappa enorme e i caricamenti li sto trovando piuttosto snelli!

Share this post


Link to post

i caricamenti iniziali (creazione partita e del salvataggio se se ne riprende una già iniziata), cosa mitigata dal fatto che switch la puoi mettere a riposo e riprendere quando ti pare

Share this post


Link to post

Io ci sto giocando volentieri , il fattore "portabilità" è sicuramente un valore aggiunto ma sinceramente preferivo i precedenti civ

Share this post


Link to post
Il 12/12/2018 Alle 01:57, Luca (Pac) ha scritto:

E' un vero peccato leggere che sto capitolo dopo qualcosa tipo 25 anni si porta dietro molti dei problemi presenti pure sulla versione Snes, peccato perché io adoro mappe grandi e tante civiltà, mi girerebbero non poco a dover giocare in mappe piccole con pochi avversari solo per non avere caricamenti eterni,  cali di frame ed attese troppo lunghe a fine turno

I caricamenti lunghi sono alla creazione della mappa e il caricamento dei save, se usi la modalità riposo non hai problemi. Per i cali di frame e le attese dei turni il problema si è presentato verso la fine della partita ma sono quasi sicuro sia stata colpa delle città-stato che sfornano tantissime unità di basso livello e unito al fatto che giocavo a bassa difficoltà con poche guerre credo che il loro continuo sfornare unità abbia influito. 

 

Finita la partita corrente voglio provare a farne un altra su mappa Terra ma con difficoltà media e vedere se a difficoltà più elevate con più guerre si riesce a ripulire un po' la mappa tanto da risolvere o mitigare i problemi di fine partita.

 

@paskua Tu su quale mappa giochi? Io ho optato per la Terra con numero di civiltà e città stato di default e fino al 1800/1900 D.C. non avevo particolari problemi, tu a che anno sei arrivato? In caso sono curioso di sapere come ti va a te verso quegli anni lì perché da lì in poi ho avuto un calo costante di framerate, ritardo nei comandi e turni abbastanza lunghi. Se puoi dimmi anche la difficoltà perché penso possa influire sul numero di unità sulla mappa e quindi appesantire il tutto.


V6OP2Uv.jpg

Share this post


Link to post

ho vinto la mia prima partita a principe

gioco davvero bello e divertente

trovo incredibile non ci sia una sorta di "classifica" per giocatore che tenga i tuoi risultati per poter vedere eventuali progressi, io per ora ne ho perse due e vinta una, mi sarebbe piaciuto cie ne fosse una traccia da qualche parte

 

per quel che riguarda le performance io con mappa piccola intorno al 1950 ho dei cali di frame anche abbastanza vistosi e i caricamenti si allungano un po', però trovo tutto tollerabile, di vatto Civ non è un gioco dal ritmo esasperato :-)

Share this post


Link to post

ma suppongo che come negli altri titoli si possa decidere la velocità e le animazioni da vedere, io in genere le battaglie e o spostamenti li elimino


 

 

miaterm@spaziogames.it

Share this post


Link to post

Mi è crashato il gioco in portatile.

Per fortuna salva automaticamente ad ogni turno e quindi, quando ho riavviato non mi ha perso i progressi

Share this post


Link to post
Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...